Autore Topic: Capraia  (Letto 2798 volte)

Giugno 13, 2013, 07:30:34 pm
Letto 2798 volte

passolento

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 131
Ciao a tutti.
c'è mica qualcuno che sappia darmi un po' di info sulla Capraia?
Mi interessano soprattutto le regole di navigazione all'interno delle due aree protette. In particolare, su un sito trovo che all'interno della Zona 1 o di tutela integrale (quel tratto di costa che va da Punta della Manza fino a Punta del Trattoio) è, tra l'altro, fatto specifico divieto di accesso, navigazione, sosta ed ancoraggio di qualunque imbarcazione a motore; immersione con autorespiratore; pesca in ogni forma
quindi, per come la leggo io, col mio kayak posso passare all'interno della zona 1 e fare il bagnetto con la maschera e le pinne. Sbaglio?
Saluti
Daniele

Giugno 14, 2013, 08:38:51 am
Risposta #1

Andrea Ricci

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 287
  • Testo personale
    non la canoa, bensì la pagaia è il nostro sport
    • acquamossa
ciao daniele,
o fai all'italiana: ci provi e se ti fermano fai lo gnorri.
o chiedi per iscritto alla direzione del parco le regole di navigazione.
io per progettare un viaggio a ventotene e santostefano ho chiesto alla direzione; risultato: navigazione ammessa a minimo 100m dalla costa (!) con divieto di sbarco tranne area porto e spiaggia; e a santostefano interdizione totale alla navigazione, anche di canoe!
meno male che in passato non chiesi nulla e feci quel che mi pareva ...
[detto con una malcelata polemica contro quei canoisti masochisti che vorrebbero regolamentare tutto ...]
Andrea Ricci
acquamossa(chiocciola)tiscali.it
339 8808 312

Giugno 14, 2013, 11:14:04 am
Risposta #2

francesca gastaldi

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 156
A Capraia per navigare nella zona integrale devi chiedere il permesso. Chi lo ha fatto se lo è visto negare più di una volta. Quanche volta lo concedono. Non sò in base a quale motivazione! Quando ci sono stata io nella zona integrale era vietato anche farsi il bagno. O ci provi, come dice Andrea, o ti arrendi. Considera che se trovi personaggi fiscali nell'applicazione della regolamentazione rischi il sequestro del mezzo.
Proprio per questo ultimo motivo i canoisti, a cui fà riferimento Andrea, vorrebbero chiedere di essere più liberi di navigare (e non di regolamentare). 
francesca gastaldi
Francesca Gastaldi

Giugno 14, 2013, 05:30:40 pm
Risposta #3

passolento

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 131
Ma infatti, siamo alle solite ... non si capisce un cavolo di come sono i regolamenti. :-X  A legger quello che c'è scritto sull'unico sito che ho trovato, sembrerebbe che col kayak ci si possa andare.  ??? Viceversa, tutte le volte che ci sono stato in barca sono sempre stato convinto che la preclusione alla navigazione fosse assoluta.  ::) Oltretutto, se dovessi decidere di fare il periplo dell'isola sarei costretto ad allontanarmi di molto dalla costa. Così facendo rischierei di infrangere qualche astruso regolamento locale che impone limiti di distanza minimi a sandolini, pattini, pedalò e ... canoe, appunto!  >:(
quasi quai canno la Capraia e vado all'Elba  :P
Saluti
Daniele

Giugno 14, 2013, 09:54:47 pm
Risposta #4

marco ferrario (eko)

  • Global Moderator
  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 269
    • eko
Esistono divieti di navigazione ingiusti o apparentemente inspiegabili, non si può continuare a subirli senza batter ciglio.

A volte, anzi sempre più frequentemente, con la scusa del Parco si vieta la navigazione ai kayak che ne solcano le acque
SENZA LASCIARE TRACCIA DEL LORO PASSAGGIO,
IN SILENZIO,
SENZA INQUINARE
E SENZA CREARE ALCUN TIPO DI DISTURBO A FLORA E FAUNA.


Se poi osserviamo che le stesse zone vietate alla nostra pulita navigazione, non sono così protette come dovrebbero e vengono frequentate da motobarche rumorose, puzzolenti di smog e colme di turisti, la nostra perplessità cresce.
Barche a motore che evidentemente hanno un permesso esclusivo e sono di fatto autorizzate a schiamazzare e inquinare l'aria e l'acqua di un Parco Marino.

Quando infine ci si sente rispondere, da addetti all'ente Parco, che siamo assolutamente liberi di frequentare questi parchi marini, ma solo con le sopraddette imbarcazioni, in "gita turistica organizzata",
appare tutto evidente,
i divieti a transitare in certi parchi marini sono, in questi casi, straripanti di opportunismo e di ingiustizia che discrimina i kayak da mare.

Ben vengano perciò regolamentazioni più severe verso le imbarcazioni che inquinano con i loro scarichi e disturbano col loro rumore.
Nuove regolamentazioni sono indispensabili e devono essere ispirate veramente alle specifiche esigenze di un Parco e di aree protette, non dalle esigenze di qualche lobby.
Regolamentazioni che consentano di circolare liberamente nel rispetto totale della natura dei Parchi, della loro fauna e della flora nonché delle acque e del territorio costiero, perciò, in sostanza, che consentano la navigazione in kayak in quanto questo tipo di escursionismo è assolutamente ecologico e a impatto zero sulla natura circostante, perciò assolutamente compatibile alla vita e alla conservazione di un Parco.
Oggi, evidentemente, è il dio denaro che fa la differenza.
Svegliamoci dal torpore,
protestiamo e pretendiamo il vero rispetto per la natura, non un rispetto di facciata che nasconde le oscene speculazioni di qualche piccolo o grande imprenditore turistico.
Dobbiamo richiedere la totale liberalizzazione di circolazione nei parchi marini per i mezzi marini che non emettono scarichi e rumori e che non lasciano traccia del loro passaggio e, per contro, il totale divieto di navigazione alle imbarcazioni che non rispettano una navigazione ecologica.
Questa dovrebbe essere la giusta logica di un Parco marino e di una riserva integrale.
Navigando in kayak da mare, l'unico divieto che ci potrebbe riguardare dovrebbe essere quello di sbarcare nelle zone di nidificazione.

Giugno 17, 2013, 02:13:13 pm
Risposta #5

altergg

  • Visitatore
Purtroppo il decreto istitutivo dell'ente parco  (D.P.R. del 22 luglio 1996) per la zona integrale dice che ci sono questi divieti:
"la navigazione, l'accesso, la sosta e l'ancoraggio di navi, imbarcazioni e natanti di qualsiasi genere e tipo salvo quanto disposto dall'Ente Parco e per i soli residenti e per i proprietari di abitazioni nelle isole di Capraia, Gorgona e Giannutri muniti di autorizzazioni dell'Ente Parco e per motivi di servizio;"  ed inoltre "l'accesso dei visitatori nelle aree terrestri e marine, salvo quanto disposto dall'Ente Parco; "

In pratica divieto assoluto di accesso salvo quanto disposto dal Parco.

Maggio 20, 2018, 11:02:29 pm
Risposta #6

Valentino Romano

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 144
Riprendo questa vecchia discussione per comunicare che da settembre 2017 le norme che disciplinano la navigazione a Capraia (LI) sono cambiate in seguito alla "nuova zonizzazione a mare dell'Isola di Capraia", approvata con delibera di Consiglio regionale 11 luglio 2017, n. 47, entrata in vigore dal 22 settembre 2017 (G.U. Serie generale n. 222 del 22.09.2017).
La nuova definizione delle zone a mare è un po' più favorevole al canoista e adesso le zone vietate sono due ma sono più ristrette: una di circa 800 metri e l'altra di circa 1.000 e la distanza da rispettare è di circa 350 m. in una e di circa 800 m. nell'altra. Nella "Variante" le due Zone - definite come "MA" - sono indicate con le coordinate geografiche e descritte in questo modo: "da Punta delle Linguelle alla Baia a Sud di Punta delle Cote" e "dalla Punta a Nord di Cala del Vetriolo a Punta del Fondo". Le due zone, almeno al momento, non sono segnalate da boe e, a distanza di sei mesi dalla loro definizione, non sono riportate né sulle carte nautiche né in alcun modo sulla cartellonistica presente sull'Isola che riporta ancora la vecchia "Zona A" da Punta del Trattoio a Punta della Manza.
Rispetto alla precedente normativa che vietava la balneazione e la navigazione in Zona A (lunga 3,5 km e larga 1 Km) ma la consentiva (anche a motore) ai residenti, ai proprietari di case sull'Isola e agli operatori economici, quella attuale riduce l'ampiezza delle zone vietate ma non prevede eccezioni di alcun tipo.
Qui una mappa "artigianale" con le due nuove "Zone MA"
http://www.gruppocanoeroma.it/Mare/Immagini/Capraia28-29-30-04-18/Zone_MA.jpg;
di seguito alcuni link utili:
http://www.regione.toscana.it/-/variante-al-piano-del-parco-dell-arcipelago-toscano-per-capraia
http://www.islepark.it/visitare-il-parco/capraia/le-regole-a-mare
http://www.islepark.it/images/Tabella_riassuntiva_variante_Capraia_allegato_A.pdf