CKI il forum della canoa italiana

AIUTO per identificare kayak ASA Milano

(Letto 1672 volte)

steno

  • Jr. Member
  • **
  • *
  • Post: 2
  • ...
Salve a tutti, sono nuovo nel forum e premetto che non so nulla o quasi di kayak e canoe, quindi vi chiedo di essere cordiali nel caso dicessi qualche fesseria  ???.
Questo mi sembra il luogo perfetto per poter entrare in questo mondo che mi affascina molto.

Mi è stato regalato recentemente un kayak della ASA, sto cercando di informarmi sull'azienda e sul mio particolare modello ma su internet non trovo niente. Mi interesserebbe capire che categoria di kayak è, se da discesa o altro e di che anno é.

Allego le foto...





Si tratta di un kayak monoposto in vetroresina lungo 3 metri.
Vorrei sapere anche se esiste qualche catalogo o qualche libro che parla delle canoe della ASA.

Grazie della disponibilità se mi risponderete e spero di aver scritto nella sezione corretta del forum  ;D

maurizio bernasconi

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 261
Mi sembra una Ninfa del 1978/80, 4 metri, modello da turismo/slalom (dell'epoca). Kayak ottimo, relativamente veloce in acqua piatta e adatto a qualsiasi livello di torrente.

steno

  • Jr. Member
  • **
  • *
  • Post: 2
  • ...
Grazie della risposta. Ho provato il kayak in questione sul lago di Varese alcune settimane fa, visto che non sono per niente esperto mi chiedevo se é normale avere difficolta ad andare dritto. Non metto in dubbio il fatto che io pagai con la tecnica sbagliata ;D ma ho provato piú volte al mare i kayak che si possono noleggiare normalmente in spiaggia  e non ho mai trovato cosi difficile andare dritto. Questo mi sembra molto instabile e poco direzionale, é giusto che sia cosí?

Sirius77

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 16
  • ...
Buongiorno è normale non andare dritto ed avere la sensazione di instabilità. Il kayak è un'imbarcazione che ha bisogno di un pò di tecnica per la sua conduzione. Le consiglio di fare qualche lezione o di farsi affiancare da qualche canoista esperto. Si può anche apprendere come autodidatta ma si rischia di portarsi dietro tutta una serie di errori di impostazione di pagaiata, postura ecc che poi sono difficili da togliere, aggiungo il fattore sicurezza, che è fondamentale anche per escursioni su acque piatte. I Kayak che si noleggiano al mare normalmente sono sit-on top, molto più stabili e con volumi e geometrie completamenti differenti e adatte a tutti, il kayak che le è stato regalato pur essendo una barca un pò datata ha delle specifiche e dinamiche completamente diverse nella conduzione della stessa, ed inoltre ha bisogno di regolazioni specifiche per poggiapiedi in base alle sue caratteristiche antropometriche. Consiglio un minimo di scuola o affiancamento.
Buona pagaiata
Sirio

Lorenzo Molinari

  • Full Member
  • ****
  • Post: 309
  • Fluctuat nec mergitur
Concordo in toto con chi mi ha preceduto e aggiungo che la Ninfa 400 della ASA Canoe è una kayak progettato da Andrea Alessandrini a inizio anni '70, se non addirittura fine anni '60, prendendo spunto dagli allora kayak da slalom e concepito come kayak da scuola-ricreativo. E' rimasto a catalogo fino alla fine degli anni '90, per quanto sia stato superato negli anni '80 dalla versione Ninfa 380, più corta di 20 cm, con più volume e punte stondate.
E' un kayak molto stabile, al di là che a te non sembri, avendo esperienza sui sit on top a noleggio, che sono poco più che delle vasche da bagno. Le punte rialzate e il fondo piuttosto piatto lo rendono un kayak molto manovrabile e senza un minimo di esperienza è normale non riuscire a mandarlo dritto, poi col tempo (un po' di tempo... e, meglio, anche un po' di scuola) vedrai che andrà esattamente dove vorrai.
A metà anni '70 acquistai una Ninfa 400, che poi sostituii con una Ninfa 380, ottima barca, che tuttora possiedo e talvolta uso su fiumi facili, anche per trekking di più giorni.
Buone pagaiate!

Lorenzo Molinari

  • Full Member
  • ****
  • Post: 309
  • Fluctuat nec mergitur
Se ti interessano notizie sull'ASA Canoe, le sue canoe e il suo fondatore Andrea Alessandrini, devi solo attendere qualche mese. Verso aprile sarà pubblicato il Volume 3 “Dalla vetroresina al polietilene: imprese estreme”
della mia opera in 4 volumi “L’arte del pagaiare: storia illustrata”,
in cui è dedicato un paragrafo, arricchito di fotografie, a questo storico marchio e al famoso costruttore ed ex campione di canoa che lo creò.
I primi due volumi sono già stati pubblicati (il secondo proprio oggi e sarà disponibile tra 48 ore) e sono in vendita solo su Amazon.it.
Buona lettura!