Post recenti

Pagine: 1 ... 8 9 [10]
91
Uscite e raduni / XI Raduno Tevere Farfa - 8 ottobre 2017
« Ultimo post da Valentino Romano il Settembre 26, 2017, 11:46:20 pm »
Domenica 8 ottobre il Gruppo Canoe Roma organizza  il "Raduno Tevere - Farfa", giunto alla sua undicesima edizione.
Il Raduno, adatto a ogni tipo di canoa, si svolgerà lungo un percorso di circa 15 Km interamente nella "Riserva Naturale Tevere - Farfa" da Nazzano a Torrita Tiberina e ritorno.
La Direzione della Riserva, dimostrando una grande sensibilità e apertura nei confronti della canoa come mezzo di fruizione ecocompatibile delle aree protette, ci ha autorizzato a percorrere anche il tratto di "Riserva Integrale", normalmente interdetto alla navigazione.
Qui la locandina della manifestazione:
http://www.gruppocanoeroma.it/Tevere-Farfa-2017-WEB.pdf
Le iscrizioni potranno avvenire il mattino del Raduno ma ringraziamo già da ora chi, segnalandoci in anticipo la propria partecipazione, ci consentirà di organizzare meglio la manifestazione.
Per informazioni:
Giuseppe Spinelli 3483583434
Antonio Paolucci 3806845411
www.gruppocanoeroma.it - info(chiocciola)gruppocanoeroma.it
==========================================
Programma:
ore 9:00 - Apertura iscrizioni presso la Direzione della Riserva Naturale (Km 28,100 SP Tiberina)
ore 10:00 - Imbarco
ore 14:30 - Pranzo presso “Ecoturismo Tevere Farfa” a base di prodotti locali e biologici
Possibilità di noleggio canoe e attrezzatura telefonando preventivamente a Mauro 3282579603 o Dario 3394533042
Per gli accompagnatori: possibilità di visitare la Riserva con il battello elettrico a prezzo convenzionato o di seguire integralmente il percorso delle canoe con la propria bici su buona strada sterrata.
Iscrizione: offerta libera
Costo del pranzo 18 € (Antipasto, primo, secondo, contorno, dolce, acqua, vino)
Come arrivare
 - Da Roma: A1 uscita Fiano Romano - Seguire indicazioni per Nazzano SP 18 via Tiberina - Svoltare a destra al Km 28,100
- Da Nord: A1 uscita Ponzano-Soratte - Seguire le indicazioni per Ponzano-->Filacciano--> superare Nazzano e svoltare a sinistra al Km 28,100
- GPS 42° 12.315'N -  12° 36.423'E
92
Materiali da canoa / Re:Riparazione kayak vetroresina!
« Ultimo post da fusillo il Settembre 26, 2017, 10:28:52 pm »
Scusa marittimo per la mia tarda risposta. Purtroppo sono stata un po' indaffarata. Dunque no i "tagli" non sono a livello di giuntura son laterali e sono piccole crepe da cui filtra acqua quindi vanno ripararti con carta a vetro e resina poliestere dall'interno direi. Poi pensavo già che faccio il lavoro volevo occuparmi del fondo : si presenta rovinato la vernice è venuta via e la vetroresina è  vista volevo dargli qlc che l'isolasse e irrobustisse/impermeabilizzasse allo stesso tempo senza appesantire ovviamente!
Scusa non ho foto :-\ ...   
93
Materiali da canoa / Re:Ritorno a pagaiare!
« Ultimo post da El_Ventu il Settembre 26, 2017, 09:24:17 pm »
Qui in modalità traino...di ritorno dal Trasimeno!
94
Materiali da canoa / Re:Ritorno a pagaiare!
« Ultimo post da El_Ventu il Settembre 26, 2017, 09:21:48 pm »
Recupero il post...
Purtroppo l'anno scorso non sono riuscito a finire la sistemazione  (ha piovuto nei giorni in cui avrei dovuto verniciarlo...).
Quest'anno l'ho terminato e usato.

Ho costruito la culla e riesco a trasportarlo senza sporgenze!

Ecco qualche foto!
95

Bell'articolo dello scrittore mantovano Davide Bregola, pubblicato ieri.  http://m.ilgiornale.it/news/2017/09/24/a-remi-lungo-il-fiume-po-per-navigare-nella-fantasia/1445338/  Tra i molti ricordi della tre giorni a remi lungo il Po, Davide racconta anche di un signore dalla folta barba bianca soprannominato “Gengis” che va dicendo che sulla sua canoa batte sempre il sole.  ;) :)
96
Materiali da canoa / Re:Riparazione kayak vetroresina!
« Ultimo post da marittimo il Settembre 22, 2017, 07:33:14 am »
Fusillo, riparare un kayak è come qualsiasi altro lavoro: si può fare bene o male. Dare solo resina senza tessuto farà riaprire il taglio alla prima uscita.
Ma dove sono questi tagli? Ha forse ceduto la giunzione scafo-coperta?
Qualche foto sarebbe utile per dare consigli più appropriati (ovviamente foto da cui si possa capire qualcosa  ;))
97
Materiali da canoa / Re:Riparazione kayak vetroresina!
« Ultimo post da fusillo il Settembre 21, 2017, 11:23:22 pm »
Grazie marittimo,
Il mio scopo è di riparare il kayak ;) , ripeto i taglienti son laterali e piccoli 3/4 cm pensavo di comprare uno i quei kit di riparazion che contengono resina catalizzatore e fibra di vetro e riparare dal interno per l 'esterno non ho idea magari do una mano solo con resina e catalizzatore...
98
Uscite e raduni / Re:Ticino Marathon 2017
« Ultimo post da MauriCus il Settembre 21, 2017, 11:03:03 am »
Buongiorno, la società organizzatrice è la Canottieri Ticino di Pavia.
Il link con i bandi di iscrizione è il seguente:
https://www.vigevanopavia.com/it/
99
Materiali da canoa / Re:Riparazione kayak vetroresina!
« Ultimo post da marittimo il Settembre 21, 2017, 07:23:02 am »
Non sono un purista perché “ho fatto cose che voi umani non potete immaginare… ;D”, quindi ho letto con interesse i suggerimenti di Giuseppe.

Se l’obiettivo è fare presto e come viene viene, allora ok. Aggiungerei solo quanto segue:
a) fare molta attenzione ai tempi perché quella resina (pensata come collante anziché impregnante) è molto densa e forse non riuscirà ad impregnare tessuto pesante nei tempi di pot-life (2-3 min). Si può diluire riscaldandola, ma questo accelera i tempi di indurimento.
b) userei più strati di tessuto leggero facendo pezze a scalare incollando prima quella piccola e sopra le altre sempre più grandi. Per via dei tempi estremamente rapidi di indurimento, preparerei di volta in volta la resina necessaria per attaccare 1 o 2 pezze.

Se invece non si vuole rischiare che la pezza sia peggio del buco, allora avrei delle perplessità.
Con la stessa somma si può comprare una piccola confezione di resina poliestere (di solito sono da 750 gr, ma si trovano anche da 500 o da 250), oltre ad una strisciolina di tessuto di vetro da 250 gr/mq normalmente reperibile nelle ferramenta più fornite. Forse ci scappano anche un barattolino di solvente (alla nitro o acetone) che costa circa 2 euro e un pennellino per stendere la resina (50 cent).
Sinceramente preferisco buttare la resina che avanza, ma fare un lavoro più sicuro e duraturo visto che costa uguale e sono procedimenti simili cambiando solo i materiali.
Attenzione solo a una cosa. Se il kayak è fatto con epossidica, allora dovrai usare questa perché la poliestere non attacca. Quindi i costi aumenteranno, ma non tanto come si possa immaginare (eventualmente ti dirò).
Occorre procedere con almeno 6/7 pezze. Trattandosi di resina più liquida e con tempi di catalizzazione più lunghi, si può preparare subito il quantitativo necessario (con la poliestere ci vogliono circa 3 volte il peso del tessuto. Con l'epoxi il rapporto è 1:1).
Per fare un bel lavoro aggiungerei i seguenti passaggi:
c) per dimensionare le pezze occorrerebbe capire l’origine dei tagli. Se derivano da sollecitazioni su insufficienze strutturali, allora potrebbero essere più estesi di quanto appaiano e la toppa dovrà avere dimensioni e spessore maggiori.
d) quindi innanzitutto pulire bene la superficie con sgrassatore da cucina, risciacquare abbondantemente e cercare eventuali crepe circostanti o di prolungamento dei tagli;
e) delineata l’area di intervento come già detto da Giuseppe, occorre carteggiare con grana grossa (40 o 60) per creare solchi che facilitano il grip;
f) altro lavaggio per asportare polvere e residui di grasso;
g) l’incollaggio deve avvenire su superficie asciutta, al limite usando un phon
f) meglio non toccare mai il supporto a mani nude poiché anche queste rilasciano grassi che ostacolano il prefetto incollaggio.

Ovviamente se hai vicino casa un cantiere o una ditta che usa resine e tessuti di vetro poi chiedere loro se ti riempiono un barattolino (che porterai tu insieme a uno più piccolo per il catalizzatore) e ti danno qualche scampolo. In questo caso la spesa sarà veramente irrisoria. Giusto un caffè.

100
Chat / Re:Idroelettrico avanti tutta.
« Ultimo post da fabrizio ligabue il Settembre 21, 2017, 12:04:45 am »
Demenziale, ma come diceva il ministro Galletti guardando dritto la telecamera alle spalle di IACONA   durante la trasmissione Presa Diretta dal titolo Capitale Naturale:"...é un argomento che deve essere prioritario nella prossima campagna elettorale..."Ho seguito in questa torrida estate l'interessante scambio tra Te e Pongolini sull'argomento sviluppo sostenibile,   emergenza acqua e tutto quello che ne consegue.Un bel derby,sentito e ricco di spunti che dovrebbero essere un punto da cui partire e capire.NOTIZIE ai NAVIGANTI/1),L'ENZA ha avuto e ha attualmente più acqua delle ultime 2 estati quì non c'è stata emergenza (sostantivo abusato in ITALIA)fortunatamente almeno fino allo sbarramento di Cerezzola,punto nevralgico per il rifornimento della assorbente pianura(2)Per la navigazione del tratto alto Selvanizza=Mora min.cambiato da45 a 50/55 idrometro di Vetto...tratto intermedio la Mora=Vetto70/80
buon autunno
Pagine: 1 ... 8 9 [10]