CKI il forum della canoa italiana

La Rivoluzione delle Associazioni No Profit in 11 punti

(Letto 1700 volte)

Vittorio Pongolini

  • Full Member
  • ****
  • Post: 684
  • Healthy rivers, lakes and seas are priceless!
Segnalo, su abbocco di V. Zacchi, una recentissima, decisa proposta di riforma del cosiddetto "Terzo Settore" ovvero relativo alle Associazioni, che contemplano sia le Associazioni non sportive (Associazioni generiche, APS - Associazioni Promozione Sociale (tra cui anche CKFiumi) più altre che non riguardano direttamente il mondo della Canoa- Kayak e Rafting, e tutte le "nostre" ASD, Associazione Sportiva Dilettantistica, quelle che effettivamente, e faticosamente, si basano sul volontariato dei propri iscritti:

"La Rivoluzione delle Associazioni No Profit in 11 punti

Il Governo di Matteo Renzi pare essere stato di parola. Ci avevano detto che entro i primi di luglio avrebbe presentato nel Consiglio dei Ministri la bozza di Riforma del Terzo Settore (che, ricordiamolo, era stata aperta ai contributi di tutti) e così è stato.
Ieri sia il Blog Vita che il Sole 24 ore hanno dato delle anticipazioni da cui abbiamo cercato di trarre gli aspetti principali. Partiamo dall’obiettivo generale: porre nuove “disposizioni per promuovere e favorire l’autonoma iniziativa delle persone, singole e associate, per lo svolgimento di attività di interesse generale“.

Ma quali sono appunto gli aspetti principali per le Associazioni No Profit? Ne abbiamo contati 11. Eccoli con tra parentesi i nostri commenti

1- istituire misure volte a favorire i processi aggregativi tra le Associazioni
(fondamentale: ci sono troppe Associazioni di pochissime persone nelle stesse piccole realtà, con le medesime finalità e che nemmeno si conoscono; farle riunire sotto lo stesso cappello migliorerebbe la loro vita, aumenterebbe la loro forza e semplificherebbe questo mondo variegato).

2- reintrodurre un organismo nazionale indipendente con compiti, tra l’altro, di vigilanza e controllo (c’era ma l’hanno ammazzato nel 2011; è indispensabile per portare chiarezza e pulizia ma non può essere un organismo elefantiaco e di pochi poteri)

3- riordino della disciplina in materia di associazionismo, volontariato (l. 266/1991) e promozione sociale (l. 383/2000), finalizzato all’armonizzazione della normativa di riferimento ed alla promozione delle attività volontarie tra i giovani;
(ottimo perchè c’è bisogno di portare chiarezza e semplicità… stiamo a vedere cosa verrà proposto in concreto)

4- miglior qualificazione/definizione della previsione del divieto distribuzione di utili; definizione precisa dei limiti per i compensi ai soci/amministratori e per la gestione dei volontari; (indispensabile! Tema ampiamente trattato sul nostro blog, ma mai completamente chiarito da parte delle Autorità competenti)

5- previsione di una differenziazione dei modelli organizzativi alla luce della dimensione economica dell’Ente in questione;(anche questa è un’ottima intuizione; non è pensabile che piccole Associazioni abbiano gli stessi obblighi di quelle medie, grandi o grandissime; stiamo a vedere che proposta verrà fatta)

6- istituzione del Registro Unico del Terzo Settore su base nazionale; (sia Lode a chi ha avuto questa idea! Basta con registri comunali/ provinciali/ regionali/ delle prefetture/ dell’Agenzia delle Entrate e chi più ne ha ne metta! Un solo registro unico per tutti, chiaro e visibile!)

7- riordino ed armonizzazione del sistema tributario. (qui scatta la lacrimuccia… chiunque lavori nel settore sa QUALI CASINI ci siano; incrociamo le dita).

8- nuovo iter di riconoscimento della personalità giuridica (disciplinando il relativo regime di responsabilità limitata); (sempre sia lodato chi ha avuto questa idea; finalmente potremmo far dormire più sereni i nostri Presidenti!)

9- nuova definizione di ente non commerciale ai fini fiscali; definire l’attività non lucrative e dei vincoli/limiti relativi all’esercizio di attività di natura commerciale; (urgentissimo: ormai è esploso il fenomeno di chi chiude la propria azienda e coi propri familiari apre una finta no profit per non pagare tasse…)

10- definire forme e modalità di organizzazione e amministrazione degli enti ispirate ai principi di democrazia, uguaglianza, pari opportunità, partecipazione degli associati e dei lavoratori e trasparenza; (poco da aggiungere; oggi questi aspetti sono liberamente interpretati da tutti)

11- razionalizzazione e semplificazione del regime di deducibilità e detraibilità dal reddito delle persone fisiche e giuridiche delle erogazioni liberali, in denaro e in natura; (poco; oggi questi aspetti sono liberamente interpretati da tutti)

Insomma. Le premesse ci sono tutte. Vediamo che succederà! Buon lavoro!"

- Per saperne di più: http://www.teamartist.com/blog/2014/07/11/la-rivoluzione-delle-associazioni-no-profit-in-11-punti/#sthash.minOIc9R.dpuf
Vittorio Pongolini - Canoa Club Milano

"You don't beat it. You never beat the river, chubby".  Burt Reynolds (Lewis Medlock), Deliverance, 1972.