CKI il forum della canoa italiana

Ahi ahi ahi....è qui che casca (meno) l'asino!!

(Letto 3018 volte)

Vittorio Pongolini

  • Full Member
  • ****
  • Post: 690
  • Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Dunque, telegrafico, ho scoperto che non si chiamano SUPper ma Paddleboarder (pagaia-tavolatori, letterale;  pagaiatori-su-tavola, molto meno spigolosamente).
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

marittimo

  • Full Member
  • ****
  • Post: 294
  • pagaiar m'è dolce in questo mare
Nel forum di http://www.standuppaddling.it li chiamano “paddler”

Lorenzo Molinari

  • Full Member
  • ****
  • Post: 299
  • Fluctuat nec mergitur
Chi pratica SUP, in lingua inglese, è genericamente un "paddler", specificatamente un "paddelborder".
In italiano si può chiamarlo un/una “suppista”, con la "u", e non come si dovrebbe pronunciare in inglese la lettera "u" di "SUP". D'altronde gli anglofoni non hanno storpiato "Firenze", la culla della nostra lingua, in "Florence", sia nella forma scritta, sia nella pronuncia?
Ultima modifica: Novembre 03, 2021, 12:18:31 pm da Lorenzo Molinari

Vittorio Pongolini

  • Full Member
  • ****
  • Post: 690
  • Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Chi pratica SUP, in lingua inglese, è genericamente un "paddler", specificatamente un "paddelborder".
In italiano si può chiamarlo un/una “suppista”, con la "u", e non come si dovrebbe pronunciare in inglese la lettera "u" di "SUP". D'altronde gli anglofoni non hanno storpiato "Firenze", la culla della nostra lingua, in "Florence", sia nella forma scritta, sia nella pronuncia?
Ehi Lorenzo, mezzamericano, non è corretto scrivere "paddelborder" come hai riportato, se no sembra sia che scrivi padel, di estrazione tennistica, ma con due d, e border, che vuol dire confine. Io, tuttitaliano, ho scritto, come riportato dalle riviste USA, "paddLeboArder" che vuol dire appunto pagaia (tore) (-su-) tavola.
Eh, dico, ...fai il linguista addirittura citando Firenze, capoluogo della "delizia del parlar toscano", modello della nostra lingua italiana, e poi mi caschi sul soggetto... Per penitenza dovrai giocare a padel con la paddel, la tua pagaia...
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Lorenzo Molinari

  • Full Member
  • ****
  • Post: 299
  • Fluctuat nec mergitur
Caro Toio, il mio è stato solo un errore di "stompa", come è ovvia che sia, visto che stavo riportando il sostantivo da te usato: "paddleboarder", e di cui è chiaro il significato.
Capita, scrivendo, magari un po' in fretta sul cell senza occhiali. Chiedo venia! Ciaooo

nolby

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 279
  • MARCO
Visto che oltre alla disquisizione sull'uso improprio del termine SUP si è discusso anche dei metodi "alternativi" di uso di queste tavole ecco l'ultima novità made in USA:



Pagaia doppia per SUP... ovviamente di dimensioni adeguate. Lunghezza variabile da 340 a 475cm

Vittorio Pongolini

  • Full Member
  • ****
  • Post: 690
  • Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Dov'è...dov'è... la voglio vedè la perticona! 4,75.. dev'essere mostruosa! Due volte una lunga, lunghissima pagaia da kayak da mare. Secondo me funge da prossimo albero maestro a cui a breve attaccheranno una vela e ridiventa un windsurf.
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

nolby

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 279
  • MARCO
Vittorio, mi ero dimenticato di inserire il link:

https://www.facebook.com/groups/paddlechurch/permalink/4694198597310555

PS:  leggendo il libro di Lorenzo parrebbe non essere poi questa grande novità la pagaia molto lunga per pagaiare-stando-inpiedi