Autore Topic: Pagaia di scorta  (Letto 2179 volte)

Giugno 09, 2008, 07:55:40 pm
Letto 2179 volte

Marco Lascialfari

  • Global Moderator
  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 152
  • Testo personale
    ... in versione professionale
    • CKFiumi
Il mio concetto di pagaia di scorta è:  una pagaia che ti tolga dai guai e che ti permetta di arrivare a fine discesa senza particolari differenze dalla pagaia originaria ... quindi...

Metti che tu abbia una Pagaia che ha visto giorni migliori,
leggi sul forum di CKI che la pagaia di scorta è un argomento sempre vivo,
leggi che c'è chi vorrebbe ruotare le pale della propria pagaia e chiede aiuto,
aggiungi che, in Toscana la pioggia arriva puntualmente a rompere le pxxxe ma è  insufficiente a riempire i fiumi,
aggiungi anche che l'alternativa è andare all'Ikea ...
ecco fatta, con qualche ora di lavoro e pochi accessori ... una fiammante pagaia di scorta.

Tagliamo il manico appena sopra le due impugnature ottenendo la parte centrale del manico e le due pale con il manico dell'impugnatura,
inserire (dopo averli portato a misura in modo che entrino) due tubi di alluminio diametro 28 mm, lunghezza 20 cm nei due manici lasciandoli sporgere di circa 10 cm
fissare i tubi di alluminio in modo che non possano ne' uscire ne' ruotare dal manico di carbonio.
Io ho preferito usare una vite con dado (interno al tubo) invece che incollare il tutto con epossidica bicomponente (se si rompe l'innesto si può sostituire ... incollato NO)
altro foro per unire le due pale al tubo centrale ... e il gioco è fatto.
ACCORTEZZE:
gli innesti devono essere i più precisi possibili (ne' giochi ne forze disumane per giuntare i pezzi)
usare dati e viti inox
Le viti devono essere a testa semi tonda per non dare fastidio,
il tubo di alluminio è fissato alle pale e le viti che lo tengono fermo, oltre che entrare nella svasatura dei fori, sono coperte con termorestringente (o nastro adesivo)
per avvitare le viti ho incollato, con colla epox (o alluminio liquido epox), i dadi in corrispondenza dei fori in modo da avere la possibilità di non usare viti lunghe e passanti e non avere dadi all'esterno (per non ferirsi le dita)...
occhio all'inclinazione delle pale ... quando fate l'ultimo foro di bloccaggio.

... e poi ecco il risultato
Marco-CKFiumi