CKI il forum della canoa italiana

Problemi tenuta giacca d' acqua

(Letto 3102 volte)

Steven Magret

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 7
Ciao a tutti,
Circa 2 anni fa acquistai una Palm Sidewinder, ottima giacca d' acqua, peccato che negli 2 ultimi fine settimana ho tristemente notato che passa qualche goccia d' acqua! Dopo un esame attento noto qualche "termosaldatura" leggermente sollevata. Come posso ripararla?? Esistono delle colle specifiche??
Siccome il prodotto č piuttosto nuovo vorrei evitare di cambiarlo.
Qualcuno sa aiutarmi???

Steven

Marco Panebianco

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
Steven,
normalmente con uso intensivo una giacca d'acqua va cambiata ogni due anni perche' incomincia a perdere anche dal tessuto e non solo dalle termosaldature che potrebbero staccarsi. Se invece l'hai usata poco e vuoi prolungarne la vita puoi provare ad incollare le termosaldature con un velo di colla Aquasure.
Io per ora continuo a rappezzare la mia Palm con filo di nylon e Aquasure visto che l'investimento non vale ormai poche discese all'anno.

Un saluto,
Marco Panebianco

Roby Bobby James 007

  • Md Member
  • ***
  • Post: 69
Ciao Steven,
ti consiglio di sentire Francesco:

E-MAIL: [email protected]
TEL:   0341.1840338  -   0341.1841068  -   3482283866 

Francesco mi ha riparato sia giacche che altro materiale. Ha un piccolo laboratorio artigianale e lavora molto bene.  Fra l'atro mi ha appena realizzato una nuova giacca d'acqua.

Chiamalo a mio nome, Ciao Bobby del C.F.M. (www.canoamartesana.it)
Se hai bisogno di altre info chiamami. Ciao
Bobby ;)
 
Keep in Touch
Bobby007

I go for green and beautiful life.
Before printing, think about the environment.

Davide Sandini

  • Full Member
  • ****
  • Post: 210

I tessuti con cui viene realizzata una giacca d'acqua negli ultimi anni sono probabilmente studiati per durare un paio di anni, giusto il tempo di andare fuori garanzia legale:

ho un paio di giacche d'acqua che hanno quasi vent'anni (per 4 usate intensivamente da me, alcuni dal precedente proprietario (una scuola), poi una decina almeno dentro la sacca del materiale di scorta, con sporadiche uscite.
Tessuto ancora ottimo e funzionale, senza problemi con la spalmatura, neanche nei punti dove le pieghe ripetute hanno lasciato la grinza. Qualche problema con la termonastratura, ma si tratta di problemi emersi negli ultimi anni di "reclusione" dentro la sacca, stropicciata ed al caldo.
Ti posso garantire di aver parlato con il produttore, e mi ha confessato di avere fatto un errore con quelle giacche.. erano troppo buone e chi le comprava non le cambiava piu'..
Con quelle successive, di diversi produttori, non sono andato oltre i due-tre anni. Certo sono fatte meglio, e per i primi due-tre mesi non passa una goccia, poi.. termosaldature che si staccano, spalmatura che si consuma o si scioglie.
mentre quella vecchia ha polsini e collo molto spartani, e al primo eskimo ti riempi. Ma il materiale era super..
Se qualcuno dubita, posso esibire le prove sia di un caso che dell'altro.
Anche una vecchia tuta antiacqua da moto che ho ritrovato da poco ha circa 25 anni, passati legata al portapacchi, termosaldature e spalmatura ok, il materiale sembra simile.

Vediamo se sono il solo ad averne ancora fra la roba vecchia, magari si potrebbe usarle per un raduno old style.

Davide
.. mi disse che era l'impresa pių stolta di cui mai avesse sentito parlare..
R. L. Stevenson, "Viaggio in canoa"

Marco Panebianco

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 48
Davide,
io ho ancora la giacca d'acqua con polsini e collo in neoprene che comprai da Piero Linda trovata gia' vecchia nel fondo di un barile blu insieme a paraspruzzi rappezzato. L'unica cosa decente che indossavo allora era il salvagente a piastra Profili nero usato di Piero.

Un saluto,
Marco Panebianco