Autore Topic: CHRISTIAN DE DIONIGI DEL CCM CAMPIONE DEL MONDO IN EXTREME SLALOM  (Letto 1120 volte)

Ottobre 18, 2018, 05:03:01 pm
Risposta #15

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 606
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Grazie Gengis,
sono parole bellissime e gesti amichevoli di fantasia meravigliosi tra persone che non ci sono più che mi commuovono (davvero!). Li vedo anch'io quei due o tre che hai sottinteso e nominato a festeggiare questo titolo di Christian. Con questa vittoria credo che lascerebbero cadere i dissapori che nacquero allorché qualcuno volle "pagaiare diversamente" per intraprendere delle strade differenti. Oggi quelli che erano dei dissapori interpretativi dello sport della canoa si chiamano specialità, non solo agonistiche, beninteso, ma turistiche. Allora non c'erano barche e idee così specifiche per ogni specialità ma una andava bene per tutto e sarebbe bastato rinviare le discussioni di qualche lustro su come sviluppare le proprie idee di canoa/kayak per continuare a far crescere il primo club di canoa turistica ed esplorativa italiano. Ci fu un rallentamento nella crescita del CCM per questo e da almeno due lustri questo club sta addirittura regredendo per diversi motivi che non sto a elencare perché non è questa la sede e nemmeno il momento: un ragazzo, un forte atleta, ha riportato in fortissima auge il Canoa Club Milano nella migliore e nella più calzante delle specialità agonistiche che poteva capitare al vecchio CCM e il club si rispecchia in lui, brillando della sua luce. C'è però una persona con una passione sfrenata per il CCM ed i ragazzi  che non ama essere troppo nominata ed elogiata, ma è la chiave di volta di tutto il sistema agonistico del CCM, l'unico settore che in questi due tremendi lustri dirigenziali ha fatto faville. E' il primo supporter di Christian e lo si vede nella foto...
« Ultima modifica: Ottobre 18, 2018, 07:44:01 pm da Vittorio Pongolini »
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Ottobre 18, 2018, 05:33:08 pm
Risposta #16

luigi colombo

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 12
Non è proprio assolutamente vero quanto afferma Toio nel suo "QUINTO POSTULATO". Anno 1980: Hansjorg Mayer (SC Merano),è campione italiano discesa (fiume Pellice). Anno 1987: Cesare Mulazzi (a quel tempo, ancora tesserato per la Canottieri Adda Lodi) è campione italiano discesa (fiume Adda superiore). Ed è anche possibile che vi siano stati altri casi che non ricordo. Questo, per la precisione.
Ciò non inficia tuttavia, il grande merito  di Christian, atleta del CCM; ribadisco ancora, complimenti,  bravo, bravo e ancora bravo.
Jimmy/ Anonimo Brembano

Ottobre 18, 2018, 07:40:04 pm
Risposta #17

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 606
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Mio buon Luigi, mondiale, non italiano! Un po' di scrematura tra italiano e mondiale c'è, no? Ci sono 206 nazioni su questa terra. Ma posso essermi sbagliato, non sarei pronto a scommettere su quanto ho detto. Ti saluto.
« Ultima modifica: Ottobre 18, 2018, 07:49:35 pm da Vittorio Pongolini »
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.