CKI il forum della canoa italiana

consigli

(Letto 1098 volte)

Laura9marzo

  • Jr. Member
  • **
  • *
  • Post: 3
  • ...



Buongiorno,
essendo totalmente inesperta chiedo un po' di cose :):
- meglio la pagaia in legno, originale della canoa in fibra di vetro (che ha circa 30 anni e non vede l'acqua da almento 20) o una pagaia in alluminio?
- dove mettete le cose indispensabili da portarvi dietro? ho ordinato su internet una sacca stagna, secondo voi, posso infilarla dentro alla canoa posizionandola dietro la schiena?
- come si gonfiano le sacche di galleggiamento? vanno spinte fino in fondo?

Scusate tutte queste domande "stupide", ma davvero è la prima volta che mi avvicino a questo mondo

Grazie.

Laura

marittimo

  • Full Member
  • ****
  • Post: 275
  • pagaiar m'è dolce in questo mare
Ciao e benvenuta nel mondo canoistico. Spero che ti piaccia e che ti attragga per lungo tempo.

Visto che sei totalmente inesperta, ti consiglierei innanzitutto di investire qualche euro in un manualetto base. Vanno bene anche quelli datati ancora reperibili su Internet o nei mercatini (es. Canoa e kayak di Bruno Rosini che trovi su libraccio.it a € 4,19 venduto come usato ma di solito praticamente nuovo).

Sulla pagaia
Quelle in alluminio (che poi di alluminio c’è solo il manico) sono le più economiche e normalmente le più pesanti. Hanno tuttavia il pregio di essere anche molto robuste.
Il legno è già un livello superiore ed essendo più flessibile previene meglio possibili danni muscolari e alle articolazioni.
Indipendentemente dal materiale, la pagaia dovrebbe però essere adeguata alle tue caratteristiche fisiche (altezza, forza e resistenza alla fatica) per farti assumere una corretta postura e ottimizzare movimenti e sforzo.
Per iniziare con brevi uscite e prendere dimestichezza va comunque bene quasi tutto.

Sacche e contenitori stagni
Ok la soluzione che hai pensato. Se non sai come si usa la sacca: 1) inserire gli oggetti adagiandoli bene sul fondo; 2) comprimerla per fare uscire tutta l’aria possibile; 3) chiudere bene il velcro; 4) avvolgere l’apertura più volte fino ad arrivare quasi in fondo; 5) chiuderla con l’apposita fibbia posizionata alle estremità dell’apertura.
Se puoi cerca anche di legarla o di fissarla allo scafo per evitare che finisca accidentalmente in acqua.

Sacche di galleggiamento
Si gonfiano soffiando nell’apposito tubo. Alcuni le lasciano sempre inserite nello scafo e gonfie. Io preferivo toglierla e rimetterla ogni volta (ne avevo solo una nella parte posteriore) per favorire la circolazione dell’aria all’interno della canoa quando non era utilizzata.
Le sacche hanno una doppia funzione principale:
- la prima (più intuitiva) è quella di far entrare nella canoa meno acqua possibile;
- la seconda (meno intuitiva) è quella di evitare che l’acqua si concentri ad una estremità (prua o poppa) facendo assumere alla canoa una posizione di galleggiamento tendenzialmente verticale.
Quindi meglio spingerle più in fondo possibile (prima di gonfiarle).
Un’altra funzione è quella di irrigidire maggiormente lo scafo.

Confort della seduta (riagganciandomi al tuo messaggio di presentazione)
Le canoe vecchiotte hanno normalmente un poggia schiena in fettuccia all’altezza (circa) dell’osso sacro o poco sopra (inserisco foto di come era fatta la mia prima canoa che dovrebbe essere più o meno dello stesso periodo).
Per maggiore confort ma anche per ridurre la pressione sul nervo sciatico (che provoca dolori agli arti inferiori come formicolio, intorpidimento, ecc.) io avevo realizzato un’imbottitura artigianale con pezzi di neoprene adesivo (brutta ma efficace v. foto).

Altri piccoli suggerimenti
Non hai specificato dove userai la canoa (fiume, lago, mare) e normalmente in quali condizioni.
Ti sarebbe comunque utile anche un paraspruzzi (c.d. gonnellino) o in alternativa qualcosa per togliere l’acqua che dovesse entrare all’interno dello scafo mentre sei in navigazione (es. un bicchiere ricavato tagliando una bottiglia di plastica). Io avevo sempre a bordo anche una piccola spugna (legata con una cordicella per non perderla).
Anche se esci in condizioni di “acqua piatta” questa potrebbe comunque entrare con l’onda provocata da un piccolo gommone che ti passa vicino a tutta velocità come se tu non esistessi (dalle mie parti purtroppo abbastanza frequente).
Un’altra cosa importante sarebbe il giubbotto c.d. aiuto al galleggiamento. Vanno tutti bene (anche quelli economici) purché indossati correttamente. Alcuni modelli hanno le tasche che sono molto utili per tenere gli oggetti di uso immediato (su Internet li trovi a partire da una ventina di euro).


Laura9marzo

  • Jr. Member
  • **
  • *
  • Post: 3
  • ...
Grazie Marittimo per tutti i consigli.

Userò la canoa al mare, uscirò prevalentemente con mare calmo o, al limite, poco mosso.  Non ho intenzione di allontanarmi molto dalla costa,  per evitare problemi con le imbarcazioni a motore.   Lo schienale della seduta è come hai scritto tu, una fascia regolabile.
Grazie ancora per tutto.

Laura

Cristianprato

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 11
  • ...
Ciao a tutti sono nuovo e volevo un consiglio da voi... Ho questo tipo di kayak e vorrei sapere se per me va bene dato che a me importa uscire in mare anche quando è un POCO agitato e se posso modificarlo aggiungendo il timone... Grazie a chiunque mi risponda

marittimo

  • Full Member
  • ****
  • Post: 275
  • pagaiar m'è dolce in questo mare
Ho questo tipo di kayak e vorrei sapere se per me va bene dato che a me importa uscire in mare anche quando è un POCO agitato e se posso modificarlo aggiungendo il timone... 

Per il mare quel kayak va bene anche con un po’ di onda. Forse ha il pozzetto un po’ piccolo che limita i movimenti. Se poi va bene anche per te è difficile dirlo perché immagino che qui quasi nessuno ti conosca.
Il timone si può mettere di quelli che si agganciano a poppa. Ovviamente occorre creare il fissaggio e trovare il modo di portare due cavi internamente fino alle pedaliere (dove ci saranno i comandi per orientarlo a destra e sinistra), poi altri due cavi esternamente (fino al pozzetto) per alzarlo e abbassarlo.

Cristianprato

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 11
  • ...
Per il mare quel kayak va bene anche con un po’ di onda. Forse ha il pozzetto un po’ piccolo che limita i movimenti. Se poi va bene anche per te è difficile dirlo perché immagino che qui quasi nessuno ti conosca.
Il timone si può mettere di quelli che si agganciano a poppa. Ovviamente occorre creare il fissaggio e trovare il modo di portare due cavi internamente fino alle pedaliere (dove ci saranno i comandi per orientarlo a destra e sinistra), poi altri due cavi esternamente (fino al pozzetto) per alzarlo e abbassarlo.

grazie mille per la risposta allora ok io non sono pratico con la canoa in passato gareggiavo a livello agonistico con la barca da canottaggio con il Cus Catania ma ora è la prima volta che mi avvicino alla canoa che mi affascina per la libertà di movimento... Io credo di farci qualche giro sotto costa ma soprattutto mi piacerebbe vogare un po' più a largo della costa

marittimo

  • Full Member
  • ****
  • Post: 275
  • pagaiar m'è dolce in questo mare

... ma soprattutto mi piacerebbe vogare un po' più a largo della costa

Tieni presente che per canoe e kayak vige attualmente il limite massimo di un miglio dalla costa. Se poi superi i 300 metri dalla costa potrebbero esserci anche problemi legati alle dotazioni di sicurezza.

Se vuoi approfondire leggi la discussione che trovi nel link qui sotto

https://forum.ckfiumi.net/index.php/topic,5863.msg22356.html#msg22356

Un miglio forse non è tanto ma può costituire un serio pericolo in caso di mare mosso (accompagnato quasi sempre da un vento non trascurabile e che potrebbe portarti ancora più al largo).
Se vuoi affrontare queste condizioni ti consiglio di imparare la tecnica dell’eskimo o almeno imparare altre tecniche per risalire a bordo in caso di ribaltamento (ad es. con l’ausilio del paddle-float, che con mare calmo e temperatura estiva sembra facile ma le cose si complicano enormemente quando tutto intorno si muove, fa freddo, sei solo e c’è vento).
Ovviamente anche l’abbigliamento tecnico non può essere quello delle uscite sotto costa con acqua calma e arietta leggera.

Cristianprato

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 11
  • ...
Tieni presente che per canoe e kayak vige attualmente il limite massimo di un miglio dalla costa. Se poi superi i 300 metri dalla costa potrebbero esserci anche problemi legati alle dotazioni di sicurezza.

Se vuoi approfondire leggi la discussione che trovi nel link qui sotto

https://forum.ckfiumi.net/index.php/topic,5863.msg22356.html#msg22356

Un miglio forse non è tanto ma può costituire un serio pericolo in caso di mare mosso (accompagnato quasi sempre da un vento non trascurabile e che potrebbe portarti ancora più al largo).
Se vuoi affrontare queste condizioni ti consiglio di imparare la tecnica dell’eskimo o almeno imparare altre tecniche per risalire a bordo in caso di ribaltamento (ad es. con l’ausilio del paddle-float, che con mare calmo e temperatura estiva sembra facile ma le cose si complicano enormemente quando tutto intorno si muove, fa freddo, sei solo e c’è vento).
Ovviamente anche l’abbigliamento tecnico non può essere quello delle uscite sotto costa con acqua calma e arietta leggera.

si comunque ovviamente prima farò molta pratica lungo la costa, appunto per imparare a gestirla meglio, grazie sempre per tutti i consigli.. Invece per il peso credi sia piccola o che vada bene per me considerando che la barca è 4 Mt e io 1,80 per 95kg?...un altro dubbio che mi è arrivato strada facendo

marittimo

  • Full Member
  • ****
  • Post: 275
  • pagaiar m'è dolce in questo mare
Visto che il kayak è già tuo forse la cosa migliore è provarlo. Magari fallo in 30-40 cm di acqua così sei sicuro che se affondi non affoghi..... :)  Se invece galleggi e hai almeno 6-7 cm di bordo libero credo che dovrebbero bastare.
Forse la tua corporatura (simile alla mia) potrebbe crearti difficoltà per entrare e uscire dal pozzetto che, come avevo già osservato in precedenza, mi sembra piuttosto piccolo. Dovrebbe essere circa come quello del mio vecchio kayak (v. foto).
Prima di imparare l’eskimo credo che ti convenga imparare bene la tecnica di uscita dal pozzetto (con e senza paraspruzzi) in caso di ribaltamento (non è detto che l’eskimo riesca sempre).

Cristianprato

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 11
  • ...
Visto che il kayak è già tuo forse la cosa migliore è provarlo. Magari fallo in 30-40 cm di acqua così sei sicuro che se affondi non affoghi..... :)  Se invece galleggi e hai almeno 6-7 cm di bordo libero credo che dovrebbero bastare.
Forse la tua corporatura (simile alla mia) potrebbe crearti difficoltà per entrare e uscire dal pozzetto che, come avevo già osservato in precedenza, mi sembra piuttosto piccolo. Dovrebbe essere circa come quello del mio vecchio kayak (v. foto).
Prima di imparare l’eskimo credo che ti convenga imparare bene la tecnica di uscita dal pozzetto (con e senza paraspruzzi) in caso di ribaltamento (non è detto che l’eskimo riesca sempre).

si sembra simile... Appena sono a casa la misuro e ti dico... Ieri mi sono dedicato a qualche riparazione e ho trovato una crepa sullo scafo lunga circa 20cm...ho riparato con il sintolit n. 5 pensi che vada bene?

Cristianprato

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 11
  • ...
Visto che il kayak è già tuo forse la cosa migliore è provarlo. Magari fallo in 30-40 cm di acqua così sei sicuro che se affondi non affoghi..... :)  Se invece galleggi e hai almeno 6-7 cm di bordo libero credo che dovrebbero bastare.
Forse la tua corporatura (simile alla mia) potrebbe crearti difficoltà per entrare e uscire dal pozzetto che, come avevo già osservato in precedenza, mi sembra piuttosto piccolo. Dovrebbe essere circa come quello del mio vecchio kayak (v. foto).
Prima di imparare l’eskimo credo che ti convenga imparare bene la tecnica di uscita dal pozzetto (con e senza paraspruzzi) in caso di ribaltamento (non è detto che l’eskimo riesca sempre).

e comunque si credo che farò un bel po' di apprendistato per le varie tecniche in modo da poter andare tranquillamente dove mi pare...anche perché per la maggior parte delle volte sarò da solo, quindi ci tengo ad essere abbastanza preparato e sicuro

marittimo

  • Full Member
  • ****
  • Post: 275
  • pagaiar m'è dolce in questo mare

 Ieri mi sono dedicato a qualche riparazione e ho trovato una crepa sullo scafo lunga circa 20cm...ho riparato con il sintolit n. 5 pensi che vada bene?

Purtroppo non conosco il sintolint n. 5 e e ho la più pallida idea di come era la tua crepa e di come hai proceduto per la riparazione. Difficile dare consigli a distanza in questo modo :(

Cristianprato

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 11
  • ...
Purtroppo non conosco il sintolint n. 5 e e ho la più pallida idea di come era la tua crepa e di come hai proceduto per la riparazione. Difficile dare consigli a distanza in questo modo :(
vabbè la proverò direttamente al porto così vedrò se va bene 😅... Grazie mille della tua disponibilità appena la potrò provare il 25 ti farò sapere come va e magari ti chiederò qualche altro parere... Grazie ancora

Cristianprato

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 11
  • ...
Rieccomi per un nuovo quesito  ::)... Intanto il pozzetto del kayak di cui abbiamo parlato è 39cm x 73cm...quindi anche più stretto di quello che hai tu :'(... E poi ho quest altra canoa polo che vorrei rendere utilizzabile... Pensi che passando qualche pennellata di resina epossidica posso rinfrescarla abbastanza da renderla utilizzabile? Considerando che mi interessa più l utilità che l estetica... Allego qualche foto

Cristianprato

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 11
  • ...
....