Autore Topic: Kayak per escursioni Sit on top o Sit in?  (Letto 16421 volte)

Agosto 20, 2016, 06:15:51 pm
Letto 16421 volte

skulaz

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 33
  • Testo personale
    ...
Salve ragazzi, sto cercando un kayak che abbia un buon compromesso tra velocità e manovrabilità. Lo utilizzerò principalmente su laghi e fiumi calmi ed occasionalmente in mare per trekking in primavera/estate e inizio autunno. Mi consigliate un sit on top o un sit in? Avete un idea su quale potrebbe essere un modello con cui cominciare questa attività?
Grazie a tutti

Agosto 20, 2016, 11:22:17 pm
Risposta #1

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 227
  • Testo personale
    MARCO
Ciao,
Io ho iniziato da 0 un anno fa circa acquistando un Prijon Touryak 470LV (che era in offerta ad un prezzo decisamente minore rispetto ad adesso).
Se scegli, per vari motivi, di partire con dei Sit-in in polietilene ti riporto la mia piccola esperienza.

Non è un vero e proprio kayak da mare; è molto stabile e sicuro ma comunque ha delle discrete prestazioni ed una capacità di carico sufficiente per caricare materiale per 2-3 giorni. La dotazione standard è comunque di tutto rispetto (seggiolino comodo e regolabile, puntapiedi regolabile, predisposizione per timone, cime di sicurezza in coperta, rete, elastici, 2 gavoni+gavoncino, sistema di fermo per la pagaia durate le risalite con paddle-float).

In acque tranquille è perfetto ed alla portata di tutti. Finire in acqua accidentalmente è -QUASI- impossibile.
E' un kayak che predilige la manovrabilità rispetto alla tenuta di rotta ed alla velocità per cui all'inizio ti ritrovi con una barca che sembra andare dove vuole lei.

Sul lago i suoi limiti saltano fuori quando c'è onda ravvicinata di poppa che da molto fastidio perchè la barca tende ad intraversarsi, mentre non si scompone troppo in presenza di vento anche forte se l'acqua rimane tranquilla.
Ha dei limiti anche se lo si stracarica nel senso che comincia ad avere un comportamento poco gestibile (ma va caricato veramente molto, mi è capitato di aver problemi con , ad occhio, più di 25 kg di carico oltre a me che sono 74kg).
Comunque non ci sono problemi a caricare tenda, cibo ed acqua per un weekend.


Comunque a prezzo pieno non lo acquisterei preferendo altro sempre in casa Prijon (touryak 500, seayak) oppure sceglierei il Tiderace Vortex; kayak che ho provato per un weekend e che è decisamente più “marino” rispetto al mio Prijon.


Comunque valuta bene la scelta in fatto di tipologia ed anche il materiale.
Io ho scelto il polietilene nella convinzione che fosse la miglior scelta puntando su robustezza ed assenza di manutenzione.
In realtà il polietilene ha anche dei difeti nascosti che vengono esaltati quando il kayak ha una certa lunghezza. Tant'è che chi va per mare utilizza esclusivamente materiali compositi.

Agosto 21, 2016, 12:43:36 am
Risposta #2

skulaz

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 33
  • Testo personale
    ...
Grazie mille per le dritte e la descrizione molto dettagliata della tua esperienza. Il tuo è praticamente un sit in open se ho capito bene. Ma ha dei fori di svuotamento per affrontare delle uscite con mare mosso? I sit on top ho visto che prevedono quasi tutti questa caratteristica. Pare che uno tra i migliori è sicuramente il dag midway che pare si comporti molto bene con mare mosso anche come velocità e taglio delle onde. Ma se mi dici che un sit in aperto come il tuo prijion è un buon compromesso tra velocità E manovrabilità penso che possa orientarmi anche verso l'acquisto di un modello tra quelli che citi. L'unico dubbio, ripeto, è la possibilità di uscire anche in mare senza ritrovarmi a pagaiare seduto in una pozza d'acqua .
Grazie ancora nolby!

Agosto 21, 2016, 08:47:11 am
Risposta #3

marco cocchi

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 20
  • Testo personale
    ...
no il touriak è un kayak classico solo non prettamente marino

Agosto 21, 2016, 11:00:13 am
Risposta #4

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 227
  • Testo personale
    MARCO



Il tourjak è considerato un "allrounder" (praticamente ne carne ne pesce  ;D 8) ).... va bene un po' per tutto ma non eccelle in niente.

Ritengo possa essere un buon primo approccio al kayak. Non hai tutti i pensieri di un kayak da mare vero e proprio ma neanche i limiti dei kayak "della domenica" (Oasis, Capri e simili).


http://www.en.prijon.com/Touryak-470-LV-2.html


PS: Skulaz, di dove sei? Cosi magari ti consigliamo qualche posto dove puoi andare a vedere qualcosa per farti un'idea.

Agosto 23, 2016, 02:47:16 pm
Risposta #5

skulaz

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 33
  • Testo personale
    ...
Grazie mille nolby,
io vivo nelle Marche in provincia di Fermo tra San Benedetto del Tronto e Porto San Giorgio.
Ma non ho problemi a spostarmi anche fuori regione se necessario.
Grazie ancora

Agosto 23, 2016, 10:32:40 pm
Risposta #6

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 227
  • Testo personale
    MARCO
E' un po lontanino... conosco un paio di posti in Lombardia

Agosto 25, 2016, 03:08:41 pm
Risposta #7

skulaz

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 33
  • Testo personale
    ...
Guarda se conoscessi un posto dove avrei la possibilità di provare, oltre alla splendida prijion da te suggerita, anche la dag midway e la perception triumph 13 sarei disposto a farmi anche parecchi km, magari per fare un weekend 😉

Agosto 26, 2016, 01:08:32 am
Risposta #8

missouri

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 89
  • Testo personale
    ...
esistono atleti che hanno fatto 500km con un sit on top, quindi tutto è possibile.
ma per mia esperienza il sit in è generalmente superiore quanto a prestazioni. hanno un pochino meno stabilità iniziale ma è una scocciatura solo per le foto, perchè quelli "turistici" son difficili da ribaltare involontariamente.

il sit on per me ha di positivo il fatto di poterlo fare doppio senza che sia troppo lungo, così si può usare per andare a fare i tuffi con gli amici o per andare a pescare le cozze. ma per remare....

un kayak in polietilene che mi è piaciuto è il dag ysak ed ha un prezzo inferiore ai mezzi professionali, su lago magari non lo si sfrutta del tutto ma permette una velocità superiore. rimane molto stabile.
salendo un pochino di prezzo ma sotto ai marchi famosi ci sono gli aquarius di cui si parla bene, sembrano un pò leggerini ma sono ben costruiti e navigano bene. a me è piaciuto pure il greenland della seabird, hanno anche modelli più turistici.
ottimi e robusti i tiderace che stanno aveno molto successo, ma penso siano nella fascia >3.000€ come gli altri famosi

in francia ho conosciuto polyform e i plasmor, questu' ultimo specialmente mi è sembrato tranquillamente a livello degli inglesi, sarebbe da informarsi su prezzi e distributori

Agosto 26, 2016, 11:23:38 am
Risposta #9

Andrea Ricci

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 294
  • Testo personale
    non la canoa, bensì la pagaia è il nostro sport
    • acquamossa
Guarda se conoscessi un posto dove avrei la possibilità di provare, oltre alla splendida prijion da te suggerita, anche la dag midway e la perception triumph 13 sarei disposto a farmi anche parecchi km, magari per fare un weekend 😉

Chi vuole provare il Perception Triumph 13 può venire da me a Chiusi e portarselo al lago Trasimeno. Io ho avuto tutti i sitontop da navigazione di alta fascia e infine ho tenuto solo quello, miglior compromesso tra le mie esigenze: maneggevolezza, stabilità in condizioni critiche e di soccorso, capacità di carico, velocità, leggerezza, bellezza e cura dei particolari. Se si cercano solo velocità e maneggevolezza nessuno batte il Dag Midway.
Andrea Ricci
acquamossa(chiocciola)tiscali.it
339 8808 312

Agosto 27, 2016, 03:34:04 pm
Risposta #10

skulaz

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 33
  • Testo personale
    ...
esistono atleti che hanno fatto 500km con un sit on top, quindi tutto è possibile.
ma per mia esperienza il sit in è generalmente superiore quanto a prestazioni. hanno un pochino meno stabilità iniziale ma è una scocciatura solo per le foto, perchè quelli "turistici" son difficili da ribaltare involontariamente.

il sit on per me ha di positivo il fatto di poterlo fare doppio senza che sia troppo lungo, così si può usare per andare a fare i tuffi con gli amici o per andare a pescare le cozze. ma per remare....

un kayak in polietilene che mi è piaciuto è il dag ysak ed ha un prezzo inferiore ai mezzi professionali, su lago magari non lo si sfrutta del tutto ma permette una velocità superiore. rimane molto stabile.
salendo un pochino di prezzo ma sotto ai marchi famosi ci sono gli aquarius di cui si parla bene, sembrano un pò leggerini ma sono ben costruiti e navigano bene. a me è piaciuto pure il greenland della seabird, hanno anche modelli più turistici.
ottimi e robusti i tiderace che stanno aveno molto successo, ma penso siano nella fascia >3.000€ come gli altri famosi

in francia ho conosciuto polyform e i plasmor, questu' ultimo specialmente mi è sembrato tranquillamente a livello degli inglesi, sarebbe da informarsi su prezzi e distributori

Grazie mille per i tuoi suggerimenti, missouri. I sit in che hai citato sono tutti stupendi ma tutti fuori portata per le mie tasche. Fatta eccezione per il Dag ysak che però è un fuori misura per lo stoccaggio e il trasporto, non posso superare i 430 cm per il momento. 😞 
Comunque ora guardando tutti questi splendidi sit in la mia indecisione tra il SOT  e il sit in è peggiorata 😅

Anche se resta il fatto che l'utilizzo che ne farò prevede ingressi e uscite frequenti dal kayak, che con un sit in resterebbero problematiche. Inoltre vorrei utilizzarli anche in autunno e parte dell'inverno per qualche uscita con mare calmo per fare un po di attività fisica.
« Ultima modifica: Agosto 27, 2016, 03:41:43 pm da skulaz »

Agosto 28, 2016, 12:16:37 pm
Risposta #11

skulaz

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 33
  • Testo personale
    ...
Ciao ragazzi,
nel ringraziare davvero tutti i partecipanti al 3d per le considerazioni che hanno fugato ogni mio dubbio, volevo dirvi che alla fine ho scelto quello che per me è il giusto compromesso tra manovrabilità velocità ingombro e trasportabilità a un prezzo che, come primo approccio, mi sembra ragionevole. E che sopratutto mi permette di rivenderlo ad un buon prezzo nel caso tra qualche mese dovessi orientarmi verso l'acquisto di un sit in.
Ho preso il Triumph 13 Perception a 640 euri inclusa la spedizione dal Regno Unito.
Arriverà in una settimana, dopo il varo vi darò le mie impressioni.

Qualche consiglio sul tipo di pagaia e il carrello per il trasporto ?

Grazie ancora a tutti. ;)

Agosto 28, 2016, 04:29:03 pm
Risposta #12

missouri

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 89
  • Testo personale
    ...
prezzo interessante, specialmente perchè è un marchio abbastanza caro. sui sit it i prezzi sono superiori ai dag.
avendo un limite in lunghezza la differenza tra le due tipologie si riduce. ad es l'oasis, diffuso tra i noleggi, adatto a girare lago e fiumi, non offre certamente le prestazioni dello ysak e simili.
comunque consiglio di parcheggiarlo all'ombra, se sta all'aperto meglio sotto un albero o con un telo scuro sopra. con kayak in plastica mi è capitato che si deformassero a causa del sole.

la pagaia io la preferisco con l'angolo smussato, se prendi quella smontabile deve essere di buona qualità, io ne ho una economica ed è una schifezza.
un minimo di flessibilità non è un problema, ma deve essere poca altrimenti sprechi forza.

Agosto 28, 2016, 05:54:38 pm
Risposta #13

skulaz

  • Md Member

  • Offline
  • ***

  • 33
  • Testo personale
    ...
Si in effetti il prezzo è molto interessante, considera che in Italia a meno di 750 euri + spedizione non l'ho trovato! Ma penso che dipenda dal fatto che l'ho acquistato praticamente in sterline su un sito inglese dove i prezzi dei perception ( forse perché prodotti in Inghilterra) sono molto più bassi che nel resto d'Europa.

Grazie per i consigli sulla pagaia missouri,sei gentile e, sopratutto, disinteressato.
Tra un paio di settimane il varo e le prime impressioni. ;)

Agosto 29, 2016, 09:35:22 am
Risposta #14

nolby

  • Full Member

  • Offline
  • ****

  • 227
  • Testo personale
    MARCO
per la pagaia non badare a spese!

Proprio questo weekend ero ad un raduno e ad un kayaker si è improvvisamente spezzata la pagaia proprio sulla giunzione tra pala e manico.
Fortunatamente abbondavano i kayaker previdenti che si portano la pagaia di scorta. Comunque eravamo vicino al punto di rientro.

Immagina quanto sarebbe stato problematico se questo amico fosse stato da solo e lontano da punti dove è possibile sbarcare e cercare una soluzione alternativa per il rientro.

Hai già in mente qualche cosa o qualche caratteristica particolare?