Autore Topic: Buochs - Campionati del Mondo Juniores Discesa 2009  (Letto 3663 volte)

Luglio 16, 2009, 09:37:16 am
Letto 3663 volte

gianalberto vietti

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 12
Buongiorno a tutti da Buochs, Svizzera.
I Campionati del Mondo Juniores sono stati inagurati martedì 14 da Richard Fox, leggenda della canoa e ora membro ICF, in una cornice rurale ma certmente emozionante per tutti i giovani atleti presenti.
Un po' di numeri:
- 18 nazioni presenti
- 140 atleti in tutte le specialità
Le gare sono incominciate ieri con la gara Classica. Lunghezza circa 6 km per 20' edoltre di percorrenza. Quasi una classica di altri tempi!
K1 femminile:
Risso Viola seconda e vice Campionessa del Mondo dietro l'atleta di casa;
Bianchi Cristina quarta a solo 1,5 secondi dalla terza;
Tassarotti Eleonora, primo anno della categoria ragazze, sedicesima;

C2:
Meucci-Mainardi, quarti;
Daher-Secco, sesti;
Gennari Cucinotta, settimi.

C1
Govor Otto, ragazzo secondo anno, dodicesimo;

K1 maschile (grande mancanza quella di "sante", Andrea Santello, a casa per un grave incidente)
Marini Giulio, ottavo;
Vidotto Cesare, dodicesimo;
Bonaccorsi Lapo, ventiduesimo;
Potenti Mattia, debilitato da influenza intestinale, ventiquattresimo.

Numeri che ai più non sembrano particolari, ma che per noi rappresentano il frutto di qualche anno di lavoro con circa 60 giorni di raduno all'anno e un investimento enorme da parte della Federazione e delle Società di denaro, risorse umane e tempo messo a disposizione dei giovani per permettere loro di fare sport e di farlo ad alto livello.
La partecipazione ad eventi come questo è per i giovani atleti un'esperienza unica e entusiasmante. Noi cerchiamo di far capire loro l'importanza non solo di essere presenti ma di essere presenti da protagonisti. Qualche anno fa, per quanto mi riguarda, risultati di questo rilievo erano impensabili, anche se spesso la Federazione ha ben figurato a livello giovanile.
Ora, però, rimane anche qualche rimorso per l'oro sfuggito a Viola e per la medaglia sfuggita a Cristina, per come hanno cercato il risultato, per la determinazione espressa, per la volontà che hanno messo in questi anni per riuscire ad essere protagoniste.
Molti atleti di questa squadra sono giovani, quindi rappresentano il futuro alle prossime manifestazioni. Ma il futuro dovrà passare attraverso maggiore quantità e qualità di allenamento per diventare competitivi come alcune altre nazioni. Quanto stiamo facendo ora serve per essere bravi. Ma per vincere servirà altro e questo è l'insegnamento che il primo giorno di gare ci ha regalato.
Oggi siamo in gara con le squadre K1 maschile e femminile. Siamo tutti pronti per vendere cara la pelle.

Luglio 16, 2009, 11:32:52 am
Risposta #1

Mauro Canzano

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 62
Giuste le osservazioni di Gian...il palcoscenico dei Mondiali junior in Svizzera ha posto l'accento su diversi argomenti molto interessanti:

1) K1 DONNE. Si sono incredibilmente abbassate le percentuali rispetto ai primi K1 senior a livello internazionale. Guardando le percentuali del 2005 ad esempio erano più alte di almeno 1,5/2 % . Un esempio su tutti: quest'anno Viola Risso si è sempre aggirata ( facendo una media )intorno al 10,8% rispetto ai primi K1 a livello internazionale sulla classica. La classifica della classica al femminile di quest'anno ha dimostrato una grossa preparazione fisica delle atlete ( visto soprattutto il percorso della gara: ossia 22 minuti di acqua molto semplice tra il 2° grado e qualche piccolo punto di 3° grado). Da notare tra i down le prestazioni delle francesi , molto lontane da gli abituali standard e delle ceche con la prima altleta che si piazza  "solo" all'8° posto. Ottime le slovene e poi le svizzere che hanno vinto inaspettatamente con una ragazza 1° anno il titolo mondiale. Che dire complimenti per una squadra svizzera junior che devo dire negli ultimi anni ha lavorato con continuità e costanza.

2)K1 UOMINI.Tra i K1 maschili da segnalare la superiorità fisica dei francesi e tedeschi ( 4 tedeschi nei primi 7° e 3 francesi nei primi 6° posti) . Lavorano in modo capillare su tutto il territorio ed ogni anno sfornano moltissimi atleti di vertice. Non è un caso che negli ultimi due mondiali junior i francesi sulla classica ( e vedremo sulla sprint ) hanno occupato i primi due gradini del podio con atleti che fino all'anno prima arrivavano dopo i 10 nelle gare internazionali. Per quanto riguarda  i tedeschi  hanno una squadra di valore in tutte le categorie. Non hanno un numero elevato di atleti a disposizione come i francesi. Non hanno l'interscambiabilità dei francesi ( tra olimpica e discesa ) o degli solveni ( tra slalom e discesa ) ma riescono con una programmazione molto strutturata a portare avanti  atleti che con il tempo arrivano a i vertici mondiali . Non esistono punti deboli e questo traspare ogni anno con le gare a squadre che li vede sempre primeggiare. Un accenno e nota di merito alla Slovenia che spinta dai risultati senior negli ultimi due anni sta mettendo insieme una squadra junior invidabile anche grazie ad atleti che hanno fatto della intercambiabilità tra discipline la propria fede. Grandi slalomisti che si giocano i posti che contano anche nelle manifestazioni internazionali di discesa ( su tutti ricordiamo Eva Tercelj ).
Ancora una volta sembra che la grande sconfitta dei K1 maschili sia la CZE che piazza il primo atleta "solo" al 9° posto. Sicuramente sta vivendo un importante ricambio generazionale ( lo si vede cmq anche tra i senior da anni sempre gli stessi atleti) .

Con questo vi saluto ed in bocca al lupo per oggi.

Mauro Canzano

Luglio 17, 2009, 09:01:26 am
Risposta #2

maurizio b.

  • Jr. Member

  • Offline
  • **

  • 2
Mando un abbraccio ai ragazzi impegnati nelle gare all'estero, compresi quelli che arrivano al ventesimo posto. Gli "svizzeri" hanno ancora da divertirsi con la sprint e saranno stufi di mangiare canederli e spagggetti coi mirtilli. Chissà se qualcuno avrà voglia di raccontare le sue esperienze? Certo le considerazioni della grande Viola le leggeremmo con piacere... Per merito degli articoli (si può dire: giornalistici) di Canzano, Vietti e Ivaldi lo spazio agonistico del forum si riempie di contenuto. A loro un doveroso ringraziamento. Il forum è uno strumento che merita di essere usato e può diventare un luogo di confronto per le idee.  mb

Luglio 17, 2009, 10:40:32 am
Risposta #3

Mauro Canzano

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 62
15/07/09 GARE A SQUADRE CLASSICA

L'Italia , dietro la sapiente direzione tecnica di G. Vietti e L. Cardinali, si presentava a questa nuova giornata di gare con una squadra nella categoria K1 femminile e una nella categoria K1 maschile.
L'acqua era dimunita di parecchio rispetto al giorno prima . ne è testimonianza i tempi di gara più alti per tutti tranne che per poche squadre che ci hanno lasciato un pò di amaro in bocca. Ma questo è lo sport e qui non si bara , non ci sono inganni, il cronometro parla e credo sia la cosa più bella: un'assoluta meritocrazia.

Questi i risultati :

- K1 Femminile. Prime le francesi con le tedesche a non molti secondi. Che dire, ancora una volta le francesi hanno dato il massimo e hanno battuto le tedesche con una terza ragazza un pò sottotono dopo la gara lunga singola , anche se vi assicuro che questa gara era veramente difficile da affrontare con una seconda parte di circa 12' veramente impegnativa da un punto di vista di tenuta mentale. Terze le slovene . Slovene che probabilmente il giorno prima non hanno fatto spremere al massimo la terza componente della squadra che con l'acqua più bassa si è migliorata di ben  15 secondi. Ottima la prova delle italiane con Eleonora Tassarotti che ha dato tutto quello che aveva facendo lo stesso tempo della prova singola ma con meno acqua. Ottimo il fatto che eravamo lì a giocarcela per il terzo posto e che siamo rimasti cmq davanti alla CZE. Il movimento femminile c'è - E' una realtà con delle sostitute di Viola e Cristina pronte a subentrare già dall'anno prossimo.

- K1 maschile. Sembrava dovesse essere la gara di rivincita dei tedeschi che nella singola erano arrivati 3°, 4° e 5°. Invece sospinto dal campione e dal vice campione del mondo il francese Bouvet Felix è riuscito a superarsi ( nella gara singola era a + 9" dall'ultimo dei tedeschi ) e far vincere il titolo ai francesi. Secondi per poco più di 2 secondi i tedeschi e terzi i fantastici Cechi che come al solito sono duri a morire. Nella loro massima espressione sportiva ( la gara a squadre dove hanno inanellato miriadi di vittorie tra la categoria senior e junior ) ancora una volta stupiscono e riescono ad arrivare terzi  dando 8" agli sloveni ( campioni europei uscenti ma su un fiume dalle carattersitiche tecniche completamente diverse come l'Adda Superiore ) e 11" agli italiani che nonostante un Mattia Potenti non al massimo della foma hanno fornito un'ottima prestazione.

Traendo delle conclusioni... la strada che stiamo percorrendo è quella giusta. Il lavoro paga sempre . Dobbiamo essere consapevoli di aver perso una battaglia ma dobbiamo guardare al fine ultimo della guerra. Abbiamo moltissimi ragazzi alle spalle di questi che con il giusto impegno invernali , con i raduni della nazionale giovanile e junior sono sicuro saranno protagoinisti per onorare la maglia azzurra. Ricordiamo che in questa squadra molti sono ragazzi ( Tassarotti, Gennari, Govor) e junior 1° anno ( Potenti, Mainardi Alessandro, Cucinotta, Bonaccorsi ). Ci siamo e non vogliamo solo partecipare ma essere protagonisti.

 

Luglio 17, 2009, 11:24:26 am
Risposta #4

Mauro Canzano

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 62
Aggiornamento dalla Svizzera !

Oggi gara a squadre sprint e ci siamo ! L'Italia al femminile è presente e lo sta dimostrando ! Dopo la prima manche questa la classifica :

1) Ger
2) Slovenia a + 0,98 secondi
3) Italia a + 1 secondo
4) Francia a + 2,50 secondi

Incrociamo le dita per le nostre ragazze....

Causa fortissime pioggie la seconda manche è ancora incerta tra oggi pomeriggio e domani ( la pioggia causa problemi alla fotocellula).

A presto per nuovi aggiornamenti.


Luglio 17, 2009, 12:34:48 pm
Risposta #5

Mauro Canzano

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 62
CLASSIFICHE K1 SPRINT SQUADRE 1° MANCHE

K1 femminile

1) GERMANY  1:59:85
2) SLOVENIA  2:00:01
3) ITALY 2:00:04
4) FRANCE FRANCE 2:01:31

K1 maschile

6) ITALY 1:50:95
5) SWITZERLAND 1:50:93
4) SLOVENIA 1:50:10
3)  CZECH REPUBLIC 1:49:43
2) FRANCE 1:48:91
1) GERMANY  1:47:17


Luglio 17, 2009, 01:24:43 pm
Risposta #6

Mauro Canzano

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 62
MEDAGLIA D'ARGENTO K1 SPRINT DONNE !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

VIOLA RISSO ( EXTREME - GENOVA), CRISTINA BIANCHI ( C.C. IVREA), ELEONORA TASSAROTTI ( EXTREME - GENOVA )

SECONDE AI MONDIALI JUNIOR IN SVIZZERA !

Grazie ragazze...

Luglio 17, 2009, 03:42:44 pm
Risposta #7

gianalberto vietti

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 12
Ringrazio Maurizio Bernasconi, che fa parte della storia della canoa discesa in Italia, per i complimenti. Ma vorrei aggiungere che scrivere su questo forum è da un paio di anni voluto e richiesto dal Consigliere Mayr che ha compreso lo spirito di questo sito finalizzato alla divulgazione della canoa e quindi anche della specialità discesa. Proprio come è stato fatto con la WWTV di Alessandro Leonori per divulgare non solo la cronaca scritta, ma anche la cronaca filmata dei più importanti eventi della discesa. A presto arriveranno infatti anche i video di questi bellissimi Mondiali.
Ma veniamo a noi da Buochs. Oggi, come avete già letto dal messaggio di Canza, seconda medaglia d'argento per l'Italia, questa volta per tutte e tre le ragazze, Risso, Bianchi e Tassarotti (primo anno ragazza!!!) nella gara a squadre sprint. Dopo aver fatto una bellissima prima manche, chiudendo al terzo posto davanti alla squadra francese medaglia d'oro di ieri, le nostre ragazze hanno preso convinzione per la seconda prova e sono riuscite anche a mettere il naso davanti alla slovenia. Troppo veloci le tedesche nella seconda manche.
Quindi ora l'Italia è sesta nel medagliere di questi Mondiali grazie alla compagine femminile.
Nulla da fare per i K1 maschili che chiudono al 5° posto riuscendo anche a migliorare di una posizione nella seconda manche, con Vidotto, Marini e il giovane Bonaccorsi. Ogni giorno aumenta il rammarico per l'assenza di "sante"... e anche se non si può rivedere la storia con i ma e con i se, ci sarebbe stato sicuramente di che sorridere con lui in barca.
Ora non ci resta che aspettare con grande tensione la gara sprint singola di domani. In queste gare, così veloci, ci si gioca tutto in una manciata di secondi e anche una piccola sbavatura fa perdere tempo prezioso e scendere di classifica, quindi ai nostri giovani atleti, molto motivati per domani, sarà richiesto un grande sforzo di concentrazione. E' bene ricordarsi che non vince solo chi va più forte, ma soprattutto che sbaglia meno.
Spero che per noi sia una battaglia in casa...ma avranno da dire la loro anche i K1 maschili e le Canadesi.
A risentirci da Buochs.