Sondaggio

Che tipo di pagaia preferite?

manico Ergo
manico Dritto
Materiale legno
Materiale Fibre/Nylon
Materiale Carbon
Angolo da 0° a 15°
Angolo da 15° a 30°
Angolo da 30° a 45°
Angolo da 45° a 75°
Angolo da 75° a 90°

Autore Topic: Che tipo di Pagaia  (Letto 17421 volte)

Febbraio 07, 2008, 06:03:46 pm
Letto 17421 volte

Massimiliano Boninsegni

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 307
  • Testo personale
    Mission Kayak
Ciao a tutti,
prendendo spunto dal mex di Andrea sulle pagaia della Rugh Staff e tirando sempre fuori il "commerciante" che è in me, non vogliatemene male  :D 
che dite sulle pagaie in commercio,  no su come vanno o quali sono meglio ecc.. tanto è normale che ognuno di noi abbia i propri gusti e preferenze.

Meglio il manico ergo o dritto sto'vedendo che molti ora anche nel kayak da mare si stanno avvicinando ai manici ergo,me è solo " moda" o veramente ha dei benefici, io personalmente uso il manico "storto" ormai da molti anni, da quando usci il primo della DoubleDutch da slalom disegnato da Richard Fox.

E dell'angolo che ne dite? Vedo persone che usano ancora 90° e altri che arrivano a 0°  molte case escono in produzione con angoli standard di 30° o 45°.


E si sò rompi.. (mi censuro da solo) però che ce devo fa!!! ::) daltronde i forum so fatti anche per questo.... e poi stò bellisimo forum m'invoglia proprio a scrivere..
Bella per tutti
GZmax

Febbraio 07, 2008, 06:31:21 pm
Risposta #1

Massimiliano Boninsegni

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 307
  • Testo personale
    Mission Kayak
Questo è il sondaggio sulle pagaie, ogni utente può dare tre risposte.... cercate di rispondere 1 per il manico 2 per i materiali 3 per l'angolo...
Cià
GZMax ???

[il mOd Flavio ha unito le due discussioni che avevano lo stesso soggetto]
« Ultima modifica: Febbraio 07, 2008, 08:55:57 pm da Flavio di CKI »

Febbraio 07, 2008, 10:11:04 pm
Risposta #2

Marco Aurelio Strinati

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 3
    • www.gruppocanoeterni.it
So che è un ovvietà, ma dipende ancora una volta dal tipo di attività che si intende svolgere con la pagaia. Per quanto mi riguarda, nello slalom credo che quasi nessuno scenda sotto i 45°, mentre la moda dei manici ergo è molto discutibile. Ma certo quando andiamo a fare qualche fiume le cose cambiano notevolmente. Per non parlare della discesa!

Febbraio 08, 2008, 10:02:53 pm
Risposta #3

Massimo Cecchetti

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 42
Ciao a tutti,
prendendo spunto dal mex di Andrea sulle pagaia della Rugh Staff e tirando sempre fuori il "commerciante" che è in me, non vogliatemene male  :D 
che dite sulle pagaie in commercio,  no su come vanno o quali sono meglio ecc.. tanto è normale che ognuno di noi abbia i propri gusti e preferenze.

Meglio il manico ergo o dritto sto'vedendo che molti ora anche nel kayak da mare si stanno avvicinando ai manici ergo,me è solo " moda" o veramente ha dei benefici, io personalmente uso il manico "storto" ormai da molti anni, da quando usci il primo della DoubleDutch da slalom disegnato da Richard Fox.

E dell'angolo che ne dite? Vedo persone che usano ancora 90° e altri che arrivano a 0°  molte case escono in produzione con angoli standard di 30° o 45°.


E si sò rompi.. (mi censuro da solo) però che ce devo fa!!! ::) daltronde i forum so fatti anche per questo.... e poi stò bellisimo forum m'invoglia proprio a scrivere..
Bella per tutti
GZmax


Bella

Ioso uno de quelli che è rimasto molto tradizionalista per quanto riguarda la pagaia.
Facendo slalom, utilizzo ancora una Kinetic della Doubel Dutch con manico dritto e angolo...87°, scusate so antico, ma me ce trovo bene.
Nella discesa fluviale turistica stessa pala, ma in fibra, stesso manico dritto...stesso angolo, lo so so un matusa, sto cominciando a cambiarlo pian piano...
Nel rodeo...che nun so capace tra l'altro, ho provato pale a 0°, so mejo che a 87° ovviamente...
Ma a me me piace cosi ecco....ihihihihih

Ola

Ciruzz

Febbraio 09, 2008, 09:01:48 pm
Risposta #4

Alessandro Gaudino

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 24
corta ...quasi a 0 gradi ....non full carbon (almeno non per  i miei tendini)
manico a scelta....ergo non male ma lo vedo molto bene solo sul rodeo dove gli angoli polso pagaia sono ai limiti in certe manovre:-) 
parere da surfkayaker rodeista e solo in ultima istanza kayaker da mare :-)

poi per abitudine e poca voglia di adattarmi pagaio con la mia oracle da rodeo anche in k mare e a rischio decapitazione compagni a volte anche a polo!




Febbraio 11, 2008, 04:05:26 pm
Risposta #5

Marco Ferrante

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
Salve a tutti
io uso una werner 192 cm 45° manico ergo in carbonio e pala in fibbra
la uso da circa tre anni e ci faccio tutto dal fiume al surf al rodeo.vinto il disagio iniziale del cambiamento ora non posso più farne a meno ed ho notato che non mi si infiammano più i polsi.
Poi è sempre tutto molto soggettivo.

ciao a tutti

Febbraio 12, 2008, 11:59:08 am
Risposta #6

Alessandro Gaudino

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 24
Marco la penso come te ...se pur con mille limiti ..ma una pagaia per tutto ti da una confidenza impareggiabile :-)

pensa che io  i limiti maggiori di una pagaia corta li trovo nel surf !!

Febbraio 12, 2008, 12:38:11 pm
Risposta #7

Marco Ferrante

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 13
Anche io nel surf con una pagaia corta e con angolo inferiore a 30° mi sono trovato male , non facevo altro che dare pagaiate sulla canoa.....
Poi ho trovato quello che per me è il compromesso ideale per cercare di fare tutto.

Marco

Febbraio 13, 2008, 06:01:10 pm
Risposta #8

enricobok

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 17
 ;D Per il mare la pagaia di legno groenlandese e veramente superiore.....peccato che nn si trovino buone facilmente.......se nn artigianali....grazie max  ;D del t consiglio di 2 anni fa! ....

Febbraio 25, 2008, 10:06:28 am
Risposta #9

Andrea Gangemi

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 377
  • Testo personale
    La vita e` un lungo traghetto.
    • la sezione kayak di harzack
;D Per il mare la pagaia di legno groenlandese e veramente superiore.....peccato che nn si trovino buone facilmente.......se nn artigianali....grazie max  ;D del t consiglio di 2 anni fa! ....

Ho avuto l'opportunita` di visitare il laboratorio di Avatak a Varese.
http://www.avatakpagaie.com/
Indipendentemente dal giudizio tecnico (non sono un marino) e`
fantastico vedere come nasce una pagaia, fatta di legno e passione.
Quasi un oggetto da arredamento tanto sono belle.

Parlando di pagaie da fiume,  quando ho avuto il cul... la fortuna di andare in Colorado per lavoro, il titolare del negozio di Glenwood Springs aveva una Mitchell da fiume in legno/vetroresina , non so come fosse ma sembrava anche quella molto bella.
http://www.mitchellpaddles.com/
Andrea Gangemi
www.alpikayak.it
Canoa Senza Frontiere - Torino

Febbraio 28, 2008, 09:52:18 pm
Risposta #10

marcok

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 54
meglio la potenza o la frequenza durante una discesa ,ovvero meglio privilegiare la prima, magari con un manico piu lungo per avere più presa x agganci,boof,ecc o la seconda per una maggiore dinamicità ? voi cosa preferite Ciao marco

Febbraio 29, 2008, 11:39:18 am
Risposta #11

Andrea Gangemi

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 377
  • Testo personale
    La vita e` un lungo traghetto.
    • la sezione kayak di harzack
La lunghezza del manico credo sia piu` determinata dalla lunghezza della barca che dalla necessita` di fare agganci etc.
Dopotutto, correggetemi se sbaglio, gli slalomisti di agganci ne fanno e non hanno manici lunghi.

Secondo me non e` una questione di potenza o frequenza, nel senso che l'importante `e tenere per le mani un oggetto che ti permetta di eseguire il gesto tecnico correttamente.
Se non riesci a farlo i casi sono due, o la pagaia non va bene oppure (e questo e` il caso mio) non sei preparato atleticamente.

Per la mia personale esperienza ho notato che la grossa differenza per potenza e frequenza e` data moltissimo dalla forma della pala.

Per questo motivo preferisco pale che non "mordano" troppo l'acqua in modo da permettermi di fare una pagaiata completa in tutte le situazioni.
Se uso pagaie troppo dure finisce che non riesco a completare bene la pagaiata e ti ritrovi a scendere come un pupazzo a batteria, e quindi finisci per perdere tutto il vantaggio di avere una pala che prende molta acqua.

E` piu` o meno lo stesso problema che hanno quelli che praticano nuoto pinnato.
« Ultima modifica: Febbraio 29, 2008, 11:42:27 am da Andrea Gangemi »
Andrea Gangemi
www.alpikayak.it
Canoa Senza Frontiere - Torino

Aprile 04, 2008, 11:32:05 am
Risposta #12

maurizio beccafichi

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 96
Di seguito vi riporto quello che mi ha scritto il mitico Dan Gavere che lavora per la Werner in merito ad un mio quesito sulla resistenza del manico sottile delle Werner, che in Europa non viene quasi mai importato, ma che io personalmente preferisco.
Daje Max facciamo questa prova!
Saluti a tutti.

Maurizio Beccafichi Hsk


Hello Maurizio,
Thanks for the inquiry.
Yes I too prefer the small shaft especially for creeking and cold waters.

The answer is YES the Small shaft has the same strength as the Standard shaft paddles and passes the same strength tests in our labs. Please let me know if have any additional questions or concerns.

Sincerely
Dan Gavere
Werner Paddles
SW/Rockies, HI Sales Representative
Director for Stand Up and Outrigger Paddles




 

 


« Ultima modifica: Aprile 05, 2008, 11:04:03 am da Flavio di CKI »

Aprile 04, 2008, 11:54:26 am
Risposta #13

Massimiliano Boninsegni

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 307
  • Testo personale
    Mission Kayak
Ciao Becca,
Anch'io personalmente preferisco il manico di diametro inferiore.. per la resistenza ho i miei dubbi, più che altro non metto in dubbio i test fatti dalla Werner, ma il fattore della robustezza che secondo me  è dato sia dal tipo di pala utilizzato (c'è differenza tra una Twist"pala piccola" e una SideKick "pala grande" etc...), che tipo di manico ( carbon o fibra) e sopratutto dalla lunghezza, ho visto pale di 197 su manici di diametro inferiore in fibra e non in carbon dal mio punto di vista troppo flessibili e che su fiumi dove ce rischio di sbagliare  un colpo (tanti sassi e poca acqua) non fare una buona riuscita..
Poi a parte i tempi di consegna, la werner impiega solitamente per pagaie differenti dallo standard almeno 10 settimane per le consegne, sia io e credo altri rivenditori siamo a disposizione per chi ha pazienza di aspettare e sopratutto voglia di provare.
Bella zio Becca... ;)
Ci si vede su "U' Vumanu?"

cia
GZmax

Aprile 04, 2008, 06:35:17 pm
Risposta #14

emanuele mattei

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 15
Ciao per quanto mi riguarda sono dell'opinione che ogni ambiente necessita di un tipo di pagaia particolare quindi pagaia moderna per il fiume e pagaia groenlandese par il mare

Aprile 07, 2008, 08:33:19 pm
Risposta #15

Francesco Iacobelli

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 40

per aggiungere altre notiziole alla discussione
pour parler

http://www.wavedogpaddles.com/redesign/Golden_Purchase_Ash.htm

molto particolari e per certi versi "belle"
forse le vederi meglio in salotto che in fiume 
cmq me le comprei tutte!!!!!!!!!

saluti a tutti