Autore Topic: III Raduno Nazionale di Canoa Canadese al lago di Barrea...... e non solo  (Letto 5140 volte)

Maggio 24, 2010, 03:14:35 pm
Letto 5140 volte

Gian Piero Russo

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 57
"La  III edizione del  Raduno Nazionale di Canoa Canadese, organizzato dalla
UISP Area Acquaviva  in collaborazione con l'Associazione Italiana Canoa Canadese AICAN
 abbina quest'anno al tradizionale meeting sul lago di Barrea , organizzato dall'Outdooor Center
Gole del  Sangro,  la discesa di alcuni tratti dei  fiumi  Tirino, Volturno
e Biferno,    di livello non superiore al  II grado . Si vuole così
sperimentare l'organizzazione di un raduno itinerante  nell'intento di
esplorare  e promuovere  le non poche  opportunità offerte dall'idrografico
dell'appennino  centro meridionale  all'escursioniso fluviale  in canoa
canadese.  Il raduno si svolgerà  dal 28 al 2 maggio  secondo il   programma
giornalieri in via di definizione"

info lago di Barrea  http://sites.google.com/site/acquamossainfo
Outdoor Center Gole del Sangro
Massimiliano Martinelli        335 6357221
nonsolocanoa(chiocciola)libero.it

info fiumi
Gian Piero Russo               348 3861093       
gianpierus(chiocciola)tiscali.it



Giugno 09, 2010, 10:41:59 pm
Risposta #1

Gian Piero Russo

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 57
 
 
" un discreto  gruppo di  canadesisti   ha  preso parte alla   III edizione del  Raduno Nazionale di Canoa Canadese  sui fiumi e laghi di abruzzo e molise,   organizzato dalla UISP Area Acquaviva  in collaborazione con l'Associazione Italiana Canoa Canadese AICAN .  La  particolare  congiuntura festiva del 2 giugno ha consentito quest’anno di abbinare   al tradizionale meeting sul lago di Barrea,  organizzato dall’Outdoor Center Gole del Sangro,    la  discesa di alcuni tratti dei   fiumi  Tirino, Volturno e Biferno  grazie anche al fattivo  coinvolgimento di  associazioni del territorio. 
 
- Tirino 
Nel pomeriggio di  venerdì 28,    al Camping sul  fiume , in  Contrada  S.Martino,  Capestano (Aq)  incontro con   gruppo di  appassionati canoisti locali (fam. Melchiorre & C. ) ,   a  sera,  suggestiva pagaiata   notturna,  immersi nella  magica luce della   luna piena   in un silenzio ovattato,   rotto dai    rumori della fauna notturna.    Il giorno dopo, complice la bella giornata,    il Tirino ci regala lo spettacolo di un ambiente fluviale ancora immacolato, dalle   acque  potabili, di turchese  trasparenza.     
Nel pomeriggio,    un salto al grazioso paesino  di Capestrano con  visita al Castello Piccolomini, dominante la valle Tritana ,  che prende il nome dalle tre sorgenti carsiche da cui sgorga il Tirino.
 
Barrea
nel pomeriggio del  29   il congiungimento con  la tappa al lago di  Barrea, presso l’Outdoor Center gole del Sangro di Massimiliano Martinelli,   per il consueto   momento di  incontro e di confronto  tra appassionati canadesisti.  Anche qui  ,  a sera dopo abbondante libagione, canonica  pagaiata  notturna   per la tradizionale fiaccolata   sul lago. Il giorno dopo,   escursioni lo guidate  sull'immissario  Sangro, nell’area di  particolare  pregio naturalistico ( su autorizzazione  del Parco ).  In acqua una rassegna dei più svariati modelli, dai vecchi (ma sempre affidabili)  “pentoloni” in polietilene   ed alluminio  (l’immancabile Lettman)  ai più raffinati scafi della Old Town ed Equis, financo un vecchio  oc1 play boat   Dagger Ocoee.   Interessante anche
l’esposizione dei vari modelli di  pagaie monopale.
Da evidenziare, tra  i più attenti  partecipanti alle lezione  sulle  tecniche  di  conduzione  tenute dai più esperti,  tre   giovanissimi  appassionati canadesisti (età media 12 anni)  allievi  della  scuola dell’Outdoor Center. 
- Volturno
lunedì mattina del  31 maggio, trasferimento   a Montaquila (Is),  per scendere un tratto del  Volturno, di circa 12  km dalla diga di Ripaspaccata  alla   diga di Venafro,  un percorso  fluviale di media valle, dal letto ampio e ghiaioso,  tra  estesi boschi ripariali (antico habitat  della lontra,  di recente riavvistata) Un fiume  particolarmente adatto alla canadese classica, da esplorare nei tratti a valle fino al mare, come indicato dalla  “guida ai fiumi d’Italia”  di Gugliemo  Granacci.  .    Il tempo inclemente ha reso la discesa particolarmente “allenante”.  Da evidenziare, all'imbarco,   il simpatico incontro  con Lory Marchese,  organizzatrice del  raduno ARCHEOKAYAK svoltosi  nei giorni precedenti sulla vicina costa Flegrea,  un ideale collegamento tra kayakers marini e voyager fluviali.
 



a fine giornata trasferimento a Colle d'Anchise (Is) ,  per l’ultima tappa sul Biferno.
Ad attenderci i   ragazzi dell’ass. . Molise Avventura  e   Michele Lucarelli,  gestore  dell'albergo diffuso “la piana dei Mulini”, appassionati promoter del fiume.  Nella mattinata del 1 giugno una variopinta carovana di canadesi, imbarcata sulla sorgente al centro di Bojano  ha suscitato curiosità ed attenzione da parte dei residenti che numerosi si affacciavano dalle rive; e in effetti in  questo tratto il Biferno, fiume di risorgive come il Tirino,    di maggiore attenzione avrebbe bisogno per migliorarne la qualità ambientale. Superato l’abitato il percorso    si snoda in una stretta valle tra rive boscose e campi coltivati, con  passaggi stretti e manovrieri , dovuti a rami sporgenti ed alberi in alveo,  che hanno reso particolarmente  piacevole e divertente la discesa fino allo sbarco presso la piana dei Mulini dove si conclude il raduno con un solenne pranzo di commiato.
Và doverosamente evidenziato il fatto  che l’organizzazione di  questa tappa è stata agevolata  dal  grande lavoro di promozione  avviato in loco da Massimiliano Boninsegni di Gravità Zero e Maurizio Consalvi  dell’ass. Roma Kayak Mundi  che nello scorso aprile si è concretizzato nel  “ raduno sui fiumi  Molisani”.

In conclusione il  raduno  si è confermata come una  piacevole ed apprezzata manifestazione nel  particolare  settore canadesi aperte,   grazie alla collaborazione dei tanti appassionati   che a vario titolo  si sono prodigati per la sua  riuscita, dagli organizzatori  ai singoli   partecipanti  convenuti da  più parti d’Italia in rappresentanza di ben 8 regioni: Piemonte, Lombardia, Veneto, Umbria, Lazio, Abruzzo , Molise , Campania.   

Gian Piero Russo