Autore Topic: Assurda tassa per navigare il Tirino  (Letto 892 volte)

Giugno 11, 2018, 09:14:55 am
Letto 892 volte

Gengis

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 546
Ciao a Tutti ,
Agostino Molinelli  ha segnalato in facebook  una assurda tassa per navigare il fiume Tirino é strettamente necessario che facciamo sentire la nostra indignazione inviando una mail di protesta al comune di Capestrano .
Allego la delibera del Comune di Capestrano con la quale si impone una tassa per navigare sul fiume Tirino - La stessa è stata quantificata da organi del Comune in loco . 10 EURO ogni 2 ORE per persona e soltanto per max 6 (sei) canoe /Kayak concomitanti - La tassa non è applicata ai residenti e "nativi" come si evince dal comma 3 dell'art. 1 della delibera . Inoltre la tassa non è applicata ex comma 10 Art.1 alla cosiddetta " unità di navigazione storica "coop. IL Bosso" che chiede 60 Euro per una passeggiata in canadese con guida per due persone. Se la volontà è disincentivare il turismo nella Valle del Tirino lo scopo sarà presto raggiunto - Le attività commerciali di zona e tutti gli appassionati canoisti che per anni col massimo rispetto per la flora,la fauna e l'ambiente del fiume lo hanno navigato , immagino ringrazieranno - Credo sia superfluo ogni commento ..... ma se vorrete far conoscere il vs pensiero ecco la e.mail del Comune : info(chiocciola)comunedicapestrano.it
Questa tassa oltre che ingiusta  serve sopprattutto per agevolare una azienda locale , danneggiando il turismo .
Gengis

Giugno 12, 2018, 08:58:03 am
Risposta #1

cristian bertolin

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 22
Ciao Gengis, prima che al Comune di Capestrano la farò sentire qui, definire a priori una tassa assurda prevede che chi lo afferma conosca l'iter storico e culturale che ha portato all'emanazione della stessa, anche perché mentre molti di quelli che dovrebbero "far sentire la loro indignazione" se la dormono, i nostri fiumi sono da anni lasciati nel totale abbandono, e mentre ci si indigna per una tassa che forse è la conseguenza di un percorso vero di tutela ed economia di una risorsa, in altre parti d'Italia enti privati di diritto pubblico hanno già emanato ordinanze di divieto della navigazione (come del resto accade in altri paesi europei ed extra europei) non bisogna confondere la fruizione ludica di un territorio (che non ha ricadute ma costi per il territori....) con il turismo che è una vera e propria economia... Infondo Gengis quando i canoisti italiani vanno in Soca nella vicina Slovenjia é trovano un intera vallata organizzata per rendere indimenticabile l'esperienza della canoa, non mandano mail di indignazione al ministero del turismo sloveno per la tassa che pagano per accedere al fiume.... Proverò a contattare quell'amministrazione sul Tirino per capire come e cosa hanno fatto e quali siano gli obbiettivi di questa ordinanza....porrebbero esserci piacevoli sorprese da scoprire.... Purtroppo gratis non vale niente nell'immaginario collettivo. Cristian

Giugno 12, 2018, 03:12:40 pm
Risposta #2

Lorenzo Molinari

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 86
"Il gratis non vale niente nell'immaginario collettivo" è un luogo comune talvolta vero ma anche falso.
Un panorama vale per tutti eccome! Ma ciò che vale emozionalmente non giustifica che venga monetizzato, neppure con la scusa di tutelarlo o renderlo diversamente fruibile, considerando quanto già siamo salassati.

Basta con questo voler spremere il cittadino ogni passo che compie, ci sarà sempre una motivazione più che valida per ogni tassa, e le tasse incassate non basteranno mai. Già ne paghiamo troppe e non mi interessa se al comune o alla regione o allo stato.
Sono stufo di dover portare da casa la carta igienica alla scuola elementare di mia figlia, perché non ci sono soldi per acquistarla ma ci sono per comprare armamenti o per spesare le inefficienze e la corruzione della burocrazia (paragoni troppo facili).

Non entro nel merito: c'è il comune che mette l'autovelox, l'altro che mette la tassa sul fiume, l'altro ancora che... io semplice andrò altrove, per fortuna di posti belli gratuiti ce ne sono parecchi in Italia, e al Comune di Capestrano ora scrivo la mia e-mail di protesta, al di là di cosa ci faranno con quel denaro.


Giugno 12, 2018, 09:40:52 pm
Risposta #3

marco iezzi

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 100
Quella del Tirino è una antica questione,vedere topic precedenti tramite ricerca scrivendo fiume tirino

Giugno 13, 2018, 09:23:44 am
Risposta #4

Gengis

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 546
Caro Cristian,
io sono sempre molto terra terra e perciò contrario ad ogni vessazione  infatti non sono più andato in Slovenia proprio per quel assurdo balzello , mi sai dire se hanno fatto parcheggi per i Canoisti oppure messo in acqua zattere per imbarchi e sbarchi ,insomma qualche cosa che già non c'era.
Molti anni fa in Austria  in Nord Tirol  ho pagato volentieri una tassa d'ingresso per percorrere un torrente alpino di rara bellezza ,però questa tassa serviva per il trasporto del kayak su apposito carrello e del Canoista su un pulmino e per  il parcheggio Custodito  nel piazzale antistante , altrimenti avrei potuto a piedi salire fino all'imbarco con il kayak in spalle e poi scendere gratuitamente il torrente .
Se viene fornito un servizio è giusto pagare ,altrimenti si è complici di una vessazione .
Gengis

Giugno 13, 2018, 10:41:15 am
Risposta #5

Maurizio (Tric)

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 72
Comcordo pienamente con le riflessioni di Gengis e Lorenzo.
Se è un problema di salvaguardare ed evitare "malfrequentazioni" del territorio in questione, basterebbe che nei Tg. regionali e locali si trasmettessero dei servizi su chi ha fruito della splendida vallata, e su chi ha preso 500 euro di multa per aver abbandonato rifiuti o quant' altro, con tanto di nomi e cognomi.  l'Italiota mediocre impara solo se lo si colpisce direttamente e pubblicamente, al contrario cresce l'indignazione se si continua a perseverare con la regola "punirne 100 per educarne 2 ".

Maurizio

Giugno 14, 2018, 06:50:56 am
Risposta #6

santino spada

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 72
Bravo Gengis condivido
Il fiume da te citato in Tirolo è Isar Superiore si parte quasi dove c'è ancora la neve .

Giugno 14, 2018, 09:35:31 am
Risposta #7

MaurizioGuidaFICT

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 250
  • Testo personale
    Guida Fluviale e Istruttore FICT - Guil
Tre o quattro anni fa volevamo con RKM organizzare la Giornata del Corsista sul Tirino e sia il Comune di Capestrano che la Cooperativa il Bosso che ha la concessione sul tratto di fiume rilasciata hanno stilato un regolamento che di fatto consente solo alla cooperativa - che guarda caso ha il numero massimo di canoe consentito dal regolamento - di fruire di quel tratto di fiume che risale fino alle sorgenti.
Ho scritto al comune, al sindaco (dovrei avere ancora le lettere) e parlato con i ragazzi della cooperativa ma non c'è stato nulla da fare e non ci hanno consentito di fare la manifestazione, spiegando loro che la nostra iniziativa era senza scopo di lucro, che non avrebbe tolto clienti  e che cmq avrebbe promosso il territorio e fatto conoscere il luogo anche a non canoisti.
Noi abbiamo spostato la manifestazione sul Velino.
Pagare una cifra equa in cambio di servizi mi sembra corretto ma sul Tirino non ci sono servizi, ne posti auto o carte che segnalano il percorso e le sue caratteristiche, imbarchi o sbarchi.
Un brutto esempio di amministrazione locale che favorisce solo alcuni a danno della comunità. Clientelismo misero e miope.
Comunque poi successivamente ci siamo andati senza avvisare ne il comune ne la cooperativa e senza proporre una manifestazione. Grazie ad un canoista locale e al proprietario del ristorante/pseudo campeggio che sta nella zona di imbarco siamo andati in fiume e non abbiamo avuto nessun problema ne pagato nulla.
Resta comunque una situazione deprecabile, e purtroppo tutta italiana, di un bene pubblico che con la scusa di essere tutelato è di fatto riservato a pochi "amici". Se vuoi utilizzarlo regolarmente non puoi ma se vai tramite qualche conoscenza allora è possibile.
Maurizio

Giugno 15, 2018, 10:21:44 am
Risposta #8

Andrea Ricci

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 258
  • Testo personale
    non la canoa, bensì la pagaia è il nostro sport
    • acquamossa
questa la pagina facebook della privilegiata cooperativa locale:
https://www.facebook.com/coopilbosso/
Andrea Ricci
acquamossa(chiocciola)tiscali.it
339 8808 312

Giugno 15, 2018, 11:53:26 am
Risposta #9

Frederik Beccaro

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 205
su ckfiumi non c'è nemmeno la scheda de Tirino