CKI il forum della canoa italiana

Presentazione e consiglio primo kayak

(Letto 11675 volte)

freddy

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 16
  • ...
Salve a tutti mi chiamo Federico ho 22 anni e sono della Sicilia sud-orientale.

Vorrei entrare anche io nel fantastico mondo del kayak perché: adoro il mare, mi piace l'avventura e sono un fan dell'esercizio fisico.

Dopo aver passato un paio di settimane a mettere sottosopra siti web di produttori e venditori, e forum (compreso il vostro) di tutta Italia, in modo da essermi fatto una mini-cultura sull'argomento, mi sento pronto a fare alcune (spero non troppe) domande sull'acquisto del primo kayak.

Intanto dico di cosa avrei bisogno: necessiterei di un kayak (sit-in ovviamente) per escursioni che durino al più un giorno, che mi consenta (fisico permettendo) di coprire al più una trentina di chilometri. Il kayak deve avere un gavone stagno abbastanza grande da contenere il necessario per l'escursione. La lunghezza del kayak, se possibile non dovrebbe superare i 4,20 metri. Il budget a mia disposizione è di 800 euro e devo comprarci tutto, tranne magari il paraspruzzi.

La prima domanda è la più importante: vetroresina e polietilene?
So che la vtr è più veloce poiché fa meno attrito e che è meno robusta del polietilene.
So anche che la velocità dipende dalla dimensione e forma dello scafo.
Però vorrei capire numericamente (a parità o quasi, di dimensione, forma dello scafo e forza applicata) quanto è grande questa differenza di velocità.

Domanda 2: seduta regolabile o meno?
Poiché normalmente è possibile regolare i poggia piedi e necessario poter regolare il sedile?

Domanda 3: qual è il metodo più sicuro per trasportare il kayak in auto?
                   Ci sono accessori che sentite di consigliarmi?

Domanda 4: di paratia stagna (o sacchi di punta) ne basta una o è bene averla sia a prua che a poppa?

In conclusione ecco i kayak (nuovi) ai quali sarei interessato:

Daytona m12 della Nautica Mannino (vetroresina) http://www.nauticamannino.it/nmk

Oasis 390 Expedition

Janautica Edò e Alaska http://www.janautica.it/kayak/edo.html http://www.janautica.it/kayak/alaska.html

Sto anche vagliando un possibile usato.

Spero di non aver fatto troppe domande.
Ultima modifica: Marzo 08, 2013, 05:40:08 pm da freddy

freddy

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 16
  • ...
In verità della mannino kayak avevo considerato anche il modello daytona m10 ma dato che è lungo 3,10 m e largo 60 cm ho ritenuto che fosse anche più lento dell'oasis 390.

E' corretto o sbaglio?

marco iezzi

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 111
Ciao Federico
cercherò di darti una risposta piu' in generale alle tue domande
Il mio consiglio è quello di appoggiarti ad una associazione,avrai modo di provare piu' kayak e vedere quello che puo' essere idoneo per te
Il kayak ha una straordinaria potenzialità e le uscite di un giorno diventeranno due fino ad arrivare ai campeggi nautici di più giorni e per far questo hai bisogno di un kayak non inferiore ai 5 mt

saluti

Marco




freddy

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 16
  • ...
Grazie per la risposta Marco.

Non sto qui a raccontare tutti i miei problemi (limite di spesa basso, trasporto, ecc..), quindi per farla breve ti dico che non mi è possibile fare come dici tu.
A me servirebbe kayak per uscite in solitaria di al più un giorno che (nuovo) non costi più di 600 - 650 euro.

Poiché da quando ho scritto il primo messaggio le cose sono leggermente cambiate la domanda alla quale sono fondamentalmente interessato ora è la seguente:
per quanto riguarda le prestazioni un osais 390 expedition (polietilene 390x63) è eccessivamente più lento di un mannino daytona m10 (vtr 310x60)?

marco iezzi

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 111
Non conosco direttamente i modelli da te citati,vale comunque la regola che un kayak corto e' sicuramente piu' lento e questa differenza si nota maggiormente in presenza di onda
E' certo che la lunghezza dell'imbarcazione pregiudica la scelta,cerca comunque un buon compromesso
Per l'acquisto consulta i vari mercati dell'usato,si possono trovare delle buone occasioni

Ciao

freddy

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 16
  • ...
Grazie ancora marco.

Non potendo capire se è più veloce un kayak corto (3,10 m) e in vtr o uno più lungo di 80 cm e in polietilene, cerco di basare la mia scelta fra i due in base alla risposta che, se possibile, mi darete a quest'altra domanda:

Che tipo di manutenzione richiedono un kayak in vtr e uno in polietilene?

Da quello che ho potuto capire :
-per un kayak in vtr è normale che se si va a sbarcare in mezzo agli scogli (anche non acuminati) dopo pochissimo lo scafo avrà bisogno di una certa manutenzione .
Ma anche senza scogli dopo non molto avrà dei graffi che, seppur superficiali, andranno curati.
-per un kayak in polietilene, a parte tenerlo lontano dal caldo quando non è necessario, la manutenzione si ha essenzialmente in caso buchi e cose simili.

Confermate o ho detto delle stupidaggini?

marco iezzi

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 111
Il kayak in VTR e' sicuramente piu' delicato ma facilmente riparabile,inoltre e' più leggero,i graffi superficiali non pregiudicato la sua solidità e poi non è cosi facile che si danneggi anche dopo forti urti
Il Kayak in polietilene è piu' robusto ma una volta danneggiato lo butti,inoltre e' più pesante,personalmente lo sconsiglio
Ribadisco il concetto della velocità che nel tuo caso è un aspetto relativo
Il kayak più è lungo,più è filante indipendentemente dal materiale
Per molti anni ho posseduto un bali della nova,lungo 3,80 in VTR,leggero e poco adatto ai percorsi marini,lo sfruttato molto oltre le sue potenzialità,dunque tutto si può fare,basta solo rispettare i propri limite e soprattutto le imprevedibilità del mare

Ciao
 


freddy

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 16
  • ...
Grazie davvero Marco per avermi chiarito le idee.

Dopo la tua risposta mi sono deciso per il daytona m10 e ne sono felice, perché se avessi optato per l'oasis avrei avuto più problemi.

Ultimo domanda: il trasporto. Come detto è lungo 3,10 m e pesa 13 kg. Per trasportarlo sulla macchina bastano le normali barre che hanno tutti i veicoli e qualche cinghia, oppure è meglio usare qualche altra precauzione?
Il mio sta nel fatto che le cinghie non mi danno l'impressione di riuscire a trattenere il kayak in caso di frenate brusche (anche se è possibile bloccarlo stringendo le cinghie a lati del pozzetto).

altergg

  • Visitatore
Scusate, ma per quale motivo per fare campeggio nautico c'e' bisogno di un kayak di almeno 5 metri!?

Del dilemma polietilene/VTR se n'e' parlato molte volte, cmq in sintesi estrema secondo me se interessa più lo sport è meglio la VTR, se interessa più la natura è il polietilene.

Polietilene vuol dire natura perché maggiore libertà. Puoi pagaiare e sbarcare senza problemi dappertutto. Con la VTR devi stare attento a non rigarlo. Con la VTR, ho visto, si tende a cercare sbarchi comodi, solo spiagge sabbiose.

Io ho un kayak di polietilene di circa 4 metri e mezzo con 2 gavoni a paratia stagni. NOn ci faccio alcuna manuitenzione, nemmeno lo sciacquo. Il polietilene è indistruttibile. Quante volte ho strisciato sugli scogli: solo graffi, non succede niente. D'altronde nei torrenti, dove le botte sono l'ordinarietà, il polietilene non ha concorrenti. L'unica accortezza è non lasciarlo d'inverno al sole o in posizioni diciamo scorrette, perché si può deformare (cmq in maniera reversibile).

marco iezzi

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 111
Riguardo al trasporto,le normali barre vanno bene,l'importante è applicare tra le barre e il kayak un materiale che possa ammortizzare e che eviti la deformazione dello scavo quando si tendono le cinghie,esistono comunque accessori appositi
Per evitate lo scivolamento in avanti,fissa due scotte alle maniglie del kayak e legale direttamente sulle barre,per uno scafo così corto è sufficiente

Errico Ridolfi

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 4
  • ...
Se si vuole fare campeggio nautico un kayak lungo permette di trasportare molto più materiale. Inoltre i kayak da mare più sono lunghi più sono veloci. Certo questa ultima affermazione va presa con le pinze, in quanto bisogna vedere anche la forma della chiglia, la curvatura dello scafo e la larghezza. Personalmente non mi sono trovato bene con il polietilene ed ho preferito passare ad un kayak in vtr. Ma tralasciando per un momento il mezzo, bisogna dire che la differenza la facciamo noi seduti nel pozzetto. E' inutile avere un Valley Nordkapp se non siamo capaci a condurlo.

Per quanto riguarda il trasporto mi sento di consigliare le culle da montare sul portapacchi.
Errico

freddy

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 16
  • ...
Ringrazio tutti per i preziosi consigli che mi avete dato  ;D