CKI il forum della canoa italiana

Cercasi consigli sul fiume Po

(Letto 58812 volte)

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Ciao a tutti, sono Sonia,
mi piacerebbe farmi trasportare dalle acque del Po con la canoa per godere della natura che lo circonda.

Purtroppo mi hanno fermato le preoccupazioni altrui relative ai mulinelli, mi hanno detto
che il Pò è pieno di mulinelli, se ci si entra con la canoa non si riesce più ad uscirne, se ci
si cade dentro anche con un giubottino salvagente comunque si viene risucchiati dal mulinello......
 :-X :-\ :'(

ma è vero   ???

Meno male girando girando ho trovato il vostro forum, spero di trovare qualcuno che abbia esperienza
e sappia darmi qualche buon consiglio.

Sono interessata al tratto da Pavia a Cremona e il tratto da Getto fino all'estuario.
Grazie.

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Ciao che io sappia in PO si formano mulinelli di una certa potenza "solo" durante le piene in prossimita' dei piloni dei viadotti o di altri ostacoli naturali o nei punti di confluenza degli affluenti quando si riversano dopo abbondanti piogge nel suo letto, ma quando le acque scorrono tranquille come in questo periodo ed il livello scende per la scarsa portata d'acqua, il tratto da PV a CR e' navigabile senza problemi anche in Kayak/canoa ..... a dire il vero l'unico problema e' lo sbarramento di Isola Serafini che non ti consente di proseguire sino a CR e che ti costringe a terminare la navigazione a San Nazzaro dove attracca la motonave Calpurnia.

Studiati l'itinerario vedrai che e' fattibile.

Qui trovi le carte in scala 1:25.000 dell'intero fiume PO

http://www.adbpo.it/download/CartaPo10k_edizione2008/CartaPo10k_Tavole_pdf/

E qui hai le informazioni sulla situazione idrometrica in tempo reale:

http://www.arni.it/attivita/monitoraggio/bollettino.htm

http://www.agenziainterregionalepo.it/dati-idrologici.html

Buona pianificazione  :)
Luigi - Tender to NoLe

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Ciao per il momento grazie mille :)

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Proseguiamo di qui per non andare OT sull'altro 3D  ;)

C'e' una motonave che fa il seguente percorso, Ponte della Becca - Isola Serafini, ma non so se e' regolare, informati.

http://www.viviilpo.it/itinerario.php?id=125&lang=1

Luigi - Tender to NoLe

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Luigi - Tender to NoLe

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Visto che oggi a PC e' la festa del Patrono ......  :D ne ho approfittato per testare la canoa acquistata domenica scorsa .......

6 Km fatti contro corrente risalendo il fiume verso PV (oggi non c'era nessuno che venisse a recuperarmi  :() ....... pagaiando lungo le sponde ...... dopo circa 500 mt da dove sono entrato in acqua ero furi dalla citta' ... che spettacolo! ... gli uccelli, qualche pesce, stranamente l'acqua limpida! quando mai in PO! ..... 3 ore per risalire e poco piu' di 30' per tornare a favore di corrente ed utilizzando quando c'era' qualche folata di vento la vela!!! .... se non fosse per lo sca--o di ripiegarla, riaprirla, lavarla,  sarebbe da fare tutte le settimane!!

Direi che per oggi ho ricaricato bene le pile  ;)

Qualche foto


   
 
Luigi - Tender to NoLe

Dani Ckfiumi

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 417
Uellà ... che piacere sapere che c'è qualcuno che ama ancora Po.
Complimenti per la tenacia, pagaiare in risalita per 6 Km con una canoa gonfiabile
dimostra una non comune forza di volontà.

Comunque, ai naviganti, se decidete di proseguire al trasbordo della diga di Isola Serafini
consiglio di prendere il ramo di sinistra (noi  cremonesi lo chiamiamo "Po nuovo"):
molto più bello come paesaggio e con immensi spiaggioni,
da lì arriverete  alla confluenza dell' Adda col Po e passerete poi dalla bellissima oasi di Spinadesco.

Magari fate un fischio quando passate di qui,
se ho tempo ci si può trovare e andare a "sgonda" insieme verso Cremona  ;).


 
What if you knew everything you did online was being watched, followed, stored and sorted by sophisticated algorithms that were profiling you in real-time. Would it change how you behave? ..
Brave New World. Use https://brave.com Luke !

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Uellà ... che piacere sapere che c'è qualcuno che ama ancora Po.
Complimenti per la tenacia, pagaiare in risalita per 6 Km con una canoa gonfiabile
dimostra una non comune forza di volontà.

Comunque, ai naviganti, se decidete di proseguire al trasbordo della diga di Isola Serafini
consiglio di prendere il ramo di sinistra (noi  cremonesi lo chiamiamo "Po nuovo"):
molto più bello come paesaggio e con immensi spiaggioni,
da lì arriverete  alla confluenza dell' Adda col Po e passerete poi dalla bellissima oasi di Spinadesco.

Magari fate un fischio quando passate di qui,
se ho tempo ci si può trovare e andare a "sgonda" insieme verso Cremona  ;).

Ciao @Dani, grazie della dritta, come si puo' effettuare il trasbordo arrivando da PC verso il " PO nuovo " puoi fornirmi gentilmente delle indicazioni di sbarco e rimessa in acqua dall'altra parte dello sbarramento.  ;)
Luigi - Tender to NoLe

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Uellà ... che piacere sapere che c'è qualcuno che ama ancora Po.
Complimenti per la tenacia, pagaiare in risalita per 6 Km con una canoa gonfiabile
dimostra una non comune forza di volontà.

Ciao Dany ottimo consiglio, graze, dopo Tender tu! che bello scoprire di non essere la sola  ;D ;D ;D ;D ;D ;D
Sarebbe forte se riuscissimo ad organizzare un week end per farci un due giorni sul Po
con una tappa notturna in qualche spiaggetta.  8) ;D 8) ;D 8)

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Ciao Dany ottimo consiglio, graze, dopo Tender tu! che bello scoprire di non essere la sola  ;D ;D ;D ;D ;D ;D
Sarebbe forte se riuscissimo ad organizzare un week end per farci un due giorni sul Po
con una tappa notturna in qualche spiaggetta.  8) ;D 8) ;D 8)

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Ciao Tender, scusa il ritardo nella risposta ma mi sono un "po" persa nel form  ;D ;D ;D ;D ;D
Caspita ottimo risultato tre ore di risalita, ma sei allenatissimo  :o
Mannaggia sono troppo indietro, ma devo dire che mi stai dando ottimi spunti, mi stò guardando il filmato sono solo all'inizio ma è veramente bellissimo, ho sempre più voglia di partire  ;D ;D ;D ;D ;D ;D 

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Ecco la mia canoa   :)

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Ma con quella vela sei un "aliscafo"  ;D ;D ;D ;D ;D

Cosi' non vale arrivi a al delta del PO in due giorni ....... ti devi iscrivere alla PV > Venezia!!!!!! 

Complimenti!  :)
Luigi - Tender to NoLe

Vittorio Pongolini

  • Full Member
  • ****
  • Post: 707
  • Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Dalla passione e dalla volontà nascono i canoisti. Questa è una regola d'oro!
A me fa pertanto piacere nel vedere che ci siano persone che perseguono, con la forza di volontà, di cimentarsi in avventure con la pagaia.
Anche la mia storia con la pagaia è nata da una possibile discesa del Po. Non mia, però, ma bensì di mio fratello Massimo. Egli a 15 anni (ora ne ha 59, io 4 di meno)  voleva discendere con un suo amico il Po fino al mare. Mio padre si interessò per lui, conobbe il Canoa Club Milano e andò a finire che mio fratello non fece la discesa del Po e andò pochissimo in canoa, mio padre ci andò moltissimo, e io, che nel '69 avevo 11 anni e che iniziai l'anno dopo, dopo quarantatre anni di pagaia, vado ancora tanto e ovunque.
Allora mi sembra opportuno dare qualche dritta ai nostri colleghi vogliosi di avventura, che sono ora ciò che io ero tanti anni fa.
Beh, ragazzi, la miglior barca a pagaia per affrontare delle avventure sui fiumi di primo grado, non è la canoa gonfiabile, pur robusta che sia, ma la canoa canadese aperta. Sulle canadesi è possibile stivare moltissime cose, è possibile, con un buon carrello, fare dei trasbordi (portages) in facilità, soprattutto in pianura Padana e, soprattutto, si può stare tranquilli riguardo alle possibilità di navigazione, senza correre il rischio di bucare la vostra imbarcazione e di colare a picco. Tutto questo i "voyager" canadesi dei secoli scorsi, che scendevano l'Ottawa river (Ouataouais, in francese del Quebec) lo hanno già sperimentato per tutti gli avventurosi come voi, anche se le loro grosse canoe erano in scorza di betulla, saldata da pece.
Certo, una canadese in Royalex a basso peso, è quella più adatta per i portages, ma costa molto, ma molto di più delle vostre canoe gonfiabili; ma se volete fare anche solo una uscita di più giorni, il rischio di forarle è sempre presente.
Le gonfiabili, in cui si sta seduti molto bassi, sul pelo dell'acqua, sono decisamente più stabili delle canadesi aperte, ma meno comode per lunghi tragitti. Si sta anche col culo a mollo e non è bello, soprattutto per le donne. Con le c. a. per flatwater (non quelle da "whitewater"), con un cosiddetto "rocker", il livello tra il punto più basso della chiglia e il livello più alto della chiglia sotto la poppa o la prua, ci si siede su leggeri seggiolini e le gambe si muovono, e questo è molto comodo per fare escursioni di più ore o giorni.
Poi c'è l'aspetto ambientale. Ho visto dalle foto che ci sono diverse schiume intorno alla tua gonfiabile. Ecco, questo è un problema che si rinnova man mano che scendete dal Grande Fiume: all'altezza di ogni immissario, e non solo, vi verranno scaricati effluenti di varia natura, ma soprattutto schiume di detersivi, scarichi di acque nere e altri,  non ultimi, quelli zootecnici, che non sempre molto ben trattati per essere resi innocui alla vista e all'olfatto. Se sentirete odore di ammoniaca, attenzione, perché quei miasmi sono pericolosi e allora girate alla larga perché l'NH3 è pericolosa da respirare. Se vedete invece zone con tante alghe vuol dire che ci sono nitrati (NO3) e questi non sono pericolosi anche se creano eutrofizzazione.
Un'altra cosa: non abbiate troppa paura dei mulinelli: ce ne possono essere alcuni ma non vi mangiano mica e vanno abilmente assecondati, non contrastati. 
Io avrei ancora tantissime cose da dirvi, come la stagione, la portata dell'acqua, le zanzare e i tafani e altri insetti molesti, le soste, ma non posso dilungarmi troppo. Voglio solo avervi dato alcune dritte affinché abbiate più senso critico per ciò che volete fare, perché siete degli sportivi romantici, ma non basta il romanticismo, perché serve molto pragmatismo per pagaiare, a qualsiasi livello.
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Dani Ckfiumi

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 417
Ciao @Dani, grazie della dritta, come si puo' effettuare il trasbordo arrivando da PC verso il " PO nuovo " puoi fornirmi gentilmente delle indicazioni di sbarco e rimessa in acqua dall'altra parte dello sbarramento.  ;)

allora... lo sbarco è meglio farlo in riva destra dove ci sono delle zattere (un bel po' prima della centrale ovviamente).
A sinistra è molto difficile sbarcare perchè ci sono rive ripide e giungla.
 
Purtroppo c'è un po' di strada da fare a piedi con la canoa a spalla (non so come suggerirvi di fare con le gonfiabili).
Una volta sbarcati, c'è  una strada che porta verso la centrale e che permette di otrepassarla.
(è divieto di transito per le macchine)

Una volta oltrepassata la centrale, a valle delle stessa trovate un ponte che vi permette di arrivare al ramo sx
di Po.
In pratica, pensate ad una Y:
il ramo di sx è una diga,
il ramo di dx una centrale elettrica.

Voi attraccate a destra prima della centrale,
andate a piedi oltre la centrale,
passate il ponte che vi fa attraversare il ramo di dx e vi porta  verso l'imbarco del ramo di sx.
Lì potete reimbarcarvi.
Occorre essere un poco agili, non c'è nulla di predisposto, ma è tutto fattibile.

vi allego due foto per rendere l' idea di costruzioni e dimensioni:








What if you knew everything you did online was being watched, followed, stored and sorted by sophisticated algorithms that were profiling you in real-time. Would it change how you behave? ..
Brave New World. Use https://brave.com Luke !

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Grazie Vittorio, sono informazioni veramente interessanti, purtroppo è già tanto se sono riuscita a comprarmi una gonfiabile non oso immaginare quanto possa costare una canadese, quindi spero tanto che non si buchi un ennesima volta, per il momento ho solo tre rattoppi  ;D
Se tu ti volessi dilungare anche su consigli in merito agli insetti molesti e le soste, a me non dispiace anzi, più notizie ci sono più preparati saremo  :)
Ho sentito parlare di zone in cui la corrente è praticamente assente, stò cercando di capire quali sono i tratti, hai qualche indicazione ?

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Ma con quella vela sei un "aliscafo"  ;D ;D ;D ;D ;D

Cosi' non vale arrivi a al delta del PO in due giorni ....... ti devi iscrivere alla PV > Venezia!!!!!! 

Complimenti!  :)

ahahahahah al mare ci si diverte un sacco è una vela da 4 metri fila che è una belezza  ;D ;D ;D ;D ;D
Sul Po non pensavo di portarla principalmente perchè con la vela non si riesce bene a pagaiare.

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Dalla passione e dalla volontà nascono i canoisti. Questa è una regola d'oro!
A me fa pertanto piacere nel vedere che ci siano persone che perseguono, con la forza di volontà, di cimentarsi in avventure con la pagaia.
Anche la mia storia con la pagaia è nata da una possibile discesa del Po. Non mia, però, ma bensì di mio fratello Massimo. Egli a 15 anni (ora ne ha 59, io 4 di meno)  voleva discendere con un suo amico il Po fino al mare. Mio padre si interessò per lui, conobbe il Canoa Club Milano e andò a finire che mio fratello non fece la discesa del Po e andò pochissimo in canoa, mio padre ci andò moltissimo, e io, che nel '69 avevo 11 anni e che iniziai l'anno dopo, dopo quarantatre anni di pagaia, vado ancora tanto e ovunque.
Allora mi sembra opportuno dare qualche dritta ai nostri colleghi vogliosi di avventura, che sono ora ciò che io ero tanti anni fa.
Beh, ragazzi, la miglior barca a pagaia per affrontare delle avventure sui fiumi di primo grado, non è la canoa gonfiabile, pur robusta che sia, ma la canoa canadese aperta. Sulle canadesi è possibile stivare moltissime cose, è possibile, con un buon carrello, fare dei trasbordi (portages) in facilità, soprattutto in pianura Padana e, soprattutto, si può stare tranquilli riguardo alle possibilità di navigazione, senza correre il rischio di bucare la vostra imbarcazione e di colare a picco. Tutto questo i "voyager" canadesi dei secoli scorsi, che scendevano l'Ottawa river (Ouataouais, in francese del Quebec) lo hanno già sperimentato per tutti gli avventurosi come voi, anche se le loro grosse canoe erano in scorza di betulla, saldata da pece.
Certo, una canadese in Royalex a basso peso, è quella più adatta per i portages, ma costa molto, ma molto di più delle vostre canoe gonfiabili; ma se volete fare anche solo una uscita di più giorni, il rischio di forarle è sempre presente.
Le gonfiabili, in cui si sta seduti molto bassi, sul pelo dell'acqua, sono decisamente più stabili delle canadesi aperte, ma meno comode per lunghi tragitti. Si sta anche col culo a mollo e non è bello, soprattutto per le donne. Con le c. a. per flatwater (non quelle da "whitewater"), con un cosiddetto "rocker", il livello tra il punto più basso della chiglia e il livello più alto della chiglia sotto la poppa o la prua, ci si siede su leggeri seggiolini e le gambe si muovono, e questo è molto comodo per fare escursioni di più ore o giorni.
Poi c'è l'aspetto ambientale. Ho visto dalle foto che ci sono diverse schiume intorno alla tua gonfiabile. Ecco, questo è un problema che si rinnova man mano che scendete dal Grande Fiume: all'altezza di ogni immissario, e non solo, vi verranno scaricati effluenti di varia natura, ma soprattutto schiume di detersivi, scarichi di acque nere e altri,  non ultimi, quelli zootecnici, che non sempre molto ben trattati per essere resi innocui alla vista e all'olfatto. Se sentirete odore di ammoniaca, attenzione, perché quei miasmi sono pericolosi e allora girate alla larga perché l'NH3 è pericolosa da respirare. Se vedete invece zone con tante alghe vuol dire che ci sono nitrati (NO3) e questi non sono pericolosi anche se creano eutrofizzazione.
Un'altra cosa: non abbiate troppa paura dei mulinelli: ce ne possono essere alcuni ma non vi mangiano mica e vanno abilmente assecondati, non contrastati. 
Io avrei ancora tantissime cose da dirvi, come la stagione, la portata dell'acqua, le zanzare e i tafani e altri insetti molesti, le soste, ma non posso dilungarmi troppo. Voglio solo avervi dato alcune dritte affinché abbiate più senso critico per ciò che volete fare, perché siete degli sportivi romantici, ma non basta il romanticismo, perché serve molto pragmatismo per pagaiare, a qualsiasi livello.
Ciao Vittorio, hai dato molti spunti di discussione e riflessione, comprendo che la "canadese" da un punto di vista di portata sia il massimo, ma se pur avrei preferito acquistare una canoa sit-on top rigida alla fine non sapendo dove metterla ... il garage e' out .... e comunque dovendo pensare di trasportarla il piu' comodamente possibile, la scelta e' caduta sulla gonfiabile .... con tutti i suoi limiti ma anche i suoi vantaggi.

La stabilita' prima di tutto, la portata 200 Kg, la comodita' di rimessaggio e di trasporto, di contro il rischio di forature  ::) la sua scarsa idrodinamicita' e quindi il dover faticare di piu' per muoverla .... insomma sono cosciente che e' un compromesso.

Solo una ulteriore parola sulla gonfiabile, ha tre compartimenti stagni quindi in caso di foratura galleggia lo stesso e considerato che si e' praticamente a tiro di sponda in acque tranquille non dovrebbero esserci "grossi" problemi a riguadagnare la riva nel malaugurato caso di una foratura ....

Sulla qualita' delle acque del PO e della maggior parte dei nostri fiumi Italiani, credeo che si debba stendere un velo pietoso per quanto devo dire che sono rimasto sorpreso di trovare acqua limpida in PO ...nonostante ci siano delle visibili schiume in alcuni tratti e notizia di oggi sul giornale locale danno addirittura balneabile il tratto di PO Cremonese ... sarei pero' curioso di sapere ogni quanto vengono effettuati i controlli da parte di ARPA

http://www.liberta.it/2013/07/07/tuffi-in-po-dalla-prossima-estate-potrebbe-essere-possibile-anche-a-piacenza/

Non ho attraversato zone dove si sentisse odore di NH3, e comunque terro'  in considerazione questa tua dritta  ;)

Invece entrando nel pratico io ho fatto queste considerazioni sugli altri aspetti che hai introdotto nella discussione:

Stagione migliore:
Per me sono i primi di settembre, non c'e' piu' il caldo torrido, le ore di luce sono ancora molte, il grosso degli insetti zanzare, tafani mosche si e' ridotto;

Portata delle acque:
Settembre puo' essere un incognita perché dopo il 15 di Agosto in tutto il Nord Italia ci sono ormai da 4/5 anni a questa parte, piogge anche abbondanti che vanno a gonfiare il livello dei fiumi affluenti e di conseguenza del PO che esce da un periodo di magra e quindi potrebbe esserci della corrente .... insomma bisogna vedere al momento se e' praticabile ......
Per la portata delle acque probabilmente il periodo migliore sarebbe ora ......

Zanzare, tafani ed altri insetti:
Come dicevo sopra settembre mi sembra il periodo migliore visto che ormai la popolazione si va' riducendo, rimane il fatto che verso il tramonto bisogna comunque essere belli unti di repellente ....... ed avere abiti che coprano braccia e gambe ... la zanzariera da cappello non mi sembra che serva in Italia ... in Svezia o Finlandia invece si che serve!!!

Soste:
Io prevedo di farla a tappe di 2/3 giorni l'una ..... non posso prendermi sicuramente 6/8 giorni di fila a settembre di ferie ... e comunque devo cercare di farla prima che ricominci la scuola per mia figlia .... dopo sono fuori gioco!
Ho scartato l'idea della tenda anche per evitare di caricare troppo la canoa, .... tenda, materassino, sacco a pelo portano via molto spazio ...... quindi tappe a portata di qualche osteria/B&B dove sia raggiungibile il luogo da una strada per il recupero ed il ritorno a casa ...... qui mi  illudo che la moglie mi venga a prendere ;D ;D ;D ;D  ;D ;D ;D ;D

Tutte queste considerazioni senza tenere conto dell'unica variabile imponderabile ...... il METEO ..... bisognera' vedere come sara' l'autunno ........

Se ti vengono in mente altri suggerimenti ........  :)
 

Luigi - Tender to NoLe

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
allora... lo sbarco è meglio farlo in riva destra dove ci sono delle zattere (un bel po' prima della centrale ovviamente).
A sinistra è molto difficile sbarcare perchè ci sono rive ripide e giungla.
 
Purtroppo c'è un po' di strada da fare a piedi con la canoa a spalla (non so come suggerirvi di fare con le gonfiabili).
Una volta sbarcati, c'è  una strada che porta verso la centrale e che permette di otrepassarla.
(è divieto di transito per le macchine)

Una volta oltrepassata la centrale, a valle delle stessa trovate un ponte che vi permette di arrivare al ramo sx
di Po.
In pratica, pensate ad una Y:
il ramo di sx è una diga,
il ramo di dx una centrale elettrica.

Voi attraccate a destra prima della centrale,
andate a piedi oltre la centrale,
passate il ponte che vi fa attraversare il ramo di dx e vi porta  verso l'imbarco del ramo di sx.
Lì potete reimbarcarvi.
Occorre essere un poco agili, non c'è nulla di predisposto, ma è tutto fattibile.

vi allego due foto per rendere l' idea di costruzioni e dimensioni:
...............

Ciao @Dani grazie, ho dato un occhiata con Google Earth alla zona ...... io avevo previsto lo sbarco sul lato DX prima del ponte della SP27 dove attracca la motonave Calpurnia e da li' con l'auto di passare la conca, ma vedo che c'e' un ponte subito dopo la centrale elettrica che passa di la' verso il "PO nuovo" ... andro' a dare un occhiata in macchina per vedere se e' fattibile ....

Luigi - Tender to NoLe

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Grazie Vittorio, sono informazioni veramente interessanti, purtroppo è già tanto se sono riuscita a comprarmi una gonfiabile non oso immaginare quanto possa costare una canadese, quindi spero tanto che non si buchi un ennesima volta, per il momento ho solo tre rattoppi  ;D
Se tu ti volessi dilungare anche su consigli in merito agli insetti molesti e le soste, a me non dispiace anzi, più notizie ci sono più preparati saremo  :)
Ho sentito parlare di zone in cui la corrente è praticamente assente, stò cercando di capire quali sono i tratti, hai qualche indicazione ?

Ciao penso che gli unici tratti con corrente "debole" siano man mano che ci si avvicina ad Isola Serafini per via degli sbarramenti delle dighe delle centrali elettriche e della conca, e verso l'estuario dove il PO si ramifica ........  ma dipende dalla portata d'acqua del momento  ;)
Luigi - Tender to NoLe

Marco Pec

  • Full Member
  • ****
  • Post: 251

Sulla qualita' delle acque del PO e della maggior parte dei nostri fiumi Italiani, credeo che si debba stendere un velo pietoso per quanto devo dire che sono rimasto sorpreso di trovare acqua limpida in PO ...nonostante ci siano delle visibili schiume in alcuni tratti e notizia di oggi sul giornale locale danno addirittura balneabile il tratto di PO Cremonese ... sarei pero' curioso di sapere ogni quanto vengono effettuati i controlli da parte di ARPA

http://www.liberta.it/2013/07/07/tuffi-in-po-dalla-prossima-estate-potrebbe-essere-possibile-anche-a-piacenza/


Che bella notizia.....speriamo che veramente stia cambiando qualcosa...

Per il discorso corrente invece confermo che prima di Isola Serafini l'acqua è ferma....

Marco Pec

Dani Ckfiumi

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 417
Che bella notizia.....speriamo che veramente stia cambiando qualcosa...

Per il discorso corrente invece confermo che prima di Isola Serafini l'acqua è ferma....

eeehhh Pec …. io sono ancora molto scettica sulla balneabilità del Po,
però ne sento parlare sempre più spesso qui a Cremona. Troppo bello per essere vero!

In realtà, in questi anni,  causa canoa olimpica particolarmente maleducata,
qualche bagno non voluto ce l'ho fatto … e sono ancora qui a raccontarlo.
E come me, tanti altri che si allenano in Po tutti i santi  giorni.
Morale: se ti ribalti in Po, non ti sciogli nell' acido, né vieni fagocitato dalla famigerata schiuma (che CON IL PO IN PIENA è più che normale fin da epoca pre-industriale), né devi correre al PS.

Concordo sicuramente sul fatto di evitare le zone di acqua ferma (come del resto farei su qualsiasi fiume, specialmente in stagione secca).

Sul fatto di scegliere Agosto o Settembre direi che dipende un po' dalle precipitazioni.
Considera che in Agosto molte fabbriche chiudono o riducono l' attività, se il livello  del fiume è  discreto  può essere comunque un buon periodo. E' da monitorare.
L' ottimale sarebbe Maggio, ma ci sarebbe da aspettare ancora un anno!

come ultima cosa, considero indispensabile munirsi di
- maglietta chiara
- eventuale cappellino per il sole
- buona scorta di acqua da bere (e integratori). 
Stare sotto il sole tutto il giorno  non è  cosa da sottovalutare.

Tender (un giorno ci dirai come ti chiami vero?),
se hai addirittura una macchina per fare il trasbordo direi che allora non hai proprio problemi. Altrimenti ci possiamo organizzare. Con una semplice corda c'è un punto anche sulla riva sx in cui sbarcare (e quindi molto meno da camminare per il reimbarco).

Dai che vi aspettiamo!
What if you knew everything you did online was being watched, followed, stored and sorted by sophisticated algorithms that were profiling you in real-time. Would it change how you behave? ..
Brave New World. Use https://brave.com Luke !

Vittorio Pongolini

  • Full Member
  • ****
  • Post: 707
  • Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Vorrei rispondere un po' a tutti (brevemente), mettendo anche delle citazioni sul mio stesso pezzo, perché ho visto che ho fatto due begli errori, uno tra un a frase primaria che non ha avuto seguito (....rocker... ) e l'altro perché ho dimenticato un verbo essere in mezzo ad un periodo, ma..... non so come fare ad inserire le citazioni....! Come cavolo si fa? L'ho scritto di getto senza rileggerlo....
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Marco Pec

  • Full Member
  • ****
  • Post: 251
eeehhh Pec …. io sono ancora molto scettica sulla balneabilità del Po,
però ne sento parlare sempre più spesso qui a Cremona. Troppo bello per essere vero!

ciao Dani!!!!
fammi almeno sperare che realmente la qualità delle acque stia migliorando!!
Però leggendo il post di Mauricus sul Big Jump non vorrei che da buoni italiani abbiamo rialzato i parametri di legge in modo di rispettare la Direttiva CEE n.10/2000 che prevede entro il 2015 la balneazione in tutte le acque interne.

In realtà, in questi anni,  causa canoa olimpica particolarmente maleducata,
qualche bagno non voluto ce l'ho fatto … e sono ancora qui a raccontarlo.
E come me, tanti altri che si allenano in Po tutti i santi  giorni.

Noi "fiumaroli" non facciamo testo dopo una vita a mollo ci siamo fatto gli anticorpi!!!!!

Pec

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...

Concordo sicuramente sul fatto di evitare le zone di acqua ferma (come del resto farei su qualsiasi fiume, specialmente in stagione secca).

Sul fatto di scegliere Agosto o Settembre direi che dipende un po' dalle precipitazioni.
Considera che in Agosto molte fabbriche chiudono o riducono l' attività, se il livello  del fiume è  discreto  può essere comunque un buon periodo. E' da monitorare.
L' ottimale sarebbe Maggio, ma ci sarebbe da aspettare ancora un anno!

come ultima cosa, considero indispensabile munirsi di
- maglietta chiara
- eventuale cappellino per il sole
- buona scorta di acqua da bere (e integratori). 
Stare sotto il sole tutto il giorno  non è  cosa da sottovalutare.

Tender (un giorno ci dirai come ti chiami vero?),
se hai addirittura una macchina per fare il trasbordo direi che allora non hai proprio problemi. Altrimenti ci possiamo organizzare. Con una semplice corda c'è un punto anche sulla riva sx in cui sbarcare (e quindi molto meno da camminare per il reimbarco).

Dai che vi aspettiamo!
@Dani ti e' sfuggito che il mio nome e' indicato nella firma  ;), comunque mi chiamo Luigi, ....

Evitare le acque ferme ..... sono d'accordo, per quanto non e' che ce ne siano molte in PO, giusto qualche lanca.

Abbigliamento: maglietta anti UV "bianca" di licra da surfista ...., cappello da esploratore anti UV bianco, guanti da vela e occhiali a specchio blu .... son "quasi"  figo  ;D ;D ;D ;D ;D ;D ;D ;D ;D ;D

Acqua: ne prendo a bordo da 6 a 7,5 lt ....quasi ci scappa anche una doccia  :D

Per la macchina pur non avendo le sbarre sul tetto, non dovrei avere problemi a caricare la canoa gonfia per un breve tratto legandola a prua e poppa.

C'e'  corrente nel tratto di PO nuovo?

Problemi particolari con la confluenza dell'Adda?

 
Luigi - Tender to NoLe

Marco Pec

  • Full Member
  • ****
  • Post: 251

Evitare le acque ferme ..... sono d'accordo, per quanto non e' che ce ne siano molte in PO, giusto qualche lanca.


contrariamente a quanto si pensa in condizioni di livello normale nel Po la velocità della corrente è abbastanza modesta (media 0,8msec http://www.arni.it/attivita/cremona_mare.htm  ), quando lo discesi nell'agosto 1998, anno particolarmente secco,  il problema fu proprio di sfruttare al meglio la corrente per fare meno fatica.

A memoria gli unici tratti con  corrente relativamente sostenuta  li trovammo a Piacenza, se non ricordo male in corrispondenza di una caserma militare, e a valle di Isola Serafini.

Tieni presente che nei tratti navigabili potresti incrociare delle grosse betoline  che, se ti passano vicino, formano delle divertenti onde....anche qui nessun problema basta non farsi avvicinarsi troppo e prenderle di traverso.

Nella mia discesa fino a Venezia il punto veramente pericoloso fu l'attraversamento del canale di Porto Marghera....quasi peggio che attraversare la tangenziale di Milano  a piedi il lunedì mattina ....

Pec

Dani Ckfiumi

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 417
C'e'  corrente nel tratto di PO nuovo?
Problemi particolari con la confluenza dell'Adda?

con questo livello non ci sono particolari problemi.
L' unica cosa che vi serve è avere un po' di dimestichezza con il nuovo habitat.

Facciamo così:
se non ti senti tranquillo, naviga su Po seguendo gli spiaggioni.
il Po di solito ha una riva artificiale (dove la corrente è più veloce)
ed una riva lasciata "naturale"  dove sfoga durante la piena che in stagione di secca
è uno spiaggione.
Tu tieni la riva dove hai  gli spiaggioni e non troverai imprevisti (pennelli, etc)

Le bettoline segnalate dal Pec, sono da Cremona in giù. Solo da Cremona il Po
diventa navigabile da imbarcazioni di più grosse dimensioni. 

Ah, dimenticavo un bianchissimo particolare: Zeus !!!!!
Zeus è un cigno arrivato nella lanca della Maginot da non so bene dove e a cui da poco hanno affiancato una compagna.
I primi tempi dalla sua comparsa era trattato un po' come mascotte da tutti i  canoisti e venetisti.
Pare però che da quando si sia sposato abbia anche cambiato  carattere
ed ora mal sopporta chi disturba la loro pace.
Ogni tanto si sentono racconti di supposti attacchi a malcapitati naviganti.
Non te lo dico per spaventarti … ma solo per avvisarti che  ....  se vedi un bellissimo cigno
in distanza … sarebbe meglio mantenere tale distanza e continuare per la propria strada.
Zeus e Signora si trovano alla lanca della Maginot …  più o meno a 1-2 Km  a monte di Cremona,
lo potresti intravedere una volta che il  "Po nuovo"  si riunisce all' altro ramo (quello alimentato dalla centrale).

ciao ciao.

What if you knew everything you did online was being watched, followed, stored and sorted by sophisticated algorithms that were profiling you in real-time. Would it change how you behave? ..
Brave New World. Use https://brave.com Luke !

Dani Ckfiumi

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 417
Noi "fiumaroli" non facciamo testo dopo una vita a mollo ci siamo fatto gli anticorpi!!!!!

 ;D Pec ti adoro ....
ma fammi fare i conti .... tu c'hai qualche anticorpo in più di me ?   ;D
What if you knew everything you did online was being watched, followed, stored and sorted by sophisticated algorithms that were profiling you in real-time. Would it change how you behave? ..
Brave New World. Use https://brave.com Luke !

Marco Pec

  • Full Member
  • ****
  • Post: 251
;D Pec ti adoro ....
ma fammi fare i conti .... tu c'hai qualche anticorpo in più di me ?   ;D

 ;D

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Vorrei rispondere un po' a tutti (brevemente), mettendo anche delle citazioni sul mio stesso pezzo, perché ho visto che ho fatto due begli errori, uno tra un a frase primaria che non ha avuto seguito (....rocker... ) e l'altro perché ho dimenticato un verbo essere in mezzo ad un periodo, ma..... non so come fare ad inserire le citazioni....! Come cavolo si fa? L'ho scritto di getto senza rileggerlo....
Ciao Vittorio, è semplice in alto a destra di ogni riquadro di risposta/commento c'è un quadratino con scritto citazione, cliccaci sopra e ti si apre la schermata per scrivere il post con la citazione già inserita. ;)

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
eeehhh Pec …. io sono ancora molto scettica sulla balneabilità del Po,
però ne sento parlare sempre più spesso qui a Cremona. Troppo bello per essere vero!

In realtà, in questi anni,  causa canoa olimpica particolarmente maleducata,
qualche bagno non voluto ce l'ho fatto … e sono ancora qui a raccontarlo.
E come me, tanti altri che si allenano in Po tutti i santi  giorni.
Morale: se ti ribalti in Po, non ti sciogli nell' acido, né vieni fagocitato dalla famigerata schiuma (che CON IL PO IN PIENA è più che normale fin da epoca pre-industriale), né devi correre al PS.

Concordo sicuramente sul fatto di evitare le zone di acqua ferma (come del resto farei su qualsiasi fiume, specialmente in stagione secca).

Sul fatto di scegliere Agosto o Settembre direi che dipende un po' dalle precipitazioni.
Considera che in Agosto molte fabbriche chiudono o riducono l' attività, se il livello  del fiume è  discreto  può essere comunque un buon periodo. E' da monitorare.
L' ottimale sarebbe Maggio, ma ci sarebbe da aspettare ancora un anno!

come ultima cosa, considero indispensabile munirsi di
- maglietta chiara
- eventuale cappellino per il sole
- buona scorta di acqua da bere (e integratori). 
Stare sotto il sole tutto il giorno  non è  cosa da sottovalutare.

Tender (un giorno ci dirai come ti chiami vero?),
se hai addirittura una macchina per fare il trasbordo direi che allora non hai proprio problemi. Altrimenti ci possiamo organizzare. Con una semplice corda c'è un punto anche sulla riva sx in cui sbarcare (e quindi molto meno da camminare per il reimbarco).

Dai che vi aspettiamo!
Ciao Dany, spero anch'io un giorno di poter rivedere i fiumi italiani con la stessa visione che aveva mio padre da piccolo, mi racconta sempre che l'acqua era limpida e si poteva quasi berla  :o :o :o mi sono sempre sembrati racconti di fantascenza  ;D sicuramente non sarà mai più così ma la speranza di potermi fare un bagnetto senza mille paranoie non mi dispiace  ;)

Per quanto rigurada il mese di Maggio sono concorde con te, penso sia il migliore a livello di corrente di clima e di insetti, anche se quest'anno non conferma le nostre preferenze, con tutta la pioggia che ha fatto il fiume è stato quasi sempre in piena. A settembre ho paura di trovare pochissima corrente, anche se quasi tutti gli anni le prime due di settembre qualche bel acquazzone non manca mai  ;D 
Sai dirmi quali sono i livelli ottimali per navigare il Po in canoa ?

Pensavo di navigare il Po in tre tappe
1-Pavia Piacenza
2-Isola Serafini lato sx come consigli fino a Casalmaggiore
3-Getto e mmmmmh li sono un "PO" indecisa su quale direzione prendere Po di Venezia o Po di Goro.

Pensavo di andare io e il moroso con due macchine messe una alla partenza una all'arrivo......fiduciosi di non bucare prima dell'arrivo  ;D ;D ;D ;D ;D ;D ;D ;D ;D ;D 
 

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
ops scusate ho fatto casino.....mi da sempre errore in invio, in realtà inserisce il messaggio mah ::) ::) ::)

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Buongiorno Sonia, a PC puoi toccare terra in sponda DX tra i primi due e ponti che incontri arrivando da PV, quello stradale e il ferroviario vecchio, per il navigatore stradale inserisci Via Nino Bixio (quando ho tempo ti prendo anche le coordinate GPS).

Ti metto il link della webcam che riprende la zona di sbarco/imbarco, come puoi vedere e' molto comoda in questo momento si e' formata una bella spiaggia, in ogni caso c'e' lo scivolo dei VVFF  ;)

http://webcam.pc.it/webcam/spondadelpo.jpg



Luigi - Tender to NoLe

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Per tutti gli altri del forum se conoscete dei link di webcam di zone d'imbarco sbarco lungo il PO sino alla foce, se gentilmente li condividete potremmo fare una mappa del PO con riportati i vari punti con le coordinate e l'indirizzo utili per tutti  ;)
Luigi - Tender to NoLe

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Per tutti gli altri del forum se conoscete dei link di webcam di zone d'imbarco sbarco lungo il PO sino alla foce, se gentilmente li condividete potremmo fare una mappa del PO con riportati i vari punti con le coordinate e l'indirizzo utili per tutti  ;)
Ciao Luigi,
pensavo che devo creare un bel documentino world per mettere insieme tutti questi appunti, foto link, tutto veramente molto interessante, sinceramente non ci speravo più di trovare gente appassionata, evidentemente ho sempre cercato nei posti sbagliati  :-\
Non riesco a capire quale sia il giusto livello idrometrico per affrontare una discesa sicura e con la corrente giusta.

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Per me il giusto livello sarebbe in questo periodo .... il problema e' il caldo e gli insetti, settembre va valutato al momento come del resto maggio o giugno per l'incognita piene/meteo che rendono le acque troppo turbolente.

Devo essere sincero la settimana scorsa nelle 3/4 ore di uscita d'insetti non ne ho visti  :D ma verso la foce c'e' la nursery delle zanzare  :o

Io tirerei dritto per la Pila... ma va studiata bene la cosa, dovrebbe essere l'uscita piu' selvaggia ....

 
   

 
Luigi - Tender to NoLe

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Se questa notte non hai sonno  ;D ;D ;D

Il Delta in canoa ......
http://xoomer.virgilio.it/faroccat/canoa.html

Da studiare  ;)

Luigi - Tender to NoLe

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Grazie Luigi,
proprio quello che cervo, sei una fonte inesauribile di informazioni :-)
Cerco di scaricarlo su telefonino e me lo leggo in treno  ;D ;D ;D ;D ;D ;D

Philippe

  • Il fiume è musica
  • Full Member
  • ****
  • Post: 126
  • Rispettiamo l'acqua

Sai dirmi quali sono i livelli ottimali per navigare il Po in canoa ?
Ciao
Il Po ha una escursione idrometrica impressionante: dalla massima piena alla massima secca ci sono più di 14 metri di differenza.
A Cremona nel 2000, il 18 ottobre per la precisazione, il Po ha raggiunto +6,34 metri mentre nel 2006, il 6 luglio, è sceso a -7,84
Per fortuna, non ho mai vista onde anomale o onde di piena improvvise ma quando il fiume sale, lo fa comunque in modo inesorabile e insidioso. Mi ricordo una volta che eravamo andati a vedere il fiume in crescita, l'acqua era lentamente salita dietro di noi mentre guardavamo lo spettacolo, niente di grave ma l’acqua ci stava circondando già per qualche metro!
Qui, http://46.37.22.75/aipo/default.asp , dovresti poter trovare l’andamento dei livelli fino a 15 giorni indietro.
In questo periodo, il fiume si sta abbassando ma comunque è più che navigabile e l'acqua non è così pericolosa e inquinata come la descrive Vittorio: non siamo mica sul Lambro e anch'io mi sono girato in mezzo al Po provando un ks, ho perfino assaggiato l’acqua in modo involontario in quell’occasione e non mi è successo niente. So di gente che è stata molto male andando sul Noce, bel torrente del Trentino dove tutto dovrebbe essere pulito e perfetto!!

Ciao vi aspettiamo!
Philo

Dani Ckfiumi

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 417
A Cremona nel 2000, il 18 ottobre per la precisazione, il Po ha raggiunto +6,34 metri mentre nel 2006, il 6 luglio, è sceso a -7,84

ricordo quella spettacolare piena ... eravamo  ben oltre i  13.000 m/s.
Che spettacolo!
A Cremona avevano fatto un cordone di trattori con idrovore sull' argine maestro a monte della città:
... il Po stava bussando ... passandolo da sotto   ;D




A settembre ho paura di trovare pochissima corrente, anche se quasi tutti gli anni le prime due di settembre qualche bel acquazzone non manca mai  ;D 
Sai dirmi quali sono i livelli ottimali per navigare il Po in canoa ?

Ciao Sonia, in genere, è il tuo istinto a dirti se il livello va bene.
Ma quando sei neofita può essere un casino capire se quella vocina che senti è istinto saggio o pura paura atavica.

Comunque segui i livelli per un po' di tempo, studiali e prenditi delle città come punto di  riferimento, fai delle medie.
Ora è decisamente basso, l'idrometro di Cremona segna  -5,95
tienilo d' occhio soprattutto quando senti che ci sono piogge in arrivo in pianura o sulle alpi occidentali,
ti farai un' idea sui tempi di aumento e calo dell' acqua e sulla portata media della stagione.

Ciao!
 
What if you knew everything you did online was being watched, followed, stored and sorted by sophisticated algorithms that were profiling you in real-time. Would it change how you behave? ..
Brave New World. Use https://brave.com Luke !

Dani Ckfiumi

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 417
Per tutti gli altri del forum se conoscete dei link di webcam di zone d'imbarco sbarco lungo il PO sino alla foce, se gentilmente li condividete potremmo fare una mappa del PO con riportati i vari punti con le coordinate e l'indirizzo utili per tutti  ;)

veramente .... è  già da un po' di tempo che ci stiamo provando  ::)

http://www.ckfiumi.net/fiume.phtml/111
What if you knew everything you did online was being watched, followed, stored and sorted by sophisticated algorithms that were profiling you in real-time. Would it change how you behave? ..
Brave New World. Use https://brave.com Luke !

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...

Ciao Sonia, in genere, è il tuo istinto a dirti se il livello va bene.
Ma quando sei neofita può essere un casino capire se quella vocina che senti è istinto saggio o pura paura atavica.

Comunque segui i livelli per un po' di tempo, studiali e prenditi delle città come punto di  riferimento, fai delle medie.
Ora è decisamente basso, l'idrometro di Cremona segna  -5,95
tienilo d' occhio soprattutto quando senti che ci sono piogge in arrivo in pianura o sulle alpi occidentali,
ti farai un' idea sui tempi di aumento e calo dell' acqua e sulla portata media della stagione.

Ciao!

Grazie Dani, è una buona idea quella di tenere d'occhio i livelli, per capire i tempi di aumento, ma mi piacerebbe capire quale sia il livello migliore al quale fare riferimento, è forse il livello zero ?  ???
Ad esempio a Cremona mi sai dire quale sia livello che preferisci quando vai in canoa ?

stefano caprile CCN

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 552
Dò un mio piccolo e datato contributo. Datato perchè io il Po l'ho sceso nel 1985, quindi probabilmente tante cose sono cambiate. Però, avendolo sceso tutto, dalla confluenza col Ticino fino a Donada, l'esperienza mi è rimasta ben impressa:

- Corrente: più che evitarla, la corrente noi la ricercavamo disperatamente per avere un piccolo aiuto. Ricordo che fino a Cremona non era male, poi purtroppo ha iniziato a scemare, al Delta era praticamente lago.
- Inquinamento: prima di partire per il nostro viaggio ci siamo fatti una vaccinazione antitifica: 3 pastigliette acquistabili in farmacia. Precauzione probabilmente inutile, ma quando abbiamo incontrato una mucca morta galleggiante che ci ha fatto compagnia per alcuni giorni , siamo stati contenti di averla fatta (di notte, mentre dormivamo, ci sorpassava di nuovo).
- Acqua: andavamo con la tanica a fare il pieno nelle cascine vicino all'argine. Ottima occasione per socializzare con i contadini locali, che a volte ci offrivano anche un salamino, della frutta, un bicchiere di vino. E' stata una delle cose più belle della discesa del Po, un caro ricordo che ancora conservo. La gente del Po è generosa ed estroversa, e riempire la tanica crea l'occasione per socializzare.
- Diga Serafini: a quei tempi non occorreva trasbordarla. Il passaggio attraverso le chiuse era garantito a tutti i natanti, canoe comprese, ed il custode della diga è stato ben felice di consentircene l'utilizzo. Il che è stato un'esperienza interessante, oltre che molto comodo, dato il peso esagerato delle nostre canoe stracariche. Lo stesso valeva per le chiuse nel Canal Bianco tra Donada e la Laguna (molto più basse, e quindi meno particolari).

Ciao!
Stefano CCN

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Dò un mio piccolo e datato contributo. Datato perchè io il Po l'ho sceso nel 1985, quindi probabilmente tante cose sono cambiate. Però, avendolo sceso tutto, dalla confluenza col Ticino fino a Donada, l'esperienza mi è rimasta ben impressa:

- Corrente: più che evitarla, la corrente noi la ricercavamo disperatamente per avere un piccolo aiuto. Ricordo che fino a Cremona non era male, poi purtroppo ha iniziato a scemare, al Delta era praticamente lago.
- Inquinamento: prima di partire per il nostro viaggio ci siamo fatti una vaccinazione antitifica: 3 pastigliette acquistabili in farmacia. Precauzione probabilmente inutile, ma quando abbiamo incontrato una mucca morta galleggiante che ci ha fatto compagnia per alcuni giorni , siamo stati contenti di averla fatta (di notte, mentre dormivamo, ci sorpassava di nuovo).
- Acqua: andavamo con la tanica a fare il pieno nelle cascine vicino all'argine. Ottima occasione per socializzare con i contadini locali, che a volte ci offrivano anche un salamino, della frutta, un bicchiere di vino. E' stata una delle cose più belle della discesa del Po, un caro ricordo che ancora conservo. La gente del Po è generosa ed estroversa, e riempire la tanica crea l'occasione per socializzare.
- Diga Serafini: a quei tempi non occorreva trasbordarla. Il passaggio attraverso le chiuse era garantito a tutti i natanti, canoe comprese, ed il custode della diga è stato ben felice di consentircene l'utilizzo. Il che è stato un'esperienza interessante, oltre che molto comodo, dato il peso esagerato delle nostre canoe stracariche. Lo stesso valeva per le chiuse nel Canal Bianco tra Donada e la Laguna (molto più basse, e quindi meno particolari).

Ciao!

Ciao Stefano,
grazie per il contributo qualsiasi consiglio e ben accetto.
Triste sorpassare una mucca stecchita  :-\
Interessante che con la scusa di riempire la tanica d'acqua ci possa scappare uno spuntino a base di salamino e vinello  ;D ;D ;D ;D ;D ;D ;D ;D ;D
Spero ci sia corrente, per faticare il meno possibile  ;D ;D ;D ;D ;D ;D ;D
In che periododo dell'anno sei andato?
 

stefano caprile CCN

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 552
Era Settembre. Un Settembre incredibilmente e fortunatamente piovoso, almeno sulle montagne, e questo ci ha consentito di godere di un bel livello che ci ha dato una grossa mano nella prima parte.
Stefano CCN

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Imbarco/Sbarco a PC, tra il ponte stradale e quello ferroviario arrivando da PV.


In questo periodo si sbarca comodamente su una spiaggia in sponda DX, con livelli idrometrici piu' alti si usa lo scivolo dei VVFF in terra battuta che c'e' prima della spiaggia.


Coordinate:

Lat.     45°03'33,6" N
Long. 009°42'16,1" E

Localita': Via Nino Bixio, Piacenza


 
Ultima modifica: Luglio 11, 2013, 04:05:52 pm da Tender to NoLe
Luigi - Tender to NoLe

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
http://webcam.pc.it/webcam/spondadelpo.jpg

Scusate ma non ho fato in tempo a modificare il messaggio sopra per inserire il link  ;)
Luigi - Tender to NoLe

Dani Ckfiumi

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 417
mi piacerebbe capire quale sia il livello migliore al quale fare riferimento, è forse il livello zero ?  ???
Ad esempio a Cremona mi sai dire quale sia livello che preferisci quando vai in canoa ?

Sonia, io non uso più gli idrometri da anni ormai. Li usavo però i primi tempi che imparavo canoa.
Ora esco quando ho tempo e voglia,  indipendentemente dal livello, perchè conosco i miei mezzi (me e canoa) e conosco il fiume che ho davanti.  Mi è sfuggito, ....  ma tu abiti vicino a Po?
Lo zero dell' idrometro ....  corrisponde a qualche dato di rif.  di anni ben remoti a noi.
Il fiume scava il suo letto e cambia costantemente negli anni. Per le portate attuali, quando a Cremona il Po è allo zero ... significa che è piuttosto alto.

Se volessi arrivare sino a Venezia, cercherei  corrente a favore.
Un bel  metro di acqua in più di ora potrebbe fare comodo.

Ciao
 
What if you knew everything you did online was being watched, followed, stored and sorted by sophisticated algorithms that were profiling you in real-time. Would it change how you behave? ..
Brave New World. Use https://brave.com Luke !

Dani Ckfiumi

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 417
- Diga Serafini: a quei tempi non occorreva trasbordarla. Il passaggio attraverso le chiuse era garantito a tutti i natanti, canoe comprese, ed il custode della diga è stato ben felice di consentircene l'utilizzo. Il che è stato un'esperienza interessante, oltre che molto comodo, dato il peso esagerato delle nostre canoe stracariche. Lo stesso valeva per le chiuse nel Canal Bianco tra Donada e la Laguna (molto più basse, e quindi meno particolari).

Perchè no? Può essere un' idea. Provate a prendere contatto con la centrale, magari vi aprono le partie ....
provare a chiedere non costa nulla.
(però poi proseguite per il ramo di Dx .. eh va bhè .... può essere comunque un' esperienza anche quella di passare
in stile "stretto di Panama"  no?  :D )
What if you knew everything you did online was being watched, followed, stored and sorted by sophisticated algorithms that were profiling you in real-time. Would it change how you behave? ..
Brave New World. Use https://brave.com Luke !

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Perchè no? Può essere un' idea. Provate a prendere contatto con la centrale, magari vi aprono le partie ....
provare a chiedere non costa nulla.
(però poi proseguite per il ramo di Dx .. eh va bhè .... può essere comunque un' esperienza anche quella di passare
in stile "stretto di Panama"  no?  :D )

Sarebbe TROPPO BELLO  ::) ::) ::) ::) ::) ::) ::) ::) ..... ma la conca non funziona! ... tra l'altro stanno appaltando i lavori di rifacimento e quindi dovremo aspettare ancora almeno 3/5 anni prima di vederla in funzione! ...... sempre che nel durante non si fermi tutto anche se il progetto e' gia' stato finaziato .....
Ora passano solo i mezzi di soccorso/lavoro nei mesi invernali durante il periodo delle piene .... vi posto un paio di foto dell'anno scorso piu' o meno fatte in questo periodo  :(

 
 
Luigi - Tender to NoLe

Dani Ckfiumi

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 417
ossignore che tristezza  >:(
che siamo alla totale decadenza in ogni cosa ... è ormai dato di fatto.
torniamo a parlare del vostro viaggio che è meglio ...

niente "stretto di panama", ritorna l' opzione uno: "sbarco in normandia" con trasbordone.
What if you knew everything you did online was being watched, followed, stored and sorted by sophisticated algorithms that were profiling you in real-time. Would it change how you behave? ..
Brave New World. Use https://brave.com Luke !

stefanoDelta

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 11
  • ...
Ciao a tutti quelli che vogliono scendere il Po. Io sono un indigeno deltizio, nato e cresciuto nell'ultimo lembo di terra tra il Po di Gnocca ed il Po di Goro, e ora da molti anni vivo a Porto Tolle. Non conosco il Po a monte del Delta, perciò non so dirvi se conviene aspettare la stagione delle piogge e del disgelo per arrivare fino al Delta. Una volta arrivati nel Delta, a meno che non ci siano state piogge abbondanti, quello che conta è muoversi con le maree. E per Delta intendo ben distanti dalla foce, per lo meno da dove si stacca il primo ramo del Po di Goro, S. Maria in Punta, che io non mi sognerei mai e poi mai di fare in una sola giornata; anche due giornate a mio avviso sono "strette", ma questo poi dipende dalla disponibilità di tempo, dalla stanchezza, dal fatto che una volta arrivati sul Delta non si vede l'ora di finire e tornare a casa, oppure di deviare verso Venezia attraverso le conche di Volta Grimana (tagliando fuori tutto il Delta)...
La scelta del Po di Goro o del Po di Venezia: difficile consigliare. Il Po di Goro è assai più stretto e tortuoso, e dal fiume vedi sempre sponde verdi, ma per la maggior parte sono golene a pioppeto, almeno fino a Mesola (dove c'è un bel castello proprio in riva, attorniato da portici con ristorante/pizzeria dove si mangia un esclusivo "riso Venere", riso nero condito con gorgonzola e speck, su un letto di radicchio rosso, guarnito con fettine di pera). Da Mesola fino al mare, le golene prendono via via il posto dei pioppeti. Una volta arrivati al mare, a dx c'è il faro di Goro su un'isola sabbiosa, con ristorante e possibilità di campeggio nel cortile interno o direttamente sulla spiaggia; a sx invece sei sulla terraferma, con un altro ristorante/pizzeria e ampio parco erboso e ombreggiato ove poter campeggiare. E di lì c'è tutto un labirinto di canaletti nei canneti che si estendono tra il Po di Goro e la Gnocca, dove è facile perdersi con il kayak, ma che sono suggestivi da "esplorare", avendo tempo (guardate su Earth).

A proposito di tempo: i tempi sui quali vi vedo disquisire sono tempi da gommone a motore o da discese in torrenti ben veloci e senza massi; e senza tanto guardarsi attorno ma stando SEMPRE  nel pieno della corrente senza nemmeno avvicinarsi alla riva, per non perdere il filo della corrente e per non essere distratti o tentati di fermare la pagaiata per fare una foto.
Non è esattamente quello che Fabio Roccato consiglia nella sua pregevole opera con i 25 itinerari nel Delta. Se poi lo scopo è quello di COMPIERE l'impresa di scendere tutto il Po fino alla foce, testa bassa e pagaiare... allora è un'altra cosa.
La via più diretta è senz'altro il Po di Venezia fino a Pila (dove c'è l'altro faro nel Delta), tirando diritto senza lasciarsi distrarre dalle golene che si aprono, e nemmeno dal Po di Maistra (il Po meno antropizzato, dicono, che porta verso Boccasette, dove c'è un ostello, e poi prosegue verso una spiaggia al mare, raggiungibile anche da canaletto interno sulla dx appena prima della foce).
Del resto una volta a Pila, avrete modo di esplorare ugualmente i canneti e di perdervi nei meandri, delle "Pezze" o dell'isola della Batteria, passando dietro al faro e arrivando fino a Scano Boa, se lo desiderate.
Se pensate di seguire quest'ultima via (che passa per Porto Tolle), quando siete da queste parti fate un fischio, che mi unisco a voi e vi accompagno volentieri, guidandovi nei percorsi più suggestivi dell'itinerario prescelto (vedi appunto i 25 itinerari suggeriti: anzi, studiateli e ditemi quale vi piacerebbero di più).

ZANZARE: fin che stai in acqua non ci sono proprio! Basta stare appena appena discosti dalla riva per non vederle. Piuttosto, ci sarà invece qualche mosca cavallina (noi le chiamiamo tavanelle, "piccoli tafani", che sembrano dei caccia con le ali triangolari e fanno un male boia quando di mordono per succhiarti il sangue). Però non è che ce ne siano dei nugoli: una ogni tanto, che è importante schiacciare (non scacciare!) perché altrimenti non ti lascia in pace.
Di sera però è un'altra cosa! Quando ti avvicini a riva per piantare la tenda, e quindi sei sopra l'erba e vicino o sotto la vegetazione, allora lì ti sembrerà di essere una renna finlandese assalita dalle zanzare più fameliche. Consiglio di piantare la tenda nelle isole sabbiose senza vegetazione che sorgono in mezzo al Po, ma che emergono in questo periodo di poca portata, non certo se si aspettano le piogge per avere una corrente più favorevole.
Un'altra cosa da tenere presente nella scelta tra Po Grande e Po di Goro: in caso di giornate ventose, il Po Grande è molto più faticoso da percorrere (per la nota legge di Murphy per cui il vento ce l'hai sempre contro), mentre il Po di Goro essendo stretto e tortuoso ti tiene un po' più al riparo del vento (o sotto una sponda o sotto l'altra; tutto relativo, comunque).
Ci sarebbero troppe cose da dire sul Delta: non per nulla l'amico Roccato ha stilato 25 itinerari. Voi scegliete, e poi ci sentiamo su e-mail privata (per non intasare il forum; poi fate sempre a tempo a redigere un bel documento PDF su tutto la vostra esperienza da mettere in archivio a disposizione di tutti) o al telefono.
Un'ultima cosa: anche per me il periodo migliore per scendere il Po sarebbe giugno-luglio (quest'anno poi non c'è nemmeno tanto caldo). In settembre le giornate sono più corte, ma soprattutto ci sono le nuove generazioni di zanzare che sono tre volte più fastidiose e numerose che in questo periodo, dei veri e propri kamikaze che si lanciano alla disperata su tutto ciò che è caldo (si tuffano nella pizza e nella minestra!) nell'ansia di trovare nutrimento prima dell'imminente stagione invernale.

Ciao, Stefano dal Delta

Tender to NoLe

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
  • ...
Grazie Stefano, scusa il ritardo nella risposta ma ero in ferie, preziosi suggerimenti di cui terro' conto  ;)
Luigi - Tender to NoLe

Soniagenny

  • Md Member
  • ***
  • Post: 24
  • ...
Ciao Stefano, grazie dei consigli, finalmente ho trovato un computer per rispondere da telefonino non riuscivo  :-\
Bene con il "riso Venere" mi hai convinto scelgo di scendere per il Po di Goro  ;D ;D ;D ;D ;D ;D
Non mi aspettavo ci volessero due giorni......vorrà dire che parto da Mesola  ;D ;D ;D ;D ;D 
Interessante sapere che c'è un campeggio per fare una nottata sarebbe perfetto.