Autore Topic: kayak ASA modello Combo (Alessandrini)  (Letto 5190 volte)

Dicembre 02, 2013, 07:11:38 pm
Letto 5190 volte

pietro dineri

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 7
  • Testo personale
    ...
Ciao a tutti
qualcuno conosce le caratteristiche del kayak in oggetto , ho cercato in rete ma non ho trovato nulla ( mi interessa per un possibile acquisto usato).
saluti
Pietro

Dicembre 02, 2013, 08:11:48 pm
Risposta #1

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 556
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
E' il modello COMBI, non Combo. Ci ho iniziato ad andare a 12 anni, 1970, il mio primo kayak! (era giallo con le scritte in verticale incavate nello scafo...). E' un kayak da registro storico! Richiesto da G. Granacci ad Alessandrini (canoe ASA). Fu chiesto al costruttore ASA (marchio con le due "A" in verticale, opposte di base, con la "S" in mezzo, a formare una canoa) di fornire un kayak con le stesse linee della Klepper ma, ovviamente, non smontabile e in VTR, fatto con poliestere del primo tipo. Dev'esser lungo almeno 4,20, o forse 4,30 e va (andava) bene per fiumi fino al 3 grado senza manovra (come la Klepper), mare e laghi. Era bello pesante e se l'hai trovato è ormai fragilissimo perché ha più di 45 anni! Pensa un dodicenne con una portaerei del genere se non impara a manovrare una canoa!
Guarda che se l'hai sotto mano è davvero una rarità! Se si fa un registro storico potrebbe anche valere come cimelio canoistico. Se ce l'hai vicino, fotografalo e mettilo in rete: chissà che non si dia inizio ad una ricerca storica, con valore crescente per i kayak più datati!

PS E' un po' che penso che non sarebbe male organizzare un raduno di kayak e canoe storiche...
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

We can't afford to squander more of our rivers with dirty dams when real clean energy solutions exist. But... we have to be realistic with our actual energy consumptions!

Dicembre 02, 2013, 08:32:16 pm
Risposta #2

pietro dineri

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 7
  • Testo personale
    ...
E' il modello COMBI, non Combo. Ci ho iniziato ad andare a 12 anni, 1970, il mio primo kayak! (era giallo con le scritte in verticale incavate nello scafo...). E' un kayak da registro storico! Richiesto da G. Granacci ad Alessandrini (canoe ASA). Fu chiesto al costruttore ASA (marchio con le due "A" in verticale, opposte di base, con la "S" in mezzo, a formare una canoa) di fornire un kayak con le stesse linee della Klepper ma, ovviamente, non smontabile e in VTR, fatto con poliestere del primo tipo. Dev'esser lungo almeno 4,20, o forse 4,30 e va (andava) bene per fiumi fino al 3 grado senza manovra (come la Klepper), mare e laghi. Era bello pesante e se l'hai trovato è ormai fragilissimo perché ha più di 45 anni! Pensa un dodicenne con una portaerei del genere se non impara a manovrare una canoa!
Guarda che se l'hai sotto mano è davvero una rarità! Se si fa un registro storico potrebbe anche valere come cimelio canoistico. Se ce l'hai vicino, fotografalo e mettilo in rete: chissà che non si dia inizio ad una ricerca storica, con valore crescente per i kayak più datati!

PS E' un po' che penso che non sarebbe male organizzare un raduno di kayak e canoe storiche...

In effetti e' come dici tu vicino al pozzetto ha il marchio con le 2 A opposte e la S in mezzo, dalla linea mi sembrava un po datato ma non immaginavo cosi' tanto, sara' decisamente meglio lasciare perdere.
Grazie.

Luglio 05, 2017, 09:17:34 pm
Risposta #3

Umberto Moretti

  • Newbie

  • Offline
  • *

  • 1
  • Testo personale
    ...
Buongiorno, nonostante il post molto datato, mi ci sono imbattuto cercando online qualche informazione in merito al mio kayak...
Ho 79 anni, da oltre 50 sono socio della Canottieri Pesaro. Intorno al 1965 ho acquistato a Milano questo kayak ASA modello Combi trattando direttamente con il sig. Alessandrini. Ho partecipato ad alcuni raduni canoistici: Parco del Ticino (Vigevano-Pavia) del settembre 1986 di cui conservo una medaglia ricordo... Tratti del Po', in Provincia di Ferrara Sorrento (Marina del Cantone-Punta Campanella) nel giugno 1988.
Ancora oggi con la mia Combi esco costantemente in mare.
Leggendo di eventuali possibili raduni di Kayak e canoe storiche, approvo l'idea e mi piacerebbe rimanere informato a tal proposito.
Se ne sono mai fatte? Ne sono previste in futuro...?
Ringraziando per l'attenzione, saluto cordialmente!
Umberto

Luglio 09, 2017, 09:48:22 pm
Risposta #4

marco ferrario (eko)

  • Global Moderator
  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 216
    • eko
kayak ASA ....... sig. Alessandrini. ......
Leggendo di eventuali possibili raduni di Kayak e canoe storiche, approvo l'idea e mi piacerebbe rimanere informato a tal proposito.
Se ne sono mai fatte? Ne sono previste in futuro...?

Ciao Umberto, poco fa ho ricevuto una telefonata da Andrea Alessandrini che è un giovane della tua stessa etá, lui non naviga in internet ma spesso pagaia.
Assicuro che è in perfetta forma e ha tanta voglia di organizzare un grande raduno di vecchie ASA.
La sua abitazione si affaccia sul lago di Pusiano, pensava così di organizzare il raduno proprio su queste acque dove ha scelto di vivere.
Spero che il progetto si realizzi nei prossimi mesi, magari a primavera del 2018 per festeggiare la gloriosa storia dell'ASA Canoe.
Andrea vorrebbe proprio organizzarla, a noi chiede solo l'indispensabile supporto informatico. 
« Ultima modifica: Luglio 10, 2017, 04:55:26 am da marco ferrario (eko) »

Luglio 10, 2017, 12:27:46 pm
Risposta #5

Giovani Perozzi

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 6
ciao Marco ed Umberto,
sono un possessore di una ASA NIKE 66, è il kayak col quale ho iniziato quasi 40 anni fa, ed era appartenuta al Prof. Luigi Manzi di Civitavecchia, pioniere del kayak fluviale, ne aveva due identiche, e si divertiva nelle passeggiate a mare a strabiliare al suo passaggio inframezzato di pagaiate ed eskimi in successione. Se qualcuno è esperto vorrei maggiori informazioni sul mio kayak, penso debba essere uno dei primi modelli da discesa, a vederlo adesso appare abbastanza paciocco per essere stato un kayak da gara, molto stabile e lodevole anche col mare mosso, mi ha sempre divertito e dato ottime sensazioni. Lodevolissima l'iniziativa del raduno di kayak storici del prestigioso marchio.

Luglio 10, 2017, 05:38:35 pm
Risposta #6

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 556
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Non sono della vs. generazione di quasi ultraottantenni (la mia età sulla mia scheda al mio nome, qui), ma il nome Manzi mi ricorda il Maestro Manzi di "Non è mai troppo tardi"! Bene, nemmeno per pagaiare, ha ha!
Guardate tutti che le vecchie canoe erano e soprattutto SONO TUTTORA OTTIME SU FIUMI PER IL SECONDO GRADO (alcune fino al terzo). Anche in mare si difendono bene perché i KdM manco si sapeva esistessero fino agli anni '80. Bisognava andare in Inghilterra e lì nel '74 è nato la madre di tutti i KdM, il Nordkapp, (che posseggo e va benissimo) ma noi qui proprio nulla fino ad inizio anni '90.
Per la "Regata Storica" dobbiamo trovare un Doge che sposi il mare gettando l'anello in acqua. Roba da bigiotteria, mi raccomando. Possiamo farla su acqua dolce al Raduno del Vara con  la mediazione organizzativa della nuova FICT.
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

We can't afford to squander more of our rivers with dirty dams when real clean energy solutions exist. But... we have to be realistic with our actual energy consumptions!

Luglio 11, 2017, 03:50:44 pm
Risposta #7

Lorenzo Molinari

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 47
Ciao Giovanni Perozzi,
possiedi uno degli ormai rarissimi esemplari del primo kayak da discesa (4,50 m) progettato e prodotto da Andrea Alessandrini: NIKE 66.
Spero tu possa partecipare al raduno ASA, che prima o poi si terrà, per farcelo ammirare.
Potresti farne una o più foto e postarle sul forum o inviarle alla mia mail personale: molinari.studio(chiocciola)tiscali.it che sono curioso di vederlo in "anteprima" e nel caso inserire una foto nel libro che sto scrivendo sulla storia della canoa nel mondo (se mai lo finirò..). Grazie

Luglio 12, 2017, 10:08:56 am
Risposta #8

Giovani Perozzi

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 6
cacchio, non sapevo fosse il  primo kayak da discesa prodotto da Alessandrini.
posso solo affermare che è un kayak fantastico, e pensare che gli amici mi prendevano in giro  mi davano del "vintage".

Luglio 12, 2017, 01:01:14 pm
Risposta #9

Vittorio Pongolini

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 556
  • Testo personale
    Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Beh..., con tutto rispetto, lo sei vintage con quella barca dei '60, ma anche la Cinquecento d'epoca lo è. Era peggio se ti davano del matusalemme o del vecchio-col-braccino-corto. Però saresti più fuori luogo, per l'uso che ne fai, coi transatlantici da discesa tutto-avanti che fanno ora! Per cui, tienila da conto che vale per quello che ti dà, cioè molto, oltre al valore di canoa d'epoca. Avevo una Supermaxijet della ASA del '73 prima dei KdM e, mannaggia, l'ho venduta per 150 mila lire: che idiota! Vale il discorso che ogni canoa ha la sua acqua e ogni acqua ha la sua canoa. Mi fanno molto più ridere quelli che vanno sui secondi gradi con le attuali canoe da creeking, ma bisogna essere dei saggi per capire queste cose: oggi conta l'immagine non il pragmatismo e una canoa da creeking, anche sul Ticino, fa figo. Giammai lo farà ai miei occhi!
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

We can't afford to squander more of our rivers with dirty dams when real clean energy solutions exist. But... we have to be realistic with our actual energy consumptions!

Luglio 14, 2017, 12:26:07 pm
Risposta #10

Giuseppe Spinelli

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 55
Salve a tutti,

insieme con Vittorio Pongolini stavamo accarezzando l'idea di un raduno di canoe "vintage", che ovviamente non includerebbe solo le Alessandrini, sponsorizzato da FICT. In ogni caso se Andrea vuole organizzare per le ASA una sorta di riunione di famiglia io ci sto (ne posseggo due!). Chi si fa promotore dell'organizzazione? Per il periodo proporrei autunno, saltando l'estate con programmi ormai già determinati. Beninteso felice di accogliere tutti gli amici in Francia sulla Durance al Raduno Internazionale Estivo FICT.
grazie
Giuseppe Spinelli
Presidente FICT


Luglio 15, 2017, 09:50:57 am
Risposta #11

Gengis

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 515
Ciao a Tutti ,
anch'io ho usato la Combi di Alessandrini  era di proprietà di Valter Fochi l'amico di Fossano deceduto alcuni anni fa, assieme abbiamo disceso un Corsaglia in piena esagerata  durante il raduno storico  che il Canoa Club Milano organizzava a cavallo del 25 aprile -1° maggio  sulla Stura .
Mi piace l'idea di fare un raduno per kayak  storici, io possiedo ancora un canion 390 originale Prjom che fu usato  dalla Fanver di Luzzara per fare lo stampo con cui produsse su licenza tale modello .
Tenetemi aggiornato ,grazie.
Gengis

Luglio 16, 2017, 02:43:17 pm
Risposta #12

Mauro Villotta

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 47
  • Testo personale
    Ricordati sempre che l'acqua è più forte ...
Ciao a tutti,
l'idea di un raduno storico è valida.Su un fiume come il Vara avrebbe senso per rispettare l'età e le condizioni dei kayak.
Il mio Taifun Slalom del 1987 magari si convince a fare qualche KM....
Leggerò volentieri l'eventuale locandina.