CKI il forum della canoa italiana

laghi confine tra lazio, umbria e toscana.

(Letto 9693 volte)

yuri cretier

  • Md Member
  • ***
  • Post: 26
Ciao, a ottobre abbiamo in previsione un giro nella zona al confine tra umbria, toscana e lazio; volendoci portare il nostroo sot per vedere dei bei posti in pace, vorremo sappere da chi li conosce quali siano i più interessanti laghi della zona; abbiamo già in previsione il lago di bolsena essendo a due passi da una delle tappe edl nostro viaggio.
yuri

enricobok

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 22
lago di piediluco e tratto del velino.

giulio pozzi

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 26
Il lago di Corbara sul Tevere.Necessario il recupero in bici o autoL'imbarco l'ho fatto sotto il ponte di Pontecuti vicino a Todi.
ATTENZIONE: A VALLE DEL PONTE, A CIRCA MT. 150 L'UNICA VERA RAPIDA , DA CONTROLLARE PREVENTIVAMENTE LA DIFFICOLTA' A SECONDA DELLA PORTATA DEL TEVERE.Io sono sbarcato prima silla DX e mi sono reimbarcato (dopo aver attraversato un pò di campi..)più a valle perchè inverno e non volevo rischiare bagni.Poi tutto facile fino al lago.
Il recupero in prossimità sinistra della diga sulla ss448.

Bolsena è molto bello.Esempio:imbarco e arrivo dal porticciolo di Marta con anello isola Martana e isola Bisentina con ritorno a Marta sulla costa di Capodimonte.L'acqua è molto pulita(di risorgiva).

Giulio

passolento

  • Full Member
  • ****
  • Post: 133
Ciao Yuri,
il mio primo messaggio per consigliarti il lago di Vico.
Placide acque all'interno di un lago vulcanico, circondato da boschi di faggi. E' riserva naturale e sono pressochè assenti le barche a motore.
Dalle spiagge a sud è facilissimo arrivare in acqua col kayak.
La parte più selavaggia è quella nordovest.
Nella valle del lago c'è un campeggio e qualche agriturismo.
Bei posti anche per la mtb
 :)
Saluti
Daniele

Sante Lillo

  • Jr. Member
  • **
  • *
  • Post: 7
Ciao Yuri,
mi spiace ma mi permetto di sconsigliarti vivamente il lago di Vico, Nelle sue acque c'e' arsenico ed altri metalli pesanti. Inoltre d'inverno fiorisce un'alga rossa catalogata cancerogena (cat. 3B).
Le sue acque alimentavano i vari acquedotti dei comuni confinanti ed ora che la notizia e' ampiamente diffusa (nonostante personaggi discutibili abbiano fatto di tutto e di piu' per nascondere la verita'), i sindaci dei comuni confinanti con il lago stanno ricorrendo ai potabilizzatori per fornire acqua alla popolazione. Purtroppo nelle sue acque confluiscono tutti i diserbanti che vengono usati nella coltivazione delle nocciole, ma la cosa assurda e' che, essendo una riserva naturale, certe schifezze dovrebbero essere vietate nelle sue vicinanze, ma purtroppo il dio quattrino mette a tacere tutto o quasi.
Ci sono varie interrogazioni parlamentari al proposito. Un vero peccato: era il nostro lago preferito ma dopo quello che e' emerso, almeno per noi e' un posto bruciato. Eviterei anche la MTB:
a poche centinaia di metri dal lago c'e' un deposito militare che stocca materiale altamente contaminante sin dalla seconda guerra mondiale e pare che parte delle schifezze che sono finite nel lago siano dovute a delle probabili perdite. comunque e' zona militare, quindi off-limits.
Il Viterbese e' un posto molto bello da visitare e da vivere, ma almeno evita quei posti dove lo schifo e' davanti agli occhi di tutti.. :-)
Ti consiglio invece il lago di Bolsena e quello di Bracciano. Se pensi di venire a Bolsena, fatti sentire.
Spero ti sia stato utile.

Ciao
Sante.


Marco Tiberti

  • Md Member
  • ***
  • Post: 38
Piediluco è uno dei laghi piu eutrofizzati d'Italia, in quanto alla faccenda arsenico al lago di Vico mi permetto di segnalare un'intervista che ho rilasciato qualche tempo fa a "Color City": http://www.colorcity.info/index.php?option=com_content&view=article&id=248%3Alincubo-dellarsenico-negli-acquedotti-&catid=10%3Aambiente&Itemid=3
Le Regioni potrebbero disporre da 600 a 900 euro a ettaro (fondi Ue) per trasformare le attuali coltivazioni – intrise di pesticidi – in agricoltura biologica. I pesticidi sono i principali responsabili dell'arsenico nelle acque di superficie e in falda.

Saluti
Marco Tiberti


Ciao Yuri,
mi spiace ma mi permetto di sconsigliarti vivamente il lago di Vico, Nelle sue acque c'e' arsenico ed altri metalli pesanti. Inoltre d'inverno fiorisce un'alga rossa catalogata cancerogena (cat. 3B).
Le sue acque alimentavano i vari acquedotti dei comuni confinanti ed ora che la notizia e' ampiamente diffusa (nonostante personaggi discutibili abbiano fatto di tutto e di piu' per nascondere la verita'), i sindaci dei comuni confinanti con il lago stanno ricorrendo ai potabilizzatori per fornire acqua alla popolazione. Purtroppo nelle sue acque confluiscono tutti i diserbanti che vengono usati nella coltivazione delle nocciole, ma la cosa assurda e' che, essendo una riserva naturale, certe schifezze dovrebbero essere vietate nelle sue vicinanze, ma purtroppo il dio quattrino mette a tacere tutto o quasi.
Ci sono varie interrogazioni parlamentari al proposito. Un vero peccato: era il nostro lago preferito ma dopo quello che e' emerso, almeno per noi e' un posto bruciato. Eviterei anche la MTB:
a poche centinaia di metri dal lago c'e' un deposito militare che stocca materiale altamente contaminante sin dalla seconda guerra mondiale e pare che parte delle schifezze che sono finite nel lago siano dovute a delle probabili perdite. comunque e' zona militare, quindi off-limits.
Il Viterbese e' un posto molto bello da visitare e da vivere, ma almeno evita quei posti dove lo schifo e' davanti agli occhi di tutti.. :-)
Ti consiglio invece il lago di Bolsena e quello di Bracciano. Se pensi di venire a Bolsena, fatti sentire.
Spero ti sia stato utile.

Ciao
Sante.



Enrico Izzi

  • Md Member
  • ***
  • Post: 54
Ciao a tutti,
confermo quanto detto da Sante circa il lago di Vico, tant'e' che, nonostante la vicinanza da casa (10 minuti) in questi ultimi 2 anni di fatto non l'ho frequentato, avendo visto di persona l'alga rossa nell'inverno 2009/2010 sulle riva est (sotto le pendici di M. Fogliano).  Nell'estate 2010 il lago e' stato poi tabellato con divieto di balneazione.
Pochi giorni fa ho preso informazioni da residenti  che regolarmente lo frequentano in estate e mi riferiscono che nel 2011 e' stato regolarmente balneato e frequentato da bagnanti e la qualita' dell'acqua e' "buona" o quantomeno migliore.
Domenica scorsa (18/09), sono andato a fare alcuni esercizi e con piacere ho notato segni di miglioramento: acqua di aspetto molto limpido (che e' una caratteristica); nascite di miriadi di pesci (gli anni scorsi non c'erano); belle pescate da parte dei pescatori (anche questa una rarita'). L'acqua sicuramente quest'anno e' migliorata ma i problemi di fondo restano.
LAGO DI BOLSENA
Quest'estate sulla stampa locale e' stato lanciato l'allarme  riguardo il lago di Bolsena in seguito ad alcuni casi di intossicazione per aver mangiato tinche pescate nel lago.  In merito posso dire di aver riscontrato personalmente segnali di tederioramento.
- Alga marrone galleggiante in quantita',
- Zone intere tappezzate da alghe risalenti dal fondale fino alla superficie tanto da dovermi spostare per trovare una zona libera per tirare un eskimo,
- Moria di pesci; in un'unica giornata ho avvistato ul luccio un'anguilla e un alborella morti sul fondale (potrebbe essere opera dei pescatori). Tutto questo nella zona sotto Montefiascone, mentre ad esempio a Capodimonte o a Marta la situazione e' decisamente migliore.
Questo e' il motivo per cui domenica scorsa, non avendo a disposizione il tempo per andare in Fiume, ho preferito il lago di Vico a Bolsena (entrambi vicini).
Qualcuno ne sa di piu' circa le condizioni di  quest'ultimo (Bolsena)?
Salu'
Enrico RKM
 
 

passolento

  • Full Member
  • ****
  • Post: 133
Bho' addirittura sconsigliare la MTB ...
Comunque qualche aggiornamento lo trovate qui
http://www.caprarola.org
e qui
http://www.caprarola.org/2011/02/13/situazione-arsenico-a-caprarola-aggiornata-a-febbraio-2011/

saluti
D.
Saluti
Daniele

Enrico Izzi

  • Md Member
  • ***
  • Post: 54
Il giro del lago di Vico e' bellissimo da fare correndo a piedi, in mtb o anche in bici da corsa. Misura 20,8 km e da diversi anni e' divenuta sede di una importante manifestazione di carattere nazionale di mezza maratona.
C'e' pero' da mettere in conto l'eventuale inconveniente che, se ci si imbatte con la raccolta delle nocciole (settembre) si fanno belle mangiate di polvere; quando invece accendono i fuochi per bruciare le potature si mangia fumo, ed e' meglio non incontrarsi quando nebulizzano con i veleni.
Bye.