CKI il forum della canoa italiana

depressione da siccità

(Letto 2910 volte)

Francesco Balducci

  • Full Member
  • ****
  • Post: 486
Ragazzi, in primis vi auguro un 2016 all'insegna del kayak e della salute fisica e mentale. Poscia, vi pongo un quesito: come vivete psicologicamente l'attuale lungo periodo di siccità che ci aliena dagli amati alvei fluviali? Alcuni di voi, di sicuro, come me, praticheranno altri sport ( mountain bike, corsa, palestra, ecc, ) ma non è la stessa cosa... Mi sta venendo la  depressione, anche perché temo che sia solo l'inizio di un'era caratterizzata da fenomeni di illuvie violentissimi e repentini con imperante e perdurante siccità, dovuta alle mutazioni climatiche uomo-dipendenti. Che tristezza.... Che fine faranno i nostri amati torrenti? va bene che il termine deriva dal latino "torrere", ovvero essere secco, asciutto, ma prima si animavano pulsando e caracollando con esuberante acqua spumeggiante. Ora sono più aridi del cuore di un avaro!

Giovanni Fantozzi

  • Md Member
  • ***
  • Post: 55
  • why r we here ? 'cause we're here . roll the bones
Dai Francesco  non ti deprimere , vedrai che di acqua ne verrà tanta e speriamo non troppa però ! Questi eventi climatici sono poi alla fine ciclici .
Anch'io soffro  devo confessare e come dici te l'alternativa alla canoa si trova ma non è mai  paragonabile a una bella discesa .
Speravo in qualche mareggiata , ma non si muove una foglia e l'unica è giocare in acqua ferma con la squirt.
Comunque dai , un augurio di Buon Anno e tanto divertimento a tutti voi canoisti e non.
Giovanni .

marco ferrario (eko)

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 359

... vi pongo un quesito: come vivete psicologicamente l'attuale lungo periodo di siccità ...


I KdM non soffrono, continuano a navigare, sempre, tutto l'anno, al mare come sui laghi. 
Domenica scorsa sull'Altissimo Lario il paesaggio era surreale. Sui monti circostanti neanche una spruzzata di neve e il lago un metro e mezzo più basso, scopre immense e nuove spiagge, moltiplicando a dismisura gli approdi dei kayaker.
Ad esempio, è stupefacente l'immensa spiaggia di fine sabbia bianca che si è creata davanti a San Fedelino (prima fotografia allegata), in tanti anni di navigazione lariana, è la prima volta che possiamo osservare questo paesaggio, unico e meraviglioso.
Il Lario non finisce mai di stupire e noi, aspettando la neve, con i nostri KdM, non ci deprimiamo e non ci annoiamo, anzi, abbiamo modo di godere dell'inconsueto nuovo paesaggio.
Comprendo Francesco e gli amici fluviali, mi spiace per loro, arriverà l'acqua e chissà quale gioia vincere la depressione discendendo nuovamente i torrenti.
Felice 2016 (seconda fotografia allegata).

nolby

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 284
  • MARCO
Sul lago di Pusiano c'è una nuova isola!



Speriamo che l'acqua che hanno annunciato per i prossimi giorni non sia quella che sta devastando l'inghilterra.