Autore Topic: Dove comprare i materiali di riparazione?  (Letto 4313 volte)

Giugno 14, 2015, 11:49:57 am
Letto 4313 volte

iacoposk8

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 6
  • Testo personale
    ...
Ciao a tutti! alla fine dell'uscita di ieri devo aver urtato qualcosa e ho fatto un buchino sotto il kayak.
Ho visto su internet come ripararlo, spero di non sbagliarmi ma non mi sembra difficile.
La cosa che sto facendo fatica a trovare è un sito dove poter comprare i materiali, fibra di vetro, resina poliestere e catalizzatore... mi potete dare una mano? anche un sito inglese, non ci son problemi
grazie.

Giugno 14, 2015, 02:08:16 pm
Risposta #1

Marco Pec

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 251
On line puoi provare da www.epossidica.com/it/ penso che se li contatti possano consigliarti al meglio. Comunque, se sai già come procedere trovi tutto anche nei colorifici .

Pec
« Ultima modifica: Giugno 14, 2015, 03:43:09 pm da Marco Pec »

Giugno 15, 2015, 08:40:15 am
Risposta #2

santino spada

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 82
Buon giorno io conosco EPOXYSHOP ed ho preso anche dei materiali , se il danno è piccolo e ti serve poco materiale puoi vedere anche in un negozio di modellismo .
Buon lavoro.

Giugno 15, 2015, 08:44:21 am
Risposta #3

antonio caroselli

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 5
...e io, che non sono capace, vengo a chiedere informazioni su indirizzi nel lazio( roma - rieti) di artigiani o privati , che sotto adeguato compenso, possano ripararmi una vecchia canoa in neoprene ( rotobat ) con la quale mi alleno per eskimo ed è ottima.
grazie in anticipo

Giugno 15, 2015, 09:28:17 pm
Risposta #4

iacoposk8

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 6
  • Testo personale
    ...
Grazie a tutti, nei prossimi giorni vado in un colorificio e vedo se riesco:)
mi chiedevo, costruirne una da zero quanto può venire a costare? serve una fibra di vetro particolare? e quanti strati?

Giugno 16, 2015, 02:18:18 pm
Risposta #5

gianfrancesco costantini

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 23
    • patupatu
Scusate ma di che materiale stiamo parlando. Neoprene? una canoa in neoprene è per me una novità, se però ci fosse la riparazione sarebbe semplicissima: si comprano, in un qualsiasi negozio di materie plastiche o di materiali di subacquea (via Ostiense, per esempio), una pezza e la colla e si incolla; Vetroresina: un po' più complicato e "sporco", ma abbastanza semplice. In qualsiasi ferramenta si vendono kit per la riparazione (con molta più tela e resina di quanto tendenzialmente serva), poi basta seguire le istruzioni. Una canoa rotomoulded mi sembra un po' più complicata, ma sul web ci sono parecchi "video" in cui si spiega cosa fare. Anche in questo caso in un ferramenta si trovano i materiali (un negozio che sicuramente può dare indicazioni sui materiali plastici si trova a Roma all'inizio di Via Trionfale, all'angolo con via della Giuliana.
 
Per una piccola riparazione è difficile trovare un artigiano, tuttavia su Bolina ci sono spesso annunci di persone che fanno cose di questo genere e in ogni caso un qualsiasi cantiere di Fiumicino/Fiumara dovrebbe essere in grado di farla senza problemi (se è piccola, anche se non si è molto abili, conviene fare da sè, al di là dei costi è una cosa rapida e semplice).

Giugno 17, 2015, 04:06:15 pm
Risposta #6

antonio caroselli

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 5
OPS LAPSUS CALAMI
volevo dire polietilene e mi è uscito neoprene.
Mi scuso; rinnovo la richiesta: poiché sono completamente inetto nei lavori manuali, sapete indicarmi chi ripara ( ovviamente dietro dovuto compenso) canoe in polietilene, nella regione lazio ( meglio rieti-roma). Ritengo che l'acqua penetri dalle viti del sostegno del seggiolino o dalle viti dei puntali.Grazie ancora per l'attenzione

Giugno 22, 2015, 08:09:19 am
Risposta #7

iacoposk8

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 6
  • Testo personale
    ...
mi chiedevo, costruirne una da zero quanto può venire a costare? serve una fibra di vetro particolare? e quanti strati?

Giugno 22, 2015, 05:57:38 pm
Risposta #8

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 635
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Questo topic è diventato un bel ginepraio... manca che si chieda di costruire o riparare navi e siamo a posto. Si confondono i materiali in modo pesante. OCCHIO!!!

Costruire canoe o kayak non è facile, perdinci! Ci avete gli stampi? E gli spazi, e le attrezzature, e il tempo, e qualcuno che vi insegni... etc.. Non  ci si inventa costruttori né preventivisti.  E' troppo lungo spiegarVi tutto quanto chiedete. Non è per essere scortesi, ma sono proprio domande da teen-ager (quanti anni hai Jacoposkotto? Vediamo se mi sbaglio e di quanto...)

Cominciate ad imparare ad andare bene in canoa, vedrete che poi frequentando l'ambiente i quesiti verranno risolti.
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Giugno 23, 2015, 06:07:36 am
Risposta #9

iacoposk8

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 6
  • Testo personale
    ...
ne ho 27, ti sei sbagliato... volevo provare a fare una cosa nuova, tutto qui

Giugno 23, 2015, 09:08:19 am
Risposta #10

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 635
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
...beh...di otto anni. OK, c'è un intervallo abbastanza ampio... hai vinto!
Fare canoe e kayak in VTR è molto bello ma davvero difficile e tossico. Ci vogliono anche le maschere contro la fibra di vetro che si infila nelle pleure e contro i diluenti a base di benzolo, toluolo e xilolo. Uno stampo fatto bene costa alcune migliaia di € e devi trovare chi te li fa e non è facile. Conviene acquistare le barche se non ne fai almeno dieci. Io ne feci 12 in gioventù e mi costruii uno stampo, e circa 250 pagaie nei '70s. Poi gli stampi passano di moda, come nel caso delle canoe da fiume e uno si trova come un cucù con una roba grossa di plastica da smaltire. Meno difficile che passino di moda i KdM. Qui potrebbe valere la pena di avere uno stampo ma almeno a livello di club di canoa, come servizio per i soci volonterosi che se li vogliono costruire. Ma ci vogliono spazi ampi e possibilmente esterni. Bisogna conoscere i tipi di resine, Poliestere, Vinilestere e altre come i diversi gradi di densità tra Resine e  Gel Coat, i catalizzatori e gli acceleranti, i colori all'anilina da mischiare... le cere per staccare i gusci dallo stampo, come unirli coi nastri, insomma, un bel ginepraio, come ti ho detto.
Davvero, pensa a pagaiare che è più ludico. Ti saluto e ci troveremo sull'acqua.
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Giugno 23, 2015, 11:43:45 am
Risposta #11

Marco Pec

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 251
...oppure puoi cimentarti con la stampa 3d...nel 2014 ne hanno fabbricato uno (non oso immaginare i costi all'epoca)

 http://www.repubblica.it/tecnologia/2014/03/24/foto/un_kayak_arcobaleno_il_primo_realizzato_con_stampante_3d-81704875/1/#2

ormai sono passati due anni , le stampanti si sono evolute (anche in dimensione di stampa dei pezzi) e magari risulta più conveniente
Pec

Giugno 23, 2015, 12:43:40 pm
Risposta #12

iacoposk8

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 6
  • Testo personale
    ...
ho molto su cui riflettere... grazie mille a tutti dei consigli