Autore Topic: "Auf dem Floß durch die Schluchten der Tara "  (Letto 307 volte)

Maggio 30, 2018, 12:49:19 pm
Letto 307 volte

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 604
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
"Sulla zattera attraverso le gole della Tara". E' questa la traduzione di questo bellissimo documentario.
Potete collegarvi a questo link:

https://www.arte.tv/de/videos/047418-000-A/360-geo-reportage/

e godervi i 53 minuti di una discesa ecologica e rievocativa sulle "Splavaranje", le zattere (raft) tradizionali autocostruite del fiume Tara (Montenegro) e dei suoi 90 km in una gola profondissima che arriva oltre i 1200 m di dislivello in alcuni tratti del fiume.

L'ho messo volutamente in questo spazio per dimostrare che "Rafting" non è solo business - anche se in Italia ha preso questa piega, a mio immodesto parere, storta - ma può essere anche ecologia e piacere di scendere in canoa con l'appoggio del gommone di supporto.

In questo documentario in tedesco, del quale ho ricevuto il link dal mio amico tedesco Franz Bettinger, c'è l'essenza folkloristica montenegrina, l'ecologia rurale locale, che porta a costruirsi da zero le zattere, le "splavaranje", partendo dai tronchi e a raccogliere lungo le sponde e il fondo del letto del fiume i pezzi di metallo abbandonati da anni, il trasporto di favore di una capra - ricorda oggettivamente l'indovinello di chi sia da trasportare prima tra il lupo, la capra e la lattuga e mi ricorda soggettivamente il caprone immangiabile, spacciatoci per capretto, nella nostra discesa della Tara del 2002 - e, soprattutto, le meravigliose visioni di mezza estate della gola e del fiume Tara.

Se a qualcuno venisse lo stimolo di scenderlo - lo consiglio caldamente, anzi, freddamente - e lo vedesse alla propria portata, tenga conto che nel documentario il livello è medio basso e che siamo a inizio o forse mezza estate: in primavera ci sono tratti difficili di IV grado di volume, con alte onde e il fiume diventa una grande, lunga cavalcata nella natura disabitata.

Il documentario va visto per intero: mettetevi dunque comodi perché non è un video mordi e fuggi e consiglierei modestamente alla FICT di metterne il link sul proprio sito perché una discesa della Tara è l'essenza della canoa turistica ed esplorativa europea.
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Maggio 30, 2018, 03:48:12 pm
Risposta #1

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 604
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Ho trovato la versione in francese, un po' meno ostica, "Le derniere radeau du Montenegro":

https://rutube.ru/video/1fdce2332c24f81d81d5de86df42dfdb/
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.