Autore Topic: Merano  (Letto 1774 volte)

Giugno 09, 2009, 08:12:06 am
Letto 1774 volte

Skillo

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 150
Nella bella cornice del tratto meranese del Passirio si è svolta la classica gara internazionale di slalom che ha visto la partecipazione di molti atleti di alto livello tra i quali si sono difesi molto bene sia il C2 Masoero/Benetti sia il K1 di "Cippo" Cipressi.
Tra i k1 italiani ho la personale convinzione che, fatto salvo Super Cali che al momento pare godere di qualche secondo di vantaggio sui suoi compagni, nel seguente gruppo di 4-5 k1 le forze siano più o meno paritarie e solo la loro individuale capacità di mettere a segno il colpaccio una volta giunti in finale può determinare qualche reale differenza.
Al momento le esperienze passate indicano chi sia in grado di arrivare fino in fondo ma di certo non ci si può basare solo su quelle per decidere chi debba o non debba partecipare alle gare importanti, quindi ben vengano le selezioni e ben vengano le fredde decisioni cronometriche.

Invece di C2 "forte" ce n'è uno solo. Prossimamente due, speriamo, ma per ora uno solo.

Esclusi dalla partecipazione agli europei, a mio parere solo per ripicca, hanno vinto la manifestazione meranese ricevendo il plauso del "loro" ct Caldera che dalla sua finestra si limita a guardare i "suoi" atleti mentre costruiscono una gara sui video e le info fornite dalla efficientissima "Ettore Ivaldi & Sons" che in tempo reale ha scodellato al duo della forestale tempi, riprese e suggerimenti.
Adesso i due si fideranno delle assicurazioni verbali ricevute dopo la loro bella gara (e metto tra parentesi che Benetti non era in ottima salute) o tireranno dritto preferendo il confronto a muso duro previsto per Bratislava?
Su un piatto della bilancia c'è il supporto della federazione con raduno, video, collaborazione e conseguente occhio di riguardo in caso di percentuali risicate, dall'altro c'è il rischio che anche questa volta la federazione non mantenga la parola data.
Ecco dove si arriva a comportarsi in un certo modo.
Un equipaggio indubbiamente forte è costretto a scegliere tra padella e brace perchè si è voluto fare di tutto per mettergli i bastoni fra le ruote. Li si è voluti strangolare per obbligarli ad accettare persone, filosofie e pratiche che essi hanno sempre avversato e mai seguito.
Hanno raggiunto comunque dei risultati eccellenti e qualunque gestione illuminata avrebbe capito da anni che sarebbe comunque stato meglio agevolare che ostacolare, proporre che imporre.
Si sarebbe ancora in tempo, c'è un'olimpiade tra tre anni, ma se la federazione preferisce nessun c2 al posto di un c2 forte che fa a modo suo .... 
Eppure ormai dovrebbero aver capito che gli atleti in questione non possono correre per un'altra Nazionale; bianchi o neri devono indossare la maglia della fick.
Allora tutta questa guerra perchè?

Giugno 09, 2009, 05:02:40 pm
Risposta #1

Maurice

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 33
Forse perchè qualche politico e qualche tecnico antepone i propri personalissimi interessi al bene comune, cioè la crescita ed i risultati della canoa ?
Forse perchè sanno che la situazione è quella che dici nella ultime due righe ?
Ci stanno sempre a raccontare dello sport pulito, come diceva Totò:
Ma ci facciano il piacere !!!!!!!!!!!
Maurizio Gatti