Autore Topic: Come adeguare CKfiumi e creare CKmare/lago con link meteorologici  (Letto 644 volte)

Settembre 05, 2018, 05:01:35 pm
Letto 644 volte

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 635
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Mentre quest'estate pagaiavo allenandomi in acque salate pensavo a quali fossero i rischi oggettivi del Kayak da Mare e come fosse possibile un confronto sulla base dei pericoli a cui si è soggetti rispetto alla canoa fluviale. I rischi principali del KdM  sono le condizioni meteo del mare/lago. Cambiano repentinamente e le previsioni del tempo sono spesso incomplete e poco reali, i temporali e i fulmini che ne conseguono sono un rischio tremendo e i forti venti,  soprattutto sui laghi alpini, sono forse la faccenda più dannatamente pericolosa nella stagione autunnale ed invernale.
Quindi, perché non creare un sito parallelo a CKfiumi - lo si potrebbe chiamare CKmare/lago oppure affiancarlo per ora a CKfiumi per avere un riferimento certo - che riporti le condizioni meteo e le temperature delle acque etc... con i link dei migliori siti meteorologici a cui affidarsi? Io stesso ne conosco davvero pochi.
Per cui, se li conoscete, cominciate a tirarli fuori questi link. Non dico che ne va della nostra ghirba ma per lo meno potremmo prevedere con più certezza come e se conviene affrontare delle uscite in kayak senza rischi.
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Settembre 06, 2018, 06:34:50 am
Risposta #1

marittimo

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 151
  • Testo personale
    ...

I rischi principali del KdM  sono le condizioni meteo del mare/lago. Cambiano repentinamente e le previsioni del tempo sono spesso incomplete e poco reali, i temporali e i fulmini che ne conseguono sono un rischio tremendo e i forti venti,  soprattutto sui laghi alpini, sono forse la faccenda più dannatamente pericolosa nella stagione autunnale ed invernale.

Lo scenario adriatico non è proprio così apocalittico, neppure se decidi di attraversarlo in kayak da Pola (Croazia) a Cattolica (Rimini) come hanno fatto due ragazzi del mio circolo questa estate. Ovviamente avevano l’assistenza.

https://www.canoaclubrimini.com/2018/07/traversata-del-m-adriatico/


Per previsioni complete e attendibili consulto normalmente questi siti ufficiali (anche per la vela)

http://www.meteoam.it/nettuno

Per stato del mare e del vento su 2-3 giorni

https://www.arpae.it/sim/?mappe_numeriche/numeriche&vento_10_metri

Per previsioni del vento, pioggia e nuvolosità nella giornata. Le mappe aggiornate sono normalmente disponibili verso le ore 7.00 di ogni giorno.

https://www.arpae.it/sim/?mare/boa

Altezza reale delle onde sotto costa e relative previsioni

Sempre nel sito ARPA Emilia-Romagna si possono vedere le previsioni generali fino a 15 giorni.

Poiché le previsioni meteo si basano su differenti modelli matematici, quando voglio essere sicuro cerco riscontro attraverso questi siti

http://prognoza.hr/karte.php?id=prizemne&param=vjtl&it=03

Sistema metereologico croato molto attendibile, specie per condizioni del vento. Mappe aggiornate disponibili quasi sempre prima delle ore 7.00

Utile anche una rapida occhiata nei siti privati tipo meteo.it e meteolive.it

Infine un’occhiatina al mare in diretta attraverso alcune webcam e stazioni meteo

http://www.cncattolica.it/meteo/
http://www.spiaggia61.it/webcam.htm

Il tutto sembra complicato, ma, presa l’abitudine, ci vogliono pochi minuti (ovvero pochi click).

Comunque, al di là delle informazioni ufficiali, conta molto anche l’esperienza e la conoscenza dei luoghi.

Ad esempio, se vuoi farti una pagaiata mattutina lungo costa da Cattolica fino a Pesaro (costeggiando tutto il promontorio di Monte San Bartolo), in una normale giornata estiva (cioè senza perturbazioni nei paraggi), puoi aspettarti queste condizioni:

Andata:
- mare calmo con onda lunga provocata dalle barche che pescano le vongole e che rientrano verso le 7.00 (in fila indiana) nel porto di Cattolica;
- brezza di terra, in alcuni punti (sempre i soliti per via della conformazione della costa) anche abbastanza forte (oltre 10 nodi), che ti ritrovi al traverso con conseguente tendenza orziera abbastanza fastidiosa.

Ritorno:
- il mare comincia a muoversi per effetto della brezza di mare che entra da N e delle tante barche/barchette/gommoni che iniziano a transitare lungo costa provocando onde che, frangendo sulle scogliere, creano un mare confuso per via della risacca;
- vento inizialmente quasi a prua che tende a girare verso S secondo il regime della brezza. C’è una calma tra le 8.30 e le 9.00 quando cade la brezza di terra. Poi da N entra progressivamente quella di mare (che può arrivare anche 8-10 nodi), che gira verso E e che si calma, per circa mezz’ora, verso fine mattinata. Di seguito entra da E la brezza pomeridiana che gira verso SE e che può arrivare anche a 15-18 nodi verso metà pomeriggio (con conseguente aumento del mare). Verso le 19 calma di vento in attesa della brezza di terra.

In autunno/inverno il regime di brezza è meno marcato e aumenta il numero delle perturbazioni (sempre previste con qualche giorno di anticipo) le cui intensità e provenienza influiscono ovviamente sul sistema vento/mare


« Ultima modifica: Settembre 06, 2018, 06:41:49 am da marittimo »

Settembre 06, 2018, 07:39:18 am
Risposta #2

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 218
  • Testo personale
    MARCO
Per la Lombardia le previsioni più affidabili sono quelle del CML, nonostante sia un'associazione di appassionati e non dei metereologi professionisti hanno dalla loro parte il fatto che sono moltissimi, molto competenti (ne ho conosciuti alcuni), hanno una rete di stazioni meteo diffusississima (oltre 200 contro la decina circa della rete ufficiale, oltretutto tutte installate e mantenute in maniera ottimale) ed oltretutto essendo lombardi conoscono bene le caratteristiche del territorio (alla fine i fenomeni meteo locali non sono altro che la ripercussione delle macro-situazioni che si scontrano con l'orografia locale).

A tal proposito per i Lombardi consiglio senza dubbio l'acquisto del loro atlante [ http://www.centrometeolombardo.com/content.asp?contentid=5727


Più in generale per il discorso vento ed onda di solito guardo che è un protale molto sfruttato da chi fa windsurf e kitesurf.



Mentre per le pianificazioni https://webapp.navionics.com.

La cosa di cui più di tutto si sente la mancanza, a mio avviso, è una specie di portolano per canoisti dove trovare osservazioni ed appunti...per questo l'unica cosa che spesso risulta utile - oltre a chiedere in giro a chi si conosce - è splulciare i blog personali...ma ci vorrebbe una specie di archivio dove gli utenti possono fare resoconti e segnalazioni.
Una cosa simile in realtà c'è, su un sito che tratta di outdoor in generale, io e un paio di altri utenti abbiamo fatto qualche scheda sulla falsa riga di quelle che gli altri usano per escursioni in montagna; ma come dicevo è un portale troppo  generico, con pochi canoisti e perlopiù improvvisati su gonfiabili (quindi con esigenze  e target diversi).

Settembre 06, 2018, 11:25:59 am
Risposta #3

Giovanni Perozzi

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 69
Ciao,

per quanto riguarda le previsioni meteo riguardanti il mare, in prima battuta consulto:

https://www.ilmeteo.it/portale/meteo-mare

cercando in "città marine"

e poi approfondisco con le mappe indicate in:

http://www.surfcorner.it/meteo-surf-mappe-venti-e-mari-previsioni-onde/

dove c'è una mappa con animazione, oppure tra le tante vado a LAMMA Toscana.