Autore Topic: uscita costiera triestina  (Letto 2948 volte)

Agosto 22, 2014, 06:06:41 pm
Letto 2948 volte

lucio forchiassin

  • Visitatore
salve,mi chiamo Lucio,finalmente hoil mio kayak da mare un ''trasatlantico'' speriamo di non ''affondare'' mi piacerebbe conoscere qualche kayakista che va da quelle parti cosi mi da qualche dritta anche perche' e da diversi anni che ho lasciato .il kayak la prossima settimana l'ho porto presso il villaggio del pescatore alla polisportiva san marco.speriamo di trovare un paziente kayakista.lucio

Agosto 23, 2014, 07:36:27 pm
Risposta #1

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 638
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Consigli tout court, Lucio: non chiamarlo "transatlantico" (e vedrai che non "affonda", a meno che ti abbiano venduto una fregatura); metti una foto del kayak on line con l'attrezzatura; chiama i "kayakisti", kayaker(s); comincia a pagaiare da solo, progressivamente, e vedrai che trovi i compagni di uscita via via che prendi la mano.
Sono consigli benevoli che ti consentono di mantenere la rotta verso la direzione dell'apprendimento, ancora prima di cercarla. Non si capisce poi, da quello che scrivi, se hai gią pagaiato o no nella vita.
Saluti e auguri.
 
PS occhio anche ai pronomi personali complemento, che non vanno confusi con i verbi, e alle maiuscole!
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

Agosto 25, 2014, 04:27:39 am
Risposta #2

lucio forchiassin

  • Visitatore
Ciao, ti ringrazio del consiglio , andavo in canoa circa tre anni fa poi ho smesso, avevo un delfino mare , ora ne ho preso uno modello vecchio ma tenuto bene , per quanto riguarda trasatlantico e per scherzare .scusa per gli errori grammaticali ma non sono abituato a scrivere con il tablet.