Autore Topic: idrometri del piemonte  (Letto 237 volte)

Maggio 19, 2017, 10:23:20 am
Letto 237 volte

Giuseppe Coduri

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 102
ciao, segnalo questa pagina in cui si trovano alcuni idrometri non presenti (o non funzionanti) nella pagina dedicata di ckfiumi.

http://www.arpa.piemonte.gov.it/rischinaturali/tematismi/acqua/osservazioni-in-tempo-reale/rete-meteo-idrografica/livelli-idrometrici.html?delta=0

Saluti.

G

Maggio 19, 2017, 11:09:13 am
Risposta #1

Antonio Fierro

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 104
Ne approfitto di questo post per lanciare l'idea di fare un progetto (a pagamento) per revisionare la pagina dei livelli idrometri del sito ckfiumi, ripristinando e introducendo anche nuovi link.
Mi sembra troppo preziosa per non pensare a un refresh. Credo sia un lavoro impegnativo dove occorre una certa professionalità
Siccome siamo in tanti una piccola autotassazione non sarebbe una cattiva idea.
Magari Daniela ci fa un preventivo oppure ci dice chi e cosa si può fare (lo fa lei, ci vuole un agenzia, lo fa un altro ?? ecc)
Più che un offerta libera suggerisco di stabilire una quota fissa da mettere e se poi avanzano i soldi si tengo per il mantenimento di tutto il sito (5-10).
Se invece si vogliono fare le cose fatte bene per mantenere tutto il sito si potrebbe stabilire una sorta di piccolo abbonamento annuale da devolvere a chi lo mantiene (singolo professionista, agenzia, Daniela ecc boh?)
Il nostro sito ck fiumi è veramente prezioso e non smetterò mai di ringraziare chi lo ha inventato però dopo tutti questi anni che noi lo usiamo e funziona possiamo anche pensare di mettere qualche euro perchè il volontariato può arrivare fino ad un certo punto.
cosa ne pensate ?
Antonio

Maggio 22, 2017, 09:01:19 am
Risposta #2

GP

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 10
Ckfiumi è una risorsa preziosa da non perdere per noi canoisti che, condizioni permettendo, sarebbe bello mantenere il più possibile così come è.
Creare/mantenere aggiornate le pagine web richiede conoscenze informatiche ma soprattutto parecchio tempo da parte dei volontari che sino ad oggi hanno fatto davvero un notevole lavoro, colgo l’occasione per ringraziarli. C’è qualcuno disponibile ad affiancarli? Pochi volontari non possono comprensibilmente fare tutto.

Considerato il numero di accessi giornalieri,*** presumo che CkFiumi abbia costi fissi annuali di un certo tipo volti a garantire un’adeguata banda di accesso (se la banda è piccola in rapporto agli accessi, il sito si blocca). Questi costi devono essere sicuramente sostenuti in quanto ne beneficiamo tutti. Non ho invece idea se gli Enti richiedano un contributo per la costante fornitura dei dati idrometrici. Perché non riaprire il conto affinché chi vuole (speriamo molti) possa contribuire volontariamente? Se poi la contribuzione libera non si rivelasse sufficiente, allora si potrebbe pensare ad un taglio minimo di contribuzione, come propone Antonio.

Per quanto riguarda le descrizioni dei fiumi, altra sezione molto importante, sta però a noi canoisti scriverle ma soprattutto tenerle aggiornate con una certa frequenza, qui la comunità di canoisti dovrebbe fare di più. Rispetto a 10 anni fa, oggi la maggioranza dei canoisti utilizza smartphones/tablet/Pc per condividere sui diversi social. Questo per dire che accedere ad un sito e postare è divenuto oggi un concetto ampiamente diffuso alla portata di tanti, perchè ognitanto non contribuire alle descrizioni di CKFiumi (non solo in occasione delle cosiddette "prime")?

*** CkFiumi rientra nel primo milione di siti al mondo, è un ottimo risultato, significa un elevatissimo numero di accessi: http://www.alexa.com/siteinfo/ckfiumi.net
GP

Maggio 22, 2017, 04:02:58 pm
Risposta #3

Antonio Fierro

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 104
Ciao
Secondo me alla Daniela spetta l'ultima parola. La mia opinione è quella che i tempi e il potenziale del sito non sono più da volontariato.
Non sono un professionista del settore ma credo che ci possano essere più soluzioni
Attendiamo notizie da chi ne sa della materia

Oggi alle 01:44:56 pm
Risposta #4

Andrea Gangemi

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 374
  • Testo personale
    La vita e` un lungo traghetto.
    • la sezione kayak di harzack
Ok,
vi dico la mia, e temo che per la prima volta Daniela mi manderà a stendere.
Ma sia chiaro da subito non è una critica verso la gestione di Ckfiumi o verso chi si sbatte per mantenerlo, anzi colgo l'occasione per ringraziarli.

Per avere più probabilità di sopravvivenza penso che Ckfiumi, sul lungo periodo, dovrebbe transizionare su una piattaforma aperta di qualche tipo, ad esempio un wiki, per permettere di contribuire a più persone che abbiano voglia, tempo e capacità.

Il problema economico non è marginale ma secondo me non è il vero punto della questione.

Prima di parlare di fondi sarebbe necessario avere un progetto, non si può pensare che un sito
come CKfiumi sia interamente nelle mani di una sola persona che giustamente deve lavorare, pensare alla sua vita privata ecc.

Anche con tutti i finanziamenti possibili, se domani Daniela decidesse di dedicarsi ad altro, cosa succederebbe al sito?

Gli anni passano e le tecnologie e le abitudini degli utenti cambiano.
Ad esempio, a torto o a ragione molti di noi non usano più ckfiumi per leggere gli idrometri ma si appoggiano ad altri siti o app che sono mantenuti più attivamente.

Non fraintendetemi, non voglio banalizzare la cosa. Qualunque attività, dal lasciare il sito così com'è fissando i bachi al transizionare ad altro sarebbe una bella impresa.


Andrea Gangemi
www.alpikayak.it
Canoa Senza Frontiere - Torino

Oggi alle 03:54:11 pm
Risposta #5

Alberto Garzena

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 132
Tutto giusto e condivisibile, ma parlando del presente non esiste più il conto corrente su cui inviare soldi per la gestione quotidiana. Dani facci sapere fosse anche solo il tuo Iban personale