CKI il forum della canoa italiana

trasporto Kayak sul tetto dell'auto.

(Letto 5011 volte)

Vittorio Pongolini

  • Full Member
  • ****
  • Post: 663
  • Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
E' un argomento ormai sessantennale, cioè trattato dai primi anni in cui comparvero le prime canoe non smontabili, cioè nei primi anni sessanta. Tutte le riviste di canoa del mondo, ma in particolare Kanu Magazine, la famosa rivista tedesca, ancora dagli anni '70 ribadisce che il miglior sistema è quella di mettere sul tetto dell'auto di taglio canoe e kayak. Così non entra acqua nel pozzetto, o comunque molto poca e c'è la possibilità di aprire abbastanza bene il portellone posteriore nelle due volumi. In questo modo la resistenza dell'aria che sale dal cofano è la minore possibile mentre se viene messa piatta aumenta, seppur di poco. Poi tutte le riviste, sempre da decenni, consigliano caldamente di legare la punte delle canoe e kayak, almeno la punta se non anche la coda per ovviare a frenate ed accelerazioni improvvise. Ma poiché le nuove auto non hanno più i paraurti è bene far cadere la corda di legatura su un nastro opportunamente legato a qualche grossa vite del cofano del motore, che può essere ritirata quando non si ha le canoe kayak sul tetto.
Nelle foto della mia auto caricata si può verificare tutto quanto vi ho detto, sia per canoe fluviali che per kayak marini. Imparate, gente, imparate da chi pagaia da cinquant'anni e ha visto ahimè volare canoe e kayak dai tetti delle auto in strade ed autostrade d'Italia...
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.

nolby

  • Full Member
  • ****
  • *
  • Post: 249
  • MARCO
Credo anche io che la posizione segnalata da Vittorio sia la migliore.

Unico dubbio (ma non saprei) riguarda l’ancorare la prua ad una grossa vite nel cofano… negli ultimi anni è cambiata molto la metodologia di progettare e costruire i telai delle automobili…. Una  macchina di 15 anni fa che finiva di muso addosso ad un muro a 30km/h si cambiava il paraurti e tornava tutto a posto (gli occupanti umani se la passavano decisamente peggio) mentre le vetture moderne hanno la parte anteriore che è progettata per deformarsi sotto le sollecitazioni assorbendo l’energia dell’impatto. Questo mi porta a pensare che il cofano di un’auto moderna non sia poi tanto robusto quanto quelli delle auto costruite negli anni in cui venivano scritti quegli articoli.

Io preferisco legare le prue con delle cime che poi fisso alle barre longitudinali che sono ancorate direttamente al telaio nella zona dell’abitacolo, la più robusta considerando che il tetto deve poter sopportare il peso dell’intera vettura in caso di ribaltamento.


PS: non  sono un ingegnere. Sono solo mie considerazioni, magari completamente errate. In giro si vede di tutto ed ognuno ha un po' le sue idee riguardo al trasporto delle canoe.