Autore Topic: limiti e competenze degli Istruttori FICK e Guide FICT  (Letto 3362 volte)

Aprile 16, 2012, 04:03:11 pm
Letto 3362 volte

Filippo D'Angelo

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 51
    • Canoa Club Alessandria
Visto che e` nata una discussione all'interno del club circa la gestione dei corsi di canoa, vorrei sapere se un istruttore o una guida fluviale possono fare corsi rivolgendosi direttamente ai clienti, e dunque intascando direttamente i soldi, oppure devono agire nell'ambito dell'attivita` di un club, lasciando cosi` il compito di dirigere corsi ai maestri di canoa. A me pare che l'Istruttore e la Guida siano brevetti con valore piu` che altro societario, e che la competenza di organizzare corsi di canoa sia tipica del Maestro (L'istruttore o la guida non possono essere direttori di scuola di canoa, il maestro si).
In poche parole: puo` Tizio Istruttore o Guida pubblicare un manifesto che annunci corsi di canoa da lui tenuti? Puo` rilasciare ricevuta ai clienti che la chiedono (anche solo per detrarre dalle tasse i costi per l'educazione sportiva del figlio)?
Oppure deve agire entro l'ambito di attività  di un club che organizza corsi per i propri tesserati, fornendo la propria prestazione in qualità  di collaboratore sportivo?
Qualcuno e` in grado di dare una risposta sicura?
Grazie.
Filo  -  www.canoaclubalessandria.it

Aprile 17, 2012, 12:03:00 pm
Risposta #1

Antonello Pontecorvo

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 105
  • Testo personale
    Boats aren't unstable. People are.
    • Trekking & Paddles - Agenzia per l'outdoor
Caro Filo,
cio' che non è vietato è lecito. Per la legge italiana chiunque, con "patacca" o senza, può proporsi per accompagnare o insegnare nell'ambito degli sport di pagaia; in caso di pagamento deve munirsi semplicemente degli strumenti per rilasciare fattura, ricevuta, nota di collaborazione, etc; in caso di incidente può avere o no copertura assicurativa che, integralmente o in parte, lo tutela nell'ambito della responsabilità civile; rimane comunque la responsabilità penale e quella etica/morale relativa a quale titolo ci si è proposti come guida o istruttore.
Le federazioni sportive e le asd rilasciano dei brevetti che comprendono assicurazione civile per le attività svolte a vantaggio di soci o nell'ambito di attività associative di promozione (non commerciali); il brevetto è anche un importante referenza perchè (e se) chi ti dà titolo e riconosciuto dal Coni e, quindi, per legge da chi è referente per lo Stato Italiano per tutte le attività di diporto (tutte, quindi anche quelle comemrciali).
Resta il non riconosciemnto di alcuna figura professionale (e commerciale) per le attività di pagaia, in assenza del quale ognuno fa quello che gli pare (cioè ci sono singoli che senza alcun brevetto, né di maestro né di istruttore, si vendono come guide e/o istruttori); da qualche tempo nell'ambito delle Federazioni e degli Enti che si riconoscono (?) nel CSxT sto proponendo un accordo per regolamentare la posizione di chi, con brevetto Coni, voglia fare della propria passione una professione; la soluzione che ho proposto e di far riconoscere i brevetti Coni dall'AIGAE che, a sua volta, sta lavorando a livello nazionale ed europeo per essere riconosciuta come associazione di categoria; è necessario, però, che "la base" delle associazioni si faccia, come te, delle domande sugli ambiti di pertinenza dei vari titoli e richieda l'affermazione ed il rispetto di regole chiare e condivise.-
Questa discussione che meritevolemte hai aperto potrebbe essere una buona occasione...ti ringrazio,

Antonello Pontecorvo
Istruttore FICK, FICT
Formatore AcquaViva (Resp. Territoriale AcquaViva-Uisp)
Guida V Firaft (Delegato Campania Firaft)
Guida professionistica AIGAE

 

Dicembre 19, 2012, 12:39:09 pm
Risposta #2

LucaT

  • Newbie

  • Offline
  • *

  • 1
  • Testo personale
    ...
Ciao Antonello,
ho trovato molto interessante la tua risposta. 

"il brevetto è anche un importante referenza perchè (e se) chi ti dà titolo e riconosciuto dal Coni e, quindi, per legge da chi è referente per lo Stato Italiano per tutte le attività di diporto (tutte, quindi anche quelle comemrciali)."

quindi che brevetto è meglio avere per svolgere attività commerciali? Quello Fick e quello Uisp si equivalgono? Il titolo di Accompagnatore Turistico con registrazione presso la AIGAE abbinato a un qualche brevetto da Istruttore di Canoa da una certa struttura legale laddove un inquadramento specifico non esiste?