CKI il forum della canoa italiana

AIUTO RESTAURO KAYAK MESSO MALE

(Letto 1030 volte)

marittimo

  • Full Member
  • ****
  • Post: 275
  • pagaiar m'è dolce in questo mare
Se usi il tessuto da 200 un paio di strati non sono tanti. Per riparare un taglio dovresti almeno ripristinare lo spessore originario (tra dentro e fuori). Tieni inoltre presente che le fibre che si troveranno parallele al taglio avranno scarsa rilevanza.

Per togliere la resina serve l’acetone o il suo specifico diluente (se usi l’epossidica).

Personalmente non ho mai usato il frangibolle perché ogni volta che posso applico uno strato di peel-ply che faccio aderire bene con un vecchio rullo da pittura rinsecchito. Il peel-ply serve anche per assorbire la resina in eccesso. Se non si crea il sottovuoto un po’ di aria resta comunque sempre intrappolata nello stratificato.

missouri

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 123
  • ...
io tendo ad usare vecchi pennelli e rulli, si comprano a pochissimo, pertanto se finisco di lavorare che si stanno già indurendo butto via tutto.
però mi pare che l'alcool bianco funzionò, da qualche parte lessi dell'aceto ma non ho mai provato.
l'acqua ragia mi pare che funzioni parzialmente ma poi ho fatto un disastro, sporcai ovunque e non evaporava.

marittimo

  • Full Member
  • ****
  • Post: 275
  • pagaiar m'è dolce in questo mare
Per laminare sarebbe meglio la spatola. Io uso quelle gialle morbide.
Il segreto per pulire i pennelli senza consumare fiumi di acetone o diluente è quello di usare la carta (tipo Scottex) per tirarne via il più possibile. Anche i rulli si possono pulire e riutilizzare più volte perché non è che siano proprio così a buon mercato.
Io uso l'aceto (quello del discount) per lavarmi le mani a fine lavoro e per piccoli lavoretti riciclo i guanti di plastica che si usano al supermercato nel reparto ortofrutta (del resto perché buttarli solo perché hanno toccato qualche pomodoro?). Anche i guanti c.d. monouso possono essere riutilizzati più volte con un po' di accortezza