CKI il forum della canoa italiana

Capraia, kayakers multati.

(Letto 283 volte)

marco ferrario (eko)

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 330
Sanzione amministrativa (non penale) consistente in una multa di 333 euro a testa per non aver rispettato l’ordinanza.

marco ferrario (eko)

  • Global Moderator
  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 330

Riporto quanto pubblicato da Soncina Paolo - Presidente associazione sportiva 1cr.k 360 kayak di Salò

Mancanza di segnalazioni, cartelli e avvisi: la risposta dopo essere stati sanzionati per essere entrati nella grotta della foca monaca.

Buongiorno, sono il Presidente associazione sportiva 1cr.k 360 kayak di Salò, associazione dilettante.
 Quest'anno abbiamo deciso di sondare e visitare il vostro bellissimo Comune e relativa Isola Capraia.
 Siamo arrivati il 1 settembre, le nostre informazioni al riguardo della navigazione erano state scaricate da Internet, al sito del Ente Parco Toscana non era allegata l'appendice poi scoperta presso ufficio Guardia Costiera durante il verbale.
 La nostra documentazione vi era segnalato la navigazione interdetta nella zone MA. Poi per nostra sicurezza ci siamo recati al vostro ufficio informazioni di Capraia, per verificare se ci fossero nuove indicazioni, ci veniva consegnata una cartina e di nuove notizie non ne risultavano.
 Le nostre attenzioni si sono focalizzate nella zona MA da punta delle Cote a punta Manza, con indicazione di rimanere a piu di 300 mt dalla costa. Nelle cartine e segnalazioni non veniva menzionata la grotta Foca Monaca!
 Fiduciosi di trovare indicazioni sul posto ci siamo messi in navigazione, arrivati dopo punta delle Linguette, molte imbarcazioni a motore sfrecciavano a bordo costa, e la difficoltà per noi è stata poter capire dove iniziava la zona MA!?
 I nostri kayak poco veloci e non attrezzati con mezzi gps non facilitano la lettura del territorio e per nostra sicurezza non possiamo allontanarci dalla costa visto le dimensioni delle imbarcazioni presenti in navigazione. Da subito abbiamo notato nessuna boa di avviso, nessun cartello, e nessun mezzo Guardia costiera per tutto il percorso, unica eccezione una telecamera posta a controllo della zona di poco dopo le Linguette , la telecamera da noi è stata interpretata come di controllo e non per altri motivi visto che non erano presenti avvisi di riprese sanzionatorie!
 Per fare breve il triste epilogo, la mattina a meno di un chilometro della sede Guardia Costiera non troppo difficoltoso trovarci, unico gruppo di kayak presenti sull'isola! Il Comandante della stazione è venuto al nostro alloggio situato al campeggio Le Sughere, informandoci che avevamo due verbali sanzionatori da ritirare, e ci veniva richiesta la presentazione dei documenti, collaborando senza negare nulla abbiamo fatto visionare i documenti in nostro possesso anche le cartine consegnate dall'ufficio informazioni, il Comandante ci avvisava che tali cartine non erano aggiornate!
 Come Presidente dell'associazione tengo a precisare che da parte nostra non vi era nessuna intenzione di infrangere nessuna legge, salvo essere a conoscenza di infrangerl! Visto la mancanza assoluta di segnalazioni e boe!
 Tengo a precisare che la nostra scelta di venire sull'isola era atta a verificare altre escursioni in futuro con molti altri kayaker, si pensi che sul nostro lago di Garda in collaborazione con ben 23 Comuni organizziamo da anni manifestazioni che richiamano numerosi turisti, ed il nostro è un turismo ecologico !
 Sono addolorato avvisandoVi che per sanzionare un persona in modo giuridicamente corretto si deve attuare una cartellonistica sul territorio, un avviso presso la grotta o le grotte che intendete preservare, un ufficio turistico che sia al corrente anche delle ultime direttive e che sia in grado di spiegare ai turisti come muoversi in sicurezza sull'isola e in mare! si deve avvisare le persone che sono riprese da una telecamera e che le riprese vengono utilizzate per perseguire una sanzione!!
 Se le persone non sono del posto non hanno il tempo di memorizzare il territorio, le escursioni servono proprio per vedere e visitare territori sconosciuti! le segnalazioni di boe in mare sono un atto di rispetto e di sicurezza, ignorare e incorrere in sanzioni per poca disponibilità comunicativa, non corrisponde ad una logica di preservare un un turismo prossimo! e il nostro tipo di turismo, che rispetta il territorio e la natura! Oltre spende in ristoranti, negozi, alberghi, e non inquina e deturpa il territorio andrebbe preservato, non sanzionato in questo modo!

Presidente Soncina Paolo web primacrkayak.altervista.org - Gruppo Facebook 1crk360 
 

paolo soncina

  • Md Member
  • ***
  • *
  • Post: 19
in aggiunta a quanto vi ho scritto sopra , rimane sconcertante che in questo Contesto chi perde è solo la foca , gommoni a motore che transitano ogni giorno ,vicino e dentro la Grotta , anche se poi alcuni vengono giustamente sanzionati ,ma scorrettamente nel modo ! Perche Perche oramai sono entrati e hanno inquinato ! Se ci fossero boe ,avvisi , di noi kayaker non entrerebbe  nessuno e con le giuste motivazioni la sanzione avrebbe il suo vero scopo ! Quello di preservare e non fare cassa .l'idea che mi sono fatto è che delle segnalazioni adeguate spaventano il turismo dei diportisti con gli yacht ormeggiati poco lontano  ,ogni yacht la sera rientra al porto e paga minimo 150 euro per  l'ormeggio notturno , ogni sera ! Oltre a creare problemi ai boat_rent , dell'isola , perché con le boe diventa penale la sanzione !