Autore Topic: 9° RADUNO CANOISTICO DELLE STURE DI LANZO SABATO 2 E DOMENICA 3 GIUGNO 2018  (Letto 1236 volte)

Marzo 22, 2018, 04:15:10 pm
Letto 1236 volte

graziella

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 3
  • Testo personale
    ...
L’Alpi Kayak, in collaborazione con AICAN, organizza la nona edizione del Raduno canoistico delle Sture di Lanzo,per sabato 2 e domenica 3 giugno 2018.
 
Anche quest’anno la base del Raduno sarà a Lanzo Torinese, nell’area verde sulle rive del torrente Tesso, messa a disposizione dal comune di Lanzo.
Proponiamo la discesa dei vari tratti delle Sture: Stura di Lanzo, Stura di Viù, Stura di Val Grande.
Le discese sono per tutti i livelli, dal principiante al canoista esperto. In particolare daremo molto spazio all’assistenza dei canoisti meno esperti sui tratti “bassi”. Ci saranno anche tratti per le canoe canadesi.
Le montagne delle Valli sono cariche di neve, e tutto lascia ben sperare per un raduno ricco di acqua.
A breve sul sito www.alpikayak.it si troverà il programma di massima che verrà man mano aggiornato.
In seguito ulteriori aggiornamenti.
Per informazioni: Valerio: 335.75.85.978 - Graziella 349.74.67.966 – info(chiocciola)alpikayak.it

Maggio 15, 2018, 02:05:05 pm
Risposta #1

graziella

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 3
  • Testo personale
    ...
SECONDO COMUNICATO 2018

9° RADUNO CANOISTICO DELLE STURE DI LANZO SABATO 2 E DOMENICA 3 GIUGNO

 
Mancano pochi giorni al Raduno, stiamo procedendo nell’organizzazione.
In questo momento i livelli delle Sture sono medio - alti e sulle montagne c’è ancora molta neve, pertanto confidiamo in un raduno “ricco” d’acqua; in ogni caso vi terremo informati sui livelli.
Il ritrovo è previsto per sabato mattina dalle h 10,00, ma c’è la possibilità di pernottare presso la base del raduno già dal venerdì sera, con tende e camper, e da quest’anno c’è la possibilità di dormire all’interno della palestra Sandro Pertini, con sacco a pelo e materassino, oppure nelle strutture alberghiere della zona.
Proponiamo la discesa dei vari tratti delle Sture: Stura di Lanzo, Stura di Viù, Stura di Val Grande.

E da quest’anno proponiamo un tratto delle Sture di 12 km adatto ai meno esperti e alle canoe canadesi.

Al sabato sera ci sarà la cena comune presso lo storico mercato coperto di Piazza Rolle, stessa “Location” dell’anno scorso, ma quest’anno la cena sarà in collaborazione con la proloco di Lanzo, specializzata in questo genere di eventi.

Domenica mattina si ripartirà per le discese sui vari tratti delle Sture e poi nel pomeriggio, al ritorno dalle discese, ci sarà la consueta sottoscrizione a premi.

Ci saranno 2 primi premi: 2 buoni sconto del 50% € per l’acquisto di un kayak offerti da EXO Kayak e altri premi forniti da EXO Kayak, Alpin Action, Alpi Kayak, Birreria Lungo Sorso.

La EXO Kayaks metterà a disposizione alcune canoe test, che potranno essere provate durante il raduno, previa prenotazione al tavolo dell’iscrizione.
Un’ultima novità, da quest’anno ci sarà la possibilità di iscriversi al raduno e prenotare la cena online cliccando: www.alpikayak.it

L’iscrizione e la prenotazione online danno diritto ad un biglietto della lotteria in più.

In base agli sviluppi il programma verrà aggiornato.

Tutte le info e gli aggiornamenti sono consultabili sul nostro sito: www.alpikayak.it/eventi /giugno

Per ulteriori info:

Dora: 335.788.21.71 – Graziella: 349.746.79.66 – Valerio: 335.75.85.978

Maggio 30, 2018, 02:25:20 pm
Risposta #2

graziella

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 3
  • Testo personale
    ...
9° RADUNO CANOISTICO DELLE STURE DI LANZO
Buon giorno a tutti,
Il raduno delle Sture di Lanzo di sabato 2 e domenica 3 giugno è confermato.
Per il momento il tempo sarà sereno, con nubi sparse e rovesci moderati, temperature sui 20°.
I livelli ora sono medio - alti, a seconda dei tratti ma, cessate le piogge, dovrebbero ritornare a livelli normali. 
Il ritrovo per le discese è previsto per sabato mattina dalle h 10,00, a Lanzo Torinese, presso il Foro Boario in via Vittime dei Lager Nazisti, ma c’è la possibilità di pernottamento presso la base del raduno già dal venerdì sera.
Sabato mattina dalle 11,00 – 12,00 partiremo per le discese sui vari tratti delle Sture.
Sabato sera ci sarà una cena comune presso il mercato coperto a poche centinaia di metri dalla base.
Quest’anno abbiamo organizzato la cena in collaborazione con la proloco locale, che ci ha chiesto, per motivi organizzativi, di CHIUDERE LE ISCRIZIONI ALLA CENA ALLE  H 16,00 DI SABATO.
Pertanto vi chiediamo, se possibile, di prenotare la cena - in anticipo - presso il nostro sito (alpikayak.it) o al tavolo del raduno all’atto dell’iscrizione appena arrivate e, se ritardate, di prenotare tramite WA, specificando il nome e il numero di persone da Dante: 340.595.11.87 o Graziella: 349.746.79.66, entro le 16,00. Questo per dare un’idea alla proloco, di quale potrà essere l’adesione.
Ultima ora: nella piazza adiacente al mercato coperto, dove faremo la cena, ci sarà uno spettacolo di teatro di strada: “LUNATHICA”, una tappa di un tour internazione di teatro di strada, dalle h 21,30.
Domenica alla chiusura del raduno ci sarà la consueta lotteria: primo premio: 2 buoni sconto del  50% su una canoa della EXO KAYAKS e altri premi forniti da Alpin Action, Alpi Kayak e Birreria Lungo Sorso.
Inoltre grazie alla collaborazione con EXO Kayaks ci sarà la possibilità di provare le canoe di loro produzione.
Tutte le info sono consultabili sul nostro sito: www.alpikayak.it
Per ulteriori info contattate: Dora: 335.788.21.71 – Graziella: 349.746.79.66 – Valerio: 335.75.85.978
Vi aspettiamo
Graziella

Giugno 05, 2018, 06:57:05 pm
Risposta #3

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 595
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Alla mia non più tenera età, quando si cerca qualche posto nuovo per pagaiare, non interessa più solo la performance canoistica ma anche i contorni naturali,  geologici e di biodiversità dei fiumi, dei laghi e dei mari in cui ci si reca. Beninteso, non sono un relitto, ho qualche acciacco, 60 anni appena fatti, ma se c'è da scendere una rapida di Balmuccia in piena mi metto a capofila. Certamente con l'allenamento dovuto e senza i postumi della frattura al malleolo che ho subìto in una recente caduta in Moto Guzzi.
Sta di fatto che mi sembrava opportuno ricominciare blandamente sul fiume perché la caviglia è ancora un po' gonfia e allora al Raduno delle Sture, sempre meglio organizzato dai ragazzi di alpikayak, in barba a tutte le eccessive precauzioni di responsabilità civile che stanno affossando una passata, fiorente organizzazione di raduni da parte dei club dilettantistici (bravi ragazzi, ve lo dico con tutto il cuore e vi ringrazio apertamente), ho deciso di scendere la bassa Stura di Lanzo, terzo grado superiore di volume al massimo, ma in un tratto che mai avevo sceso tra tutte le Sture da me già fatte e discese in passato.
Gruppone abbastanza compatto e volumi importanti, ma la sorpresa più grossa, tanto meravigliosa quanto inaspettata, è stato lo scoprire una foresta fossile tra i ghiaieti spondali! Gli strati limoso - sabbiosi colorati dal legno fossile hanno una colorazione giallognola e, in uno scenario plumbeo per le nuvole temporalesche, che grazie alla velocità della corrente non ci hanno scaricato addosso nulla, compaiono nell'ultimo tratto della Stura più grande e sono veramente una visione premiante! C'è chi, come il sottoscritto, pensava fossero strati di qualche minerale solforato tipo pirite (disolfuro di ferro), chi, come gli amici del centro Italia, riferiva fossero strati di tufo. Né l'uno né l'altro, ma bensì i resti mineralizzati di una vera antichissima foresta fossile! Beh, questa stratificazione geologica, così particolarmente colorata e anomala, bastava da sola a giustificare la discesa del tratto più basso della Stura di Lanzo. Finora non avevo mai pagaiato tra gli strati geologici di una foresta fossile!
Ecco i riferimenti sul web:
 http://www.paleoantropo.net/articoli/forestafossile/forestafossile.htm
« Ultima modifica: Giugno 05, 2018, 07:16:40 pm da Vittorio Pongolini »
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

We can't afford to squander more of our rivers with dirty dams when real clean energy solutions exist. But... we have to be realistic with our actual energy consumptions!

Giugno 11, 2018, 03:35:05 pm
Risposta #4

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 595
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Ancora sulla foresta fossile, dall'autore del sito cui fa riferimento il link, mi scrive il sig. Gualtiero Accornero. Per coloro che potessero essere interessati sia alla discesa in canoa che a vedere e toccare la foresta fossile. Un po' di variazioni sul tema non guastano:

"Buongiorno Sig, Vittorio,
ho appreso con soddisfazione e piacevole sorpresa questa notizia e la ringrazio. Questa foresta fossile non è del tipo di quelle più famose "pietrificate" presenti in varie parti del modo che possono stupire di più, si tratta infatti di resti "carbonificati" (...non "carbonizzati"!) cioè una specie di mummificazione.
Il problema è quello della conservazione perchè le piene dello Stura occasionalmente violente "sradicano" i resti di questi fragili vegetali trasportandoli chissà dove e distruggendoli. Quindi salvaguardare l'area non è cosa semplice.
Dato che il recupero da parte di privati è vietato a norma legge (i fossili non si possono raccogliere), questo materiale va quindi perso. Purtroppo c'è anche gente che non sapendo cosa rappresentano usa questi resti vegetali come materiale combustibile da bruciare.
Prendendo in mano un frammento di questo legno fossilizzato infatti non sembra avere circa 3 milioni di anni, anzi profuma ancora di legno!
Gli studi su questa foresta sono stati eseguiti particolarmente dal Prof. Edoardo Martinetto (paleobotanico dell'Università di Torino) che conosco. Se ha voglia di approfondire l'argomento può trovare la pubblicazione scientifica divulgativa al seguente link: http://www.parchireali.gov.it/riserva.ponte.diavolo/pdf/foresta.fossile9.pdf.
Non credo che sia soggetta da particolari copyright pertanto la si può diffondere.
La foresta è quindi in continuo mutamento e possono affiorare nuove parti, mentre altre vengono distrutte dall'erosione. Non credo che l'area sia stata completamente "esplorata". Logicamente scendendo il fiume in canoa è possibile avvistare dei resti che a piedi è più difficile individuare. Se per caso qualche canoista ha fatto delle foto di questi tronchi che affiorano sarei veramente riconoscente se me le inviasse, così potrei girarle al dott. Martinetto in modo da valutare eventuali scoperte interessanti.
Occorre ricordare che scoperte importanti a volte avvengono grazie alle osservazioni di appassionati e naturalisti dilettanti.
Ricordo che collaboro anche col Museo di Storia Naturale di Valsalice di Torino (http://www.paleoantropo.net/musei/valsalice/museo.htm).
Mi faccia sapere.
Grazie per i complimenti al mio sito e per la gentile l'attenzione.
 
Gualtiero Accornero"
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

We can't afford to squander more of our rivers with dirty dams when real clean energy solutions exist. But... we have to be realistic with our actual energy consumptions!

Giugno 13, 2018, 03:39:41 pm
Risposta #5

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 595
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Gange, modifica la descrizione del secondo tratto della Stura di Lanzo inferiore! Non chiamarla "dei tufi" ma "della foresta fossile". Di tufo manco l'ombra, solo resti vegetali carbonificati e ceppaie di tre milioni di anni. A te che l'hai descritto per primo, l'onore.
Orde di paleocanoisti!!!
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

We can't afford to squander more of our rivers with dirty dams when real clean energy solutions exist. But... we have to be realistic with our actual energy consumptions!