CKI il forum della canoa italiana

idrometro Pennavaira e collegamento su CKI fiumi

(Letto 3384 volte)

Francesco Balducci

  • Full Member
  • ****
  • Post: 486
Ciao, chiedo gentilmente ai curatori del sito di creare il collegamento della scheda del torrente Pennavaira, attiva, con il relativo idrometro di Cisano sul Neva. Il minimo per una discesa è 1,20 che consente di scendere anche la difficile forra stretta. Per il resto  va bene anche 1,30-1,50. Grazie

Dani Ckfiumi

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • Post: 415
Ciao Baldo,

attivato idrometro Pennavaira per min 1.20 - max 1.50

grazie
Dani
What if you knew everything you did online was being watched, followed, stored and sorted by sophisticated algorithms that were profiling you in real-time. Would it change how you behave? ..
Brave New World. Use https://brave.com Luke !

Francesco Balducci

  • Full Member
  • ****
  • Post: 486
Grazie Dani, ora rimane da valutare il livello ideale del Bisagno e del Lentro, stupendo suo affluente, e completare la lista dei torrenti liguri. A presto...Ciao

Vittorio Pongolini

  • Full Member
  • ****
  • Post: 662
  • Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Francesco, non perdi un colpo! Anche se si tratta solo di idrometri. Accidenti, che grinta!
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Frederik Beccaro

  • Full Member
  • ****
  • Post: 213
Che ricordi il Lentro
Più di 20 anni fa era considerato dai genovesi una perla
Lo feci la seconda volta con livello perfetto, c'era anche Andreas
C'era anche un ragazzino di Arenzano al suo primo torrente, se la cavó egregiamente, tornó a casa esaltato, convinto di aver fatto i "quinti"
Gli bastó un Sesia grasso ed un'Austria per capire che i 5º erano altra cosa
Non voglio denigrare il Lentro,a posteriori è carino ma nullo rispetto alle condizioni d'acqua che nascono nell'area in occasione di buon livello.
Sul Lentro ci sono salti, passaggi e toboga ma con un po' di esperienza ci si rende conto che "basta solo mettere la canoa nella giusta direzione", alzare i gomiti in alcuni passaggi e appoggiarsi sui sassi per non rovesciarsi

Il Boff sul Lentro non serve perché non ci sono ritorni da evitare.

Questo we sul genovese sono previsti buoni livelli, potrebbe essere l'occasione per farlo e condividere o meno il mio punto di vista.

Come avrete capito, su questa tipologia di torrente da tempo mi sono fatto la mia idea ed il fatto che possa non essere condivisa la considero un occasione per vedere la canoa sotto altri aspetti.
Non devono per forza piacere tutte le varianti della canoa.

Certamente chi costruisce canoe è contento che vengano ben limate in questi percorsi


Grazie per i riferimenti del Pennavaira, non avevamo più avuto l'occasione di controllarli

Francesco Balducci

  • Full Member
  • ****
  • Post: 486
 Questione di punti di vista. Ci sono canoisti a cui piace il Cicana ( per altro ricordo che è una scoperta  dell'ONLY KAYAK, divulgato dal mio libro FIUMI di LIGURIA ...), sì da farlo ogni weekend, trascurando altri bei torrenti della zona, tra cui l'Isolona, l'alto Graveglia e il Malvaro ( tutte scoperte ONLY KAYAK...), ci sono altri a cui piace esplorare anche nuovi percorsi e valorizzare itinerari che erano un cult 15 o 20 anni fa, come il Lentro che rifaremo a breve, riportando nuove valutazioni. Che poi si debba "buffare" o meno o che il torrente sia più facile di altri, ma CHISSENEFREGA! L' importante è divertirsi e fare ciò che piace, senza "Soloni" che debbano emettere sentenze... Chiaro il mio punto di vista? A buon intenditor....

Frederik Beccaro

  • Full Member
  • ****
  • Post: 213
Nessuna polemica, sostengo solo che il Lentro pur apprezzabile (fatto 2 volte) è difficilissimo per i non genovesi trovarlo nelle condizioni giuste.
Ha un bacino di 4 km2. Nasce dal monte Becco che è alto 894 metri.
Il torrente in totale è lungo 7 km e ci si imbarca a Viganego che è circa 400 metri sotto rispetto al punto più alto di raccolta acque. Dall’imbarco allo spartiacque ci sono solo 2 km. Subito dopo abbondanti piogge cala vistosamente.
Con livello alto probabilmente diventa anche pericoloso. Scenderlo con livello corretto a mio avviso è una discesa apprezzabile ma si sente che manca la spinta dell’acqua (de gustibus)
Relativamente ai percorsi scoperti da Only Kayak non posso che complimentarmi.   

Francesco Balducci

  • Full Member
  • ****
  • Post: 486
Nessuna polemica nemmeno da parte mia. Mi è caro precisare che non ho mai asserito che il Lentro fosse un torrente facilmente percorribile e con notevole portata. Infatti appartiene alla categoria dei percorsi ad alta corrivazione, ovvero a veloce svuotamento post-piena, come l'Isolona, Il Tonno, Il Ruschia, il Tirello, il Reppia ed altri. Si tratta di torrenti che possono essere percorsi in determinate condizioni idriche, ma per questo non meno interessanti rispetto ai "maggiori". Conoscerli significa avere anche altre opportunità di discesa in situazioni speciali. Un'esempio tipico è il Rio Foggia-Chignero a monte di Rapallo, che presenta cascate e scivoli divertenti e anche molto alti, ma percorribili in casi eccezionali. Noi amiamo TUTTI i torrenti, non solo quelli più discesi e ci fa piacere farli conoscere. Poi sta al singolo scegliere, ma la varietà è sempre migliore di poche possibilità. ;)

Frederik Beccaro

  • Full Member
  • ****
  • Post: 213
Il Tonno prima o poi lo farò. Per ora ci ha bidonato 2 volte. Una volta troppo alto, una volta troppo basso. A livello bacino questo è ancora più difficile da azzeccare, qui ci si imbarca 200 metri sotto lo spartiacque

Francesco Balducci

  • Full Member
  • ****
  • Post: 486
Il Tonno e' delizioso. In questo caso non perché contiene omega 3, ma perché veramente offre salti e cascate di grande interesse ed emozione. Percorso selvaggio e da conquistare con un imbarco belluino. Vale la pena aspettare per farlo con il giusto livello. Io ho avuto la fortuna di scenderlo tre volte di cui due ottimali. Lo metto tra i top ten liguri. A proposito di gradi, penso che tutti siano d'accordo che non si può paragonare un quinto "ligure" con un quinto austriaco o norvegese... Infatti proposi tempo fa, in accordo con molti canoisti di alto livello, di classificare i fiumi non solo con i gradi di difficoltà ma anche con la tipologia. Nel sito Only kayak abbiamo adottato anche questo criterio tassonomico. I torrenti liguri sono sovente a tipologia E o F o G, ovvero ad alta pendenza ma a bassa portata e ad alta corrivazione. Un quinto del Cicana o del Pennavaria o del Ruschia e' molto diverso da un quinto del Sjoa o della Rauma! Però un canoista completo dovrebbe conoscere entrambe le tipologie. Questa e' la mia opinione. Un saluto a tutti. 😃