Autore Topic: Vento che non perdona  (Letto 676 volte)

Dicembre 12, 2018, 07:02:50 am
Letto 676 volte

marco ferrario (eko)

  • Global Moderator
  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 272
    • eko
Era partito con il suo kayak dal porto di Moniga, sul basso Garda.
 Il forte vento potrebbe essere stata la causa del ribaltamento, poi la corrente, le onde e l'acqua fredda sono stati fatali.
 Giancarlo Ballabio, classe ’51,  grande appassionato di vela e di kayak, era iscritto al Nauticlub di Moniga.
 Originario dalla Brianza ma da molti anni residente sul Lago di Garda, conosceva bene questo lago e lo navigava da trent'anni.


https://www.elivebrescia.tv/recuperato-il-cadavere-nel-lago-e-di-giancarlo-ballabio-esperto-canoista/

Dicembre 12, 2018, 06:09:02 pm
Risposta #1

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 218
  • Testo personale
    MARCO
Avevo visto la notizia ripubblicata nelle prime ore dell'evento. Notizie che in realtà riportavano poche info.

Questa volta però siamo di fronte a qualche dato in più rispetto agli altri eventi di cui si è discusso. Si sa che era un canoista esperto, immagino adeguatamente attrezzato.

Immagino però che le condizioni meteo fossero veramente impegnative dato che si è parlato di lunghe ore in cui i sommozzatori non sono neanche riusciti ad avvicinarsi.
Si hanno dati precisi riguardo a vento ed onda durante la mattinata?

Dicembre 14, 2018, 05:45:08 am
Risposta #2

marco ferrario (eko)

  • Global Moderator
  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 272
    • eko
Lunedì pomeriggio le condizioni del lago erano davvero molto impegnative.
L'autopsia ha stabilito che Giancarlo è caduto in acqua dopo un arresto cardiaco.
« Ultima modifica: Dicembre 14, 2018, 06:05:26 am da marco ferrario (eko) »