CKI il forum della canoa italiana

Site Slogan

News:Il fiume è come un calzino prima o poi ci trovi un buco. Il puntapiedi è come la tazza del w.c., se non spingi serve a poco. Tratto da: massime e frasi celebri di Gigi Garioni.

Pagaia

(Letto 5930 volte)

renzo monelli

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 125
Ciao, da molto tempo utilizzo una vecchia Schlegel 90°, quella con le pale una verde e una rossa; adesso sarei intenzionato a sostituirla (sigh) perchè penso che il male ai polsi possa alleviarsi. Ho provato alcune pagaie "moderne" 45° e il bello è che cicco tutti gli eskimi. Forse è solo la forma della pala perchè mi pare di avere in mano un foglio di carta, ma non è il massimo della vita. C'è qualcuno che dopo 34 anni di utilizzo di pale tipo clave ha cambiato e si è trovato bene con qualcosa da consigliarmi? Conto sulla vostra generosità e cortesia.
Ciao,
Renzo

Giovanni Chiola

  • Jr. Member
  • **
  • *
  • Post: 8
Ciao, da molto tempo utilizzo una vecchia Schlegel 90°, quella con le pale una verde e una rossa; adesso sarei intenzionato a sostituirla (sigh) perchè penso che il male ai polsi possa alleviarsi. Ho provato alcune pagaie "moderne" 45° e il bello è che cicco tutti gli eskimi. Forse è solo la forma della pala perchè mi pare di avere in mano un foglio di carta, ma non è il massimo della vita.

Non credo che il problema sia l'inclinazione delle pale: l'eskimo, se lo sai fare, lo fai sia con la pagaia a 90 gradi, sia con quella a 45, sia con quella a 0 gradi. Se lo sai fare bene lo fai anche senza pagaia ... ;-)

Secondo me, invece, lo spessore della pala puo` fare la differenza: una pala molto sottile galleggia meno (perche` ha meno volume), ed e` piu` sensibile all'inclinazione della pala rispetto alla superficie dell'acqua (che deve essere leggermente positiva durante la spazzata, per evitare che affondi). Una pala piu` spessa galleggia meglio e ti perdona errori di inclinazione della pala affondando un po' meno. Il massimo della galleggiabilita` lo ottieni, secondo me, con una pagaia di tipo groenlandese (quelle con le pale lunghe, strette, e allineate tra loro), che infatti ti perdonano errori anche grossolani di inclinazione della pala, sia nell'eskimo che negli appoggi alti e bassi.

Comunque considera che la vecchia pagaia la puoi sempre portare di riserva, ed usare solo per per gli eskimi ... ;-)

Ciao,
Giovanni

stefano caprile CCN

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 549
Renzo, ho avuto esattamente lo stesso problema quando, nel 2003, la mia vecchia Schlegel Allround è andata smarrita nell'Alpin Sprint.
Anche io ho notato che eskimi e appoggi non riuscivano più con la stessa sicurezza passando ad una pala moderna, ovvero più leggera, meno inclinata e anche più corta.
Il problema è stato risolto andando un po' di volte in piscina con la pala nuova e "reimparando" l'eskimo. Ci vuole un po' di pazienza, ma ti assicuro che ne vale la pena. Con la nuova pagaia è un'altra vita!
Ho provato una volta a fare una discesa con una pagaia vecchio stile: mi sembrava di avere una vanga in mano.
Quindi passa sicuramente ad un modello nuovo, e approfitta dell'inverno per allenarti in piscina.
Ciao!
Stefano CCN

nico leo

  • Jr. Member
  • **
  • *
  • Post: 8
ciao scusa , penso ci siano i post adatti , devo vendere una pagaia [testo rimosso]

[Nota del mOd. C'e' il mercatino:
http://www.ckfiumi.net/mercatino_canoa_kayak_usati.phtml
Ultima modifica: Ottobre 05, 2010, 05:17:41 pm da Flavio di CKI

renzo monelli

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 125
Grazie intanto per aver risposto, per i consigli e l'incoraggiamento. Sto cercando di imparare l'eskimo con le orecchie; in alternativa terrò la pala fra i denti, scendendo naturalmente, per averla in caso di scuffia. Sono contento di sapere di non essere l'unico a subire il cambiamento.GRAZIE. Adesso cerco una pagaia "moderna" e mi dò da fare. Non si è mai finito di tribolare.
Ciao.
Renzo

marcok

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 54
ciao

già che sei in ottica di cambiamento prova le pagaie con il manico curvo,credo che in inglese le chiamino bent schaft,aiutano sia i polsi sia l'articolazione diminuendo la sovraesposizione scapolare in quanto tieni il braccio più vicino al corpo durante eskimi o appoggi

ciao

Andrea Gangemi

  • Full Member
  • ****
  • Post: 378
  • La vita e` un lungo traghetto.
Ciao
anche se di parte e anche se la grafica è molto brutta, il sito della Rough Stuff (marca semiartigianale di pagaie irlandese ) riporta molte informazioni interessanti.

Citazione
prova le pagaie con il manico curvo,credo che in inglese le chiamino bent schaft,aiutano sia i polsi sia l'articolazione diminuendo la sovraesposizione scapolare in quanto tieni il braccio più vicino al corpo durante eskimi o appoggi

I guru mi smentiranno ma il braccio in un appoggio o in un eschimo lo muovi nello stesso modo indipendentemente dal manico.

Piuttosto in teoria un manico erconomico (ne esistono di diversi tipi)  dovrebbe stressare meno le articolazioni del polso e della mano.
Dico in teoria perchè ti posso dire per esperienza che tutto il beneficio di un manico ergonomico può
essere vanificato se il diametro dello stesso ha dimensioni non adatte alla mano (nel mio caso ho la mano piccola e la mia Werner Bent Shaft ha un manico troppo grande, forse più adatto a Gianni Morandi che a me)
Andrea Gangemi
www.alpikayak.it
Canoa Senza Frontiere - Torino