Sondaggio

Che voto diamo ai calendari agonistici acqua mossa 2011

ottimo
buono
sufficiente
insufficiente
pessimo

Autore Topic: Calendari FICK Acqua Mossa  (Letto 11834 volte)

Dicembre 16, 2010, 03:00:56 pm
Risposta #15

Filippo Caminati

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 8
il problema che poni può essere condiviso ma allora con questo ragionamento cosa cambia dalla specialità discesa fluviale alla canoa velocità? se si continueranno a fare dei fiumi troppo facili si arriverà ad un appiattimento della specialità, non dico di fare sempre gare sul 4° grado ma si possono fare su un 3° e andrebbe benissimo, ovvio che bisogna arrivarci per gradi. Se però facciamo crescere i nostri ragazzi su fiumi facili posi cosa potrebbe succedere se si trovassero poi a fare delle gare internazionali sul 4° grado, altro che 1 canoa rotta....

Dicembre 16, 2010, 07:18:38 pm
Risposta #16

roberto.bussolino

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 30
purtroppo i problemi in cui versa la discesa non sono risolvibili solo organizzando gare più difficili:
--chi le organizza? le società hanno sempre meno risorse e persone disponibili a lavorare ( almeno la mia e altre che conosco) infatti sono sempre meno i club che richiedono l'organizzazione.
--si trovano sempre più ostacoli burocratici da parte degli enti locali
--i costi per il salvamento e logistica chi li paga?
--infine da alcuni anni si è assistito ad una progressiva riduzione della difficoltà (almeno nella classica), vedi Karlovy Wary(si scrive così?), Ivrea, e le gare di quest'anno, infatti molti discesisti praticano anche la velocità o forse viceversa, dei velocisti provano a fare discesa, devo dire con buoni risultati (c2 junior italiani sull'adda), che però è indice di scarsa vitalità.
discorso forse a parte per le sprint che vengono fatte nei canali artificiali di slalom, in cui spesso le difficoltà sono molto elevate, a scapito della partecipazione e dello spettacolo(se non quello comico dei numeri degli atleti meno bravi)

Dicembre 16, 2010, 09:19:48 pm
Risposta #17

maurizio bernasconi

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 240
Sono state già dette molte cose sensate. Ecco come la vedo io.
Nella discesa la partecipazione a numerose gare resta forse il miglior modo per imparare, ma non dovrebbe essere l'unico. Certo chi abita a Merano ha meno problemi sia per la possibilità di ricevere un insegnamento completo sia per la logistica semplificata di un ottimo percorso quasi sotto casa. Ma gli altri devono lottare, fare chilometri e rubare esperienza dove possono. Solo quando si entra nel giro dei probabili nazionali si trova finalmente l'occasione giusta nei raduni (quasi giusta, come vediamo), prima è un guaio. Non tutte le società dispongono, non direi tanto di un tecnico nel senso di preparatore atletico, ma proprio di un maestro. I ragazzi impareranno comunque, quelli che non mollano, ma in un numero di anni eccessivo, qualche volta attraverso esperienze traumatiche. Toccherà loro passare da tutti gli errori e da tutte le incertezze come chi li ha preceduti. Certo in questo modo la selezione è davvero severa. Mi sembra un po' ridicolo che molti giovani sprechino anni e debbano quasi reinventare le cose scontate che sarebbe tanto facile insegnare attraverso una programmazione abbastanza semplice e raduni in località idonee cioè fiumi sì di IV grado, ma privi di pericolo.
Per esempio la Dora Baltea è un fiume che, a parte la velocità della corrente, non presenta difficoltà davvero eccessive tipo buchi, rulli, banane, grosse onde, curve strette, eppure in caso di bagno le conseguenze possono essere dolorose. Sono affezionato e frequento quel fiume, adatto a organizzare un Campionato Italiano, però non lo definirei un campo scuola, è quasi impossibile scaldarsi e la discesa dura il tempo di una fucilata.
Ovviamente penso che invece il Sesia in maggio e giugno, (scusate, se non posso fare molti altri esempi non è colpa solo della mia poca fantasia) presenta grandi rapide di acqua pulita, non gelida, massi arrotondati con laghetto terminale per il recupero, accesso stradale quasi sempre ottimale.
In tutti i casi, anche se le gare si svolgono sul facile, un discesista deve possedere tutti gli elementi per stare sul fiume, non mi dilungo sul perché soltanto vorrei ricordare l'ultima edizione dei mondiali su una Noguera Pallaresa quasi in piena dove le ragazze della squadra italiana hanno avuto giustamente il magnifico coraggio di partire o la sprint di Ivrea che era un V grado checché se ne possa dire.

Dicembre 16, 2010, 09:49:41 pm
Risposta #18

mariano bifano

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 28
Ciao a tutti.
paro subito con una domanda a Raffaele:
Secondo  te dove sono cresciuti i big della canoa italiana? (Pontarollo, Mercati, Bifano Paolo, Arenare,Ceccato, Mulazzi ect..) ti posso giustificare solo al fatto dei giorni di ferie xche' la maggior parte di loro sono tutt'ora forestali, altri invece facevano, anzi fanno oltre 1000 km per affrontare le gare al nord. Ricordo raduni nel 94/95/96/97 sul sesia (in piena) c'ero anche io ero ragazzo, si perdevano giorni di scuola e le canoe si usavano fino all'ultima pezza, pronte a ripararle da mattina a sera,  ti assicuro che non e' mai morto nessuno. Poi se parliamo di spese l'argomento diventa ancora piu' delicato, esistono le tende come esistevano 20 anni fa, oppure sono troppo scomode? non basta essere tre giorni prima sul campo di gara, ma tutta l'estate sui fiumi per imparare l' ABC della fluviale che molti canoisti ti assicuro non conoscono. Non basta conoscere il fiume e le sue linee piu' veloci, ma saperci danzare sopra. Mauro, dici cose giuste ma non nuove, sono anni che si parla dei raduni sui fiumi tecnici nei periodi estivi, se la federazione non interviene che intervengano le societa' o gli atleti stessi, invece di farsi le ferie al mare, che si armino ti tende e bici e via in val di sole. Speriamo in un 2011 sereno di poche chiacchiere e tanta acqua sui fiumi, ah dimenticavo visto che a Valstagna fa freddo la nazionale Svizzera come fecero  la Francia e la Rep. Ceka gli anni passati hanno scelto come meta Policastro Bussentino per allenarsi dal 2 al 12 gennaio. chi vuole aggregarsi mi contatti. Mariano

Dicembre 17, 2010, 12:00:13 am
Risposta #19

Ettore Ivaldi

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 570
    • http://ettoreivaldi.blogspot.com/
So che non interessa nulla e che Canzano giustamente dice che alla base poco importano i problemi del vertice. A mio modestissimo avviso però il problema  è direttamente proporzionale. Mi spiego meglio. Se al top non c’è una squadra di professionisti che coordina e che abbia le capacità professionali per farlo non capisco come si possa pretendere che la base migliori  e cresca e che l’attività abbia un minimo di criterio logico e costruttivo. Mentre è facile coinvolgere tutti con belle parole e pochi fatti concreti.

Mi chiedo come si possa scrivere un editoriale su “Nuova Canoa Ricerca” in cui il consigliere responsabile del Centro Studi, Ricerca e Formazione” della Fick parlando dei successi di Daniele Molmenti  scrive: “... l’ammirazione e i complimenti per questo grande atleta non possono che coinvolgere quanti hanno concorso ai suoi successi e a quelli di un team che,  a dimostrazione dell’ottimo lavoro svolto in questi anni, appare forte in tutti i settori e in tutte le categorie”.

Ora il professor Argiolas dovrebbe conoscere i risultati dello slalom che dicono chiaramente che sono il frutto di alcune belle individualità e non certo per il lavoro di un team. Certo è che non si può parlare e scrivere di successi in tutte le categorie per chi conosce il nostro sport. Sono cinque, oggi, le categorie dello slalom e solo nei kappa uomini possiamo dire di avere elementi interessanti per un paio di generazioni. Per le altre categorie ci dobbiamo arrangiare su una unità o su atleti che cercano di sopravvivere tra gli acciacchi dell’età e l’assoluto abbandono tecnico. Categorie che non hanno vivaio, brancolano nel buio, non hanno tecnici, organizzazione e idee lungimiranti  in grado di sostenerle. 
Ora in questi ultimi sei anni lo staff tecnico nazionale dello slalom  ha subito una sorta di mutazione di ruoli sulla carta con incarichi dai nomi altisonanti, ma nella pratica la logica è sempre stata la stessa. Ruoli che necessiterebbero di professionisti che lavorino a tempo pieno e non in rari week-end al fine di coordinare e sostenere anche il lavoro della base.
Dove c’è un allenatore ci sono gli atleti. Gli esempi sono semplici. La Lega Navale di Genova con Elena Bargigli part-time ha fatto un bel salto di qualità a livello numerico anche se non c’è possibilità di avere risultati internazionali a breve. Che cosa sarebbe se alla brava allenatrice (con titolo e studi completati con lode in scienze motorie) si offrisse la possibilità di lavorare a tempo pieno nel suo club coordinando di conseguenza anche l’attività giovanile nazionale? La Marina fa 10.000 punti all’anno, che significa tutto oppure niente, ma che conferma comunque il lavoro sulla base grazie a personale dedicato a questo e ben coordinato da Nello Ricciardi.
La base deve trovare nella centralità e nel vertice punti chiari di riferimento, spunti per lavorare, informazione, stimoli a migliorare. C’è stato un Symposium allenatori internazionale, due raduni con le squadre senior, una stagione di Coppa del Mondo, Europei e Mondiali e non c’è un rigo scritto, una analisi concreta fatta e presentata alle società, non è stato promosso nessun convegno o incontro al fine di rendere partecipi tutti di una crescita che nasce proprio dal coinvolgimento.

Facciamo finta di niente se si convoca un atleta che ai campionati italiani assoluti arriva 16esimo in C1  e che finisce in K1 in  coppa del mondo al 153esimo posto. Passiamo sopra anche al fatto che  atleti medagliati ai   mondiali al raduno con la squadra si pagano sei euro di tasca loro per poter scendere sul canale pur di allenarsi invece di andare sull’acqua piatta oppure se si prediligono lavori aerobici quando si ha la possibilità di lavorare tecnicamente su uno dei più bei canali di slalom al mondo. Passiamo sopra anche al fatto che di anno in anno i tecnici nazionali transitano da un settore all’altro e che non abbiano i titoli per farlo e neppure l’esperienza con squadre di club o giovanili. Che le premiazioni siano solo passerelle politiche. Va bene tutto ormai, ma, per onestà intellettuale, non chiedeteci di restare in silenzio, di non esprimere il proprio dissenso ad un sistema che non premia il lavoro e la competenza, ma esclusivamente la capacità di rispondere sempre sì!

Occhio all'onda! Ettore Ivaldi

P.S. insisto a dire che la discesa deve puntare sullo  sprint sui canali. La sicruezza è assicurata e anche il divertimento e se poi lo si  abbina allo slalom ci potrebbero essere anche soddisfazioni a cinque cerchi. L'altra via sono le marathone l'esempio più emblematico è l'Adigemarathon che attira oltre mille partecipanti.

Dicembre 18, 2010, 03:18:41 pm
Risposta #20

Mauro Canzano

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 62
Rispondo in breve a chi ha fatto il mio nome.

Mariano: condivido appieno quello che scrivi visto che ho quei tre anni più di te e abbiamo vissuto quasi lo stesso periodo di gare giovanili. Ho sempre creduto nel fatto che chi ha voglia di crescere va avanti chi non vuole sacrificarsi si ferma dov'è....non per niente negli ultimi 6/7 anni ho sempre portato un sacco di ragazzi in giro d'estate tra Dora, Stura, Noce, Durance e Adda S. con mezzi e tempo mio...si dice di necessità virtù. A un certo  punto le società  tirano le somme : c'è ancora la passione ? c'è il rispetto per quel poco fatto ? c'è una crescita del movimento ? c'è la nascita in chi si allena della voglia di insegnare ad altri ? Se a tutte queste domande la risposta è negativa o "ni", ci si comincia a richiudere nella propria città stato...
Tanti sono gli atleti che si sentono arrivati dopo risultati parziali mentre la storia dovrebbe insegnare che i vari Mulazzi, Previde, Capuzzo, Ceccato etc ormai a certi livelli continuavano ad allenarsi su certi fiumi per fatti proprio per passione ( Capuzzo e i non forestali dei primi anni '90) e per professionalità/passione( i forestali ).

Maurizio: scusa ma credo che tua abbia fatto un discorso sicuramente valido una volta ma non più veritiero...dopo il periodo forestali gli atleti più in vista a livello internazionale sono venuti fuori da società strutturate diversamente dal Merano e/o società con allenatori preparati e con titoli per farlo ( così faccio contento Ettore) con la propria sede nautica non in fiumi dell'Alto Adige o da Valstagna ma addirittura su canali di acqua piatta o in mare....

Ettore: sulla sprint hai ragione. Sullo slalom mi sembra che tu insista un pò troppo specificando sempre nomi come se difendessi una cordata....

Dicembre 18, 2010, 04:12:41 pm
Risposta #21

maurizio bernasconi

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 240
Ciao Mauro, non insisto, so di essere un po' troppo attaccato alle idee dei dinosauri. mau

Dicembre 18, 2010, 07:18:39 pm
Risposta #22

Mauro Canzano

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 62
Ciao Maurizio, era solo per parlare...rispetto le idee di tutti e sarebbe bello fare una bella tavola rotonda senza escludere nessuno a priori...utopia credo

Dicembre 18, 2010, 11:27:02 pm
Risposta #23

Ettore Ivaldi

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 570
    • http://ettoreivaldi.blogspot.com/
Repetita iuvant!

Occhio all'onda! Ettore Ivaldi


Dicembre 21, 2010, 10:51:00 am
Risposta #24

nikemerlino

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 53
La classica in acque difficili è oramai un ricordo.
Credo sia meglio puntare sullo sprint nei canali e nei campi slalom alternandolo allo slalom.
Nei campi slalom più facili come Valstagna o altri basterebbe mettere delle belle boe ancorate in modo da ottenere percorsi più tecnici.
In tal senso l'ideale sarebbe una barca monotipo in polietilene, solida ed economica ma di lunghezza tra i 3.50 e i 4 mt a causa dello scarsa profondità dei canali e dei campi slalom in genere.

Ricordo un consiglio di gara di diversi anni fa a Città di Castello. Si discuteva se far scendere le categorie giovanili giù per lo scivolo all'arrivo. Fu deciso di estromettere le categorie  giovanili ( cadetti e allievi )da quell'esperienza.
Uscito da quel consiglio notai come tutti quanti i ragazzini si buttavano giù per lo scivolo con grande divertimento.
I "vecchi" non seppero interpretare i desideri dei giovani.
La discesa deve essere adrenalica, solo così potrà interessare i giovani. Scendere a tutta velocità Bourg o Ivrea è un esperienza meravigliosa. Poi, dopo agosto, quante più maratone fluviali possibili. Feste della canoa senza adrenalina ma con tanti altri piaceri e valori atletici diversi.
Motivare i ragazzi, non farli abbandonare è la missione, il resto è solo "chiacchiere e distintivo".
claudio

Dicembre 21, 2010, 12:00:08 pm
Risposta #25

raffaele

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 2
Ciao Mariano
non basta saper andare in canoa, bisogna avere mezzi e tempi al momento giusto
Raffaele

Dicembre 21, 2010, 03:17:30 pm
Risposta #26

Panz

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 28
La classica in acque difficili è oramai un ricordo.
Credo sia meglio puntare sullo sprint nei canali e nei campi slalom alternandolo allo slalom.

Ciao Claudio,
sicuramente negli ultimi anni le gare classiche su acque difficili sono diminuite come numero e difficoltà, pero' ti ricordo come nel 2009 gli Europei si siano disputati sull'Adda in Valtellina, mentre la Coppa del Mondo in Tasmania. E l'anno scorso i mondiali a Sort, coppa del mondo a Bovec e ancora in Valtellina. Tutte gare classiche di una certa difficoltà. (e anche i campionati italiani in Valtellina nel 2009 e Dora Baltea 2010 ne sono un esempio). Quindi non sono ancora un ricordo, per fortuna!!!
Pienamente d'accordo sull'acostamento slalom-sprint nei canali, e forse qualcosa si sta muovendo visto che l'anno prossimo i mondiali sprint saranno ad Augsburg (D).
Ciao,
Luca Panziera

Gennaio 24, 2011, 12:41:10 pm
Risposta #27

Ettore Ivaldi

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 570
    • http://ettoreivaldi.blogspot.com/
Scusa Nello... ma noi aspettiamo il tuo intervento per dirci come la pensi e il risultato del sondaggio! O forse ti defili?  Già che ci sei dì anche la tua sullo sprint alle Olimpiadi,  condividi la combinata?

Occhio all'onda! Ettore Ivaldi

Gennaio 25, 2011, 07:49:05 am
Risposta #28

Francesco Iacobelli

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 40
Se posso esprimere la mia opinione. Confido molto nel futuro della discesa sprint sui canali, penso che risulterà essere più diretta nella sensibilità delle persone che la vedono, in quanto la sua dinamica sportiva sarà percepibile immediatamente ( il miglior tempo vincerà).
L'unica cosa che mi fa pensare, e qui chiedo aiuto alle persone che ne sanno più di me, è il fatto che la doppia gara per un atleta possa divenire un ulteriore freno nella specificazione di una preparazione atletica e mentale ancora lontano dai livelli raggiunti in altri sport. In particolare, la discesa sprint.
Cosa ne pensate?

PS: sono e sarò sempre un amante dello slalom però per uno che ama il fiume la velocità pura su un rapide di IV gradio è inebriante.

SALUTI
FBoys