Autore Topic: NAVIGARE MILANO  (Letto 325 volte)

Settembre 07, 2018, 08:49:20 pm
Letto 325 volte

marco ferrario (eko)

  • Global Moderator
  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 245
    • eko

Si, anche la mia città può essere navigata.
Domani, sabato 8 settembre alle ore 18, Simone Lunghi, della Canottieri San Cristoforo partirà
dalla Darsena per la Circumnavigazione di Milano sui Navigli.
214 km. sull'acqua percorrendo la rete idrica milanese a bordo di un SUP gonfiabile e 200 km in sella a una bici pieghevole pedalando immersi nel verde.
Un originale trekking di 7 giorni per valorizzare il sistema dei Navigli milanesi.

Dalla Darsena il percorso acquatico seguirà il Naviglio Grande, poi il Naviglio di Bereguardo. Da
qui Simone risalirà (con l'ausilio della bici pieghevole) per poi tornare a pagaiare nel Canale
Villoresi fino all'Adda, nel Naviglio di Paderno e nel Naviglio Martesana verso Milano, fino alla
Cassina de' Pomm. Dove il Naviglio è interrato, Simone riprende la bici per tornare in Darsena e
risalire sul SUP percorrendo il Naviglio Pavese fino a Pavia e al fiume Ticino, per poi tornare nuovamente in Darsena a Milano.
Passerà per le conche di Viarenna e dell’Incoronata, che conservano ancora le tracce più antiche dei Navigli.

Simone dice che sarà un’avventura “NoOil” visto che gli unici mezzi a sua disposizione saranno la bicicletta e il SUP.
Durante i tratti in acqua, la bici pieghevole sarà caricata sul SUP e, viceversa, durante i km a terra il SUP sgonfio sarà caricato sulla bici.
Simone porterà con sé anche una tenda gonfiabile, un materassino gonfiabile e il sacco a pelo da usare per i 7 bivacchi previsti.

Lo sbarco finale è previsto per sabato 15 settembre in Darsena tra le ore 19 e le 21 con la
spettacolare parata conclusiva delle imbarcazioni della Canottieri San Cristoforo.

Iniziativa sportiva vuole anche evidenziare l'importanza del sistema idrico milanese e chissà che
presto si riesca a realizzare il progetto da tempo sulla carta di riaprire totalmente i Navigli alla navigazione a remi e a pagaia.
Dice Simone: "Navigare tutti i Navigli mi darà la possibilità di far conoscere i personaggi, la loro
storia, il loro valore e il ruolo chiave giocato nei secoli, per lo sviluppo della città: un sistema di vie
d’acqua capace di raggiungere il centro Europa, la Svizzera, e Venezia, porto del mondo", "Voglio
far capire che esiste una possibilità di vivere i Navigli, la Darsena e le acque milanesi in maniera
sana, regalandosi benessere e relax, sia “galleggiando” sia semplicemente percorrendo le alzaie con le bici o a piedi.
Un anello di centinaia di chilometri di acqua e verde circonda Milano offrendo la possibilita' di fare
sport o, come in questo caso, di vivere una vera e propria avventura mai tentata prima, ma alla portata di tutti, e dietro l’angolo"

Qui anche una fotografia di Simone sul SUP con bici / A San Cristoforo sul Naviglio Grande di
Milano https://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/circumnavigazione-navigli-1.4145740
« Ultima modifica: Settembre 07, 2018, 09:00:12 pm da marco ferrario (eko) »

Settembre 07, 2018, 09:37:31 pm
Risposta #1

Mauro Villotta

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 57
  • Testo personale
    Ricordati sempre che l'acqua è più forte ...
Bella iniziativa ,
auguro un grande successo e spero che in un futuro prossimo una pagaiata a Milano sia possibile ogni volta che si decida di farla .

Settembre 07, 2018, 10:17:04 pm
Risposta #2

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 199
  • Testo personale
    MARCO
Gran bella iniziativa. Complimenti!

Settembre 08, 2018, 10:28:02 am
Risposta #3

marco ferrario (eko)

  • Global Moderator
  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 245
    • eko

Simone è un kayaker ma in kayak (come anche in canoa) le ripide pareti dei Navigli non consentono gli sbarchi, le difficoltà sarebbero enormi, mentre invece in SUP (stand up paddle) pagaiando stando in piedi sarà possibile sbarcare in più punti.


Il Villoresi sarà il tratto più impegnativo, ci sarà una forte corrente e le sponde inclinate rendono lo sbarco davvero impossibile per un kayak e anche Simone in SUP dovrà affrontare qualche difficoltà e avrà la necessità di essere aiutato da amici che lo assisteranno nell'attracco porgendogli delle cime per scalare l'argine e portare a terra la bici, il SUP e lo zaino con l'occorrente per il bivacco e quanto utile al suo viaggio.


Se sui Navigli si predisponessero lungo il percorso delle passerelle basse sull'acqua, come quella sistemata dalla Canottieri San Cristoforo sul Naviglio Grande nei pressi della chiesetta di San Cristoforo, oppure degli scivoli come quello in Darsena in corrispondenza di Viale Gorizia, ecco che si potrebbe ad esempio partire in canoa o in kayak dalla Darsena di Porta Ticinese e arrivare a Pavia in sicurezza sostando tranquillamente lungo il percorso.
Basta poco! No?!
« Ultima modifica: Settembre 08, 2018, 02:26:51 pm da marco ferrario (eko) »

Novembre 15, 2018, 08:48:32 pm
Risposta #4

marco ferrario (eko)

  • Global Moderator
  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 245
    • eko

"Milano: l’isola che non c’era"
Venerdì 16 novembre 2018, alle 18.30 presso Casa Emergency in via Santa Croce, 19 - Milano

Simone Lunghi racconta attraverso alcune immagini esclusive l’impresa che lo ha visto protagonista lo scorso settembre quando, a bordo di una tavola gonfiabile, ha circumnavigato tutti i canali che compongono il sistema dei Navigli, per un percorso complessivo di 400 chilometri.
Un’occasione di riscoprire il patrimonio culturale che abbraccia la città di Milano attraverso l’acqua.

L’evento è a ingresso gratuito fino al raggiungimento dei posti disponibili.