Autore Topic: VTR o PET?  (Letto 332 volte)

Settembre 18, 2019, 11:33:19 am
Letto 332 volte

stefano caprile CCN

  • Global Moderator
  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 544
    • Canoa Club Novara

Sono un canoista fluviale che ha deciso di comprarsi un kayak da mare per fare trekking nautico (quindi più giorni in acqua, con buona capacità di carico nei gavoni).
Devo decidere innanzitutto il materiale. Noto dalle foto su vari siti che a questo scopo utilizzate preferibilmente kayak in Vetroresina piuttosto che in polietilene.
Immagino che il motivo sia il peso.
Consigliate l’acquisto di una imbarcazione in VTR ad un canoista esperto, ma non di mare? O è meglio il politilene?
A parte il peso, ci sono altri motivi per preferire uno all’altro?
C’è differenza a livello di durata e di tenuta dei gavoni stagni?
Grazie per le indicazioni che saprete fornirmi.
Ciao a tutti
Stefano CCN

Settembre 20, 2019, 07:27:21 am
Risposta #1

marittimo

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 181
  • Testo personale
    ...
Sinceramente faccio fatica a dare consigli a un canoista esperto.
Considera però che la vetroresina è facilmente riparabile e riverniciabile, anche in caso di danni consistenti.
Inoltre la vetroresina non si deforma quando la canoa viene appoggiata sulla rastrelliera, mentre quella in polietilene si.
Sui gavoni non ti so dire. Secondo me l'impermeabilità esterna dipende più che altro dalla qualità del tappo indipendentemente dal supporto, mentre quella interna dipende da come sono sigillate le paratie.


Settembre 21, 2019, 10:53:52 pm
Risposta #2

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 225
  • Testo personale
    MARCO
I pavoni tendono ad avere parecchie infiltrazioni dalle paratie nei kayak in polietilene a causa appunto delle deformazioni che subisce durante il trasporto o sulle rastrelliere.
Serve un po' di manutenzione da questo punto di vista.

Per il resto più che il peso guarda anche l'uso che ne fai.

Navigazioni ad una certa distanza dagli scogli senza dubbio andrei in composito.

Navigazioni sempre tra gli scogli e con sbarchi spesso su rocce allora prendi in considerazione il polietilene.

Ci sono ottimi modelli adatti anche a caricare molto in entrambi i materiali

Settembre 23, 2019, 03:15:12 pm
Risposta #3

stefano caprile CCN

  • Global Moderator
  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 544
    • Canoa Club Novara
Grazie per le info ragazzi!
In effetti la resina è sempre riparabile, mentre un kayak in PET dopo 5-6 anni sotto il sole è cotto, anche se probabilmente in mare non si criccano facilmente come in fiume.
Inoltre sicuramente quelli in resina sono più leggeri.
A questo punto vi chiedo se avete qualche modello specifico da consigliare, tenendo conto che intendo utilizzarlo per trekking nautico, quindi fattori importanti:
- velocità
- capacità di carico
- leggerezza
- comodità
Fattori invece che a me non interessano molto sono cose come stabilità o facilità di utilizzo.
Non voglio timoni e altre cose del genere.
Suggerimenti?
Stefano CCN

Settembre 25, 2019, 07:14:25 am
Risposta #4

marittimo

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 181
  • Testo personale
    ...
Dipende anche dal tuo budget e da eventuali limiti di spazio o di trasporto.
Non ho modelli specifici da consigliare perché la scelta è molto soggettiva.
In base alla mia (poca) esperienza posso però darti qualche indicazione in base ai fattori che hai indicato e che ritieni importanti.

VELOCITÀ
In linea di massima più il kayak è lungo (al galleggiamento) e stretto, più riesce ad essere veloce. Poi la velocità effettiva dipende anche da altri fattori, tipo la forma di carena, il peso complessivo trasportato, la potenza che riesci ad applicare, la sensibilità della barca ai fattori che contrastano l’avanzamento (vento e onde).

CAPACITÀ DI CARICO
Questo fattore è un po’ in contraddizione con il precedente, perché significa avere più volume rispetto allo stretto necessario per il solo trasporto del canoista. Maggiore volume significa quindi maggiore peso. Il maggiore volume ottenuto allargando la barca riduce poi la velocità. Quello ottenuto incrementando il bordo libero offre maggiore presa al vento e alle onde.
Qui considererei anche la presenza di un valido gavone di trasporto a prua in modo da bilanciare meglio la distribuzione longitudinale del carico.

LEGGEREZZA
Anche questo è un po’ in contraddizione con il fattore precedente, anche perché se intendi trasportare il necessario per viaggi di qualche giorno, forse il peso della sola barca incide poco rispetto a tutto il resto. Comunque il peso della barca dipende essenzialmente dalla tecnica costruttiva (stratificato pieno o sandwich, laminazione tradizionale, sottovuoto, infusione, ecc) e dai materiali (vetro, diolene, carbonio, kevlar, resina poliestere, vinilestere, epossidica), ma per risparmiare qualche kg rischi di spendere il doppio rispetto alla costruzione tradizionale in vetroresina piena. Ovviamente il peso della barca è un fattore importante nel trasporto e nelle operazioni di carico e scarico.

COMODITÀ
Questa dipende innanzitutto dalle dimensioni del pozzetto che consentono di muoverti, fattore importante sulle lunghe percorrenze. Di contro, un grande pozzetto può limitare il contatto con la barca su cosce, fianchi, bacino, ecc, riducendo la sua governabilità. Il pozzetto con la parte anteriore rialzata, oltre a consentire di alzare le gambe, offre anche maggiore protezione dalle onde, ma offre anche maggiore presa al vento. Però è un elemento da valutare poiché su viaggi di qualche giorno è più facile incontrare tempo variabile rispetto alle uscite di qualche ora.

TIMONE
Ho letto che non ti interessa però ti racconto lo stesso la mia esperienza. Anch’io inizialmente la pensavo così perché con un kayak tipico da mare si riesce ad andare dritti anche nelle peggiori condizioni (onda e vento al traverso) con opportuni accorgimenti, che però ti distraggono dal concentrare la pagaiata solo a fini propulsivi. Il timone mi ha cambiato tutto, perché, in qualsiasi condizione, la barca va dritta correggendo ogni tanto la rotta con le pedaliere, mentre io posso concentrarmi nella pagaiata che risulta più regolare e meno faticosa. Purtroppo il timone incide sul peso e anche sulla velocità perché la pala crea un certo attrito.

Spero di esserti stato utile.
Buona scelta

Settembre 25, 2019, 12:43:28 pm
Risposta #5

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 225
  • Testo personale
    MARCO
Cerca kayak studiati per fare quello che hai progettato.

I kayak "da spedizione" sono progettati per dare il massimo delle performance se adeguatamente caricati al punto che non è cosi  raro vedere gente che per uscite brevi li zavorra altrimenti perderebbero sia in velocità che in stabilità.

Le versioni ad alto volume di un po' tutti i kayak inglesi da viaggio si comportano così (ho provato il nordkapp LV di una ragazza che con i miei 75kg dentro e viveri+attrezzatura per una sola giornata con me era ottimo ma con lei dentro era meno governabile) anche i P&H Cetus e Sirius se li vedi da scarichi hanno una buona parte di prua fuori dall'acqua ed un amico con il Qajaq Sea Wolf dice che per uscite brevi lo zavorra con bottiglie d'acqua...
Sui siti dei vari costruttori è quasi sempre indicato il target di utilizzo del kayak o nella descrizione o, addirittura, il sito è diviso in varie sezioni a tema.

Ottobre 08, 2019, 11:48:05 pm
Risposta #6

stefano caprile CCN

  • Global Moderator
  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 544
    • Canoa Club Novara
Desidero ringraziare tutti per i suggerimenti. Alla fine ho preso un Laser 515.
Se sia stata una buona scelta o meno, ve lo farò sapere tra un po', devo almeno farci una vacanza.
Le prime prove sul lago sono positive. Ovviamente del requisito leggerezza non se ne parle, è molto pesante. Ma gli altri obiettivi mi sembrano centrati.
In eskimo si gira che è un piacere.
Vedremo. Grazie ancora!
Stefano CCN