Autore Topic: kayak per fotografia  (Letto 711 volte)

Marzo 28, 2018, 03:59:18 pm
Letto 711 volte

Alessandro.catto

  • Newbie

  • Offline
  • *

  • 1
  • Testo personale
    ...
ciao atutti ragazzi, sono appena arrivato nel forum e ringrazio gli amministratori per avermi dato la possibilita' di accedere. ho appena acquistato un kayak (il mio primo), volevo utilizzarlo per fotografia naturtalistica, visto che è il mio hobby. che ne pensdate? avete già avuto esperienze simili o avete qualche consiglio da darmi in merito. soprattutto l'insatallazzione/fissaggio del cavaletto fotografico all'interno del kayak stesso. grazie in anticipo a tutti  ;D ;D ;D

Marzo 28, 2018, 11:10:26 pm
Risposta #1

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 195
  • Testo personale
    MARCO
Ciao, valuta anche la canoa canadese. Se sei uno di quelli che gira con a portata di mano il 500 f4 in kayak la vedo dura tenerlo pronto all'uso  o riporlo da qualche parte durante brevi spostamenti su un kayak da mare.

Nel caso tu rimanga dell'idea del kayak ti posso dare solo consigli scontati: prediligi sabilità primaria a scapito delle performance, un buon volume, gavoni con accesso ampio per riporre l'attrezzatura nelle valigette stagne,... Immaginando che non farai mare ma prevalentemente zone umide non è neanche da scartare secondo me l'idea di un buon sit-on-top da pesca.

Il discorso cavalletto lo lascerei perdere. L'unica arma che hai secondo me è dotarti di un corredo che ti permetta di stare tranquillo con le focali che hai bisogno scattando a mano libera. Fanno corpi col sensore stabilizzato su 5 assi e che permettono tanti ISO per ridurre i tempi...anche se non so quanto sia possibile fare foto a mano con certi cannoni (mai avuto in mano nulla di più lungo di un 135 su APS-C).
Su un kayak sarai sempre e comunque seppur impercettibilmente in movimento e il cavalletto sarebbe fermo rispetto allo scafo...ma comunque in movimento rispetto al resto del mondo anche ipotizzando di "ormeggiarsi" in qualche modo.

Se ci dai qualche info in più (esperienza in kayak/canoa, che necessità hai, che tipo di foto fai, in che tipo di ambiente vorresti andare...) magari ti si riesce a dare qualche info in più o qualche tipo di kayak che a noi sembra adatto e che potresti provare.


PS: immagino che prima o poi arriverà in questa discussione anche Marco EKO, uno dei tanti proprietari ed estimatori dell'ASA KDM 520; barca non più in produzione che sembra fatta apposta per la fotografia.

Marzo 28, 2018, 11:11:27 pm
Risposta #2

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 195
  • Testo personale
    MARCO
Nello scrivere ho perso di vista il fatto che il kayak l'hai già preso.

Che kayak è?

Marzo 29, 2018, 09:45:15 pm
Risposta #3

michele varin

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 31
  • Testo personale
    ...
Ciao,
io utilizzo una valigetta rigida stagna di plastica bloccata dalle corde elastiche davanti al pozzetto per contenere una reflex con zoom 18-300 (ma ci starebbe anche qualcosa di un pò più lungo).
Valigette stagne ce ne sono di varie marche e misure, le più famose (e quindi costose) sono le Pelican; io ne uso una senza gran nome e non ho mai avuto problemi.
Vantaggi: apertura/chiusura molto comoda con una mano sola; se l'acqua è calma puoi evitare di bloccare le leve di chiusura del coperchio.
Svantaggi: può ingombrare se pagai basso tipo trad con la groenlandese e, se hai il pozzetto ampio, può essere un pò distante da te.
Ho provato anche le classiche borse stagne morbide (più lunghe da aprire e chiudere, meno comoda l'estrazione e la borsa stagna con zip tipo muta della Ortlieb (fighissima, ma servono due mani per aprire e chiudere).
Cavalletto: ho provato, ma poche volte un monopiede Manfrotto carbo. per ora non sono convinto, riproverò.
Un treppiede vero dentro un kayak con il ponte mi pare difficile, ma so che viene usato con la canadese. forse ci starebbe su un SOT?. Ma come dice giustamente Nolby, cavalletto e kayak sono fermi tra loro ma si muovono nell'acqua...
Buone foto e buone pagaiate.
Michele

Marzo 29, 2018, 11:04:55 pm
Risposta #4

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 195
  • Testo personale
    MARCO
Michele io ho due valigette marca "Plastica Panaro". Sono Made in Italy ma e costano molto meno delle varie Pelikan/Explorer/HPRC. Forse l'avevi vista sul ticino.... Ne ho due da circa 3 anni e per ora problemi non me ne hanno mai dati.
L'unico problema è che non sono di facilissima reperibilità, le avevo prese su internet da un negozio di strumenti musicali e ricordo una cifra altissima per le spese di spedizione.

...fortuna vuole che non ho nulla oltre il 135 per cui la scimmia della fotografia naturalistica non mi è ancora arrivata  ;D

Marzo 30, 2018, 08:20:33 am
Risposta #5

cristian bertolin

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 22
Buon giorno, spesso per lavoro accompagno fotografi e video operatori, ed io stesso fotografo principalmente fauna ed avifauna nello specifico dalla canoa, ho però scelto molti anni fa la canoa canadese proprio per la sua natura di imbarcazione per la cacca e la pesca e per il suo volume di carico, oltre alla possibilità di muoversi stabilmente e poter scattare in movimento da la possibilità di creare veri e propri capanni di appostamento camuffandola di fronte al punto dove si intende osservare il soggetto, andando per fiumi laghi e lagune gli incontri sono frequenti, e scegliendo una canoa di colore verde scuro ed abbigliandosi di conseguenza con colori naturali (esistono aiutial galleggiamento verde oliva o mimetici....) i risultati vengono, i nostri ospiti (ho una piccola azienda che si occupa di turismo naturalistico/sostenibile) alla fine dell'escursione di casa vedono Tarabusino e martin pescatore con semplicità e senza arrecare loro disturbo. Per darti l'idea sulle canoe canadesi abbiamo fatto riprese per un set di produzione in 3D e ancora per le riprese di un documentario sulla laguna nord l'operatore si è presentato con 4 cavalletti dei quali uno ripiegato di 175 cm del peso di 14kg....la questione dei contenitori é relativa e molto personale, spesso per inquadrare meglio un soggetto dovrai lasciare la canoa e spostarti, altre volte dovrai essere veloce e avere tutto pronto e a portata di mano, altre volte rimarrai ore fermo sotto la pioggia in attesa del porciglione o del tarabuso....un ultima cosa nella canoa canadese carichi bene anche tutta l'attrezzatura per il bivacco e questo ti permetterà di essere all alba nel posto giusto oppure di attraversare un territorio in più giorni aspettando le giuste luci e cercando i tuoi soggetti preferiti.

Aprile 10, 2018, 04:40:44 pm
Risposta #6

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 195
  • Testo personale
    MARCO
siamo così antipatici?  ;D ;D ;D ;D
Apre il topic e sparisce  ::)