Autore Topic: Scelta della canoa  (Letto 1656 volte)

Aprile 19, 2019, 11:52:40 am
Letto 1656 volte

Teresa

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 9
  • Testo personale
    ...
Salve a tutti. Sono Teresa. Qualche anno fa ho avuto la possibilità di provare ad andare in canoa... era in vetroresina e anche abbastanza vecchiotta (quella bianca con gli schizzi colorati della prima foto) però andava molto bene e mi è piaciuto davvero tanto! Facevo uscite in mare, lungo la costa, di una decina di km. Ora mi si è presentata l'occasione di acquistarne una, ma essendo totalmente ignorante in materia di canoe o quant'altro vorrei un consiglio da parte vostra. Non cerco canoe ultimo tipo o professionali, ma una canoa che mi faccia rifare quelle lunghe passeggiate in mare che così tanto mi piacevano! So che esistono anche quelle da lago che non vanno bene in mare... Ne ho provata una l'anno scorso ed è stato un incubo! Dopo poche pagaiate perdeva la direzione, si girava ed ero costretta a rallentare, riaddrizzarla... insomma sono tornata indietro dopo dieci minuti! Qualcuno è così gentile da darmi qualche informazione o sa dirmi se la canoa che adesso vorrei acquistare è da mare? (quella rossa). Io ho solo qualche foto e so che è lunga m 4.30. Non vorrei sbagliare l'acquisto. Grazie

Aprile 19, 2019, 07:35:33 pm
Risposta #1

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 630
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Oh Teresa, peccato che non mostri il viso nella foto! Comunque anche il resto che si vede va bene... non preoccuparti.
Sì, la canoa che vuoi comprare forse va bene per quello che vuoi fare. "Lunghe passeggiate" cosa vuol dire? Km? Miglia Nautiche? E... quanti? 7 km? 15? 20 o 25? Quella rossa è più da lago che da mare ma va bene anche in mare, se stai sui 10 km. Altrimenti, se vuoi andare soprattutto in mare, devi prenderne una con la  prua rialzata, più "eschimese". E' un'equazione: se allunghi il percorso (oltre i 15 km) il tempo aumenta e anche il mare può cambiare e quindi devi poterlo affrontare con barche più appropriate, più marine. Anche lo stato del lago, peraltro, può cambiare repentinamente e talvolta diventa peggio del mare ma per il lago va bene quella canoa. Quando fai l'ultima puntata per acquistarla prendila in prua, sollevala, mettila se puoi su due cavalletti (o qualcosa che la tenga su per poterla vedere sotto, nella chiglia): a questo punto guarda se la prua è allineata con la poppa, se sono allo stesso livello. Se è così è una canoa (o kayak) per andare bene diritti senza correggere con la pagaia. Se non è così, cioè se non vedi bene la poppa dalla prua è una canoa da fiumi placidi, fino al 2° grado, e via di seguito se la linea della chiglia si arrotonda sempre di più. Ti è chiaro? Anche la lunghezza va bene per quello che vuoi fare tu ora, poi si vedrà. Senti il peso. Se è troppo pesante e la muovi a fatica va così così perché avrai bisogno di qualcun altro per spostarla. Cerca di capire quando è stata fatta perché dopo anni, lustri, decenni diventa fragile perché polimerizza. Chiedi dove era conservata, se in pieno sole (peggio) o al buio (meglio). per ora basta così. Ciao!
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Aprile 19, 2019, 09:23:49 pm
Risposta #2

Teresa

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 9
  • Testo personale
    ...
Grazie Vittorio per le tue spiegazioni, anche se, sempre per la mia ignoranza in materia, non ho capito bene. Come ho detto nel mio primo messaggio, nelle passeggiate con la canoa bianca, facevo circa una decina di km e non avevo nessun problema... quando invece ho provato ad andare con un'altra canoa (che era da lago) non riuscivo assolutamente ad andare dritta, anche se il mare era calmo. Quindi per me è importante che qualcuno mi dica che tipo di canoa è quella rossa... mare o lago? Allego altre due foto della canoa rossa sperando che tu, o qualcun altro, possa capire meglio di che tipo di canoa si tratti... Dimenticavo... Non so dove è stata tenuta, ma penso in un box... Mi è sembrata in buone condizioni

Aprile 20, 2019, 08:45:42 am
Risposta #3

Lorenzo Molinari

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 111
Ciao, il kayak rossa che mostri in foto è uno splendido kayak da turismo piuttosto lunga e veloce. La marca non appare ma il modello originario potrebbe essere stato progettato negli anni 1970, la canoa potrebbe essere stata probabilmente prodotta negli anni 1970-1990.
E’ un modello che non prende molto vento, avendo le punte basse, e quindi mantiene più facilmente la direzione con il vento.
Tu dici che però con questa canoa non riesci ad andare dritta. E' solo una questione di pratica, perché è una canoa che invece tende ad andare dritta (canoa lunga, fondo leggermente chigliato e punte in acqua solcanti), molto di più di quelle con le punte fuori dall'acqua e il fondo del tutto piatto, ma questa come inizia a curvare è più difficile da riportare nella direzione voluta, così come tenderà a curvare andando con onda alle spalle. Come dicevo è solo una questione di pratica, dovrai imparare a correggere la direzione quando accenna a curvare, allargando la pagaiata o inclinando appena il kayak.
Comunque è una canoa più adatta al lago che al mare, a meno che il mare non sia molto calmo.

Aprile 20, 2019, 03:49:32 pm
Risposta #4

Teresa

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 9
  • Testo personale
    ...
Grazie Lorenzo. Visto che mi dici che è più da lago che da mare, penso di non acquistarla. Spero mi capiti in futuro qualche altra occasione perché mi piacerebbe tornare a andare in canoa. Grazie ancora :)

Aprile 21, 2019, 07:03:47 am
Risposta #5

marittimo

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 133
  • Testo personale
    ...
Anche se la canoa rossa non ha la tipica forma marina, nel mio circolo (al mare) ce ne sono alcune simili e vengono usate senza particolari problemi (anche dai principianti). Ovviamente quasi nessuno di noi esce con mezzo metro d’onda e con vento oltre i 15 nodi (in quelle condizioni anche i kayak “marini” avrebbero qualche difficoltà).

Per valutare la direzionalità (cioè la capacità della canoa di andare dritta) basta osservare le estremità di prua e di poppa.
Allego una foto per spiegarmi meglio, che poi sono le stesse considerazioni già fatte da Vittorio Pongolini e da Lorenzo Molinari.

La parte della carena sopra la linea gialla è praticamente neutra per quello che qui ci interessa, perchè non riesce a fare presa in acqua. Di conseguenza la barca tende a ruotare ad ogni pagaiata (specie se eseguita male).
La parte sotto la linea gialla è invece quella che fa presa nell’acqua. Più è grande e profonda, maggiore sarà la presa. Così blocca lo scafo (a prua e a poppa) impedendogli di ruotare.
Anche la chiglietta centrale lungo la carena aiuta a “bloccare” la rotazione dello scafo.
Comunque tutto questo non basta, perché per andare dritti occorre anche imparare a pagaiare correttamente.

Ovviamente queste sono tutte considerazioni teoriche. L’ideale sarebbe provarla per vedere come ti trovi.

Cambiando discorso, dalla foto mi sembra di notare un bel pozzetto lungo, che potrebbe tornare utile sui lunghi percorsi per “sgranchirsi” le gambe.

Buona Pasqua a tutti


Aprile 21, 2019, 11:38:59 am
Risposta #6

Teresa

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 9
  • Testo personale
    ...
Ti ringrazio per le spiegazioni, ora ho capito qualcosa in più ma su una cosa sicuramente hai ragione.. la cosa migliore sarebbe provarla, ma non essendo sul posto di mare, la vedo dura... Quando, qualche giorno fa, ho visto la canoa rossa mi è sembrato avesse le stesse caratteristiche della bianca (prima foto del mio primo messaggio), con la quale, qualche anno fa, per due estati, ci uscivo tutte le mattine (mare permettendo), riuscendo a pagaiare senza problemi e mi piaceva parecchio! L'anno scorso ho provato ad andare su un'altra canoa (vi allego la foto per farmi capire meglio)... Anche quella, a vederla, mi sembrava uguale alla bianca... e invece era impossibile farla andare dritta! Hanno provato anche ad appesantirla in punta ma proprio non ci riuscivo! e non penso fosse dovuto alla mia pagaiata! Sarà che non mi intendo di canoe, ma riesco a pagaiare senza problemi anche con il mare non calmissimo... Ecco perché volevo un vostro aiuto... Per me, le canoe sembrano tutte uguali (togliendo quelle ultimo tipo, meravigliose, dove però i prezzi per me sono proibitivi) ma mi rendo conto che non è certo facile vedendo solo delle foto... Una cosa ho dimenticato di dire, forse anche importante... Quando sono andata a vedere la canoa rossa, ho notato che all'interno, proprio dietro il sediolino, c'è una chiusura, un 'timpano' (non so se si può chiamare così :P)... Chiude ermeticamente la parte posteriore della canoa (allego la foto), quindi va un solo sacco di punta... Sicuramente è stato aggiunto... Voi avete mai visto una cosa del genere? A cosa serve? E può creare problemi? Sono tante domande...lo so... Perdonatemi
Grazie e buona Pasqua

Aprile 21, 2019, 07:50:32 pm
Risposta #7

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 630
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Senti Teresa,

devi fidarti della gente esperta. Quella canoa rossa va benissimo. Per lago e per mare calmo. I sacchi di punta, con timpani o no, servono alla canoa per non colare a picco. Quanto costa? 200 €? 250€? 300€? Uau, prendila al volo! Se poi pesa poco, è integra e riesci a trasportarla e caricarla da sola sull'auto sei a posto per cinque anni, giusto il tempo per capire tutto lo scibile della canoa kayak. Se ti diciamo che non è un problema di canoa ma tuo che non sai bene come direzionarla ci devi credere. Abbiamo tutti messo in canoa almeno 1000 persone (ognuno!) e quindi conosciamo i difetti dei (post) principianti.

eeeh...se ti sei arrabbiata perché sono troppo duro : https://www.youtube.com/watch?v=4UOF2IGLA-E

Ciao Teresa! Ci vediamo in acqua!
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Aprile 21, 2019, 11:07:21 pm
Risposta #8

Teresa

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 9
  • Testo personale
    ...
Assolutamente non mi sono arrabbiata! Perché avrei dovuto? Grazie per i consigli e per la dedica ;D

Aprile 22, 2019, 07:01:33 am
Risposta #9

marittimo

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 133
  • Testo personale
    ...
Per rispondere alle ultime domande di Teresa ed aiutarla a capire anche da sola.

Per la canoa verde ci vorrebbe una ripresa laterale.
Dalla foto sembrerebbe avere una carena cui mancano le parti sotto la linea gialla che avevo disegnato nel mio intervento precedente.
Dovrebbe essere simile a quella del mio kayak nella sua versione originale, che poi modificai per renderlo più marino. Lo si vede nella prima foto di questa discussione

https://forum.ckfiumi.net/index.php/topic,5475.0.html

La chiusura dietro la seduta (che chiami “timpano”) serve a creare un gavone stagno per evitare il sacchetto gonfiabile.
Di solito è accompagnato da un’apertura (con chiusura ermetica) nella coperta (ma che in foto non vede). Così è possibile caricare qualcosa che vogliamo portare con noi (es. paraspruzzi, asciugamano, vivande, vestiario, ecc.) oltre a togliere l’acqua che eventualmente dovesse filtrare o anche solo raccogliersi per condensazione.
Per quest’ultima ragione è importante che ci sia almeno un piccolo tappo di scolo, a meno che non abbiano completamente riempito la parte posteriore con dell’espanso (di solito si usa schiuma liquida di poliuretano), ma questo lascia comunque dei vuoti e dispone anche di una carta capacità assorbente. Per capirlo basta premere sullo scafo e sentire se flette (come la parte anteriore) oppure è rigido. Se rigido significa che è stato riempito e, se così fosse, io non lo vorrei.

Circa il valore, non credo che al kayak rosso darei più di € 150, elevabili eventualmente a 200 con qualche accessorio (pagaia, paraspruzzi, salvagente).
Ovviamente dipende dalle alternative che trovi nelle vicinanze poiché, considerate le cifre in gioco, la spesa per andare a prenderlo o farselo spedire, inciderebbe parecchio.

Buona Pasquetta a tutti.

Aprile 22, 2019, 08:19:44 am
Risposta #10

Teresa

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 9
  • Testo personale
    ...
Hai proprio ragione! Quella verde era esattamente come quella tua, prima dei tuoi interventi! Lo ricordo perfettamente! E vedendo le due punte, cioè quella della tua canoa (anzi kayak ;)), e quella del kayak che dovrei acquistare, ho finalmente capito la differenza... Sono completamente diverse!
Ho letto tutta la discussione sulla modifica fatta da te a quel kayak... Per me questo è un mondo quasi del tutto sconosciuto e non posso fare a meno di farti i complimenti! Solo che la discussione termina con le modifiche fatte, e dicendo che avresti dovuto provarla in acqua...e sono proprio curiosa di sapere come è andata a finire! Non si dice che la curiosità è donna?  ;D
Tornando al kayak che dovrei acquistare, a questo punto l'unica cosa che ora devo verificare è se la parte posteriore è stata riempita o meno. Di una cosa sono sicura...non c'era nessun tappo o apertura... Oggi contatterò il proprietario per capire quando posso andare a rivederla. Quindi, se la parte fosse vuota, converrebbe mettere un tappo?
Intanto buona pasquetta! 8)

Aprile 22, 2019, 10:39:21 am
Risposta #11

Teresa

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 9
  • Testo personale
    ...
Ecco...dilemma finito... Il proprietario, nonostante gli accordi presi, ha venduto il kayak senza avvisarmi prima... No comment... Spero mi capiti un'altra occasione... Grazie a tutti... Se avrò bisogno di aiuto saprò a chi rivolgere le mie domande ;D

Aprile 23, 2019, 06:35:48 am
Risposta #12

marittimo

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 133
  • Testo personale
    ...

E vedendo le due punte, cioè quella della tua canoa (anzi kayak ;)), e quella del kayak che dovrei acquistare, ho finalmente capito la differenza... Sono completamente diverse!

Si, esteticamente sono molto differenti ma, per quanto riguarda il problema che hai posto tu (difficoltà nel farlo andare dritto), la differenza è poca, perché entrambi (il mio, dopo la modifica, e quello rosso, che avresti voluto acquistare), hanno molta superficie sotto la “linea gialla”.
La differenza è invece nella parte superiore (fuori dall’acqua) che, tuttavia, è neutra (per la direzionalità). Se hai notato le misure, il mio è stato allungato da cm 380 a cm 430 (poi diventati 435), quindi la forma della parte superiore deriva anche da questo.
La curva all’insù (a prua e a poppa) deriva da una decisione essenzialmente estetica (specie a poppa), per imitare le linee dei kayak tipicamente marini.




Ho letto tutta la discussione sulla modifica fatta da te a quel kayak... Solo che la discussione termina con le modifiche fatte, e dicendo che avresti dovuto provarla in acqua...e sono proprio curiosa di sapere come è andata a finire! Non si dice che la curiosità è donna?  ;D

Figurati. Mi sono iscritto al forum proprio per condividere con altri le mie esperienze e ho sempre risposto a tutte le domande che mi hanno posto.... più che altro uomini. Quindi la curiosità non è proprio una caratteristica essenzialmente femminile  ;D

Se però hai letto bene tutte le ben 5 pagine di discussione (complimenti per la pazienza!  ;)), dovresti aver notato che il battesimo del mare è stato ricevuto il 10 luglio 2016 (pag. 2), con una escursione di circa 3,5 miglia (oltre 6 km).
Poi ho raccontato anche di altre uscite sempre più lunghe (a pag. 2 c’è pure una cartina dei tragitti rilevati con il GPS) con tutte le valutazioni conseguenti (velocità, maneggevolezza, tenuta del mare, comodità, problematiche posturali, ecc.).
Nel 2016 sono state quasi tutte uscite di prova con il kayak ancora grezzo (non verniciato). Non ero mai andato in canoa fino a quel momento per cui, oltre a testare il mezzo, dovevo testare anche me stesso  ???
Poiché la canoa andava bene e non servivano altre modifiche, allora nel 2017 decisi di completarla con la verniciatura (v. pag. 4), la cui funzione era soprattutto estetica.
Complessivamente ho percorso oltre 1.000 km e sono sempre rimasto soddisfatto, anche nelle condizioni più difficili.
Però sono anche cresciuto in questa disciplina a me del tutto sconosciuta fino al 2016.
Quindi ho deciso di cambiare barca, orientandomi su un modello molto diverso e di concezione più moderna, per quanto sempre marina.
Il prosieguo della storia lo trovi in questa discussione

https://forum.ckfiumi.net/index.php/topic,5942.0.html

Qui le prove in acqua non sono ancora iniziate perché mancano alcuni lavoretti che spero di completare entro maggio.
Vedremo. Ovviamente poi racconterò gli sviluppi.


Aprile 23, 2019, 10:55:29 am
Risposta #13

Teresa

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 9
  • Testo personale
    ...
Scusami marittimo ma avevo letto solo la prima pagina mentre ora le ho lette tutte e cinque... La tua canoa è bellissima! Piacerebbe anche a me fare uscite lunghe, magari in belle zone e, soprattutto, in compagnia! Le mie uscite erano solitarie e, proprio per questo motivo, non mi sono mai allontanata troppo... Sono oramai tre anni che non ho più la canoa, e diciamo che mi ero un po' rassegnata... Ma ora mi metto di nuovo alla ricerca di una canoa... Spero di essere fortunata e di trovarne una che abbia un costo accessibile e, soprattutto, sia dalle mie parti perché, come hai detto tu, il trasporto inciderebbe troppo. Ho letto anche della nuova canoa che ti stai costruendo... Seguirò i tuoi progressi... A presto

Aprile 23, 2019, 04:32:07 pm
Risposta #14

marittimo

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 133
  • Testo personale
    ...
Allora in bocca al lupo per la ricerca.

Se ne hai la possibilità, fai una capatina anche nei vari circoli. A volte ci sono delle canoe praticamente abbandonate perché il proprietario non ha più voglia di usarle ed è anche troppo pigro per pubblicare l’annuncio e gestire la vendita. In pratica le prendi quasi gratis e gli togli un pensiero.

Oltre alla forma delle estremità (prua e poppa), per le quali ormai dovresti essere un’esperta  ;D…. guarda bene anche il pozzetto e ancora meglio se ci entri dentro per sentire come ti trovi (non troppo largo e neppure troppo stretto). Se non riesci a sollevare le ginocchia perché troppo corto o troppo basso, allora, nelle lunghe, potresti avere problemi di circolazione alle gambe (formicolio, crampi, dolore, ecc.)

Sarebbe importante anche la lunghezza perché da questa dipende la velocità.
Per uscite di 10 km dovrebbe essere almeno 4 metri. Se esci da sola il problema è comunque solo tuo, ma se esci in compagnia e sei troppo lenta, allora farai rallentare anche gli altri (che non saranno tanto contenti… con il rischio che la prossima volta ti lasciano a terra…).

Prova anche a caricartelo in spalla, così ti renderai conto se riuscirai a trasportarlo da sola oppure avrai bisogno di un carrellino (che ha il suo costo e il suo ingombro) o di qualcuno che ti aiuti (non sempre reperibile).

Insomma, di cose da dire ce ne sarebbero tante, ma non vorrei crearti confusione.

Del resto, se vuoi spendere poco, devi accontentarti di ciò che trovi e guardare solo alle esigenze principali. Il resto verrà col tempo  ;)