Autore Topic: In ricordo di Alberto Biagi, canoista dal 1958.  (Letto 971 volte)

Marzo 05, 2018, 02:08:41 pm
Letto 971 volte

Lorenzo Molinari

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 86
Ero d’accordo con Alberto che sarei andato a rovistare nel suo archivio fotografico ma purtroppo, se accadrà, non ci sarà più lui a raccontarmi di quelle foto storiche, di quelle prime di molti torrenti, del viaggio in kayak lungo le coste dell’Islanda, della sua vittoria a una delle prime edizioni della Maratona internazionale del Taro nel 1962 o 63 davanti all’imbattibile Willi Gerstgrasser del Canoa Club Merano e di tanto altro ancora.

Alberto aveva iniziato a pagaiare nel 1958, circa a 17 anni, nella scia del pioniere e grande promotore Guglielmo Granacci del Canoa Club Milano. Ben presto si stufò di quell’andare in canoa, spesso lungo tratti di fiume dove è ormai venuta meno ogni spinta, dove se avverti il rumore dell’acqua, ti devi preoccupare di trovare un passaggio sulla raschiera, che non ti costringa a spingere la canoa sui sassi, anziché emozionarti per l’onda gelata che ti si rovescerà addosso. Né si entusiasmava per le tavolate celebrative in trattoria di fine discesa.
Sentiva il bisogno di fare qualcosa di più, di provare i suoi limiti, di mettere alla prova la sua tenacia e chi poteva assecondarlo se non il più audace e capace tra i canoisti italiani di allora? Carlo Grigioni, anche lui socio del CCM.
Granacci diffidò Alberto dal seguire Grigioni, avvisandolo che era un matto scapestrato, che andava a cercarsele. Parole che convinsero Alberto definitivamente che Grigioni fosse il miglior compagno di avventure.
Così fece nel marzo 1960 e si trovò a pagaiare fino agli ’70 in compagnia del gruppetto di Carlo Grigioni, che man mano si allargò ad altri. Nel tempo ne fecero parte Mario Grigioni, fratello di Carlo, Andrea Alessandrini, Sergio Garattoni, Adolfo Sacchi, Franco Zampirolo, Enzo Colla, Angelo Ramella, Luigi Paracchini, Denny Jucker, Casimiro Righini, Michele Romano, Sergio Rinaldi e, non ultima, Tatiana, la moglie di Alberto, una tra le poche donne - se non l’unica - che allora osasse scendere il 4° grado e avventurarsi lungo fiumi sconosciuti.
Fino al 1960-61 le mute non esistevano ma c’era chi riusciva a procurarsi qualche ritaglio di neoprene e se le auto-costruiva. Alberto, con la sua leggendaria manualità, aveva addirittura intarsiato il suo monogramma “BB” in neoprene giallo, con le B contrapposte.
Agli appuntamenti per andare sui fiumi Alberto arrivava sempre più che puntuale: rigorosamente in anticipo, quindi si appostava nelle vicinanze e - con nonchalance - al battere dell’ora stabilita si presentava né un attimo prima né un attimo dopo, consono al suo stile garbato e preciso.

Inizialmente le discese avvennero ancora con canoe pieghevoli in legno e tela ma appena uscì la tedesca Klepper Slalom in vetroresina da torrente, lunga 4,02 m, Alberto se ne interessò e circa nel 1959 la comprò. Quella fu la prima canoa in vetroresina da torrente arrivata in Italia!
Come gli altri amici del gruppetto toccarono con mano la superiorità del vetroresina, se ne procurarono una e ciò diede impulso a un ulteriore slancio esplorativo su tratti sempre più a monte e impegnativi dei torrenti alpini e appenninici.
Fu così che negli anni ’60 Carlo Grigioni, Albero Biagi e gli altri amici furono i primi italiani ad affrontare passaggi di quinto grado e scesero in prima molti fiumi e torrenti non solo in Italia, anche in Grecia e Jugoslavia.
Nel 1963 iniziò la lunga avventura balcanica, prima in Jugoslavia, con la pionieristica discesa della Tara di Alberto Biagi, Danny Jucker e Sergio Garattoni. Nel 1964 fu la volta della Piva. Tra le numerose discese sono senz’altro da ricordare quelle in Grecia nel 1974 dell’Aspropotamo, nel 1975 dell’Arachtos e, soprattutto, dell’Aoos, disceso in prima assoluta da: Carlo e Mario Grigioni, Alberto Biagi, Michele Romano e Casimiro Righini.

Il mio primo ricordo di Alberto risale al 1974, quando Alberto Biagi e Roberto Bruno, detto il Brunotti, soci del Gruppo Milanese Canoa, invitarono me e altri ragazzini del GMC a partecipare ai Campionati italiani allievi e ragazzi sul Lys a Gressoney. Ci trovammo sulla sponda del torrente io, mia sorella Isabella, poi venti volte campionessa italiana di canoa, Maurizio e Lele Bernasconi, che a inizio anni ’80 organizzarono le prime spedizioni italiane in canoa su fiumi tibetani, Francesco Conti, figlio di Luigi, Carlo Testa e altri ragazzini.
Per me e qualcun altro era la prima esperienza su un torrente, l’acqua gelida scorreva velocissima e noi, tutti giovanissimi, eravamo assai intimoriti e preoccupati. Alberto ci spiegò le manovre essenziali, l’ingresso in corrente e in morta, ci diede coraggio e ci fece indossare giubbotti e caschi da hockey, oltre alle nostre maglie di lana e giacchette K-Way. Poi… giù, iniziammo a pagaiare! Nessuno si capovolse, neppure al saltino a metà percorso! Fu merito di Alberto e di Roberto se non ne uscimmo spaventati e ci appassionammo alla canoa fluviale.

Credo che Alberto frequentasse pochissime persone. Era un uomo misterioso da quanto fosse riservato e schivo. Tuttavia periodicamente ospitava sontuose cene a casa sua con i suoi amici per parlare di discese fluviali e programmare nuove avventure.
Lo immaginavo immerso in un suo mondo parallelo, credo ignoto anche a quei pochi che frequentava. Mi affascinava andare a trovarlo nella sua grande casa, perché, per quanto lo spazio non vi mancasse, traboccava di oggetti strani e bizzarri, spesso sconosciuti e misteriosi come era lui, raccolti in giro e nei suoi viaggi. La sua mente ironica, anzi talvolta sanamente beffarda, lo rendeva un ideale raccoglitore e collezionista di tutto ciò che appariva kitsch o grottesco o che si fosse smarrito nel tempo: attrezzi da cucina dimenticati e di modernariato (aveva addirittura una collezione di frullatori di ogni sorta), maschere africane, antichi manichini per vetrine, oggetti Belle Époque, insegne di latta pubblicitarie e per la sicurezza sul lavoro di fine ottocento e inizio novecento, utensili contadini e tanto altro.

Ebbi il piacere di partecipare a uno dei suoi viaggi nel 1977 nel Nord Africa con Tatiana, Brunotti, Adriana Marzi e pochi altri amici, in cui mi insegnò un modo di viaggiare senza meta prestabilita, facendo campeggio libero e disponendosi alle sorprese che il viaggiare in quel modo sa offrire, sorprese non sempre piacevoli ma sempre a lieto fine per le capacità dei partecipanti e un pizzico di fortuna, che non guasta mai. Nei suoi viaggi come in canoa scattava fotografie, aveva una collezione di macchine fotografiche, che comprendeva Hasselblad e Leica, da far invidia a fotografi professionisti. Poteva permettersele, come avrebbe potuto permettersi viaggi in alberghi a quattro stelle, ma preferiva piantare la sua tenda canadese dove più gli piaceva.

Poiché l’amico “di riferimento”, Roberto Bruno, dalla canoa era passato alla bici da corsa su è giù per le strade di montagna, tutti ci ritrovammo a pedalare: chi in sella a bici cigolanti, come me, Andrea Alessandrini, Carlo Testa e Abner Colombo, chi in sella a bici dalle armoniche perfette, come Roberto Bruno, Nicolò Lurani e lo stesso Alberto. Nei primi tempi Alberto preferì abbigliarsi da città per non dare nell’occhio, seguendoci discretamente alla dovuta distanza. Quando iniziò a essere più allenato, farsi superare in salita da un signore che aveva passato la mezza età, vestito come per andare a comprare il pane due isolati più in là, non doveva essere una bella cosa per quei pochi che, sgomenti, si vedevano superare!

Scherzosamente si diceva che Alberto - potendoselo permettere - quando trovava qualcosa che lo aggradasse, evento già di per sé non frequente, comprasse di quell’articolo non uno, non due, bensì tre esemplari: il primo da utilizzare, il secondo all’occorrenza come scorta e il terzo come riserva della riserva, per evitare l’ansia di trovarsi senza il ricambio, nel caso in cui il primo diventasse inutilizzabile e nel frattempo fosse uscito di produzione! In realtà era una persona parsimoniosa, d’altronde preferì non lavorare durante la sua vita, e questa fu comunque una scelta coraggiosa, a meno che non si sia dei paperoni. Sapeva che l’oculatezza era la prima tra le virtù da coltivare, se non ci si vuole trovare un giorno sotto un ponte e non per pagaiare! Talvolta Tatiana – a differenza di lui, grande lavoratrice - lo prendeva in giro per questo suo modo di essere e, allora, si animavano come in una scenetta tra Mondaini e Vianello, canzonandosi di buon cuore vicendevolmente. Tuttavia il suo, il loro stile di vita, adottato anche dal figlio Ludovico, non mi dispiacerebbe affatto se fosse più diffuso nel mondo.

Senza accorgermene ho scritto un fiume di parole, al contrario di Alberto che evitava la parola, come sui torrenti dove la voce è schiacciata e ci si limita a un gesto o a uno sguardo.


Nella foto allegata:
Alberto Biagi “disinvolto” sulla riva innevata di un Trebbia ghiacciato - 1967
Foto dall’“Archivio Storico di William Granacci”, curato da Veniero Granacci
« Ultima modifica: Marzo 06, 2018, 08:03:10 pm da Lorenzo Molinari »

Marzo 05, 2018, 06:24:59 pm
Risposta #1

marco ferrario (eko)

  • Global Moderator
  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 242
    • eko
Grande pagina di letteratura. Grande Lorenzo.

Marzo 06, 2018, 10:21:17 am
Risposta #2

Andrea Ricci

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 258
  • Testo personale
    non la canoa, bensì la pagaia è il nostro sport
    • acquamossa
Che bel racconto, e che bella storia  :)
Andrea Ricci
acquamossa(chiocciola)tiscali.it
339 8808 312

Marzo 06, 2018, 01:21:57 pm
Risposta #3

Giuseppe Spinelli

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 73
Mi chiedo se con po' di pazienza non recuperiamo foto e racconti d'epoca. La FICT con PAGAIANDO sarebbe felice di ospitare una rubrica dedicata a questo e a far conoscere ai più giovani quello che avventurosi pionieri hanno fatto fra gli anni 50-80 del secolo scorso, con mezzi assai diversi dagli attuali e spinti dalla pura voglia di esplorare. Inviare i contributi a pagaiando(chiocciola)canoa.org insieme alle foto.
Giuseppe Spinelli
Presidente APS FICT

Marzo 07, 2018, 04:37:56 pm
Risposta #4

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 606
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Ti conoscevo già come valido narratore ma questa volta ti sei superato, Lorenzo: hai fatto una descrizione della canoa anni '60 e '70 davvero perfetta come vissuto delle persone, approccio ed evoluzione nei materiali e in generale di storia della canoa italiana. E' solo molto triste che tra queste evidenze ci sia di mezzo la perdita di un grande pioniere degli anni ruggenti del ns. sport. Un altro grande che se n'è andato...
Ho un vantaggio rispetto a molti lettori perché per me tutti, dico tutti quelli che hai elencato hanno un viso. Magari me li ricordo come erano allora perché alcuni non li ho più rivisti dagli anni '70 ed '80 e oggi ogni nuova ruga comparsa sul loro viso corrisponde ad una rapida, o più benevolmente per le signore, ad un fiume disceso, ma comunque, leggendo i numerosi nomi che hai elencato, mi scopro fortunato conoscitore di coloro che hanno fatto la storia esplorativa della canoa italiana. Ho visto peraltro solo in foto Franco Zampirolo, Denny Jucker, Adolfo Sacchi ed Enzo Colla sulla rivista "Fiumi", questo perché precocemente spariti dal mondo della canoa, ma comunque da sempre antichi pionieri in quanto inizianti nei '50s,  rivista, dicevo, che sta diventando un vero patrimonio storico-archivistico della canoa, mano a mano che passano i lustri.
La foto di Alberto Biagi che hai postato, ad esempio, è la stessa di una copertina di "Fiumi" proprio del '67. La inserirò non appena andrò nella casa di campagna a recuperarlo, perché là ho portato tutte le riviste di canoa che non mi stavano più nella mia casa milanese. E ricordo anche che c'è l'articolo su un "Fiumi" del '75 della descrizione della prima discesa di canoisti italiani dell'Aoos. Sì, perché non si è trattato della prima assoluta ma di quella di italiani cioè coloro che hai elencato più sopra. Furono dei tedeschi, che si possono leggere negli allegati che ho scansionato dal primo libro "GRECO" i primi esploratori dei fiumi greci e la loro prima discesa assoluta è iniziata negli anni '60, come si legge in inglese nelle righe evidenziate. Carlo Grigioni mi disse, una volta che andai a trovarlo nel suo studio medico, che conosceva il tedesco e che prendeva spunto dalla rivista "Kanu magazine" per i suoi viaggi in canoa. E posso anche aggiungere che il viaggio nel mare Islandese da loro fatto fu presentato nell''89 alla 2^ Rassegna di Canoa di Milano del CCM col titolo "Nell'Oceano Artico in Kayak" (http://www.canoaclubmilano.it/old_images/2_rassegna_1989_sito.jpg), quando vedemmo anche il buon Alberto Biagi, nel pieno della sua salute.
« Ultima modifica: Marzo 07, 2018, 06:22:51 pm da Vittorio Pongolini »
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Marzo 08, 2018, 09:43:33 am
Risposta #5

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 606
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Chiedo scusa, con questa premessa, ad Alberto Biagi in primis ed a Lorenzo in secundis se prendo a prestito lo spazio di questo topic che è una celebrazione postuma del grande canoista Alberto Biagi. Forse Alberto ne sarebbe stato felice di questa continuità canoistica indotta dalla sua persona.

Ho ricevuto dalla Nuova Zelanda una precisazione dell'autore del libro GRECO, F. Bettinger, riguardo sia le persone che le date di discesa dei fiumi greci. Mentre il primo quesito è abbastanza chiaro, le date peccano per questioni di memoria dell'autore. Vi riporto in integrale domanda e risposta:

D.
"Hi Franz. 
There is a little discussion here in Italy about the first descent of the greek rivers. A friend of mine told and published that the Aoos has been run by italian paddlers Carlo Grigioni, Michele Romano, Alberto Biagi, Casimiro Righini etc.... in 1975.  I told that the first descent of biggest greek rivers has been done by german paddler in the ‘60s and ‘70s like you report in your first GRECO guide. Well, do you know the date and the name, with a little bit of precision,  of the first german and austrian paddlers that ran the most important paddling rivers of Greece. I speak about Aoos, Aliakmon, Erymanthos, Acheloos, Evinos, Voidomatis etc... ?"

R.
"Schächner and Alber and one more paddler (from Germany or Austria) did the first descent on the Aoos (as written on page 12 of GRECO I). In Vovoussa by the arched bridge is (or has always been) a sign (behind a holy shrine) with their names on it and the date of their first descent. This groupe also first descended Aliakmon and Acheloos. It is however also possible that the famous Rittlinger did the first descent on the Acheloos (before the Kremaster Reservoir was built). It is said that 2 French paddlers first descended the Erymanthos (from Tripotama), while Prof Matz made the 2nd descent."

[Trad. risposta: S. e A. e un altro canoista (dalla Germania o dall'Austria) fecero la prima dell'Aoos (come scritto a pag. 12 di GRECO 1). A Vovoussa, sul ponte ad arco c'è (o c' è sempre stato) un cartello (dietro ad un santo santuario ) con i loro nomi incisi sopra e la data della loro prima discesa (questa sarà la prima "missione" da riportare in questa sede, con la data ed i nomi, dal primo gruppo che tornerà lassù sul Pindo, all'imbarco dell'Aoos, n.d.t.). E' anche possibile che il famoso Rittlinger abbia fatto la prima discesa dell'Acheloos (prima che fosse costruita la Riserva di Kremaster) (si parla degli anni '60 e c'era un sacco d'acqua..., n.d t.). Si dice che due canoisti francesi scesero per primi l'Erymanthos (da Tripotama) (in Peloponneso, tutt'altra parte, fiume meraviglioso, con arrivo nei pressi di Olimpia, luogo d'origine delle olimpiadi! n.d.t.), mentre il Prof Matz fece la seconda (il prof. Matz, austriaco, scrisse il primissimo libro guida dei fiumi della Grecia, ben fatto ma molto incompleto per l'attualità, n.d.t.)].
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Marzo 08, 2018, 10:52:12 am
Risposta #6

Lorenzo Molinari

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 86
Grazie Vittorio del tuo intervento.
Credo anch'io che Alberto Biagi sarebbe felice di sapere che parliamo di fiumi e di storia della canoa italiana anche in questa occasione.

Le informazioni da me riportate derivano prevalentemente da colloqui con i protagonisti, soprattutto Mario Grigioni, Alberto Biagi e Andrea Alessandrini, quest'ultimo si rammarica ancora oggi di non aver potuto partecipare a tante spedizioni, perché gli impegni della RES e della ASA Canoe lo costringevano a non potersi assentare a lungo.

Il gruppetto di Carlo Grigioni sostiene che in Grecia avesse sceso in prima il fiume Aoos nel 1975, come hai verificato anche tu sulla rivista “Fiumi”, ma dovrei verificare quale tratto scesero e comunque allora le informazioni circolavano diversamente da ora e, pertanto, è perdonabile un’erronea presunzione in buona fede di una prima assoluta. Comunque tanto di cappello, da parte di tutti noi, come – inutile dirlo - anche da parte tua, per questa o altre imprese e per l'entusiasmo che distingueva il gruppetto di Carlo Grigioni.

Mario Grigioni mi riferisce che non si trattava di prime assolute per molti dei fiumi da loro discesi, perché spesso c'erano già passati i tedeschi, che erano DAPPERTUTTO.
Tuttavia è convinto che la loro discesa dell’Aoos nel 1975 fosse una prima assoluta, almeno del tratto da loro sceso, grazie al fatto che la Grecia aveva reso accessibile quella zona solo quell’anno!

Per concludere una chicca, che immagino sia già nota ai “navigati”, forse non nei particolari, ma non credo lo sia ai più giovani: nel 1962 il gruppetto di Carlo Grigioni decise di esplorare e scendere il Sesia a valle di Balmuccia. Per assaggiare il fiume decisero di scendere come prima rapida in assoluto quella che da quel giorno divenne la rapida dell’Ubriaco. Angelo Ramella fu il primo a scendere quella rapida in un giorno di pioggia e con il fiume grosso, dopo un pranzo al sacco consumato, infreddoliti, sotto il portico della locale chiesetta, e soprattutto dopo un’abbondante bevuta – da cui il nome della rapida!

Buone pagaiate a tutti!