Autore Topic: Consiglio Kayak gonfiabile per turismo marino  (Letto 16178 volte)

Gennaio 08, 2016, 02:42:53 pm
Letto 16178 volte

defender06

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 11
  • Testo personale
    ...
Ciao a tutti, sono Davide di Genova e questo è il mio primo post sul sito.

Questa estate, dopo aver provato l'emozione di pagaiare in Grecia, ho comprato il kayak gonfiabile (sarebbe meglio dire canotto  ;D ) Sevylor Riviera pagandolo poco più di 100 euro. Non mi aspettavo molto ed invece mi ha permesso di percorrere molti km, anche con mare mosso, tra costa ligure e Calanque di Marsiglia.

Per la prossima stagione ho in mente di fare molto turismo marino in coppia; ho intenzione di fare escursioni di più giorni portandomi cibo e vestiti (ho bisogno di spazio) e di andare anche fuori italia caricando il kayak in aereo (lo specifico anche per evitare i soliti commenti del tipo 'prenditi un rigido'). Non escludo sporadiche uscite su fiumi tranquilli.

Come spesa vorrei stare sotto i 700€ ... dopo aver letto molti topic sul forum mi sarei orientato su questi modelli:
- http://www.gumotexitalia.it/solar-410-c
- Yakkair Lite 2 della Bic
Il primo sembra un pò un giocattolo, col fondo in tubolari e i dettagli non troppo curat ... ma ne ho letto recensioni entusiastiche; pare inoltre piuttosto spazioso.
Il secondo sembra invece rifinito molto meglio e più resistente, ma sembra avere poco posto per caricare le sacche stagne e da quello che leggo si basa su camere d'aria delicate protette da teli esterni...

...attendo consigli  ;)

Gennaio 08, 2016, 07:49:31 pm
Risposta #1

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 638
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Ciao Davide. Se vuoi fare "molto" turismo marino in coppia i gonfiabili non te lo permetteranno ... molto. Ma qui si apre un menù a tendina: "molto" cosa? Distanze? Tempo? Soddisfazione? Il primo escludilo. Il secondo consideralo, il terzo abbastanza (cosa? è un avverbio, ma si capisce, dài) . Se però sei andato da Genova alle Calanques davvero sei mitico! Chiedi una sponsorizzazione. Ho avuto anni addietro per sfizio una Solar e proprio non andava. Rivenduta. Penso che quello della Bic sia meglio per tutto, ma peggio per il prezzo. Scegli sempre qualcosa che abbia una parvenza di chiglia che tagli l'acqua. La Gumotex però produce gomme robustissime, il nome ne è lo specchio.
Insomma, "Vai dove ti porta il cuore".
PS Solo una curiosità: hai mai provato un "rigido"? Ci  sono anche "rigidi" smontabili, ma se compri quelli non vai in ferie per cinque anni!

Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Gennaio 08, 2016, 08:30:03 pm
Risposta #2

defender06

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 11
  • Testo personale
    ...
Ciao Vittorio, grazie per la risposta  ;)
Una precisazione, non sono andato da Genova alle Calanque ... ho fatto molte uscite nella zona compresa tra La spezia e Marsiglia.
Come percorrenza massima in giornata, con il Riviera che ho attualmente, non penso di essere mai andato oltre ai 20km.

Tornado al topic. In effetti il termine 'molto' può voler dire tutto e niente ... diciamo che la mia idea per primavera ed estate è fare uscite tutti i weekend. Conto di dormire in spiaggia parecchie volte. Come progetti su più giorni per ora ho minorca, corsica, elba ... poi si vedrà.

Come dicevo non ho preso minimamente in considerazione i rigidi (per un infinità di motivazioni già ampiamente esplicitate nei tanti topic/flame rigido ws gonfiabile ;) ) mentre non ho considerato gli smontabili per una questione di prezzi (ho letto molto a riguardo ma non mi pare ci sia niente di serio e duraturo stando sui 7/800euro).
Sono interessato ad un mezzo che mi permetta di godermi una vacanza di 2,3,4 gg in mare in sicurezza e che non mi duri un solo anno; vorrei quindi focalizzare il discorso sui due modelli citati o su modelli analoghi per tipologia e costo. Il problema di questi mezzi è che non esistono (o non conosco) posti in cui poterli provare.

Spero di aver dato qualche info aggiuntiva per avere info da chi ne sa più di me. Grazie mille!!!

Gennaio 09, 2016, 10:11:39 am
Risposta #3

santino spada

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 83
Chiedo scusa a Pongolini ma ci sono Falboot a 2 posti che costano molto meno tipo Triton Vuoska 2 posti sui 2000 €.
L'ho visto in acqua al giro AIDO del lago di Garda e mi ha impressionato viaggiava molto bene .
Io un un Klepper 2 posti lo uso poco ma mi da molte soddisfazioni .
Viaggiare con un rigido o semirigido tipo Falboot è molto meglio di un gonfiabile , specialmente se c'è vento .
Poi per gli ingombri sacche o altro ognuno a la sua misura.
A proposito dei voli aerei un amico Tedesco mi ha consigliato quando imbarchi per non avere problemi strani di personale che non capisce , dichiarare che è materiale sportivo.
Un saluto a tutti .
Prendo l'occasione per AUGURARE A TUTTI UN BUON ANNO.
Tino

Gennaio 09, 2016, 02:25:16 pm
Risposta #4

Lorenzo Molinari

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 152
Ciao, io ho Elios di Gumotex, che ho usato per turismo e campeggio nautico in mare in due persone mai per più di due giorni consecutivi, troppo poco spazo per caricare. Comunque le Gumotex sono di ottima qualità, molto robuste e abuon prezzo.
Vantaggio delle gonfiabili è solo la praticità: le puoi mettere in un sacco e prendere un autobus o un treno o un aereo, ma altimenti se ti muovi in macchina meglio la canoa rigida! Scarroccia meno con vento laterale, più veloce, più capiente a parità di lunghezza, ecc.
Da ultimo tieni presente che le canoe gonfiabili dopo una quindicina d'anni se tenute bene (prima se tenute male) tendono a scollarsi e iniziano i guai.... Almeno per la mia è stato così, nonostante l'abbia tenuta sempre al chiuso e al buio. Andrebbe anche lasciata aperta e leggermente gonfia, ma ad avere lo spazio...

Gennaio 10, 2016, 06:13:51 pm
Risposta #5

gianfrancesco costantini

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 23
    • patupatu
Tra i due indicati, il gumotex è probabilmente il più adatto a fare del "camping nautico" o in kayak. Qualsiasi canoa gonfiabile aperta un po' robusta è adatta. Noi abbiamo fatto diversi giri con i nostri 2 di "basso costo".. un sevylor colorado (secondo me adatto per i fiumi, ma meno per il mare, visto che è molto alto sull'acqua... che presenta come quasi tutte le canoe a doppio guscio due problemi: fragilità - annunciata - dei tubolari interni e lenta asciugatura) e un pathfinder cinese (più bagnato e che porta un po' meno di peso). La forma migliore per me è quella del pathfinder: ce ne sono di simile forma e di qualità migliore, anche ad alta pressione, quindi più solidi e performanti. Cercherei uno di quelli.
Quanto al "carico", immagino dipenda dai gusti personali. Se non si pretende di portare con se una casa, ma si pensa a "bivacchi" qualsiasi gonfiabile dovrebbe andare bene.

Gennaio 11, 2016, 10:09:57 am
Risposta #6

defender06

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 11
  • Testo personale
    ...
Grazie a tutti per i consigli!!!

X gianfrancesco: mi incuriosisce il discorso 'forma'. Poichè mi sarà impossibile testate le canoe, riuscirò al massimo a vederle esposte, volevo capire ad occhio cosa considerare. Come dicevo in apertura di topic, esteticamente la bic risula più 'accattivante', con una linea bassa, spigoli più definiti e fondo sagomanto ... ma dai numerosissimi post e commenti letti con stupore la gumotex ne esce vincente.
Non vorrei spendere una discreta cifra e ritrovarmi con una canoa che si comporti, in caso di vento o correnti forti, come la Riviera che spesso tende a girarsi e allinearsi agli elementi.  :-X

Gennaio 15, 2016, 01:09:28 pm
Risposta #7

gianfrancesco costantini

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 23
    • patupatu
La forma. Probabilmente la forma ideale per il mare è quella di un kayak eschimese: lungo, stretto, con la prua e la poppa affilate, una carena a V, bordo libero basso (il più basso possibile) e una pontatura che impedisce alle onde di allagare l'imbarcazione. Il tutto affiancato dalla rigidità. Una forma del genere è impossibile o quasi su una canoa gonfiabile e comunque sarebbe incompatibile con la possibilità di imbarcare un carico adeguato a fare del camping nautico. Forme del genere però sono quelle adottate da quasi tutti i kayak a struttura rigida e in tessuto. Per una canoa gonfiabile penso che - per navigare in mare o in un lago - si dovrebbe scegliere una forma che si avvicini il più possibile a quelle di un kayak: il bordo basso fa imbarcare acqua ma offre meno superficie al vento, la lunghezza consente sia riflette sia sulla velocità (la velocità di un corpo immerso è proporzionale alla lunghezza), sia sulla stabilità di rotta, sia sullo spazio disponibile. La pontatura - disponibile in alcuni casi - influisce sulla capacità di carico effettiva (che in genere è più voluminoso che pesante). Per evitare di andare a zig zag o di seguire troppo il vento una o più derive possono aiutare molto (in alcuni casi, per esempio, quello del pathfinder, il comportamento cambia totalmente con e senza derive). Ovviamente lunghezza e derive rendono più lenta o difficile la virata. Il bordo alto rende una canoa più asciutta, ma non ha altri vantaggi e in mare è un grande svantaggio. Inoltre, se la canoa è lunga i tubolari possono essere di minor diametro. Un aspetto importante per la forma è la pressione di gonfiaggio. In ogni caso preferirei canoe ad alta pressione, anche se costano parecchio di più. Per di più le canoe ad alta pressione sono più robuste, tanto nei materiali (l'ideale come al solito sarebbe l'hypalon, ma credo non sia quasi più usato per ragioni di costo), che nelle incollature. Guardando la Sevylor Riviera, ho l'impressione che quasi tutte le canoe/kayak di fascia un po' più alta (comprese le sevylor) abbiano un miglior comportamento in acqua. Se non si vuole navigare in fiumi mossi (cosa che richiederebbe comunque kayak gonfiabili di più alta gamma) penso convenga un doppio anche se si è da soli: i vantaggi connessi alla lunghezza ripagano gli svantaggi di peso e di costo.

Gennaio 15, 2016, 10:10:01 pm
Risposta #8

michele varin

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 31
  • Testo personale
    ...
Ciao Davide,
vedi un pò 'sto link, è gente che col gonfiabile ha girato tanto  http://www.inflayak.com/
Puoi anche vedere questo sito (ammericano...) che riguarda principalmente i pieghevoli ma ha una sezione sui gonfiabili  http://www.foldingkayaks.org/phpBB/viewforum.php?f=33&sid=f4c73d708fcb254653c05030110297c3

In generale per mettere il kayak su un aereo (pagando un carico supplementare, e son palanche...) ed avere allo stesso tempo un'imbarcazione per navigazioni di più giorni credo sarebbe meglio un pieghevole, ma a 700 euri la vedo dura.
Ciao
Michele

Gennaio 18, 2016, 10:40:50 am
Risposta #9

defender06

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 11
  • Testo personale
    ...
Ciao ragazzi, grazie mille per le info aggiuntive ... tutte molto interessanti.

Sabato mi sono recato a torino e ne ho approfittato per comprare il Solar C410 da un negozio fisico (non faccio nomi per evitare pubblicità); il prezzo che mi hanno fatto è stato ottimo e sono stati molto gentili e disponibili nel spiegarmi un sacco di cose.

Se il meteo lo permetterà spero di fare una piccola prova già sabato prossimo.
Vi tengo aggiornati. ;)

Febbraio 26, 2016, 05:27:46 pm
Risposta #10

danielebardi

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 12
  • Testo personale
    ...
Ciao... Io ti consiglierei di andare sempre su SEVYLOR. La
COLORADO o meglio ancora la YUKON dai un'occhiata ai prezzi... Direi che sono ottimi per la tua esigenza

Aprile 13, 2018, 03:34:34 pm
Risposta #11

defender06

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 11
  • Testo personale
    ...
Ciao a tutti, per puro caso mi sono imbattuto in questo mio vecchio topic. Sono passati due anni e mi pare giusto riportare la mia esperienza con la Solar per chi si starà ponendo gli stessi dubbi che avevo io.

In questi due anni io e la mia ragazza abbiamo macinato centinaia di KM. Al di la della Liguria, esplorata in lungo e largo, abbiamo fatto una settimana di turismo nautico in Sardegna (da Olbia a Palau, compreso arcipelago della Maddalena), una settimana in corsica (da San fiorenzo a Piana), il giro dell'Elba, il Giglio, le Calanque di Marsiglia (con anche le isole), le Eolie (vulcano-lipari-salina), le Porquerolles e tanto altro.
La solar si è sempre comportata molto bene anche con mare 'mosso'. Siamo riusciti sempre a portarla con noi senza problemi (ci spostiamo spesso in treno o traghetto) e a caricarla all'inverosimile. In media, da allenati, abbiamo percorso 30 km al giorno, con punte di 40 ad inizio stagione stiamo sui 25.

Ci manca ancora da provare l'aereo, ma lo faremo a fine mese andando in Grecia.
In fiume non siamo ancora andati (inizieremo questa estate), ma passiamo spesso contro gli scogli e non abbiamo mai avuto noie.

Unica pecca che ho sempre notato è la scarsa copertura in punta che, in caso di mare molto agitato e di carico elevato, ci ha portato ad imbarcare acqua. Memorabile il passaggio da punta Marginetto alla Maddalena  :o :-X :-\ . Noto però che con il nuovo modello questo problema è stato risolto.

Insomma vi consiglio questo prodotto.
Ora sarei curioso di fare il salto successivo e provare i modelli ancora superiori o la Nomad Hp3...ma prezzi ed il peso mi fermano.

Maggio 13, 2018, 09:20:56 pm
Risposta #12

bob72

  • Newbie

  • Offline
  • *

  • 1
  • Testo personale
    ...
Ciao Davide,

ti parla uno che non e' un professionista del kayak, ma che ne ha cambiati diversi iniziando dai gonfiabili ( compresi i gumotex) , passando al polietilene, poi a quelli in fibra, chiusi, aperti....da un paio d' anni ho trovato la pace con un gonfiabile un po' particolare: uno slider 2 della kxone tutto gonfiabile a 8 psi di 4, 80 m
Ho trovato la perfetta sintesi tra comodita, leggerezza, velocita' direzionalita, sicurezza ( anche in 3 con bambino a bordo).
Certo, non costa poco ma credimi, sono soldi spesi bene.E' robustissimo e in 5 minuti e' pronto per navigare senza nessun assemblaggio ( pezzo unico con 3 camere d'aria tutte a 8 psi ( 0,5 bar)
L'edizione 2018 va addirittura a 10 psi ( praticamente come le tavole da sup ).
Con un k cosi, non avrai certo problemi a macinare km.
Ps: si compra bene in germania in un negozio che fa vendite anche on line a dorsten.
Se vuoi maggiori notizie fammi sapere. Ciao

Maggio 17, 2018, 02:51:04 pm
Risposta #13

Lorenzo Molinari

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 152
Non conoscevo Slider 485 della Kxone e dal sito pare effettivamente una canoa di qualità, analoga anche a Sea Eagle 473.
Sono riparabili e come?

Il mio dubbio, però, rimangono sempre le saldature/giunzioni, che tendono a perdere aria dopo una decina d'anni, specie se riposte sgonfie, e quando una gonfiabile inizia a perdere aria dalle saldature/giunzioni non resta che buttarla. Come si ripara perde aria da un'altra parte. Così è accaduto alla mia Gumotex che avevo conservato sempre al meglio.
Spendere tanto denaro (circa 1300€) per una canoa che dura solo una decina d'anni per me non ne vale la pena, usandola saltuariamente solo quando altri tipi di canoe rigide e più performanti diventano scomodi da utilizzare (nel caso ad esempio di viaggi in treno o in aereo).
Che idee avete al riguardo?
Grazie

Giugno 12, 2018, 03:39:07 pm
Risposta #14

Lorenzo Molinari

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 152
Canoa gonfiabile?

Vi suggerisco il seguente e curioso articolo:
"Ordering a drop stitch inflatable kayak from China",
disponibile al link:
http://boathouse.johnhoogstrate.nl/kayak/drop_stitch_kayak_from_china/

Agosto 28, 2018, 03:01:23 pm
Risposta #15

defender06

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 11
  • Testo personale
    ...
Ciao a tutti, come ormai consuetudine vado ad aggiornare il topic.

Dopo il mio ultimo post abbiamo fatto ben tre viaggi in kayak.

Il primo è stato a Mykonos; l’imbarco aereo non è stato un problema, in una valigia abbiamo messo la Solar, in un'altra le pagaie (smontabili in 4 parti), il gonfiatore, la tenda e tutto il resto. Purtroppo, una volta giunti li abbiamo avuto giorni di vento forte (con raffiche fino a 30 nodi) ed abbiamo rinunciato la giro completo dell’isola; isola che ormai è devastata dal turismo di massa e dal cemento. Abbiamo comunque fatto alcune escursioni carine (consiglio la costa sud), abbiamo visitato la stupenda isola di Dilos e soprattutto abbiamo girato la piccola isola di Dragonisi che con le sue grotte marine ci ha letteralmente stregati.

Il secondo viaggio è stato a Maiorca, considerando i pochi giorni a disposizione e la pericolosità della costa sud-ovest in caso di maltempo, abbiamo optato per affittare una macchina e visitare solo spot specifici. Maiorca è semplicemente fantastica; appena si abbandonano gli orribili centri turistici, si trovano montagne selvagge, coste rocciose, grotte marine e mare cristallino. Abbiamo pagaiato in particolare nella zona di cala Tuent (sembra di essere in un lago alpino più che sul mare), di Alcudia e Cales de Mallorca (calcare stupendo e grotte marine dalle concrezioni mozzafiato), ed abbiamo costeggiato tutti e 35 i km del capo di Formentor da Pollenca a Cala Sant Vicenc (TOP!).

Il terzo ed ultimo viaggio è stato in Sardegna. Se nel 2016 eravamo andati da Olbia a Palau costeggiando Caprera, Maddalena e Santo Stefano; questa volta ci siamo diretti a Sud. Siamo partiti da Olbia, più precisamente dalla spiaggia delle saline, abbiamo girato Tavolara e Molara e siamo arrivati fino a Santa Maria Navarese. Alla bella area marina di Tavolara sono seguiti tre giorni di spiaggioni, belli ma un po' menosi, anche a causa del forte vento contrario, mentre gli ultimi 4 giorni (tra Orosei e Santa Maria) sono stati da togliere il fiato. Abbiamo impiegato in tutto 10 giorni, anche se il piano iniziale era di mettercene 7, perché abbiamo voluto goderci ogni momento e sostare in zone particolarmente affascinanti; gli incontri umani durante gli sbarchi sono stati tutti indimenticabili…io adoro il popolo sardo!

Anche questa volta la Solar ha fatto il suo sporco lavoro alla perfezione. :)

Ora sto prendendo in seria considerazione i consigli di Bob72 di passare ad una slider. Ancor di più vorrei una Trak 2.0 smontabile, ma mi manca il budget.
Vi terrò aggiornati! 8)

Ottobre 03, 2018, 11:46:17 pm
Risposta #16

Guido Brasletti

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 26
  • Testo personale
    ...
...da un paio d' anni ho trovato la pace con un gonfiabile un po' particolare: uno slider 2 della kxone tutto gonfiabile a 8 psi di 4, 80 m
Ho trovato la perfetta sintesi tra comodita, leggerezza, velocita' direzionalita, sicurezza ( anche in 3 con bambino a bordo).
Certo, non costa poco ma credimi, sono soldi spesi bene.E' robustissimo e in 5 minuti e' pronto per navigare senza nessun assemblaggio ( pezzo unico con 3 camere d'aria tutte a 8 psi ( 0,5 bar)
L'edizione 2018 va addirittura a 10 psi ( praticamente come le tavole da sup ).
Con un k cosi, non avrai certo problemi a macinare km.
Ps: si compra bene in germania in un negozio che fa vendite anche on line a dorsten.

Ciao a tutti,

ho un gonfiabile itiwit2 (biposto da 340cm x 108) decathlon col quale mi diverto a fare uscite da mezza o max una giornata prevalentemente su fiumi calmi, talvolta in laguna e raramente mare sottocosta (ne scrivevo qui, dove mi sono anche presentato https://forum.ckfiumi.net/index.php/topic,4563.msg22897.html#msg22897)

Vorrei cambiarlo con un altro gonfiabile, ma più veloce, ed i modelli che ho adocchiato sono (entrambe drop-stitch a 10psi):

KX-one  Slider Flex 385 Ulite 2019
http://www.kanushop.com/hersteller/kxone-kayaks/slider_385_flex_kxone_airkayak.php
385 x 80cm, ha il plus di poter trasformare il fondo da piatto a leggermente a V, a vantaggio (sostiene il produttore) della velocità
lI sistema, semplice ma ingegnoso, si vede nel video in qs pagina https://www.aquamarinaasia.com/kx-one-asia

Sea eagle razorlite 393
https://www.seaeagle.com/RazorLite/393rl
391 x 71cm, un po' più stretto e lungo (e immagino un po' più ballerino) con fondo piatto e con una bella soliuzione per i puntapiedi

Di entrambe ci sono le versioni bipoosto, da 445 o 485cm nel primo caso e 473 nel secondo.

Vorrei chiedere a bob, e ai tanti che hanno più esperienza di me, alcuni consigli per orientarmi e decidere meglio:
  • lunghezza: preferirei per motivi di trasportabilità il monoposto, ma visto che con 200 euro in più si puo' avere il biposto, usato da una persona sola darebbe vantaggi di velocità o stabilità?
  • il fondo del kx-one che puo' diventare a V è una trovata di marketing o aiuta a guadagnare velocità?
  • Leggo ottime opinioni sui gumotex solar 2 e safari 330, che pero' non sono ad alta pressione, Saranno veloci come i due di cui sopra?

Grazie in anticipo per i consigli e l'aiuto
Guido




 
« Ultima modifica: Ottobre 03, 2018, 11:57:46 pm da Guido Brasletti »

Ottobre 10, 2018, 01:43:06 pm
Risposta #17

missouri

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 84
  • Testo personale
    ...
se l'obiettivo è una barca più veloce sulla carta il sea eagle sembra più promettente, sinceramente la V creata nel video non sembra molto pronunciata. inoltre è solo nella porzione centrale dello scafo.
i kayak da mare tendono ad essere l'opposto: V in prua e poppa e piatti al centro.
io prenderei il biposto solo se poi viene usato in tal senso, ogni tanto sono uscito da solo con un doppio.

confermo la robustezza dei gumotex, sono barche fabbricate in est europa da molti anni anche con altri marchi. generalmente vengono ottimi prodotti da quei paesi. conoscenti ne avevano una ed era molto robusta, rispetto alla mia vecchia economica del decathlon non c'era paragone. però subì una foratura e non riuscirono a farla riparare a causa del materiale, sicuramente oggi sarà possibile trovare il modo di saldarlo, se non è addirittura stato modificato.
altro marchio da considerare è grabner, sono un pò più care. pur essendo a bassa pressione rimasi abbastanza colpito dalle prestazioni.

Ottobre 10, 2018, 10:50:23 pm
Risposta #18

Guido Brasletti

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 26
  • Testo personale
    ...
Grazie per i consigli, molto apprezzati.

I grabner non li sto considerando perché fuori budget (per me sono gia molti i 1.000 euro circa di sea eagle e kxone. I grabner li ho visti  attorno ai 1.800-2.000)

Il gumotex safari 330 mi tenta
http://www.gumotexboats.com/safari-330
Lo vedo come un buon allround, anche se lo immagino parecchio piu lento  del sea eagle razorlite.
Da qualche parte ho letto che durante l'uso in acqua calma dai fori di scarico ne entra un po', ma che si possono in  qualche modo tappare.

Ho scoperto  anche decathlon/itiwit hanno un modello drop stitch interessante, l'X500 con la chiglia a V e ad un ottimo prezzo (700)
A parte le perplessità sulla qualitá costruttiva:
- immagino che per asciugarsi dentro ci metta una vita come il mio attuale foderato
- essendo di tipo chiuso credo abbia piú limiti di carico (di solito porto con me una sacca stagna da 20lt con un cambio vestiario ed un po di vivande, piu un borsone dove tengo la pompa, le scarpe, una cima, ecc)
https://youtu.be/7Q2fsYMbRC4
https://www.decathlon.it/kayak-monoposto-x500-id_8403087.html

In tutti i Decathlon della mia zona non é disponibile in negozio e non ho potuto vederlo.
A prescindere dalla capacita di carico, che sia un buon prodotto?

Razorlite 393 monoposto in pole position per ora :)

Gennaio 04, 2019, 05:45:31 pm
Risposta #19

defender06

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 11
  • Testo personale
    ...
Ciao Guido.
Io alla fine mi sono orientato su un All marine 470 preso da un negozio fisico di Torino. Ho fatto il pre-order e mi arriverà nei prossimi mesi quindi non so darti ancora info precise. So solo che non vedo l'ora di provarlo perchè sto già pianificando il giro di Minorca e 15 gg in grecia o corsica ed ho molta fretta di capire quanti KM potrò fare al giorno andando tranquillo (non mi interessano le gare o le sfide) e quanto reggerà il mare mosso ed il vento.

Una cosa che già dalle foto non mi esalta è la pinna, che risulta molto lunga. Mi è capitato molte volte con la solar, poichè passo molto radente alla costa, di urtare con la deriva; ho paura che se avessi fatto lo stesso con questa la avrei spezzata. Altro dubbio che ho è sull'ingombro da chiusa; mi pare essere molto più voluminosa della Solar, cosa che potrebbe darmi problemi negli spostamenti e soprattutto nell'imbarco aereo.

Se cerchi su google non troverai nulla sulla All marine ma è molto simile alla Razorlite 473 (per non dire che è la stessa); a quanto ho capito a produrre questi kayak in drop stich sono solo un paio di aziende orientali, poi i varii importatori si fanno fare qualche personalizzazione e mettono il brand.
Io ho preferito spendere qualcosa in più ed avvalermi di un negozio che già conosco e che stimo; se tu sei orientato verso fare un ordine dall'estero (io lo sconsiglio sia per i costi di spedizione, sia per il rischio di pagare la dogana) puoi provare a dare uno sguardo ad Alibabà, potrai ordinare direttamente dai produttori.

Gennaio 29, 2019, 08:56:59 pm
Risposta #20

Guido Brasletti

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 26
  • Testo personale
    ...
Ciao Defender,

Alla fine ho comprato l’X500 da decathlon, approfittando anche delle loro vantaggiose condizioni di reso (entro un anno dall’acquisto valutano a prezzo pieno il rientro del precedente prodotto)

La qualità  costruttiva è per me buona ed il drop stitch è davvero un grande passo avanti nella tecnologia dei gonfiabili.

C’è solo un problema: in acqua non sono riuscito a domare lo lo scafo a V, mi capovolgo troppo facilmente! :)

Devo (re)imparare la tecnica, ho cercato entro 50km da me (Friuli) un centro che facesse attività didattica invernale in piscina, ma senza risultati.

A dicembre i frequenti bagni si erano fatti un po’ troppo freddi, così sono stato costretto a mettere in garage il mio nuovo cavallo imbizzarrito :)

Ora attendo con impazienza la bella stagione!

Ps
Ingombri da chiuso: il drop stitch dell’X500 è notevolmente più rigido del gonfiabile che avevo prima (quindi più voluminoso anche da sgonfiato) ma si richiude bene in uno zaino imbarcabile in aereo. So di chi lo ha fatto.
« Ultima modifica: Gennaio 29, 2019, 09:04:38 pm da Guido Brasletti »

Febbraio 21, 2019, 04:44:13 pm
Risposta #21

m_drive

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 12
  • Testo personale
    ...
Ciao, mi accodo alla discussione  ;D.
Piacerebbe anche a me acquistare un gonfiabile perchè stufo di dover sempre noleggiare la canoa al lago (Monate) o al mare.
Il mio massimo livello di conoscenza si ferma al Decathlon  ;D
Spero di farmi un'idea più precisa sulla materia, molto più vasta di quanto immaginassi  :o

Febbraio 22, 2019, 11:33:44 am
Risposta #22

m_drive

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 12
  • Testo personale
    ...
Vorrei provare con qualcosa di base-base prima di (eventualmente) passare a prodotti più evoluti.
Ho visto da Decathlon l'itiwit singolo, che mi sembra parecchio largo -e lento, mi immagino- e il twist 1 della gumotex a 400 euro circa.
Accetto ogni parere!!!
Ciao!!

Febbraio 22, 2019, 11:49:03 pm
Risposta #23

Guido Brasletti

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 26
  • Testo personale
    ...
Vorrei provare con qualcosa di base-base prima di (eventualmente) passare a prodotti più evoluti.
Ho visto da Decathlon l'itiwit singolo, che mi sembra parecchio largo -e lento, mi immagino- e il twist 1 della gumotex a 400 euro circa.
Accetto ogni parere!!!
Ciao!!
Ho avuto l'itiwit2: buono per cominciare (con un gonfiabile), non veloce, da grande confidenza in acqua perché perdona quasi tutto ed é difficilissimo da rovesciare.
Bonus: fai la card gratuita decathlon e puoi renderlo entro un anno, ti rilasciano un buono del valore pari al nuovo che puoi spendere in  decathlon.

Gumotex: costa il doppio, mai provato ma ha moltissimi estimatori (anch'io ho considerato seriamente il framura o il solar in alternativa all'x500 decathlon che ho preso dopo l'itiwit).
 Da quello che si legge in giro la qualità costruttiva del twist é piu che buona (anche se non pari ai modelli piu costosi, che usano un materiale piu robusto) e non é neppure così lento.
Grande plus rispetto all'itiwit: lo lavi e asciughi in un attimo perché ha  le camere d'aria non rivestite (nell'itiwit e anche in altre  marche economiche le camere di pvc sono inserite in una protezione di cordura che ci mette molto ad asciugare. Per un buon lavaggio e soprattutto una buona asciugatura devi sfoderare tutto)

Ciao
Guido

Sent from my SM-T585 using Tapatalk


Febbraio 23, 2019, 11:19:17 am
Risposta #24

Andrea Ricci

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 294
  • Testo personale
    non la canoa, bensì la pagaia è il nostro sport
    • acquamossa
Ho studiato, venduto e usato vari tipi di gonfiabili. Sconsiglio TUTTI i gonfiabili rivestiti! Comprate solo gonfiabili con tubolari "nudi" e con valvole push-push o push-turn, quelle standard dei gommoni da rafting e delle tavole da sup. La differenza di qualità è data poi dal tessuto e soprattutto dagli incollaggi: quelle economiche perdono o scoppiano perché gli incollaggi non tengono. Costruttivamente, un gonfiabile è una canoa più complessa di una rigida. E una fattura economica non paga.
Andrea Ricci
acquamossa(chiocciola)tiscali.it
339 8808 312

Febbraio 25, 2019, 03:58:36 pm
Risposta #25

m_drive

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 12
  • Testo personale
    ...
x guido e andrea:
pareri molto molto preziosi: ho già le idee più chiare su dove orientarmi (gumotex).
Ultima cosa: siamo a fine febbraio, vale la pena acquistare ora oppure è meglio aspettare primavera / inizio estate (modelli aggiornati? offerte?). Grazie!
« Ultima modifica: Febbraio 26, 2019, 09:04:41 am da m_drive »

Maggio 29, 2019, 03:03:15 pm
Risposta #26

m_drive

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 12
  • Testo personale
    ...
Acquistato Gumotex Twist 1: fra qualche giorno farò la prima prova su "strada".

Giugno 15, 2019, 02:11:56 pm
Risposta #27

Guido Brasletti

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 26
  • Testo personale
    ...


Alla fine ho comprato l’X500 da decathlon, approfittando anche delle loro vantaggiose condizioni di reso (entro un anno dall’acquisto valutano a prezzo pieno il rientro del precedente prodotto)

La qualità  costruttiva è per me buona ed il drop stitch è davvero un grande passo avanti nella tecnologia dei gonfiabili.

C’è solo un problema: in acqua non sono riuscito a domare lo lo scafo a V, mi capovolgo troppo facilmente! :)

Mi auto-quoto per gli aggiornamenti:

- sto prendendo lezioni in acqua ferma e la situazione é migliorata molto: riesco a governare discretamente bene il ribelle :)
- é molto meno faticoso del tubolare che avevo prima, oltre che più veloce
- anche a detta del mio istruttore, che lo ha provato, é un po' instabile, richiede un minimo di pratica.
- gonfiaggio, sgonfiaggio e ripiegatura nel suo zaino: anche queste molto più rapide del  precedente tubolare

Adesso sto proprio (ri)cominciando a divertirmi!

Sent from my SM-T585 using Tapatalk


Giugno 15, 2019, 10:46:12 pm
Risposta #28

yuri cretier

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 26
Nel nord ovest penso che un riferimento in merito al mondo del kayak sia enrico di liddo che, oltre a vendere, è un appassionato ed esperto dei materiali. Non ho percentuali su quel che vende e non è un mio parente. Oggi esponeva in uno stand in via roma a torino. Su internet trovate il suo negozio. Con me, che non sono nessuno, è sempre stato molto disponibile. So ceh spesso la domenica è al lago di candia e credo che possa anche far provare qualcosa.
yuri

Luglio 01, 2019, 11:16:53 am
Risposta #29

m_drive

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 12
  • Testo personale
    ...

Mi auto-quoto per gli aggiornamenti:

- sto prendendo lezioni in acqua ferma e la situazione é migliorata molto: riesco a governare discretamente bene il ribelle :)
- é molto meno faticoso del tubolare che avevo prima, oltre che più veloce
- anche a detta del mio istruttore, che lo ha provato, é un po' instabile, richiede un minimo di pratica.
- gonfiaggio, sgonfiaggio e ripiegatura nel suo zaino: anche queste molto più rapide del  precedente tubolare

Adesso sto proprio (ri)cominciando a divertirmi!

Sent from my SM-T585 using Tapatalk

caspita, l'X500 l'ho visto e dev'essere una scheggia.
L'ho scartato perchè ho optato per un tranquillo gumotex twist (dato che lo usa anche mia moglie)...se poi mi dici che è facile ribaltarsi direi che ho fatto la scelta giusta...certo, il twist è lento, come già immaginavo.
A parte questo mi sono trovato bene, per qualche uscita molto rilassata mi va più che bene. E poi è leggero e asciuga in un attimo.

Luglio 18, 2019, 05:34:01 pm
Risposta #30

defender06

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 11
  • Testo personale
    ...
Rieccomi, scusate se non ho più scritto nulla dopo il mio ultimo post di Gennaio ma sono stati mesi molto turbolenti  ;D
A fine febbraio/inizio marzo sono finalmente riuscito a provare il nuovo kayak in drop stitch che avevo ordinato. La prova è durata circa 10 minuti, dopo di che ho deciso di restituirlo. Perchè? Semplicemente perchè non era assolutamente ciò che cercavo.
Cerco di spiegarmi, visto che in molti tra amici e conoscenti mi hanno contattato e fatto domande. Sicuramente questi nuovi kayak se impiegati con mare forza olio sono veloci, performanti...bla bla bla. Insomma se non avete problemi di budget e volete un mezzo che sia ripiegabile e veloce, da utilizzare in giornate di mare piatto, è il mezzo per voi. Ma se cercate un mezzo indistruttibile, capace di reggere il mare mosso e che sia trasportabile senza problemi rimarrete molto delusi.

Iniziamo dalla deriva. Come avevo scritto nel mio post di gennaio (in quel momento avevo visto solo le foto),  la deriva è molto lunga e fragile. Se come me partite e arrivate dalla spiaggia anche con mare leggermente mosso, magari carichi del materiale per stare fuori più giorni, questo è un vero problema; basta il minimo urto col fondale per spezzarla. Con il gumotex sono atterrato per anni in spiaggia con onde frangenti, a pieno carico, senza mai nemmeno rigarla.
Altro problema che mi avrebbe fatto rinunciare all'acquisto se avessi potuto visionare il kayak in qualche fiera: le dimensioni. Il peso è all'incirca lo stesso del solar; il problema è che da chiusi questi kayak occupano quasi il doppio. Impossibile pensare di caricarlo in treno/aereo/nave come facciamo abitualmente noi.
Terzo ed ultimo problema: la resistenza al mare 'mosso'. Sia ben chiaro che non sono uno che esce col mare grosso per divertimento, ma quando si fanno vacanze di più giorni o anche semplicemente quando si girano isole di piccole o medie dimensioni (esempio: giglio, elba ...) beccare mare un pò mosso è la normalità. Il kayak in drop stitch, un pò per la sua rigidità un pò per la struttura delle camere d'aria laterali, imbarca acqua con una semplicità disarmante, per me è impensabile affrontare il mare con un mezzo di quel tipo.

Lato maneggevolezza ho poco da dire; sicuramente serve più esperienza per governarlo rispetto ad i gonfiabili classici, ma parliamo comunque di un prodotto piuttosto largo che con mare calmo si riesce a 'domare' senza troppi problemi.

Grazie all’aiuto del negozio presso cui avevo acquistato sia la solar che il kayak ad alta pressione (uno dei migliori in italia), sono riuscito a passare alla Gumotex Sea Wave senza rimetterci troppo. Rinnovo il consiglio a rivolgersi ai negozi fisici italiani, si spende qualcosa in più ma sicuramente si guadagna in esperienza ed assistenza al cliente!

Ho atteso a scrivere questo posto proprio perché volevo provare la Sea WAVE e darvi un giudizio. Giudizio che dopo la prima prova è assolutamente positivo.
La mia paura era quella che, a fronte di un costo sensibilmente maggiore rispetto alla Solar, i vantaggi fossero minimi. Invece mi sono dovuto totalmente ricredere. La Sea Wave mi ha stupito; il costruttore è riuscito a creare una forma idrodinamica usando sempre e solo le solite camere d’aria affidabili e resistenti. Il fondo, grazie al diametro diverso dei singoli tubolari che lo compongono, ha una forma a v molto performante. La prua ha una forma difficile da descrivere ma che fende l’acqua molto bene.
Conservando tutte le qualità della solar: peso ed ingombro minimi, resistenza, buon comportamento con mare mosso, la Sea Wave riesce ad avere prestazioni maggiori. Ho inoltre notato che gli schizzi che tendono ad entrare in caso di onde da vento sono notevolmente minori di quelli che entrano con la Solar; insomma sono molto soddisfatto.

Ultimo dettaglio riguardo alle Gumotex, ormai sono talmente conosciute che trovare gli usati è praticamente impossibile. Io per la solar ho già una lunga lista di amici che, dopo aver visto le mie foto ed i report di viaggio, mi hanno chiesto di acquistarla.
« Ultima modifica: Luglio 18, 2019, 05:46:07 pm da defender06 »

Agosto 06, 2019, 11:53:24 pm
Risposta #31

Roberto M

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
  • Testo personale
    ...
Salve, mi chiamo Roberto e sto in Sardegna. Una decina di anni fa ho iniziato a pescare a traina da kayak (Yakka Bic) e dopo le prime soddisfazioni ho via via rarefatto le mie uscite; praticamente non esco da due anni ma ho intenzione di iniziare di nuovo e di incrementare la mia “flotta” per cui farò delle domande in questo thread sui gonfiabili e drop stitch.
Grazie

Agosto 07, 2019, 08:10:55 pm
Risposta #32

Roberto M

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
  • Testo personale
    ...
Salve, sto valutando l'acquisto di un kayak gonfiabile per 2 da usare al mare e vorrei consigli dagli esperti (io non lo sono per niente); innanzitutto vorrei capire se sia meglio un kayak gonfiabile ma col solo fondo in drop stitch (DS) come p.es. Gumotex Thaya oppure un kayak completamente in DS. Ho individuato i seguento IK (in ordine dal più al meno gradito secondo quanto ho letto e in base ai dati dichiarati dal produttore):
    1. BIC   Yakkair full HP2
    2. Barrakuda   Canoashop.com
    3. Gumotex   Thaya
    4. Aqua Marina   Tomahawk TH 425
    5. Sea eagle   473 rl
    6. Kxone   Slider 445
    7. Advanced element convertible kayak AE1007
    8. ZRAY Kayak  Biposto Drift

Escluderei il n.8 in quanto, a fronte di un prezzo 'basso' ho letto pareri decisamente negativi; il 7 è pesante, non è completamente DS e richiede l'acquisto di altri accessori (pompa); il n.6 non si trova facilmente, il 5 per niente, il 4 è un po' pesante ma non è male; il 3 è interessante, è Gumotex ma non è tutto DS; il 2 completamente in DS, qualcuno l'ha provato?  è sufficientemente leggero, è lungo 4,7m ed è largo 0.7m  quindi dovrebbe essere veloce, e costa il 25% in meno del Bic ma non ne conosco la marca. Qualcuno infine conosce il BIC?
Grazie per le eventuali risposte.

Agosto 07, 2019, 10:03:29 pm
Risposta #33

Guido Brasletti

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 26
  • Testo personale
    ...
Ciao, non sono un esperto ma ho studiato abbastanza a fondo (pur senza provarli) quasi tutti i kayak sulla tua lista prima di comprare il mio attuale itiwit x500 dropstitch.

Presta attenzione alla stabilità, della quale credo avrai bisogno pescando.

I drop stitch hanno le pareti “sottili” e sono abbastanza ballerini, soprattutto in mare.

Il thaya invece ha i bordi in tubolare e dovrebbe essere più stabile.


Agosto 08, 2019, 09:01:59 am
Risposta #34

Roberto M

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
  • Testo personale
    ...
Guido, grazie del tuo parere; quanto ballerini sono i DP? Lo userò per svago/turismo spesso in due, quindi vorrei che fosse abbastanza veloce; lo userò poco o niente per pescare per cui continuerò a usare lo Yakka

Agosto 08, 2019, 10:42:54 am
Risposta #35

Guido Brasletti

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 26
  • Testo personale
    ...
Dipende dalla tua sensibilità, ma niente di impossibile, venendo da un tubolare ti servirà fare un po’ di pratica.

Per la mia (cmq limitata) esperienza sono barche più adatte all’acqua piatta, dove si comportano abbastanza bene e molto meglio rispetto ai tubolari di fascia media e bassa.

Rileggi anche le esperienze di defender06 (un paio di post qui sopra) se intendi fare turismo marino o giri in mare abbastanza lunghi.

Agosto 08, 2019, 11:51:54 am
Risposta #36

Lorenzo Molinari

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 152
Ciao BAAB.
Perché escludi la scelta di una canoa gonfiabile che non sia in drop stitch?

Agosto 08, 2019, 05:54:34 pm
Risposta #37

Roberto M

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
  • Testo personale
    ...
Buona domanda Lorenzo, ribadisco che sono un profano e che mi sto documentando da poco (per quanto abbia usato Kayak gonfiabili sin da bambino, una bellissima Pirelli arancione 3.5m...);
ho l'impressione che quelle in DS siano più veloci e leggere da trasposrtare. L'uso prevalente sarà in mare, sotto costa in due e non con mare mosso.
Ho visto che esistono modelli gonfiabili alquanto validi come la Gumotex Sea Wave e forse con prestazioni inferiori, l'ibrida Thaya.
Grazie

Agosto 09, 2019, 09:06:40 am
Risposta #38

Guido Brasletti

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 26
  • Testo personale
    ...
Baab, lle drop stitch sono parecchio più ingombranti e pesanti da sgonfie

Per il modo in cui sono fabbricate (materiale in genere più pesante e molti fili interni tra parete e parete per aumentare la resistenza alla pressione)

Invece il gonfiaggio è più rapido, perché in genere a parità di superficie della barca il volume interno (delle camere d’aria) è minore
« Ultima modifica: Agosto 09, 2019, 04:54:24 pm da Guido Brasletti »

Agosto 10, 2019, 04:47:20 pm
Risposta #39

Lorenzo Molinari

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 152
Sea Wave di Gumotex gran bel kayak, assai veloce (lungo e stretto) e di peso contenuto, per 2-3 persone.

Gumotex produce da decenni le canoe in Nitrilon, un caucciù sintetico (elastomero).
Le canoe gonfiabili Gumotex hanno un ottimo rapporto prezzo qualità, vai sul sicuro.

Mentre sono favorevole agli ibridi gonfiabili pieghevoli (con parti strutturali rigide), non mi esprimo sugli ibridi gonfiabili in elastomero e drop stitch, come Thaya di Gumotex, che impiega il drop stitch sul fondo, per quanto trovo che sia una evoluzione piuttosto interessante, ma al momento non li ho mai provati.

Anche la californiana Advanced Elements, ad esempio, produce kayak ibridi gonfiabili con telaio rigido e fondo in drop  stitch di ottima qualità.
« Ultima modifica: Agosto 11, 2019, 02:06:16 pm da Lorenzo Molinari »

Agosto 12, 2019, 07:53:06 am
Risposta #40

Roberto M

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
  • Testo personale
    ...
Grazie Lorenzo, aggiungo il SeaWave alla lista.

Agosto 17, 2019, 10:45:53 am
Risposta #41

Roberto M

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
  • Testo personale
    ...
    Salve la lista si è  ridotta ai seguenti: 

BIC   Yakkair full HP2    410*85 15,5kg
       Barrakuda Canoashop.com    470*70 16,8kg
       Gumotex   thaya        410*89 17,5kg
       Gumotex seawave       455*80 17,5kg
e sono indeciso, ovviamente. I DS mi incuriosiscono, ma ho capito che imbarcano più acqua dei due Gumatex . I due da 4,55 e 4,7 penso che siano piú veloci. Qualcuno ha questi Ik e mi può dire come sono in navigazione ma anche se sono facilmente trasportabili in sacca anche per 100 o 200m sulla sabbia?Grazie.

Agosto 19, 2019, 10:24:53 am
Risposta #42

defender06

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 11
  • Testo personale
    ...
Ciao Baab
Anche io, come Guido, ti consiglierei un gonfiabile classico invece di un DropStich.
Le motivazioni le ho elencate nel mio ultimo post, le vado nuovamente a riassumere:
- i DS sono molto più ingombranti da chiusi, occupano quasi il doppio e rendendo impensabile il trasporto in molte situazioni
- i DS hanno alcuni elementi molto fragili, parlo in particolare della deriva
- i DS non ti permettono di fare alcune cose che con i gonfiabili di fascia alta (gumotex, grabner ecc) puoi fare, come ad esempio buttarti dal kayak per rinfrescarti o fare snorkeling e poi risalire
- i DS reggono male il mare mosso

Leggo che sei sardo, io ho girato tutta la costa est sarda in due distinte vacanze usando il Gumotex Solar e mi ci sono trovato da dio. Ora sono passato al Gumotex seawave; ne torno da un giro di 4 gg sul lago di como. Ho percorso circa 120 km, con una media di 4,8 km all'ora. Sui laghi i DS sono sicuramente migliori, ma in mare non lascerei mai il mio Gumotex se non per un rigido.
Il Thaya sarei curioso di provarlo in quanto unisce al fondo DS i tubolari classici della Gumotex, quindi potrebbe essere un prodotto molto valido, ma valutarlo senza metterlo in mare con un pò d'onda è impossibile,

Agosto 22, 2019, 11:36:00 pm
Risposta #43

Roberto M

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
  • Testo personale
    ...
Ciao Defender06, e grazie per i tuoi validi consigli. Effettivamente dopo aver letto gli utili consigli fornitimi, seppur incuriosito dai DS, ho optato per una soluzione mista, il Thaya, dopo aver letto gli ottimi giudizi sui Gumotex; mi pare che sia una evoluzione del Solar  con fondo in DS.  Darò le mie impressioni sul Thaya anche se non ho termini di paragone, a parte lo Yakka.

Agosto 28, 2019, 11:31:36 pm
Risposta #44

Roberto M

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
  • Testo personale
    ...
Salve, mi è arrivato il Thaya e l'ho gonfiato in casa ma non ancora provato al mare; ho una pompa Advanced elements ma non va bene soprattutto per gli attacchi: vorrei sapere quindi da chi ha il Seawave o qualunque Gumotex recente (credo che le valvole siano uguali al Thaya) quale pompa usa, possibilmente con manometro. Grazie

Agosto 29, 2019, 09:47:41 am
Risposta #45

Lorenzo Molinari

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 152
Ciao Baab, guarda dentro lo scatolino del kit riparazioni, dovrebbe esserci l'adattatore per la valvola da attaccare alla pompa, se non ci fosse lo trovi dal rivenditore Gumotex a uno o due euro.

Altrimenti puoi tagliare la barretta di plastica longitudinale dell'attacco della pompa alla valvola, che in alcuni modelli di pompa impedisce il gonfiaggio delle valvole Gumotex, sempre che sia quello il problema.

Buone pagaiate e ci dirai come ti sarai trovato con quel kayak gonfiabile, che credo sia un'ottima scelta.

Agosto 29, 2019, 10:16:35 am
Risposta #46

Roberto M

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
  • Testo personale
    ...
Ciao Lorenzo, grazie del consiglio. Ho già usato l'adattatore per la valvola push-push, il fatto è che non c'è alcun beccuccio della pompa Advanced Elements che rimanga ben fisso in tale adattatore durante il gonfiaggio perchè l'unico che si adatta non ha forma cilindrica ma un po' tronco conica e pertanto fuoriesce nel gonfiare. Inoltre quando si gonfiano i sedili bisogna sempre tenere il beccuccio con una mano come ho notato anche nei filmati. Possibile che acquistando una pompa da 40-50€ non si riesca ad avere un collegamento che rimanga ben fisso senza dover fare adattamenti ai beccucci? Credo che i gonfiatori venduti da Gumotex siano dei Bravo 4 o 6 che quindi dovrebbero avere anche gli adattatori del caso. Inoltre mi sembra che i gonfiatori a piede siano poco efficaci, quindi rimangono quelli a mano che, se in plastica, paiono poco robusti in fase di gonfiaggio in alzata; quindi i migliori sembrano quelli in alluminio (Bravo 110 o 101), quali modelli usano gli utenti Gumotex? Grazie e a breve scriverò le mie impressioni sul campo.

Agosto 31, 2019, 08:30:14 pm
Risposta #47

Roberto M

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
  • Testo personale
    ...
Ciao a tutti. Prima uscita col Thaya, 7km con onde max 20cm e prime impressioni. Circa il materiale e la fattura la sensazione è ottima, di resistenza e qualità anche nel montaggio. Il kayak è pronto all'uso in breve tempo ed altrettanto rapidamente si smonta e inserisce nella sacca; trovo un po' di difficoltà a sollevarlo in spalla ma poi è facilmente trasportabile. Sarebbe utile una tasca sul retro degli schienali. Circa l'uso devo premettere che:
- non avevo la pinnetta perchè mancante dal pacco (la riceverò a breve)
- non ho potuto gonfiare ai valori prescritti perchè non ho ancora la pompa adatta
- ben poche volte sono uscito in due e comunque  con kayak rigidi
- io sedevo dietro e mia moglie davanti
La difficoltà maggiore è stata quella di mantenere la direzione: inizialmente ruotava drasticamente sulla sinistra con la lieve corrente che proveniva da ore 7, poi un po' la situazione è migliorata ma sempre con fatica. Ho provato poi da solo, senza spostare il sedile, e l'andatura era decisamente più regolare. Evidentemente è necessario esercitarsi un po' in coppia. Monterò poi la pinnetta, anche se dubito che risolva completamente il problema. Anche altri hanno inizialmente trovato queste difficoltà? Grazie per l'attenzione.

Settembre 09, 2019, 11:44:47 am
Risposta #48

defender06

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 11
  • Testo personale
    ...
Ciao, senza pinnetta ti confermo che è piuttosto complicato tenere la direzione. Vedrai che con la deriva cambierà tutto.

Settembre 09, 2019, 03:07:15 pm
Risposta #49

m_drive

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 12
  • Testo personale
    ...
Mi intrometto per riportare la mia esperienza sul modesto  :o Gumotex Twist dopo la vacanza in Corsica. L'ho trovato divertentissimo e super-stabile. La cosa positiva è che una volta ripiegato ha un peso ed un ingombro davvero contenuto, requisito essenziale dato che ero sempre in zone selvagge con accesso al mare sempre tramite sentieri sterrati. Ovviamente non essendo un esperto vogatore ho sempre fatto attenzione a non uscire con vento eccessivo. La leggerezza del Twist consente di "issare" il kayak sugli scogli / isolotti per fare snorkeling. Insomma, come inizio mi è piaciuto.

Settembre 09, 2019, 11:51:10 pm
Risposta #50

Roberto M

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
  • Testo personale
    ...
Ciao, senza pinnetta ti confermo che è piuttosto complicato tenere la direzione. Vedrai che con la deriva cambierà tutto.
Grazie, è esattamente così; l'ho provato ieri con mare un po' mosso e effettivamente mantiene perfettamente la direzione. Inoltre il Thaya tiene bene il mare, ci siamo distratti e abbiamo incocciato di prua un'onda schiumosa di oltre 1m, il mio compagno a prua è volato in alto e ricaduto all'interno, il kayak ha mantenuto perfettamente la stabilità. Oggi con mare calmo abbiamo sperimentato la buona velocità che si può mantenere, attorno ai 6km/h.
PS: se qualcuno è interessato vi è il sito di un noto produttore di gonfiatori (non so se lo posso citare) che ha offerte interessanti e prezzi più convenienti di tanti negozi anche perchè il trasporto costa al massimo 6€

Ottobre 08, 2019, 06:18:40 pm
Risposta #51

Armando F.

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 3
  • Testo personale
    ...
Buona giornata a tutti.
Mi presento: Armando, principiante seppure vecchiotto dato che ho 69 anni.
Da  molti anni andiamo al mare in Grecia con successivi camper, in genere parcheggiando a tiro di sasso dall'acqua.
In passato ho avuto per pochi anni un Grabner Amigo che avevo acquistato per usarlo con i figli. Cosa fatta poi poche volte, dato che andavamo nel sud di Creta, su una spiaggia battuta da un vento a raffiche violente verso il largo, quindi era un attimo ritrovarsi in Libia. L'Amigo era di buona qualità costruttiva, ma alto a prua e poppa, sbandava parecchio con l'aria (il mio modello non aveva la piccola chiglia introdotta sui successivi), insomma dopo pochi anni l'ho venduto.
Ora ci andiamo da soli e mi piacerebbe avere un piccolo natante che mi consenta di muovermi dalla riva, senza velleità di lunghi percorsi, anche rimanendo a vista nelle baie protette o tutt'al più "dietro l'angolo", magari anche per provare a pescare.
Ho "esplorato" i SoT rigidi che mi garantirebbero da incidenti con ami e ancorette, ma non è facile trasportarli sul tetto di un camper in Al e già pieno di oblò, pannello solari ecc., e d'altronde anche i divisibili (tipo Point65N Tequila!) mi "ammazzerebbero" lo spazio nel gavone. Quindi dovrei andare sui gonfiabili ("canotti a pagaie"?   ;) ). Ed eccomi su questo topic, che ho letto con interesse.
I vari interventi degli amici qui, che ringrazio, hanno alimentato i dubbi sui gonfiabili in Drop Stitch che a prima vista mi parevano consigliabili. Io non uscirei certo col mare grosso, ma qualche onda o per il traghetto che passa o per un cambio di tempo può sempre capitare. Inoltre mi pare d'aver capito che, se mi capitasse di finire in acqua, la risalita su un gonfiabile classico sia più facile, cosa che per un 70enne, seppure non del tutto da rottamare, può essere importante.
Quindi nell'incertezza tra un (ad esempio) kXone 385 (DS da 385 x 80) e un Gumotex Solar (sapete che è 410 x 80), di cui ho letto le review trovate in Rete, sarei ora orientato per il classico Solar, anche per la maggiore facilità di stivaggio, asciugatura, reimpacchettaggio, ecc.
Anche le rate, possibili da rivenditori italiani e non all'estero dove si trovano gli Xkone o altro simile, non mi farebbero schifo; benchè pensare che il Solar 2019 si trova in USA ribassato a 607 dollari quando qui è a 779 euro non ispira pensieri benevoli per il commercio italico.

Insomma mi devo decidere.
Data la vostra esperienza, qualsiasi consiglio sull'argomento mi sarebbe molto utile.


Armando

Ottobre 09, 2019, 10:48:04 am
Risposta #52

Lorenzo Molinari

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 152
Gumotex Solar ottima barca per uso ricreativo marino con poco vento. Ciao

Ottobre 09, 2019, 01:22:19 pm
Risposta #53

Armando F.

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 3
  • Testo personale
    ...
Armando

Ottobre 09, 2019, 11:18:29 pm
Risposta #54

Roberto M

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
  • Testo personale
    ...

Quindi nell'incertezza tra un (ad esempio) kXone 385 (DS da 385 x 80) e un Gumotex Solar (sapete che è 410 x 80), di cui ho letto le review trovate in Rete, sarei ora orientato per il classico Solar, anche per la maggiore facilità di stivaggio, asciugatura, reimpacchettaggio, ecc.
Anche le rate, possibili da rivenditori italiani e non all'estero dove si trovano gli Xkone o altro simile, non mi farebbero schifo; benchè pensare che il Solar 2019 si trova in USA ribassato a 607 dollari quando qui è a 779 euro non ispira pensieri benevoli per il commercio italico.

Insomma mi devo decidere.
Data la vostra esperienza, qualsiasi consiglio sull'argomento mi sarebbe molto utile.
Armando ciao,
ho acquistato da poco più di un mese un Gumotex Thaya (uguale al Solar solo che ha il fondo in DS) e sono estremamente soddisfatto, sia per la stabilità che per la maneggevolezza ed inoltre è facile tuffarsi e risalire in quanto la barca è stabile; una volta che hai lo zaino in spalla è facile da movimentare e anch'io non sono molto giovane, anzi per niente. L'ho usato anche per pescare, essendo in due in barca: sul fondo di fronte a me ho aggiunto un tassellato grigio, 100cm x 50cm, per proteggerlo da eventuali ami. Del resto la barca che usavo per pescare, seppure avesse il fondo rigido, aveva i galleggianti in PVC rivestito sicuramente meno robusti dei Gumotex eppure mai li ho bucati con ami o altro.
PS: un mio amico ha recentemente acquistato un Twist, non ancora arrivato, nello stesso negozio dove ho acquistato il Thaya e il proprietario ha offerto anche un Solar ad ottime condizioni, se vuoi mi puoi contattare in privato.

Ottobre 10, 2019, 04:26:56 pm
Risposta #55

Armando F.

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 3
  • Testo personale
    ...
Grazie, ti contatto in privato.
.
Armando