Post recenti

Pagine: [1] 2 3 ... 10
1
Chat / info Gesso, Piemonte
« Ultimo post da Andrea Ricci il Novembre 29, 2017, 10:51:12 am »
Un paddler francese cerca informazioni sul fiume Gesso per tentare una traversata dalla Francia all'Italia con sci e sup.
Riporto sotto la sua richiesta e la sua email, se qualcuno lo sa aiutare.

Frédéric Parrel <fredericparrel(chiocciola)gmail.com>
Hello, i am looking for information about the Gresso river between Entracque and Cuneo. I've got the Topo, but I don't know if the river has (usually) water in winter. My goal is to cross from France to Italy by ski and SUP.
Here is the Topo I found on ckfiumi:
Tetti Rim - Brignola: III 2h/7km https://ckfiumi.net/consulta.phtml/461/722
Brignola - Borgo San Dalmazo: III+ 2h/6km https://ckfiumi.net/consulta.phtml/461/723
Borgo San Dalmazo - Cuneo: III 1h/10km https://ckfiumi.net/consulta.phtml/461/527
Regards
2
Chat - Kmare / Re:Freya Hoffmeister: Goddess of Love to the Seas
« Ultimo post da Andrea Ricci il Novembre 29, 2017, 10:29:26 am »
Apprezzo molto di più i tanti che abbiamo in Italia che invece di eroiche e straordinarie imprese si dedicano alla promozione, all'insegnamento, alla difesa del nostro ambiente acquatico. Se avessimo soldi e tempo da dare, li darei piuttosto a loro. Per le imprese: c'è YouTube.
3
Chat - Kmare / Freya Hoffmeister: Goddess of Love to the Seas
« Ultimo post da Vittorio Pongolini il Novembre 28, 2017, 07:15:32 pm »
Credo che tutti conoscano Freya Hoffmeister, l'impavida pagaiatrice tedesca che ha circumnavigato i continenti del mondo. Sul suo sito ( http://freyahoffmeister.com/ ) spiccano due massime centrate: una "Dea dell'amore per i mari" e l'altra, direttamente sul suo kayak, che tradotta dice "Non smettere di partire, non iniziare a fermarti". Credo che siano del tutto azzeccate e per nulla esagerate date le imprese che ella ha fatto (ella...mah, forse esso [consentitemi almeno questa ironia, kayakiste]  anche se partecipò a Miss Germania).
C'è da rimanere ammirati su come sia stata in grado di trovare la forza e gli stimoli per portare avanti un simile lavoro/sport e  conseguente business indotto dalla sua pervicacia.
Sono queste le persone da portare in Italia a tutti i costi, anche in senso meramente economico, per farle conoscere ai canoisti/kayaker e per le quali valga la pena organizzare delle manifestazioni e spettacoli serali oltre che incontri sul suo elemento, il mare appunto, per celebrarle e per confrontarsi con la sua forza morale e fisica.
4
Chat / Re:Roberto Bruno, detto Brunotti.
« Ultimo post da Vittorio Pongolini il Novembre 24, 2017, 08:11:52 pm »
Conoscevo Roberto Bruno per la sua fama di canoista e dai vecchi film di canoa.
 
Avrei però voluto conoscerlo di persona e speravo di incontrarlo sui fiumi e alcuni anni fa ci siamo scambiati alcune email, in occasione del decesso di Carlo Grigioni, suo collega in nazionale ai Mondiali di Lipno.
 
La sua dipartita mi coglie di sorpresa e non mi ha consentito di arrivare a quanto speravo di riuscire a fare.
 
Non mi resta purtroppo che dispiacermi della sua perdita e  porgo alla famiglia le mie più sentite condoglianze.

5
Chat / Re:Deflusso minimo vitale per il fiume Chiese.
« Ultimo post da Luciano Mazzotti il Novembre 24, 2017, 10:33:45 am »
Volentieri diffondo l’invito di Gianluca Bordiga al convegno di Villanuova, sulla difesa ecologica del bacino idrografico del Fiume Chiese.

INVITO_CONVEGNO 25 NOVEMBRE_ORE 9:30_VILLANUOVA SUL CLISI_per la vita del Fiume Chiese e del Lago d'Idro_manifesto allegato:

SABATO 25 NOVEMBRE, ore 9:30, Sala Consiliare di Villanuova sul Clisi, un Convegno di alto profilo per risolvere la grave anomalia dell'assenza del deflusso minimo vitale in lunghi tratti del Fiume Chiese, dove viene fatto mancare artificialmente da molti decenni per ragioni produttive.
TUTTA LA POPOLAZIONE DEI 30 COMUNI DELL'ASTA DEL FIUME CHIESE E' INVITATA A PARTECIPARE, con un particolare invito alle Associazioni ambientaliste.

(Gianluca Bordiga, Presidente di Amici della Terra Lago d'Idro Valle Sabbia)
(Barbara Meggetto, Presidente di Legambiente Lombardia)


https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1905032752845762&set=gm.939581319526893&type=3&theater&ifg=1
6
Chat / Roberto Bruno, detto Brunotti.
« Ultimo post da Lorenzo Molinari il Novembre 23, 2017, 02:50:54 pm »
Forse pochi ricordano Roberto Bruno, detto Brunotti, nato nel 1937, credo a Torino, canoista fluviale dalla fine degli anni 1950, tuttavia desidero ricordarlo oggi a pochi giorni dalla sua scomparsa.

Nel 1957 Brunotti, studente a Milano della facoltà di Geologia, e il suo amico e compagno di studi Andrea Alessandrini progettarono e costruirono le loro prime canoe di legno e tela e nella pausa estiva s'imbarcarono a Pandino sull’Adda per pagaiare fino Venezia. L’anno successivo fu la volta del Rodano che discesero da Briga fino al mare e via mare fino all’Italia.

La passione spinse Andrea a fondare la ASA Canoe per la produzione di canoe in vetroresina, cui contribuì l’amico Brunotti, che di lì a poco però cessò di collaborare, avendo altri progetti per la sua vita.

Brunotti non abbandonò il mondo della canoa: insieme agli amici Andrea Alessandrini, ai fratelli Mario e Carlo Grigioni, ad Alberto Biagi, ecc. scese numerosi fiumi e torrenti in Italia e all’estero e fu atleta di spicco prima per il Canoa Club Milano (CCM) e poi per il Gruppo Milanese Canoa (GMC), gareggiando anche con la maglia azzurra nel kayak, specialità discesa, in squadra con Andrea Alessandrini, Roberto D’Angelo e Mario Di Stazio, questi ultimi d’Ivrea. Terminato il periodo agonistico, insieme ad Andrea Alessandrini, si occupò del settore giovanile fluviale del GMC, accompagnando per fiumi i fratelli Bernasconi, il sottoscritto e tanti altri.

Appassionato di bicicletta da strada e soprattutto di percorsi in salita, si cimentò su tutti i passi più duri e famosi d’Europa, seguito a ruota da diversi amici canoisti, tra i quali il sottoscritto.

Insegnante di matematica, negli anni ‘70 fece una scelta per allora del tutto inconsueta e precorritrice: lasciò Milano per trasferirsi in campagna con la sua compagna di vita Adriana Marzi sulle colline di Alba a Neive, dove aprì la Cantina del Glicine e iniziò a coltivare la vigna e a produrre grandi vini, tra i quali il suo Barbaresco, celebrato come uno dei migliori vini al mondo dai più prestigiosi concorsi enologici internazionali (consiglio il video disponibile al link: http://www.cantinadelglicine.com/it/home, per comprendere la sua arte vinicola).

Uomo tenace, con una volontà sovrumana nello sport come nel lavoro, desideroso sempre di ottenere il meglio, per quanto modesto, nonostante i grandi risultati ottenuti, e schivo da qualunque protagonismo. Originale nel suo modo di pensare, spesso controcorrente ma con quel giusto equilibrio tra rigore e ironia lasciava farsi ascoltare e spesso induceva a ripensare alle proprie opinioni.

In allegato foto della sua cantina a Neive, cantina che risale alla fine del 1500, e foto che lo ritrae di recente.

Grazie Brunotti!
7
Se avete gia preso altri impegni per sabato sera siete ancora in tempo a disdire tutto
Per venire a vedere gli spettacolari film che sono in programma sabato a Milano
al film festival  LA CANOA ESPLORA IL MONDO
Per la 30° edizione ci siamo superati ed abbiamo programmato
8 film Italiani inediti
5 film stranieri di cui uno inedito, due vincitori di festival e la prima visione Italiana di
INSIDE THE INDUS  racconto della discesa dell’impetuoso e insidioso fiume in pakistan
spettacolari immagini girate in tutto il mondo che vi terranno col fiato sospeso fino alla fine.

Canoa Club Milano
8
nuovo corso di eskimo alla piscina di Legnano (MI)
inizio giovedì 30 novembre dalle ore 21.00
organizza il Canoa Club Milano
oltre al corso aperto a tutti,  sarà possibile allenarsi utilizzando i kayak già presenti in piscina
e anche nuotare nell'ora dalle 20,30 alle 21.30
per info contattare Max   canoaclubmilano(chiocciola)gmail.com
un saluto e a presto
max milani e il consiglio CCM
9
allegato il poster della manifestazione
10
Uscite e raduni / Re:Siberia 2018 discesa Tunguska inferiore
« Ultimo post da solosiberia il Novembre 20, 2017, 01:11:41 pm »
lo so, è una giusta osservazione.
ma dato che leggo il russo come l'italiano e le info raccolte sono in russo, non aveva senso mettermi a tradurre dal russo all'italiano tutte le pagine (circa 250), tanto serviranno per questo viaggio solo a me.

una volta fatto il viaggio potrò realizzare una vera e più completa guida con le info fresche e la descrizione del fiume dopo averlo navigato personalmente. e allora lo farò in italiano, cosa che mi viene più semplice che usare il russo.

in rete non c'è nessuna info in italiano su questo fiume di 2989 km!
Pagine: [1] 2 3 ... 10