CKI il forum della canoa italiana

habitat

(Letto 7375 volte)

massimo faleo

  • Newbie
  • *
  • *
  • Post: 1
Avviso a i naviganti
Contro ogni mia abitudine, mi accingo a scrivere e, contro ogni mia abitudine, scrivo per lamentarmi sperando, che questa lamentazione possa servire a qualcun altro.
Ho rotto la mia habitat 80 dopo 1 anno di discese, un anno non particolarmente intenso, anche se i segni sullo scafo rosso fanno pensare ad altro.
E’ la seconda habitat che mi si rompe e confido nella collaborazione di Ozone e nel rispetto di wave per la garanzia.
Nell’attesa della risposta sul cambio dello scafo, compro (recidivo?) un’altra habitat;  dopo 2 mesi telefono ad Ozone per sapere se ci sono notizie e mi si risponde che mi è stata già spedito una  mail a gennaio (una mail solo? Ci conosciamo da trenta anni!!) con la risposta negativa di wave sulla sostituzione della barca e tanti saluti.
Tutto qua, ne bè ne ma.
 
E io che faccio?

A questo punto scrivo.
Avviso ai naviganti:
a questo punto non comprate le habitat se confidate nella garanzia dei rivenditori, mi sa che non ci si possa affidare a parole tipo: “non ti preoccupare. . . 2 anni di garanzia. . . faremo il possibile. . . queste ultime non si rompono”  ecc…..
E della garanzia al momento dell’acquisto? Che cosa me ne faccio?
A chi mi posso rivolgere se il mio unico interlocutore è quello che mi vende la barca?
Lo so è un mestiere difficile quello dei rivenditori di materiali sottoposti a sollecitazioni di questo tipo,  ma allora non diamo nessuna garanzia e ciascuno si assuma le sue responsabilità.
Ti piace,  comprala! non ti piace, non comprarla!
Mi sa che io di habitat non ne comprerò più e Voi?

Saluti cordiali
Alberto Manzoni
   (il nonno)

Greg

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 31
Ciao,

io invece ho comprato da Ozone due canoe l'anno scorso: una Fuse 64 ed una Diesel 80, entrambe verdi.

In entrambi i casi mi sono trovato benissimo, penso Ozone sia uno dei più seri dealer in Italia, a differenza di altre spiacevoli esperienze avute in passato...

Probabilmente, mi viene da pensare, la Wavesport (o Confluence Watersport) produce ottime canoe, ma è "di braccia corte" sulle sostituzioni in garanzia, forte della loro posizione di leader di mercato. E comunque, sono pur sempre pezzi di plastica, che prima o poi si frantumano...

Compra una Prijon, sicuramente sono più trugne, ma le sinuose ed arrapanti forme della Wavesport... eh beh....

;-)

Greg

michele ramazza

  • Md Member
  • ***
  • Post: 41
Ciao a tutti,
mi sento di intervenire nella discussione rigurado agli scafi che si rompono in quanto uno dei maggior sollecitatori di canoe d'Italia.
Fino al 2010 le habitat sono state costruite con una plastica che reggeva ad un utilizzo intensivo su 5° grado non più di 1 - 1,5 anni.
Più o meno tutte le canoe in commercio fino a quel momento non avevano prestazioni migliori e tutti i miei amici canoisti norvegesi, americani e neozelandesi riscontravano esattamente questa resistenza sulle loro canoe liquidlogic, Dagger, Riot, Bliss Stick etc.
Le canoe si rompono generalmente perchè le flessioni dello scafo portano a farlo cedere dove sono presenti solchi più profondi.

Devo dire che le canoe Wavesport con plastica nuova (per intenderci quella in cui si vedono parti di plastica più scura fusi all'interno del materiale) hanno superato abbondantemente il limite precedente, e per quanto mi sia impegnato, non sono riuscito ancora a romperne una.

La garanzia che fornisce il produttore non garantisce contro la rottura ma contro difetti di fabbricazione. Ho visto delle canoe che si sono rotte scaricandole dalla macchina la prima volta o dopo 1 ora che erano state messe in acqua. Quello è evidentemente un difetto di fabbricazione.

Per avere una canoa che dura nel tempo io consiglio di:
 -  Limitare l'esposizione agli UV
 -  Controllare che non ci siano segni profondi sullo scafo e se ci sono intervenire subito per richiuderli.
 -  Imbottire sotto il sedile per limitare la flessione dello scafo
 -  preferire canoe di recente costruzione
 
Se però una canoa si rompe si può riparare e continuare ad usarla senza problemi. Io ne ho riparate tante che hanno continuato ad andare perfettamente. Se volete avere maggiori informazioni sulla riparazione contattatemi.





leszek nehring

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 16
Anche se non ho un Habitat, ma purtroppo unici kayak che ho visto rotti ultimamente erano Habitat. Addirittura kayak di un mese di vita, senza nessun striscio!!! Neanche io credo che Ozone è uno dei migliori rivenditori, ma è anche vero che sono interessati sopra tutto a guadagno e, visto che è uno dei kayak più venduti in Italia, pensano più al guadagno. Tanto di dicono che era il tuo sbaglio, che si vede che hai stressato la plastica, ……. Ho visto tantissimi kayak che hanno ca. 20 anni di vita e possono forse fare altrettanti. Ma sono quasi sempre Eskimo, Piranha, Prijon ….. Ma erano fati per durare e questo pensiero non va d’accordo con la economia d’oggi! (Usa e getta)  Unico modo di avvitare questi problemi è di cambiare la marca e affidarsi di più dei vari forum più che opinioni dei venditori.
Leszek
www.whitewater.it

Damiano Tavella

  • Md Member
  • ***
  • Post: 81
Ciao Alberto, secondo me oltre allo stress a cui sottoponi la canoa, magari dovresti riflettere anche su come tratti la canoa fuori dall'acqua. Non voglio assolutamente accusarti ma semplicemente far riflettere tutto il forum sulle cause del deterioramento della plastica all'esposizione prolungata al sole, oppure al ghiaccio se lasciata fuori d'inverno (con continuo sbalzi sotto zero) oppure legata sopra la macchina e stritolata con i "cricchetti grossi da teloni."
Con questo non voglio ne accusare il venditore che secondo me visti tutti i soldi che chiede per una barca, di plastica, dovrebbe essere più elastico nel rimborso. Ma far riflettere sulla vita della canoa anche per colpa di mal utilizzo da parte nostra. Per concludere ritengo che per esigenze del acquirente che vuole una canoa sempre più leggera (perche più comoda da portare e da manovrare), il produttore debba per forza risparmiare sulla plastica, non potrebbe risparmiare peso su altro, ovviamente risparmiando quindi sullo spessore di tutto il Kayak. Ciao Damiano
360 Gradi Kayak Venezia

marcok

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 54
ho sentito diversi possessori di habitat lamentarsi della durata dello scafo,molti alla rottura ne hanno comprata un'altra,spesso rompendo anche questa.
Non ho e nn posso avere dati sulla durata media di uno scafo habitat,di sicuro la cosa appare quantomeno frequente al di la dell'uso che se ne fa,
peccato perchè tutti,ovvero glistessi che hanno rotto l'habitat,ne parlano come la canoa perfetta...........se nn si rompesse !
...........nel dubbio cambiate marchio !

Alberto Manzoni

  • Newbie
  • *
  • *
  • Post: 1
prijon. . . prijon. . . si mi sembra di averne sentito parlare.
ringrazio greg per l'utile consiglio.
il nonno

Greg

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 31
Caro Alberto,

non capisco il tuo humor, ma poco male, non me la prendo per così poco...

buona giornata, ciao,

Greg

rizzolimassimo

  • Jr. Member
  • **
  • *
  • Post: 4
e qua, ognuno ha la sua teoria: non esporre la canoa ai raggi del sole o al gelo, non legarla troppo stretta sul portapacchi, tutte le canoe durano 1,5/ 2 anni poi si rompono ecc......ecc......
una cosa però non mi torna:
quando ho cominciato ad andar per fiumi, lasciati gli scafi di vetroresina, con taifun, canyon, gattino..........trattavo le canoe con molto meno riguardo, ero spesso a bagno e la barca scendeva il fiume in solitaria finchè non si incravattava da qualche parte, non è vero che fossero più pesanti perchè avevano più materiale, eppure, se ne compravo una nuova era perchè la precedente, dopo anni di discese, mi aveva stancato.
sono i tempi che cambiano????
nonno, vista l'età..........forse è meglio che ci diamo alla bocce  ;-[

Enrico Izzi

  • Md Member
  • ***
  • Post: 54
Ciao a tutti
Vorrei aggiungere alla discussione la mia testimonianza a favore dell'habitat.
Ho avuto una habitat 74 da marzo 2009 a tutto il 2010 acquistata usata tramite il mrcatino di CK. Quando l'ho presa aveva gia' un anno e mezzo e mostrava  i segni di una costante attività ma era comunque a posto.  Da parte mia l'ho usata regolarmente tutte le settimane per quasi due anni. Un bagno sull' abbatemarco al raduno dei briganti 2009 ne ha fatto rientrare un po' la punta che e' tornata perfettamente a posto con la soluzione "acqua calda". L'ho sostituita lo scorso mese di gennaio piu' per voglia di cambiamento che per effettive necessita'. La canoa era molto segnata ma sostanzialmente integra ed in grado di durare ancora a lungo.
Bye, ci si vede sull'Orta.
Enrico RKM