CKI il forum della canoa italiana

giubotto obbligatorio in kayak

(Letto 24012 volte)

forchiassin lucio

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 30
salve,vorrei sappere se e' obbligatorio indossare il giubotto in kayak lungo la costa c'e' la legge?
e se e' obbligatorio mettere posteriormente la tabella nel trasporto quando la macchina e lunga 390 e il kayak 420 (sporge di poco)grazie

RobertoB

  • Md Member
  • ***
  • Post: 34
Per la sporgenza del kayak dall'auto, secondo il codice della strada il cartello è obbligatorio anche se sporge di un solo cm. Ricorda che può sporgere solo posteriormente e per un massimo del 30% della lunghezza dell'auto.
Per il giubbotto salvagente, confesso di non conoscere con precisione la normativa, credo sia obbligatorio, ma indipendentemente dall'obbligo è bene portalo sempre.

maurizio bernasconi

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 261
Ho tentato di inoltrarmi nella legislazione nazionale dei natanti leggendo un inserto di pi√Ļ pagine pubblicato con uno degli ultimi numeri della rivista della Lega Navale Italiana. La parola "canoe" non esiste. Se per analogia dovessimo assimilarla ai sandolini, ai pattini e alle altre piccole imbarcazioni, che hanno un limite nella distanza di navigazione da terra, dovremmo fare riferimento agli eventuali, laddove esistessero, regolamenti comunali. Facendo per√≤ un'escursione costeggiamo spesso il territorio di numerosi diversi comuni. Del resto non so quanti siano i comuni italiani a possedere una flottiglia di vigili urbani marinai, di sicuro i comuni pi√Ļ piccoli si sono disinteressati alla faccenda, infatti non ho mai visto nessuno indossare il giubbetto in pedal√≤. Immagino che le Capitanerie, Guardia di Finanza, PS e Carabinieri, adottando il criterio nazionale non richiederebbero mai il giubbetto indossato. So per√≤ che √® gi√† capitato che richiedessero, ma senza troppa convinzione, il giubbetto a bordo insieme a razzi, ancore e altri misteriosi ammennicoli navali. Resta da vedere se essi stessi avessero ben chiara la regola in modo inequivocabile come nessuno di noi, mi pare ha.  Pertanto, con tutto che potrei anche sbagliare vista la solita inintelligibilit√† delle norme nel nostro paese, credo di poter dire che il giubbetto per fortuna non sarebbe obbligatorio. Se qualcun'altro per√≤ si fosse fatto delle idee pi√Ļ chiare rispetto a me, sar√≤ lieto anch'io di conoscere la sua interpretazione.

Bittern

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 18
Per la sporgenza del kayak dall'auto, secondo il codice della strada il cartello è obbligatorio anche se sporge di un solo cm. Ricorda che può sporgere solo posteriormente e per un massimo del 30% della lunghezza dell'auto.


okkio che la legge parla dei 3/10 della lunghezza del veicolo, non del 30%....c'è differenza e se trovi quello troppo zelante o che non sa come passare il tempo sono dolori

gianfrancesco costantini

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 23
Kayak e canoe sono a tutti gli effetti natanti. Di conseguenza non è previsto che si indossi un salvagente, ma che siano a bordo le dotazioni previste per la distanza dalla costa a cui si naviga. A cui si naviga effettivamente, non quella "prevista" o massima. Se si naviga nei 500 metri quindi basta avere a bordo un giubbotto salvagente per ogni persona imbarcata (da 50 Newton - cioè un aiuto al galleggiamento). A distanze maggiori sono previste molte altre dotazioni (salvagente anulare, razzi, boette fumogene, ancora, ecc.). Tuttavia se c'è un'imbarcazione appoggio a una distanza massima di un miglio queste dotazioni non sono obbligatori (la regola vale per i "tender" ma può essere facilmente estesa).
Ovviamente poi c'è l'interpretazione..

Marco Lipizer

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 153
Argomento spinoso, che già ha suscitato molte polemiche a nordest.
Comuque il codice della navigazione è abbastanza chiaro.
Il kayak viene nominato all'inizio del codice (dicendo che non c'e' bisongno della conformità CE per i kayak, richiesta invece per tutti gli altri natanti), quindi per il legislatore esiste e non può essere assimiltato a "Jole, pattini,..., ecc. che non possono navigare oltre i 300 metri dalla costa"
Quindi per la legge, a mia interpretazione, che non sono un legale, il kayak rappresenta un'imbarcazione a remi.
Distanza massima raggiungibile dalla costa 7 miglia.
Dotazioni necessarie:
entro 300 metri: niente
entro 1 miglio: salvegente anulare e aiuto al galleggiamento in barca, pi√Ļ altre cose che a memoria non ricordo.
Oltre il miglio anche i razzi.

Il salvegente con spinta 50N, è consentito, se indossato, solo per le imbarcazioni da regata con una barca di appoggio.

I kaker marini hanno l'abitudine di utilizzare sempre il salvagente per precauzione, si può discutere se sia corretto o meno e se quindi far presente al legislatore che lo introduca come norma, ma al momento non è obbligatorio, anzi è controlegge perchè andrebbe utilizzato quello omologato (voglio vedere chi si mette l'anulare sulla coperta posteriore, soprattutto per salvare chi, visto che siamo da soli).

Marco Lipizer

forchiassin lucio

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 30
vi ringrazio mi avete chiarito le idee comunque il giubotto e meglio metterselo.

maurizio bernasconi

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 261
Mi spiace, non sono riuscito a trovare la denominazione: imbarcazione a remi, me la ritrovi per favore Marco, se ne hai voglia? E neppure le dotazioni di bordo. Forse si trovano nel codice della navigazione navale (quello del '42), che non sono riuscito a scaricare.

Ho ripreso alcuni articoli dal Codice della Navigazione da Diporto del 2005. (Che disciplina le attività turistiche e non commerciali).

- La parola "canoa e kayak" appare (mi sembra) solo al capitolo dove si delibera circa le modalità costruttive dei natanti. Qui:

2. Le disposizioni del presente capo [modalità costruttive relative soprattutto ai motori] non si applicano a:

a) per quanto riguarda il comma 1, lettera a):
1) unità destinate unicamente alle regate, comprese le unità a remi e le unità per l'addestramento al canottaggio, e identificate in tal senso dal costruttore;
2) canoe e kayak, gondole e pedalò;
3) tavole a vela;
4) tavole da surf, comprese le tavole a motore; 5 eccetera


Definizione: per
d) natante da diporto: si intende ogni unità da diporto a remi, o con scafo di lunghezza pari o inferiore a dieci metri, misurata secondo le norme armonizzate di cui alla lettera b).

3. I natanti (senza marcatura CE) possono navigare:
  c) entro un miglio dalla costa, i natanti denominati jole, pattini, sandolini, mosconi, pedal√≤, tavole a vela e natanti a vela con superficie velica non superiore a 4 metri quadrati, nonch√® gli acquascooter o moto d'acqua e mezzi similari.

In alcuni casi potrebbe tornarci utile questo articolo:
Art. 30 - Manifestazioni sportive

1. In occasione di manifestazioni sportive, preventivamente comunicate alle autorità competenti, organizzate dalle federazioni sportive nazionali e internazionali o da organizzazioni da esse riconosciute, le imbarcazioni da diporto, anche se non iscritte nei registri di cui all'articolo 15, ed i natanti ammessi a parteciparvi possono navigare senza alcun limite di distanza dalla costa.

2. Le stesse deroghe sono estese anche alle imbarcazioni ed ai natanti di cui al comma 1 durante gli allenamenti ad eccezione dei natanti di cui al comma 3, lettera c), dell'articolo 27, per i quali è necessaria apposita autorizzazione rilasciata dall'autorità marittima, nonchè alle imbarcazioni e ai natanti che partecipano a manifestazioni organizzate dalla Federazione italiana vela e dalla Lega navale italiana.

3. Nel corso degli allenamenti deve essere tenuta a bordo una dichiarazione del circolo di appartenenza, con validità non superiore al trimestre, vistata dall'autorità competente nel cui ambito territoriale si trovi la sede del circolo, da cui risulti che l'unità è destinata ad attività agonistica e che si trova in allenamento con un determinato equipaggio.

4. Nelle manifestazioni sportive e negli allenamenti suddetti devono essere osservati i regolamenti per l'organizzazione dell'attività sportiva delle federazioni di cui al comma 1.

RobertoB

  • Md Member
  • ***
  • Post: 34
Per la sporgenza del kayak dall'auto, secondo il codice della strada il cartello è obbligatorio anche se sporge di un solo cm. Ricorda che può sporgere solo posteriormente e per un massimo del 30% della lunghezza dell'auto.

okkio che la legge parla dei 3/10 della lunghezza del veicolo, non del 30%....c'è differenza e se trovi quello troppo zelante o che non sa come passare il tempo sono dolori

3/10 = 30/100 = 30%
differenza = 0
matematica > vigile zelante
;)
Ultima modifica: Novembre 11, 2010, 12:31:03 pm da Flavio di CKI

Antonino Pusateri

  • Affrettarsi lentamente
  • Md Member
  • ***
  • Post: 17
  • Segui il flusso
Ciao, il giubotto è obbligatorio in tutti i fiumi e nei laghi, al mare lo puoi evitare se stai entro i 300mt dala costa; ma difficilmemte stai sepre sotto i 300mt.
Questa la regola della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera valida sul territorio nazionale. Visita il sito delal Capitaneria d Porto alla voce navigazione da diporto.
Personalmente il giubbotto non , lo vedo solo come sicurezza per se, ma anche in caso di soccorso a un compagno, magari in panico o simile situazione, anhe privo di senso, essere sicuro tu di poter galleggiare non è poca cosa.
Poi diventando maturi il giubotto con tasche vedrai che è utile per riporre piccole cose ma utili.
Buone e serene pagaiate in sicurezza,
Toni
Toni Pusateri